L’Opec è rimasto “senza quote”. Greggio a picco sotto i 40 dollari

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

opec2

ROMA. – La riunione dell’Opec che doveva decidere un taglio alla produzione per dare una spinta ai prezzi del greggio si conclude con un nulla di fatto, la presa d’atto che le quote all’output, alla base del funzionamento del cartello petrolifero, non esistono. E i Paesi produttori decidono semplicemente di prendere atto della produzione attuale, facendo precipitare le quotazioni petrolifere sotto i 40 dollari.

E’ l’esito, definito da alcuni “disastroso”, della maratona di ben sette ore a Vienna in cui i rappresentanti di sette ‘Big’ del greggio, anziché trovare una linea comune, si sono platealmente spaccati: da una parte il fronte capitanato dall’Arabia Saudita, che da novembre ha guidato un rialzo della produzione di petrolio facendo scendere ulteriormente i prezzi per difendere la sua quota di mercato, ufficialmente, anche se c’è chi intravede nelle scelte di Riad una guerra allo ‘shale’ americano e forse la rivalità con importanti avversari geopolitici come Russia e Iran.

Dall’altra i paesi che da tempo vogliono uno taglio della produzione per adeguarla alla diminuita domanda: Algeria, Venezuela, Iran e altri.

Le prime indiscrezioni davano addirittura un aumento delle quote dagli attuali 30 milioni di barili al giorno a 31,5. Il contrario di quello che si aspettava il mercato, che ha reagito facendo cadere il greggio Wti fino a 39,60 dollari, e il brent a Londra a 43,14 dollari a un soffio dai minimi di sei anni.

In una conferenza stampa caotica, iniziata con il segretario generale Abdalla El-Badri che precisa “nessuno qui ha legami con l’Isis di alcun genere” e i giornalisti alle prese con un comunicato senza una sola cifra, tocca al presidente dell’Opec, il ministro nigeriano Emmanuel Ibe Kachikwu, spiegare: “se vogliamo indicare una cifra, allora è l’attuale livello di produzione”.

Quella che è una situazione di fatto, insomma, ossia una produzione dei paesi Opec ben superiore alle quote formali (si dice 31,5 milioni, in realtà sono più), viene riconosciuto apertamente. Come raccontano quelli della delegazione iraniana lasciando la riunione, l’Opec è rimasto “senza quote”. Che poi sono la principale ragione sociale dell’Opec, il condensato della concertazione a cui serve il cartello.

I ministri del Petrolio si aggiornano a giugno, forse prima se ci sarà accordo su un meeting ad interim a partire da gennaio. Ma non sarà facile. La giornata sancisce spaccature sempre più profonde: formalmente uno dei motivi di disaccordo sarebbe il ritorno sulla scena dell’Iran, che con le sue riserve di greggio che sono le quinte maggiori al mondo, pone delle incognite sulla produzione future. Di fatto, è una specie di ‘liberi tutti’ agli interessi nazionali che riflette forse il caos dello scenario geopolitico e la rottura delle alleanze tradizionali in alcune delle aree più ‘calde’ del mondo.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

12:20Bambino di quattro anni cade da edificio, è grave

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Un bambino di quattro anni è grave in ospedale dopo essere caduto stamani da un edificio in via Isimbardi, a Milano. E' stato portato in ospedale in gravi condizioni ma all'arrivo dei soccorsi appariva cosciente. Sul posto gli operatori del 118 e gli agenti della Questura di Milano.

12:18Ubriaco entra in chiesa, urla e agita una borsa, arrestato

(ANSA) - BRESCIA, 22 OTT - Un uomo di nazionalità marocchina questa mattina durante la Messa delle 8.30 è entrato nella chiesa di Manerbio, nella Bassa Bresciana, e dopo aver preso posto nei primi posti ha iniziato ad urlare agitando una borsa. I presenti sono scappati spaventanti mentre il parroco invitava alla calma. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri. Era ubriaco al momento del suo ingresso in chiesa e non sarebbero emersi profili legati all'integralismo islamico.

11:29Spari nella notte a Torino, morto albanese. Due ricercati

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un albanese di 39 anni è morto all'ospedale Martini di Torino, dove era stato ricoverato perché ferito da alcuni colpi di pistola. La sparatoria nella notte in via Fidia, davanti ad un bar aperto tutta la notte. Due gli uomini che hanno fatto fuoco per poi dileguarsi, secondo la prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto. Ancora da chiarire i motivi dell'agguato. Tra le ipotesi degli inquirenti, un regolamento di conti tra bande albanesi. La polizia è sulle tracce dei fuggitivi.(ANSA).

11:12Siria: liberato principale campo petrolifero Isis

(ANSA) - BEIRUT, 22 OTT - Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano in mano all'Isis, quello di Al-Omar.

10:54Trump: De Niro, ‘prima lo arrestano meglio è’

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Robert De Niro non ha dubbi: prima arrestano o mettono in stato d'accusa (impeachment) il presidente americano Donald Trump, meglio è. La star di Hollywood non ha perso l'occasione per tornare ad attaccare l'inquilino della Casa Bianca anche dal Montenegro, dove si trovava venerdì per il Global Citizen Forum. "Nel mio Paese abbiamo un'amministrazione che non è affatto di aiuto", ha detto il 74enne attore democratico americano secondo quanto riporta Newsweek, sottolineando che il Paese ha perso la leadership nella lotta al cambiamento climatico perché "abbiamo un leader che non fa il leader, che non sa quello che fa". "Non posso immaginare che vada avanti per altri tre anni", ha aggiunto l'attore riferendosi sempre a Trump. "Prima può essere messo sotto accusa ('impeached')" meglio è, "o forse sarà arrestato e messo in prigione...". Non è la prima volta che de Niro attacca Trump: lo scorso ottobre l'aveva definito in un video "cane, maiale, truffatore": mi "piacerebbe prenderlo a pugni", aveva detto.

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

Archivio Ultima ora