L’Opec è rimasto “senza quote”. Greggio a picco sotto i 40 dollari

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

opec2

ROMA. – La riunione dell’Opec che doveva decidere un taglio alla produzione per dare una spinta ai prezzi del greggio si conclude con un nulla di fatto, la presa d’atto che le quote all’output, alla base del funzionamento del cartello petrolifero, non esistono. E i Paesi produttori decidono semplicemente di prendere atto della produzione attuale, facendo precipitare le quotazioni petrolifere sotto i 40 dollari.

E’ l’esito, definito da alcuni “disastroso”, della maratona di ben sette ore a Vienna in cui i rappresentanti di sette ‘Big’ del greggio, anziché trovare una linea comune, si sono platealmente spaccati: da una parte il fronte capitanato dall’Arabia Saudita, che da novembre ha guidato un rialzo della produzione di petrolio facendo scendere ulteriormente i prezzi per difendere la sua quota di mercato, ufficialmente, anche se c’è chi intravede nelle scelte di Riad una guerra allo ‘shale’ americano e forse la rivalità con importanti avversari geopolitici come Russia e Iran.

Dall’altra i paesi che da tempo vogliono uno taglio della produzione per adeguarla alla diminuita domanda: Algeria, Venezuela, Iran e altri.

Le prime indiscrezioni davano addirittura un aumento delle quote dagli attuali 30 milioni di barili al giorno a 31,5. Il contrario di quello che si aspettava il mercato, che ha reagito facendo cadere il greggio Wti fino a 39,60 dollari, e il brent a Londra a 43,14 dollari a un soffio dai minimi di sei anni.

In una conferenza stampa caotica, iniziata con il segretario generale Abdalla El-Badri che precisa “nessuno qui ha legami con l’Isis di alcun genere” e i giornalisti alle prese con un comunicato senza una sola cifra, tocca al presidente dell’Opec, il ministro nigeriano Emmanuel Ibe Kachikwu, spiegare: “se vogliamo indicare una cifra, allora è l’attuale livello di produzione”.

Quella che è una situazione di fatto, insomma, ossia una produzione dei paesi Opec ben superiore alle quote formali (si dice 31,5 milioni, in realtà sono più), viene riconosciuto apertamente. Come raccontano quelli della delegazione iraniana lasciando la riunione, l’Opec è rimasto “senza quote”. Che poi sono la principale ragione sociale dell’Opec, il condensato della concertazione a cui serve il cartello.

I ministri del Petrolio si aggiornano a giugno, forse prima se ci sarà accordo su un meeting ad interim a partire da gennaio. Ma non sarà facile. La giornata sancisce spaccature sempre più profonde: formalmente uno dei motivi di disaccordo sarebbe il ritorno sulla scena dell’Iran, che con le sue riserve di greggio che sono le quinte maggiori al mondo, pone delle incognite sulla produzione future. Di fatto, è una specie di ‘liberi tutti’ agli interessi nazionali che riflette forse il caos dello scenario geopolitico e la rottura delle alleanze tradizionali in alcune delle aree più ‘calde’ del mondo.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

17:19Sci nordico: Italia Team, raduno ad Anterselva

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' entrato nella seconda e ultima fase il quinto raduno estivo della squadra maschile di Coppa del mondo di sci di fondo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegesi di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna. Al lavoro sulla nuova pista di skiroll (inaugurata l'anno passato) di Anterselva (Bz) sono presenti Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori, i quali sono stati messi sotto torchio dall'allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, che ha presentato un menù ricco di camminate a piedi, skiroll, corsa, forza, bicicletta e balzi. Il raduno si concluderà venerdì 28 luglio.

17:19Vitalizi: Sisto (FI), è macelleria sociale per 20 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Un provvedimento che è un "atto di macelleria sociale per 20 milioni di pensionati". Lo dice il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto intervenendo in Aula durante la discussione sulle questioni pregiudiziali. Le misure all'esame della Camera, e che portano la firma del Pd, sono "un provvedimento barbaro sul piano costituzionale" e rappresentano una scelta "irresponsabile".

17:04Cade in canale, bambino morto annegato nel Novarese

(ANSA) - NOVARA, 25 LUG - Un bambino è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, al vaglio delle forze dell'ordine. Il bambino, tre anni da compiere, è scivolato in acqua a Galliate, dove viveva con la famiglia vicino al diramatore. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la madre.(ANSA).

16:54Lavoro: AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - A cinque anni dal conseguimento del titolo, in Italia i laureati lavorano nell'84% dei casi; oltre la metà è assunta a tempo indeterminato e i lavoratori autonomi sfiorano il 20%. I laureati nelle professioni sanitarie e gli ingegneri registrano un tasso di occupazione superiore al 90% e retribuzioni più elevati. Sono i dati dei focus realizzati da AlmaLaurea sulla base del 19/o 'Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati', presentato a Parma lo scorso maggio. Il rapporto ha coinvolto oltre 75mila laureati magistrali biennali del 2011. Dopo ingegneri e professionisti sanitari, i più occupati sono i laureati dei gruppi economico-statistico (89%), scientifico (88%), chimico e architettura (86% per entrambi). Il tasso di disoccupazione è del 9%, rimanendo su valori più elevati tra i laureati dei gruppi letterario (15%), giuridico e geo-biologico (14% per entrambi). A livello retributivo, i laureati magistrali a cinque anni dal titolo percepiscono in media 1.405 euro netti mensili. (ANSA).

16:47Pallavolo: Zaytsev spera, voglio andare agli Europei

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - ''Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione''. L'asso della pallavolo Ivan Zaytsev lascia le porte aperte ad un suo ritorno nella Nazionale di pallavolo in vista degli Europei dopo la querelle su sponsor e scarpe che ha portato alla sua esclusione dall'Italvolley. "Io ho sempre dato la mia massima disponibilità per cercare di trovare una soluzione - sottolinea lo Zar - e non ho mai detto che non avrei giocato senza le mie scarpe. Sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo".

16:46Calcio: domani nuova Serie A, Juve può partire con big match

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Roma, Napoli, Milan, Inter, Atalanta e Lazio: ci sono praticamente tutte le migliori squadre dell'ultima stagione tranne la Fiorentina fra le possibili avversarie della Juventus campione d'Italia per la prima giornata del nuovo campionato di Serie A, che prenderà forma domani con i sorteggi nella sede di Sky. Impegnate nei preliminari di coppe, non si possono incontrare al debutto il Napoli e il Milan, che inizierà il campionato in trasferta come Genoa, Roma e Chievo, mentre lo faranno in casa Inter, Sampdoria, Lazio e Hellas Verona. Fra i criteri per la stesura del calendario, è prevista alternanza assoluta di incontri in casa e in trasferta per Bologna e Spal, per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma. Nei turni infrasettimanali non sono possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all'ultima.

16:45Sinistra: Scotto, serve percorso comune con Pisapia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Non si può fare politica con il torcicollo. Sono d'accordo con Giuliano Pisapia, bisogna guardare avanti. L'alleanza con il Pd di Renzi e' archiviata nei fatti dalle scelte politiche di questi anni sul lavoro, sulla democrazia, sulla giustizia sociale. Oggi e' inutile tornarci sopra.I soggetti politici nascono se hanno una matrice popolare e democratica. Altrimenti sono solo amalgami tra stati maggiori. Che durano lo spazio di una campagna elettorale. E dunque stabiliamo insieme un percorso per decidere quando i nostri militanti, simpatizzanti ed elettori potranno dire la loro opinione sulla natura e la missione del soggetto della sinistra che vogliamo costruire". Lo dice Arturo Scotto , deputato di Mdp intervenendo su Fb.

Archivio Ultima ora