Bianconeri implacabili, con Dybala decisivo. E la rimonta continua

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

Juventus' Paulo Dybala (C) jubilates with his teammates Mario Mandzukic (R) and Stephan Lichtsteiner after Lazio's Santiago Gentiletti scored the own goal during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 04 December 2015. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Juventus’ Paulo Dybala (C) jubilates with his teammates Mario Mandzukic (R) and Stephan Lichtsteiner after Lazio’s Santiago Gentiletti scored the own goal during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 04 December 2015.
ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – La Juve non si ferma più e si abbatte sulla Lazio con discreta potenza. La Roma è agganciata al quarto posto – ma i giallorossi saranno in campo domani all’Olimpico di Torino, dunque hanno la possibilità di allungare – e la rimonta continua. Come prima. Anzi, più di prima.

Ai bianconeri sono bastati 420 secondi per portarsi in vantaggio e dare un senso alla nemmeno troppo fredda serata romana. Nel succulento antipasto della 15/a di Serie A, i bianconeri erano chiamati a firmare la cinquina di successi consecutivi, per un totale di 15 punti, la Lazio a rigenerare un ambiente depresso con una prestazione convincente.

Tutto inutile, a discapito della panchina di Stefano Pioli, i cui scricchiolii sono udibili anche al di là del Tevere. La Lazio, che qualche mese fa faceva sognare ai propri tifosi la qualificazione diretta ai gironi di Champions, non c’è più. Al suo posto una squadra sconclusionata, priva di mordente, senza idee e con una condizione atletica piuttosto approssimativa.

Tutto il contrario della Juve che, complice un interlocutore nettamente inferiore (come del resto lo era stato domenica il Palermo), pur senza strafare e senza offrire spunti tecnici o tattici di assoluto rilievo, macina punti con impressionante continuità, portandosi a -4 dalla vetta della classifica, anche se con una partita in più.

Di questo passo la lotta per lo scudetto è garantita. E questa non è una buona notizia per le avversarie in Italia (ma non solo).

E’ la Lazio stessa a spianare la strada all’agevole successo della squadra di Allegri, con un’autorete degna del miglior Comunardo Niccolai. L’azione che la genera è tuttavia apprezzabile e mette in rilievo il dinamismo di Alex Sandro che si fa trovare pronto al cross dalla sinistra, Mauricio respinge, raccoglie Dybala e fa partire una bordata a metà fra il tiro e il cross, con il pallone che incoccia lo stinco di Gentiletti e s’infila alle spalle di Marchetti, prima ancora che il portiere laziale ‘fotografi’ la dinamica dell’azione.

E’ Dybala, che già all’Olimpico quest’anno aveva segnato contro la Roma, l’uomo da tenere d’occhio nella Juve che lascia spazio al (quasi) nulla della Lazio e poi riparte. L’ex gioiellino del Palermo prima calcia alto e poi indovina la conclusione del 2-0, con il suo proverbiale sinistro che manda il pallone nell’angolo basso alla sinistra di un Marchetti in linea con il rendimento complessivo della squadra.

Ancora una volta nel gol c’è lo zampino della retroguardia di casa: Mauricio ‘consegna’ il pallone a Mandzukic, che lo cede a Dybala. La Lazio, che almeno prima intravedeva la possibilità del miracolo sottoforma di 1-1, sparisce dal campo.

E nella ripresa si ripresenta con Felipe Anderson e Keita. Bisogna tuttavia aspettare 19′ per vedere una conclusione di Milinkovic-Savic controllata da Buffon; il portiere si ripete senza patemi al 25′ su una punizione di Parolo, infine su Keita al 28′. Nient’altro.

Finisce fra i fischi del popolo laziale e gli olè di scherno per una squadra che non riesce più a ritrovarsi. E che, probabilmente, deve dare una svolta tecnica a una stagione che rischia di proseguire nel totale anonimato. La Juve, invece, c’è. Eccome!

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

07:28Usa: aereo Cessna si schianta su case in California, 4 morti

RIVERSIDE (USA), 28 FEB - Quattro persone sono morte e due sono rimaste ferite nell'incidente che ha coinvolto un piccolo aereo finito contro due case scatenando un grande incendio nel sud della California. Il comandante della compagnia dei vigili del fuoco di Riverside ha riferito che i passeggeri del Cessna, marito e moglie e tre ragazzi, stavano tornando a San Jose' dopo una riunione di cheerleading. Nell'impatto una ragazza e' stata sbalzata fuori dall'aereo, ha riportato solo ferite lievi e ha potuto raccontare ai vigili del fuoco l'accaduto.

05:28Trump:Senato conferma Wilbur Ross segretario Commercio

NEW YORK - Il Senato americano conferma Wilbur Ross a segretario al Commercio dell'amministrazione Trump. Ross e' stato approvato con 72 voti a favore e 27 contrari.

05:14Trump attacca Nyt, ha intenti diabolici, scrive bugie

NEW YORK - Il New York Times ha ''intenti diabolici'': ''le sue storie sono sbagliate. Basta guardare agli ultimi due anni: hanno dovuto scrivere una lettera di scuse agli abbonati per aver sbagliato sulle elezioni''. Donald Trump sceglie il sito conservatore Breibart, che faceva capo allo stratega della Casa Bianca Steve Bannon, per tornare ad attaccare il New York Times, che ''scrive bugie''.

01:12SpaceX: Elon Musk invia intorno a Luna 2 ‘turisti’ nel 2018

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - Elon Musk manda sulla Luna due privati cittadini. Il miliardario fondatore di Tesla e SpaceX annuncia che il prossimo anno due turisti dello spazio, e non astronauti della Nasa, saranno inviati in un viaggio privato a pagamento intorno alla Luna. Un viaggio fino a 643.000 chilometri, della durata di una settimana, per il quale i due hanno già lasciato un ''deposito significativo''. Il viaggio e' atteso nella seconda meta' del prossimo anno: i due cittadini privati inizieranno l'addestramento più avanti nel corso del 2017. I due, che non si conoscevano, sono stati presentati. Per Musk si tratta di una scommessa importante: le missioni private possono diventare un'importante fonte di ricavi.

00:38Calcio:Belotti,vincere classifica cannonieri è mio obiettivo

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Gli applausi di tutto il Franchi? Fa sempre piacere ricevere gli applausi da tutta la gente perché vuol dire che sono sportivi oltre che tifosi. E' il bello del calcio. Queste sono le cose veramente belle del nostro sport". Il bomber del Torino Andrea Belotti esterna tutta la propria felicità, non solo per la doppietta che ha realizzato, ma anche per gli applausi ricevuti dalla tifoserie della Fiorentina. "All'inizio non riuscivamo a trovare le misure giuste, poi è uscito il cuore di questa squadra - dice ancora Belotti - e continuando così possiamo toglierci delle soddisfazioni. Punto a vincere la classifica dei cannonieri? Sicuramente, è un mio obiettivo ma se io sono lì è merito di tutti i miei compagni. Potevo segnarne uno in più se non avessi sbagliato il rigore, ma ormai è diventata una routine. Quest'anno non riesco a segnare dal dischetto, lavorerò per migliorare questo aspetto". Belotti si sente pronto per il grande salto? "Io sono pronto per il Toro e per fare bene in questa squadra".

00:18Calcio: Leicester, tifosi con maschere Ranieri e striscioni

(ANSA) - LEICESTER, 27 FEB - Maschere di gomma con il volto di Claudio Ranieri, e striscioni in italiano e in inglese ("Grazie Ranieri", "Thank you Claudio"). Così i tifosi del Leicester, impegnato oggi in casa nel 'Monday Night' di Premier League contro il Liverpool, hanno voluto testimoniare allo stadio la loro vicinanza al tecnico esonerato nei giorni scorsi dal club campione d'Inghilterra. Al suo posto sulla panchina delle 'Foxes' siede il tecnico ad interim Craig Shakespeare, ma i cori sono stati quasi tutti per Ranieri.

23:49Trump: Ap, capo Epa uso’ account email privato

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - Nuova grana in vista per Scott Pruitt, l'uomo scelto da Donald Trump per guidare l'Epa, l'agenzia federale per la protezione dell'ambiente. Secondo alcuni documenti ottenuti dall'Associated Press, avrebbe occasionalmente utilizzato un account privato di posta elettronica quando prestava servizio come procuratore generale in Oklahoma. Pruitt davanti al Congresso aveva negato la circostanza, affermando di essersi sempre servito dell'account ufficiale dello stato.

Archivio Ultima ora