Bianconeri implacabili, con Dybala decisivo. E la rimonta continua

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

Juventus' Paulo Dybala (C) jubilates with his teammates Mario Mandzukic (R) and Stephan Lichtsteiner after Lazio's Santiago Gentiletti scored the own goal during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 04 December 2015. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Juventus’ Paulo Dybala (C) jubilates with his teammates Mario Mandzukic (R) and Stephan Lichtsteiner after Lazio’s Santiago Gentiletti scored the own goal during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 04 December 2015.
ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – La Juve non si ferma più e si abbatte sulla Lazio con discreta potenza. La Roma è agganciata al quarto posto – ma i giallorossi saranno in campo domani all’Olimpico di Torino, dunque hanno la possibilità di allungare – e la rimonta continua. Come prima. Anzi, più di prima.

Ai bianconeri sono bastati 420 secondi per portarsi in vantaggio e dare un senso alla nemmeno troppo fredda serata romana. Nel succulento antipasto della 15/a di Serie A, i bianconeri erano chiamati a firmare la cinquina di successi consecutivi, per un totale di 15 punti, la Lazio a rigenerare un ambiente depresso con una prestazione convincente.

Tutto inutile, a discapito della panchina di Stefano Pioli, i cui scricchiolii sono udibili anche al di là del Tevere. La Lazio, che qualche mese fa faceva sognare ai propri tifosi la qualificazione diretta ai gironi di Champions, non c’è più. Al suo posto una squadra sconclusionata, priva di mordente, senza idee e con una condizione atletica piuttosto approssimativa.

Tutto il contrario della Juve che, complice un interlocutore nettamente inferiore (come del resto lo era stato domenica il Palermo), pur senza strafare e senza offrire spunti tecnici o tattici di assoluto rilievo, macina punti con impressionante continuità, portandosi a -4 dalla vetta della classifica, anche se con una partita in più.

Di questo passo la lotta per lo scudetto è garantita. E questa non è una buona notizia per le avversarie in Italia (ma non solo).

E’ la Lazio stessa a spianare la strada all’agevole successo della squadra di Allegri, con un’autorete degna del miglior Comunardo Niccolai. L’azione che la genera è tuttavia apprezzabile e mette in rilievo il dinamismo di Alex Sandro che si fa trovare pronto al cross dalla sinistra, Mauricio respinge, raccoglie Dybala e fa partire una bordata a metà fra il tiro e il cross, con il pallone che incoccia lo stinco di Gentiletti e s’infila alle spalle di Marchetti, prima ancora che il portiere laziale ‘fotografi’ la dinamica dell’azione.

E’ Dybala, che già all’Olimpico quest’anno aveva segnato contro la Roma, l’uomo da tenere d’occhio nella Juve che lascia spazio al (quasi) nulla della Lazio e poi riparte. L’ex gioiellino del Palermo prima calcia alto e poi indovina la conclusione del 2-0, con il suo proverbiale sinistro che manda il pallone nell’angolo basso alla sinistra di un Marchetti in linea con il rendimento complessivo della squadra.

Ancora una volta nel gol c’è lo zampino della retroguardia di casa: Mauricio ‘consegna’ il pallone a Mandzukic, che lo cede a Dybala. La Lazio, che almeno prima intravedeva la possibilità del miracolo sottoforma di 1-1, sparisce dal campo.

E nella ripresa si ripresenta con Felipe Anderson e Keita. Bisogna tuttavia aspettare 19′ per vedere una conclusione di Milinkovic-Savic controllata da Buffon; il portiere si ripete senza patemi al 25′ su una punizione di Parolo, infine su Keita al 28′. Nient’altro.

Finisce fra i fischi del popolo laziale e gli olè di scherno per una squadra che non riesce più a ritrovarsi. E che, probabilmente, deve dare una svolta tecnica a una stagione che rischia di proseguire nel totale anonimato. La Juve, invece, c’è. Eccome!

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

18:44Scarponi: ultimo km ‘Aquila’ tra due ali di folla

(ANSA) - FILOTTRANO (ANCONA), 25 APR - Non è stata una volata come avrebbe voluto, ma Michele Scarponi ha fatto il suo ultimo chilometro tra due ali di folla da grande campione. E' stato lo Scarponi Fan Club a chiedere alle migliaia di persone che hanno partecipato ai funerali (il dato dei 5.000 sarebbe per difetto) di lasciar passare in un 'corridoio' il carro funebre con il feretro, seguito a piedi dal team dell'Aquila di Filottrano, l'Astana. La gente lo ha accompagnato poi fino al cimitero, dove la famiglia ha chiesto di poter tumulare il campione in privato.

18:39Ciclismo: Romandia, Felline vince prologo, dedica a Scarponi

(ANSA) - AIGLE (SVIZZERA), 25 APR - Fabio Felline ha vinto il prologo del Giro di Romandia, una mini-cronometro di 4.8 km. Il portacolori della Trek-Segafredo, che ha preceduto di 2 secondi il britannico Alex Dowsett e di 7 l'australiano Alex Edmonson, ha poi dedicato il successo a Michele Scarponi. Domani è in programma la prima tappa, una frazione di montagna.

18:19Francesi in Italia hanno votato per Macron, Le Pen quarta

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Emmauel Macron è arrivato in testa al primo turno delle presidenziali nel voto dei francesi residenti in Italia, sfiorando il 42%. Solo quarta la leader del Front National, Marine Le Pen, che ha ottenuto l'11% delle preferenze, dopo il candidato di centrodestra François Fillon (secondo con il 21,45%) e quello della sinistra alternativa, Jean-Luc Mélenchon (14,14%). Si tratta dei dati forniti dal Quai d'Orsay. Gli elettori francesi in Italia sono stati 11.295. In generale, Macron è arrivato primo nel voto all'estero, Le Pen quinta, superata anche dal candidato socialista Benoit Hamon.

18:1325 aprile:Emiliano,spesso mafiosi interferiscono in politica

(ANSA) - BARI, 25 APR - "I mafiosi spesso interferiscono nella politica, cercano di mettere gli uni contro gli altri, scendono in campo in qualche caso e cercano di dividerci. Cercano anche di sporcare l'immagine, la faccia di politici, giovani e meno giovani. E ottengono un risultato per due volte perché si appropriano delle istituzioni e quindi bisogna respingerli, e quando non ci riescono seminano comunque sfiducia. Ecco, la sfiducia è l'altra faccia della forza di intimidazione delle organizzazioni mafiose". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria nazionale Pd, Michele Emiliano, in collegamento con la manifestazione 'Un 25 aprile per la legalità' che si tiene a San Severo (Foggia). Emiliano, ringraziando la consigliera regionale pugliese del Movimento 5 Stelle Rosa Barone per il lavoro di presidente della Commissione antimafia regionale, ha spiegato che "la Regione Puglia sta facendo uno sforzo che va al di là degli schieramenti politici per reagire contro il crimine organizzato".

18:1225 aprile: Venezia, tensioni tra no global e venetisti

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - Tensione, oggi, in Piazza San Marco a Venezia per il 25 aprile tra no global e nostalgici della Serenissima. Solo scontri verbali e situazione subito sedata e poi controllata dalle forze dell'ordine. I venetisti nostalgici della Serenissima, da anni, in occasione del 25 aprile, scendono a Venezia per la festa del patrono - San Marco - con bandiere che riproducono il Leone alato simbolo dell'evangelista e della città. La loro presenza è sempre stata contestata ma mai osteggiata in un giorno che è comunque di festa. Da parte loro i no global quest'anno hanno deciso di contestare questa presenza e sono giunti anche loro con la bandiera di San Marco, ma con la testa del leone incappucciata. I no global hanno steso uno striscione e urlato una serie di slogan tra cui "il 25 aprile non è una ricorrenza ora e sempre resistenza". La loro presenza ha indispettito qualche venetista e sono volati degli insulti tra le due fazioni.

18:09Cio: svolta ‘rosa’,il 38% dei membri commissioni ora è donna

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Crescono le quote rosa nel Comitato olimpico internazionale. Il 38% dei membri delle commissioni del Cio è infatti ora costituito da donne: un dato che ha visto aumentare, dal 2013 a oggi, del 70% la partecipazione femminile nel'ambito delle istituzioni olimpiche: insieme è cresciuta anche la presenza da più aree geografiche, con l'aumento del numero dei membri provenienti da America, Africa e Asia, "garantendo così una rappresentanza continentale più globale e diversificata" fa sapere il Cio. "Questi cambiamenti sono in linea con l'attuazione dell'agenda Olimpica 2020 e dimostrano che una maggiore partecipazione delle donne e una rappresentanza continentale più diversificata sono le nostre priorità", ha spiegato il presidente del Cio, Thomas Bach. È stata creata anche una nuova "Commissione digitale e tecnologica" che serve da supporto alla sessione del Cio, alla commissione esecutiva e allo stesso presidente sulle questioni relative all'uso efficace e sicuro delle tecnologie digitali e dell'informazione.

17:5825 aprile: Decaro, dedico giornata a sindaco Lampedusa

(ANSA) - BARI, 25 APR - "Resistere significa andare controcorrente, avere il coraggio di essere un sindaco che non rinuncia ad accogliere, a discutere con i propri concittadini, a contrastare i subdoli tentativi del malaffare di insinuarsi nelle pratiche quotidiane, avere la forza di insegnare che non sempre la strada giusta è quella più breve o la più facile. Per questo voglio ricordare qui la mia collega sindaca di Lampedusa, Giusy Nicolini, insignita qualche giorno fa del premio Unesco per la pace. A lei, sindaco di frontiera, sempre in prima linea per difendere la libertà degli ultimi, dedico questo 25 aprile, giornata di memoria, di valore civile e di resistenza". Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, nel suo intervento alla cerimonia al Sacrario dei Caduti Oltremare di Bari per il 72/o anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Dopo la cerimonia al Sacrario si è svolta una 'Passeggiata antifascista' per le strade di Bari vecchia.

Archivio Ultima ora