No a stretta sulle armi, la Casa Bianca attacca il Congresso

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

armi

NEW YORK. – L’ennesimo appello di Barack Obama per una stretta sulle armi in America (il quindicesimo da quando si è insediato alla Casa Bianca) ancora una volta è drammaticamente destinato a cadere nel vuoto. A rimanere inascoltato di fronte a un Congresso più che mai sordo, che di aggredire alla radice le cause delle tante stragi di massa – terrorismo o non terrorismo – non ne vuole assolutamente sapere.

Così il Senato, poche ore dopo il massacro di San Bernardino, ha bocciato due emendamenti che erano stati presentati in aula per tentare di far passare alcune norme che la Casa Bianca definisce “di buon senso”.

“Possiamo fare qualcosa senza violare alcun diritto fondamentale”, ha tuonato il portavoce Josh Earnest, sottolineando come Capitol Hill se vuole può dare in maniera rapida alcune risposte efficaci al triste fenomeno delle sparatorie ‘seriali’.

Invece la camera alta ha detto ancora una volta ‘no’ in particolare a due misure: permettere ai procuratori statali di bloccare la vendita o il trasferimento di armi ed esplosivi a persone ritenute sospette, come quelle presenti nelle cosiddette ‘watch list” sul terrorismo; estendere universalmente i controlli sull’acquisto di pistole o fucili (i cosiddetti “background check”), per verificare se gli acquirenti abbiano precedenti penali o problemi legati a disturbi mentali.

Mentre la prima proposta era stata avanzata dalla senatrice democratica Dianne Feinstein, da sempre paladina nella crociata contro le armi da fuoco, la seconda è la stessa che fu presentata nell’aprile 2013 sull’onda della strage di bambini della Sandy Hook Elementary School.

Oggi come allora quest’ultima proposta – fortemente caldeggiata dalla Casa Bianca – è stata bocciata. “Non un singolo senatore ha cambiato la sua posizione rispetto a due anni fa”, commentano amaramente alcuni osservatori. Praticamente impossibile sfidare il tabù del secondo emendamento della Costituzione Usa, quello che riconosce a tutti i cittadini il diritto di possedere armi.

E troppo forte la lobby delle armi, quella rappresentata soprattutto dalla National Rifle Association (Nra), che vanta l’appoggio anche di molti membri del Congresso del partito democratico.

Intanto i candidati alla Casa Bianca si preparano a rimodulare la loro campagna elettorale alla luce di quanto accaduto a San Bernardino, in vista di un serrato confronto su armi e terrorismo. Con Hillary Clinton schierata con Barack Obama e i repubblicani, da Trump in giù, che in molti casi chiedono di combattere il fenomeno delle stragi di massa dando più armi a scuole, chiese, uffici pubblici, per difendersi. Anche questa è l’America.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:53Omessi controlli radioattività container a Genova, 2 arresti

(ANSA) - GENOVA, 24 OTT - I carabinieri del Noe, il nucleo tutela ambientale, sta eseguendo due misure agli arresti domiciliari e quattro obblighi di firma nell'ambito di una inchiesta su presunti omessi controlli in container radioattivi in transito dal porto di Genova. L'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Pinto, è simile a un'altra che nel dicembre 2014 portò a tre arresti domiciliari e tre indagati. Secondo l'accusa, sarebbero stati omessi i controlli per la radioattività dei container per snellire i tempi delle procedure. Perquisizioni sono in corso negli uffici delle società coinvolte.

11:39Insulti antisemiti: Fedeli, segno degrado culturale

(ANSA) - ROMA, 24 OTT - Quella dei tifosi della Lazio è stata un'azione "molto violenta, negativa e inaccettabile, perché usare in modo dispregiativo un'esperienza come quella di Anna Frank è veramente un segno di degrado culturale". Lo ha detto la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, in merito all'uso di immagini di Anna Frank come insulto durante la partita Lazio-Cagliari di domenica scorsa.

11:36Calcio: Agnelli, plauso a Tavecchio commissario Lega

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - Faccio un plauso al presidente della Federcalcio Tavecchio nella sua veste di commissario di Lega e ai sub commissari Uva e Nicoletti. Con estrema difficoltà abbiamo approvato un nuovo statuto che consente una governance più snella". Lo ha detto il presidente della Juventus Andrea Agnelli all'assemblea degli azionisti della società bianconera. "Ieri - ha aggiunto - (in Lega, ndr) c'è stato un incontro positivo, sono stati formati due gruppi lavoro e verosimilmente verrà affidata a una società di cacciatori di teste l'incarico di individuare il profilo privato dell'amministratore delegato. L'auspicio -ha aggiunto Agnelli- è quello di sviluppare il prodotto calcio".

11:34Austria: Kurz invita Fpoe a consultazioni per governo

(ANSA) - BERLINO, 24 OTT - Il cancelliere austriaco in pectore Sebastian Kurz ha invitato alle consultazioni la destra oltranzista del Fpoe, per costituire il nuovo governo. L'Oevp, il partito popolare di Kurz, si è affermato in modo nettissimo alle elezioni del 15 ottobre, mentre l'Fpoe è arrivato al terzo posto.

11:31Calcio: Agnelli, 1/o obiettivo Juve vincere in Italia

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Il primo obiettivo della Juventus deve essere quello di vincere in Italia, riconfermarsi conquistando il settimo scudetto". Così il presidente della Andrea Agnelli, all'assemblea degli azionisti. "Come definiremmo i giocatori con 7 scudetti consecutivi, è un tema che auspichiamo di potere discutere più avanti...".

11:15‘Smart city’, Milano città più avanzata d’Italia

(ANSA) - MILANO, 24 OTT - Milano è la 'smart City' più avanzata in Italia: si conferma al primo posto in Italia per il quarto anno consecutivo, staccando le altre città per crescita economica, mobilità sostenibile, ricerca/innovazione, trasformazione digitale, con ottimi risultati anche nella partecipazione dei cittadini. La conferma del primato arriva da 'ICity Rate 2017', il rapporto annuale realizzato da FPA per fotografare la situazione delle città italiane nel percorso per diventare 'smart', ovvero più vivibili e più vicine ai bisogni dei cittadini. Ma in questa edizione il distacco del capoluogo lombardo è quasi azzerato, per l'introduzione di variabili ambientali come il consumo di suolo (Milano è 97/a posto) e qualità dell'aria (98/a). Al secondo posto la tallona Bologna, che ha solo due punti di distanza dal vertice (erano oltre 50 del 2016), potendo vantare il primato nell'energia e nella governance. Firenze si riprende il terzo posto che aveva perso lo scorso anno.

11:05Calcio: Agnelli “per conti Juve utile storico 42,6 mln”

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Dobbiamo essere estremamente orgogliosi anche dell'attività fuori dal campo: il fatturato di quest'anno, escludendo i trasferimenti, ha visto un ulteriore +20%, arrivando a 411 milioni; abbiamo segnato un utile storico, 42,6 milioni". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, aprendo l'assemblea degli azionisti del club bianconero. "Il focus per la Juventus è sempre stato, è e resterà il calcio giocato, ma per sviluppare la parte sportiva - ha spiegato Agnelli - è altrettanto importante quello che avviene fuori dal campo".

Archivio Ultima ora