No a stretta sulle armi, la Casa Bianca attacca il Congresso

Pubblicato il 04 dicembre 2015 da redazione

armi

NEW YORK. – L’ennesimo appello di Barack Obama per una stretta sulle armi in America (il quindicesimo da quando si è insediato alla Casa Bianca) ancora una volta è drammaticamente destinato a cadere nel vuoto. A rimanere inascoltato di fronte a un Congresso più che mai sordo, che di aggredire alla radice le cause delle tante stragi di massa – terrorismo o non terrorismo – non ne vuole assolutamente sapere.

Così il Senato, poche ore dopo il massacro di San Bernardino, ha bocciato due emendamenti che erano stati presentati in aula per tentare di far passare alcune norme che la Casa Bianca definisce “di buon senso”.

“Possiamo fare qualcosa senza violare alcun diritto fondamentale”, ha tuonato il portavoce Josh Earnest, sottolineando come Capitol Hill se vuole può dare in maniera rapida alcune risposte efficaci al triste fenomeno delle sparatorie ‘seriali’.

Invece la camera alta ha detto ancora una volta ‘no’ in particolare a due misure: permettere ai procuratori statali di bloccare la vendita o il trasferimento di armi ed esplosivi a persone ritenute sospette, come quelle presenti nelle cosiddette ‘watch list” sul terrorismo; estendere universalmente i controlli sull’acquisto di pistole o fucili (i cosiddetti “background check”), per verificare se gli acquirenti abbiano precedenti penali o problemi legati a disturbi mentali.

Mentre la prima proposta era stata avanzata dalla senatrice democratica Dianne Feinstein, da sempre paladina nella crociata contro le armi da fuoco, la seconda è la stessa che fu presentata nell’aprile 2013 sull’onda della strage di bambini della Sandy Hook Elementary School.

Oggi come allora quest’ultima proposta – fortemente caldeggiata dalla Casa Bianca – è stata bocciata. “Non un singolo senatore ha cambiato la sua posizione rispetto a due anni fa”, commentano amaramente alcuni osservatori. Praticamente impossibile sfidare il tabù del secondo emendamento della Costituzione Usa, quello che riconosce a tutti i cittadini il diritto di possedere armi.

E troppo forte la lobby delle armi, quella rappresentata soprattutto dalla National Rifle Association (Nra), che vanta l’appoggio anche di molti membri del Congresso del partito democratico.

Intanto i candidati alla Casa Bianca si preparano a rimodulare la loro campagna elettorale alla luce di quanto accaduto a San Bernardino, in vista di un serrato confronto su armi e terrorismo. Con Hillary Clinton schierata con Barack Obama e i repubblicani, da Trump in giù, che in molti casi chiedono di combattere il fenomeno delle stragi di massa dando più armi a scuole, chiese, uffici pubblici, per difendersi. Anche questa è l’America.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

22:13Inchiesta Girgenti acque, 73 indagati per vari reati

(ANSA) - AGRIGENTO, 17 GEN - Sono stati notificati, dalla Procura di Agrigento, 73 avvisi di proroga delle indagini nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza un'associazione a delinquere legata anche ad assunzioni a "Girgenti Acque", società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti Comuni dell'Agrigentino. Agli indagati vengono contestati l' associazione per delinquere, truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale. Fra gli indagati anche il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e Angelo Alfano, padre del ministro degli Esteri Angelino.

22:10Germania: Schulz,ampio sostegno da Spd Baviera su coalizione

(ANSA) - BERLINO, 17 GEN - La missione bavarese di Martin Schulz, in vista del voto di domenica sulla Grosse Koalition, restituisce il sorriso al leader dei socialdemocratici, che oggi ha trovato nella sezione locale del partito "ampio sostegno", come ha detto comparendo alla fine davanti alla stampa. Se da un lato Angela Merkel ha auspicato che l'Spd decida di procedere alle consultazioni, la cancelliera ha anche chiarito che i risultati dei colloqui esplorativi, "nei suoi punti cruciali, non potrà essere sottoposto a nuove trattative". Un principio che Schulz sembra accettare, ma l'ex presidente del Parlamento Ue ha anche affermato che le consultazioni saranno il momento in cui quei risultati "potranno essere approfonditi e precisati". Nei giorni scorsi lo scontro sulla possibile nuova Grosse Koalition nella partito si è inasprito, con l'offensiva lanciata dai giovani dello Juso e diversi direttivi regionali che hanno votato contro, come quello di Berlino.

22:07Nigeria: doppio attentato kamikaze con 12 morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 17 GEN - In un doppio attentato kamikaze compiuto in un mercato in Nigeria 12 persone sono morte e 48 altre sono rimaste ferite. L'attentato è avvenuto a Maiduguri, capitale dello Stato federale del Borno dove è attivo il gruppo terrorista islamico Boko Haram. Una prima persona si è fatta esplodere all'interno del mercato mentre una seconda è rimasta fuori, uccidendo solo se stesso, ha riferito un commerciante. L'attentatore che si è fatto esplodere nel mercato era un donna, mentre il secondo era un uomo, ha precisato il capo delle operazioni di soccorso dell'Agenzia di Stato di gestione delle emergenze, Bello Dambatta. I Boko Haram sono un'organizzazione terroristica jihadista sunnita diffusa nel nord della Nigeria e alleatasi nel 2015 con l'Isis. Dal 2009 ha ucciso circa 20 mila persone in Nigeria e Paesi confinanti innescando una crisi umanitaria da 2,3 milioni di sfollati e profughi.

22:06Polonia: migliaia contro stretta aborto

(ANSA) - VARSAVIA, 17 GEN - Migliaia di donne polacche sono scese in piazza a Varsavia e in altre 60 città polacche contro un nuovo tentativo di introdurre ulteriori restrizioni sull'aborto, già fortemente limitato dalle leggi polacche. Le marce sono state promosse in risposta a una decisione del parlamento, che la scorsa settimana ha accolto una nuova proposta di legge che vieta alle donne di abortire in caso di malattia del feto scoperta con le analisi prenatali. La misura è sostenuta fortemente dall'episcopato cattolico.

22:00India: petroliera in fiamme al largo del Gujarat

(ANSA) - NEW DELHI, 17 GEN - Un incendio è scoppiato oggi pomeriggio a bordo della petroliera indiana MT Genessa che era all'ancora a 15 miglia nautiche al largo del porto di Deendayal nel distretto di Kutch dello Stato nord-occidentale di Gujarat. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti, precisando che non si segnalano vittime. Un portavoce della Guardia costiera ha DETto che tutti i 26 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo, che due hanno ustioni importanti, e che nei serbatoi della nave vi sono 30.000 tonnellate di gasolio. La stessa fonte ha detto che le fiamme si sono sprigionate nella zona delle cabine dell'equipaggio e che sul posto sono in corso le operazioni di spegnimento dell'incendio, con l'ausilio di unità navali e di un aereo. Sono inoltre intervenute unità specializzate nella lotta all'inquinamento che per una eventuale fuoriuscita di carburante.

21:38Maltempo: cade da tetto scoperchiato da vento e muore

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Un uomo è morto cadendo dal tetto di un edificio sul quale era salito per verificare i danni provocati dal vento che aveva scoperchiato l'abitazione del fratello. Giuseppe Talarico insieme al fratello, è salito per verificare i danni e per cause da accertare è caduto nel vuoto. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime ed è stato deciso di trasferirlo nell'ospedale di Catanzaro, ma è morto poco prima dell'arrivo. Il fratello è rimasto ferito in maniera non grave. A Crotone un altro uomo è rimasto ferito dopo che un albero abbattuto dal vento lo ha colpito. Soccorso dai vigili del fuoco è stato portato in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi. Il forte vento, assimilabile a trombe d'aria, che si è abbattuto oggi sulla fascia ionica calabrese ha provocato danni in varie località, con alberi e cartelloni pubblicitari caduti e tegole divelte. Danni si registrano anche sulla rete elettrica in alcune zone delle province di Crotone, Catanzaro e Cosenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora