Mattarella e la Giornata internazionale del Volontariato

Pubblicato il 05 dicembre 2015 da redazione

Un momento della cerimonia sulla Giornata Internazionale del Volontariato svoltasi al Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, Roma, 5 dicembre 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA

Un momento della cerimonia sulla Giornata Internazionale del Volontariato svoltasi al Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, Roma, 5 dicembre 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA

ROMA.- “Un Paese impaurito, un Paese dove si costruiscono muri, un Paese dove si allentano i legami sociali è un Paese più debole”. Al contrario, un Paese “unito” e “solidale” è un Paese “più forte” e “in grado di affrontare le sfide del nostro tempo”. Come ad esempio i flussi migratori – “dovuti alle guerre e alle persecuzioni, alle privazioni nei Paesi del Medio Oriente e dell’Africa”- che “ci richiedono, senza rinunciare alla sicurezza, un di più di accoglienza e di disponibilità”.

Sergio Mattarella parla di fronte a una platea di volontari. L’occasione è la Giornata internazionale del Volontariato, la festa di oltre “6,5 milioni di italiani”. Un milione i giovani, sottolinea la Fondazione Volontariato e Partecipazione. Con addosso le proprie divise, di volontario in Protezione civile o Croce Rossa, o vestiti in abiti civili, una rappresentanza “dell’Italia migliore” è stata accolta al Quirinale, alla presenza della presidente della Camera, Laura Boldrini, del ministro del lavoro Giuliano Poletti.

Una cerimonia ‘sui generis’, che è riuscita a commuovere e allo stesso tempo a strappare sorrisi, quello del Presidente Mattarella in primis. Grazie per essere qui con noi, ha detto Geppy Cucciari, arruolata per la conduzione, rivolgendosi al Capo dello Stato, “nonostante sia impegnato praticamente tutto il giorno con la sua attività principale: preparare il discorso di fine anno. Sarà la sua prima volta… ovviamente ci tiene. Guardi, se posso rassicurarla… l’ascolto dovrebbe essere buono: le reti unificate aiutano…”.

Tra i volontari c’è chi si occupa dei poveri, dei detenuti, ma anche della tutela dei beni culturali. E poi c’è Marta Bernardini, 27 anni, che si è trasferita a Lampedusa. “Qui si è alla frontiera – racconta – le persone che arrivano non sono solo immagini alla televisione, ma persone vere, che mettono in discussione la nostra umanità. Non possiamo continuare a contare i morti, vorremmo parlare di corridoi umanitari e del rispetto delle leggi che tutelano chi fugge dalla violenza”.

“I problemi che abbiamo di fronte – ha osservato Mattarella parlando ai volontari – sono gravi e numerosi e il vostro contributo è necessario”. C’è la povertà da “debellare, perché non è degna di un paese civile”; ci sono i “flussi migratori” che “richiedono un di più di accoglienza e di disponibilità”, “periferie urbane ed esistenziali da risanare”, la tutela dell’ambiente.

“Sono certo che non vi tirerete indietro”: “in questo periodo in cui la paura aumenta, in cui cresce la tentazione di chiudersi nei propri steccati”, “è necessario rafforzare la solidarietà e la coesione di cui voi tutti siete testimoni e portatori”. Quella dei volontari è un’energia “osmotica e dialogante”, “una grande risorsa per il nostro Paese”. Perché – ha puntualizzato Mattarella – lo Stato da solo non basta”. E allora ai “valori senza confini” del volontariato che sono “solidarietà, gratuità, generosità, impegno” si aggiunge “sacrificio”.

Subito il richiamo alla dottoressa volontaria in Kenya, Rita Fossaceca, rimasta uccisa. “Il suo sacrificio – ha detto Mattarella, chiedendo un minuto di silenzio – è l’ultimo di una lunga serie che ha riguardato volontari e cooperanti italiani nel mondo”. Rita Fossaceca è stata ricordata pure dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando delle “persone normali che in silenzio fanno cose straordinarie” mentre il presidente dell’Anci, Piero Fassino ha sottolineato come “con il vasto e ricco mondo del volontariato i Comuni collaborino ogni giorno per realizzare iniziative a vantaggio dei cittadini”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora