Mattarella e la Giornata internazionale del Volontariato

Pubblicato il 05 dicembre 2015 da redazione

Un momento della cerimonia sulla Giornata Internazionale del Volontariato svoltasi al Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, Roma, 5 dicembre 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA

Un momento della cerimonia sulla Giornata Internazionale del Volontariato svoltasi al Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, Roma, 5 dicembre 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA

ROMA.- “Un Paese impaurito, un Paese dove si costruiscono muri, un Paese dove si allentano i legami sociali è un Paese più debole”. Al contrario, un Paese “unito” e “solidale” è un Paese “più forte” e “in grado di affrontare le sfide del nostro tempo”. Come ad esempio i flussi migratori – “dovuti alle guerre e alle persecuzioni, alle privazioni nei Paesi del Medio Oriente e dell’Africa”- che “ci richiedono, senza rinunciare alla sicurezza, un di più di accoglienza e di disponibilità”.

Sergio Mattarella parla di fronte a una platea di volontari. L’occasione è la Giornata internazionale del Volontariato, la festa di oltre “6,5 milioni di italiani”. Un milione i giovani, sottolinea la Fondazione Volontariato e Partecipazione. Con addosso le proprie divise, di volontario in Protezione civile o Croce Rossa, o vestiti in abiti civili, una rappresentanza “dell’Italia migliore” è stata accolta al Quirinale, alla presenza della presidente della Camera, Laura Boldrini, del ministro del lavoro Giuliano Poletti.

Una cerimonia ‘sui generis’, che è riuscita a commuovere e allo stesso tempo a strappare sorrisi, quello del Presidente Mattarella in primis. Grazie per essere qui con noi, ha detto Geppy Cucciari, arruolata per la conduzione, rivolgendosi al Capo dello Stato, “nonostante sia impegnato praticamente tutto il giorno con la sua attività principale: preparare il discorso di fine anno. Sarà la sua prima volta… ovviamente ci tiene. Guardi, se posso rassicurarla… l’ascolto dovrebbe essere buono: le reti unificate aiutano…”.

Tra i volontari c’è chi si occupa dei poveri, dei detenuti, ma anche della tutela dei beni culturali. E poi c’è Marta Bernardini, 27 anni, che si è trasferita a Lampedusa. “Qui si è alla frontiera – racconta – le persone che arrivano non sono solo immagini alla televisione, ma persone vere, che mettono in discussione la nostra umanità. Non possiamo continuare a contare i morti, vorremmo parlare di corridoi umanitari e del rispetto delle leggi che tutelano chi fugge dalla violenza”.

“I problemi che abbiamo di fronte – ha osservato Mattarella parlando ai volontari – sono gravi e numerosi e il vostro contributo è necessario”. C’è la povertà da “debellare, perché non è degna di un paese civile”; ci sono i “flussi migratori” che “richiedono un di più di accoglienza e di disponibilità”, “periferie urbane ed esistenziali da risanare”, la tutela dell’ambiente.

“Sono certo che non vi tirerete indietro”: “in questo periodo in cui la paura aumenta, in cui cresce la tentazione di chiudersi nei propri steccati”, “è necessario rafforzare la solidarietà e la coesione di cui voi tutti siete testimoni e portatori”. Quella dei volontari è un’energia “osmotica e dialogante”, “una grande risorsa per il nostro Paese”. Perché – ha puntualizzato Mattarella – lo Stato da solo non basta”. E allora ai “valori senza confini” del volontariato che sono “solidarietà, gratuità, generosità, impegno” si aggiunge “sacrificio”.

Subito il richiamo alla dottoressa volontaria in Kenya, Rita Fossaceca, rimasta uccisa. “Il suo sacrificio – ha detto Mattarella, chiedendo un minuto di silenzio – è l’ultimo di una lunga serie che ha riguardato volontari e cooperanti italiani nel mondo”. Rita Fossaceca è stata ricordata pure dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando delle “persone normali che in silenzio fanno cose straordinarie” mentre il presidente dell’Anci, Piero Fassino ha sottolineato come “con il vasto e ricco mondo del volontariato i Comuni collaborino ogni giorno per realizzare iniziative a vantaggio dei cittadini”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

15:04Ladro a processo per direttissima fugge dal tribunale

(ANSA) - GENOVA, 23 MAG - Evasione dal tribunale di Genova questa mattina. Un marocchino di 26 anni è scappato mentre stava per essere processato per direttissima per una serie di furti in auto. L'uomo era appena stato chiamato dal giudice per il suo turno ma invece di entrare in aula, con una azione fulminea, ha iniziato a correre ed è evaso. Sul posto sono arrivate sei pattuglie della polizia che lo stanno ancora cercando.(ANSA).

14:55Terremoto: Marini, nuova scuola media Norcia è un simbolo

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 23 MAG - "Come pensava Giovanni Falcone, di cui oggi ricorre l'anniversario della morte, è possibile realizzare un'Italia diversa affidandosi soprattutto ai più giovani. Questa inaugurazione assume quindi un significato ancora più simbolico": lo ha detto stamani la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, durante l'inaugurazione (cui è intervenuta anche la sottosegretaria Maria Elena Boschi) della nuova scuola media di Norcia, realizzata dalla fondazione Rava e grazie alla raccolta fondi di Corriere della Sera, La7 e Tim. "Insieme al commissario Errani - ha aggiunto Marini - abbiamo approvato il piano scuole che prevede di restituire con il prossimo anno scolastico l'edificio che ospita le secondarie superiori di Norcia mentre attiveremo insieme al Comune la realizzazione condivisa di quelle definitive". "Inoltre - ha aggiunto Marini - la scorsa settimana con Anas abbiamo preso atto del piano di emergenza sulla viabilità che permetterà gli interventi di riparazione e consolidamento del sistema viario dell'Appennino. Quindi speriamo che la scadenza prevista per consentire il transito agevole per Castelluccio possa avvenire - ha concluso - secondo il cronoprogramma che ci hanno presentato, quindi entro i primi di luglio". (ANSA).

14:39Manchester: Firenze, in mano al David bandiera Regno Unito

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - In segno di solidarietà con il popolo inglese una bandiera del Regno Unito è stata messa in mano al David di piazza della Signoria mentre una banda nera in segno di lutto è stata legata al suo braccio. "Grande tristezza e dolore per i tragici fatti di Manchester" è stata espressa dal sindaco di Firenze, Dario Nardella che su Instagram ha anche scritto: "Firenze abbraccia il popolo britannico".

14:19Venezuela: altri due morti nelle proteste a Barinas

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - La Procura Nazionale venezuelana ha informato oggi sulla morte di altre due persone durante le proteste, scontri e saccheggi che si sono registrati ieri a nello stato di Barinas, nell'ovest del paese. In questo modo, il bilancio di vittime dall'inizio delle manifestazioni antigovernative sale a 56 morti.

14:11Bahrein: fuoco polizia su manifestanti sciiti

(ANSA) - TEHERAN, 23 MAG - Una persona è morta e altre sono rimaste ferite a Diraz, in Bahrein, dopo che la polizia ha aperto il fuoco contro alcuni manifestanti sciiti che protestavano contro la condanna inflitta nei giorni scorsi al leader sciita Sceicco Isa Qassim. Lo riferisce l'agenzia iraniana Tasnim, citando anche l'Istituto britannico per i diritti e la democrazia in Bahrein (Bird). Secondo quanto riferito dal ministero dell'Interno di Manama, la polizia ha arrestato diverse persone "su disposizione delle autorità", aggiungendo che oggi è stato "messo in atto un intervento nel villaggio di Diraz per preservare la sicurezza e l'ordine civile, poiché la città è un rifugio sicuro per i fuggiaschi".

14:10Manchester: Mattarella, anche oggi flagello violenza e male

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - In un passaggio del suo discorso alla cerimonia di commemorazione del 25esimo anniversario della strage di Capaci il capo dello Stato Sergio Mattarella ha ricordato l'attentato a Manchester. "Anche questa epoca - ha detto - è flagellata dalla violenza e dal male".

14:09Chiede andare in carcere perché madre partita per Messico

(ANSA) - VENEZIA, 23 MAG - Un uomo di Chieti si è presentato presso il Corpo di Guardia della Questura in Santa Croce, raccontando di essere sottoposto agli arresti domiciliari, ma di volere essere collocato in carcere in quanto la madre era partita per lavoro per il Messico e a casa non c'era più nessuno che potesse accudirlo. Gli agenti hanno accertato che effettivamente l'uomo era destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari a Chieti ed è stato quindi tratto in arresto per evasione. Il provvedimento è stato convalidato dall'Autorità Giudiziaria e l'uomo è stato tradotto in carcere. (ANSA).

Archivio Ultima ora