Colombia ritrova il mitico relitto del galeone San Josè

Pubblicato il 05 dicembre 2015 da redazione

galeone

BOGOTA’. – Era considerato una leggenda fra i grandi velieri antichi affondati, con un carico 11 milioni di dobloni d’oro e quantità enormi di pietre preziose e gioielli e un valore solo ipotizzabile in decine di miliardi di dollari odierni, il più grande tesoro forse di tutti i tempi, che ne facevano una sorta di “Santo Graal” dei relitti.

Ora, dopo 307 anni indisturbati sui fondali del Mar dei Caraibi, il galeone spagnolo San Josè è stato ritrovato dalla Colombia, appena al largo delle sue coste. E già evoca dagli abissi lo spettro di dispute legali, che si preannunciano dure. Il presidente colombiano, Juan Manuel Santos ha confermato, “al di là di ogni possibile dubbio”, l’avvistamento al largo di Cartagena, del relitto del grande veliero affondato da pirati inglesi nel 1708, durante la Guerra di Successione spagnola (1701-14).

In un discorso a Cartagena de Indias, sulla costa caraibica al nord della Colombia, Santos, che aveva anticipato la notizia su Twitter, ha indicato che il galeone è stato ritrovato lo scorso 27 novembre, al largo della penisola di Barù – ad ovest di Cartagena – da esperti dell’Istituto Colombiano di Antropologia e Storia (Icanh), grazie all’appoggio della Marina militare.

“Si tratta di una scoperta di importanza mondiale, perché costituisce uno dei più grandi ritrovamenti di patrimonio sommerso, o forse – come dicono alcuni – il più grande che si ricordi nella storia dell’umanità”, ha detto il presidente colombiano.

Costruito nel 1698, il San José è salpato da Portobelo (attualmente in Panama) ad inizio del 1708, dirigendosi, insieme ad altre navi spagnole e francesi verso Cartagena de Indias. Dopo aver caricato una grande quantità di oro e preziosi, nel ripartire verso la Spagna fu attaccato nella battaglia di Barùdalla marina della Gran Bretagna, che appoggiavano Carlo d’Austria, da una squadra di quattro velieri da guerra al comando del capitano Charles Wager, che cercò, senza riuscirci, di incamerare il colossale tesoro, che invece finì in fondo al mare.

Il direttore dell’Icanh, Ernesto Montenegro, ha spiegato che il galeone è stato identificato grazie ai suoi cannoni di bronzo a forma di delfino, che era stati fusi su misura per l’imbarcazione, mostrando alla stampa varie foto subacquee che “non lasciano alcun dubbio sull’identità della nave”.

Santos, da parte sua, ha sottolineato che il San José “appartiene a tutto il popolo colombiano”, aggiungendo che “alcune informazioni riguardanti questo straordinario ritrovamento devono ancora rimanere riservate, per motivi legali”.

Una discrezione dovuta al fatto che il prezioso carico del galeone – il cui valore potrebbe superare la decina di miliardi di dollari – potrebbe essere anche reclamato sia dalla Spagna che dalla Sea Search Armada (Ssa), un’azienda americana specializzata nella ricerca di tesori sepolti in fondo al mare e ora in disputa giudiziaria con Bogotà sulla percentuale del tesoro da ricevere in pagamento. La Ssa identificò nel 1981 la zona del relitto.

Al di là di possibili battaglie giudiziarie, resta il fatto che il ritrovamento del San José rappresenta un fatto di importanza storica in Colombia, dove il suo affondamento fa parte della storia culturale e perfino letteraria: l’episodio, infatti, è ricordato da Garbiel Garcia Marques nel suo romanzo “L’amore ai tempi del colera”.

Ultima ora

14:51Incendi: con maestrale allerta massima in tutta la Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - E' allerta da codice rosso in quasi tutta la Sardegna per il rischio incendi. Il vento di maestrale che sta battendo l'Isola, provenendo da Nord Ovest, ha fatto scattare il piano operativo della Protezione civile regionale. Dalla Gallura al Marghine, passando per Nuorese, Ogliastra e Campidano, sono diverse le zone che vengono monitorate dalla macchina antincendio, pronta a schierare, in caso di necessità, la flotta aerea regionale e nazionale. Nel frattempo, proprio a causa del forte vento di maestrale, si complicano le operazioni di spegnimento di un vasto incendio che si è sviluppato nella Valle della Luna, a Santa Teresa di Gallura. (ANSA).

14:48Calcio: Ancelotti, sono sicuro che Vidal rimarrà al Bayern

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Ho piena fiducia in Vidal. Girano molte voci, ma io conto su di lui al 100%". Carlo Ancelotti, allenatore del Bayern Monaco, approfitta di una conferenza stampa a Singapore per dire la sua sul caso di mercato che riguarda il suo centrocampista cileno, inseguito da Inter e Manchester United. "Sono sicuro che rimarrà con noi", ha aggiunto Ancelotti.

14:37Scherma: Mondiali, fiorettiste avanti

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - L'Italia accede alle semifinali della prova di fioretto a squadre femminile ai Mondiali di scherma di Lipsia. Entrate in gara direttamente ai quarti, Alice Volpi, Martina Batini e Camilla Mancini hanno battuto il Giappone per 45-25.

14:35Charlie: oggi e domani nuove udienze Alta Corte di Londra

(ANSA) - LONDRA, 24 LUG - A Londra inizia oggi una nuova udienza sul caso del piccolo Charlie Gard. Il giudice dell'Alta Corte ha fissato due giorni di audizioni per esaminare nuovi elementi per stabilire se il bimbo affetto da una malattia rara vada trasferito negli Stati Uniti per tentare una terapia alternativa, come chiedono i genitori. Nei giorni scorsi uno specialista americano era volato a Londra, dove Charlie è ricoverato, per visitare il bambino. I medici dell'ospedale, il Great Ormond Street, restano dell'avviso che un nuovo trattamento sarebbe inutile a causa dei gravi danni al cervello e che quindi sarebbe meglio staccargli la spina.

14:34Calcio: Serie B, il 31 luglio assemblea di Lega

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Assemblea elettiva, lunedì 31 luglio alle ore 13 (in seconda convocazione) presso la sede milanese di via Ippolito Rosellini 4, per la Lega di Serie B. All'ordine del giorno, fa sapere la stessa Lega, vi sono dunque le elezioni del presidente e dei consiglieri.

14:27Calcio: Torino, guaio muscolare per Belotti

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Problemi muscolari per Andrea Belotti nel ritiro del Torino, a Bormio. L'attaccante granata ha terminato anzitempo l'allenamento e sarà sottoposto ad accertamenti per stabilire l'esatta entità dell'infortunio. Potrebbe trattarsi soltanto di un affaticamento. Stesso problema per Alex Berenguer, lo spagnolo che il club ha soffiato al Napoli e che ieri è stato protagonista di una buona prestazione all'esordio in amichevole contro il Renate. Anche le sue condizioni andranno valutate nelle prossime ore.

14:24Calcio: Cassano, non lascio

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Non ho intenzione di lasciare il calcio semplicemente non me la sento di continuare con l'Hellas Verona... fisicamente sto benissimo come dimostrato nei 15 giorni di preparazione ma mentalmente‬non sono stimolato a continuare in questo club! Ringrazio di cuore il presidente Setti... il ds Fusco, Pecchia e la squadra per la disponibilità concessa". Lo ha scritto Antonio Cassano sul profilo Facebook della moglie Carolina Marcialis.

Archivio Ultima ora