Città in prima linea contro la febbre del Pianeta

Pubblicato il 05 dicembre 2015 da redazione

smog

ROMA. – In attesa che i governi mondiali trovino un accordo sul cambiamento climatico, le amministrazioni locali non stanno con le mani in mano. Nel mondo c’è un network di 82 città, chiamato C40, che dalla Cop15 di Copenaghen nel 2009 ad oggi ha messo in campo 10mila azioni volte a ridurre le emissioni. Intervenendo su trasporti, rifiuti ed edifici ha operato trasformazioni che da qui al 2020 consentiranno di risparmiare 645 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

Da Londra a Sydney, da Bangkok a Caracas, da San Francisco ad Addis Abeba passando per le nostre Milano, Roma e Venezia, le grandi città – chi più e chi meno – non hanno aspettato indicazioni dall’alto e si sono date da fare con una serie di interventi per contrastare il surriscaldamento globale.

Hanno potenziato la raccolta differenziata e i mezzi pubblici, hanno investito per la riqualificazione energetica dei palazzi, in sistemi di illuminazione e riscaldamento a basso consumo, in misure per non sprecare le risorse naturali. Dieci di queste sono state premiate alla Cop21 di Parigi, diventando simbolo dell’operatività degli enti locali mentre a livello nazionale e internazionale si fatica a trovare un’intesa su piani e strumenti concreti.

Per i trasporti il riconoscimento è andato a Nanchino, nella Cina orientale, che ha fatto delle auto green una missione. Grazie a sovvenzioni su prezzi dell’elettricità, acquisto di veicoli e costruzione di stazioni di ricarica, nell’area si contano 1.200 bus, 940 taxi e oltre duemila auto a energia elettrica, che hanno a disposizione 791 punti di ricarica.

Wuhan, altra città cinese, è stata premiata nel settore rifiuti (che vedeva anche Milano tra i finalisti) per aver bonificato e trasformato in un’area verde l’ex discarica di Jinkou.

New York si è distinta per “One City”, un piano decennale per migliorare l’efficienza energetica di un milione di edifici attraverso investimenti da un miliardo di dollari all’anno nei palazzi comunali e iniziative a sostegno della riqualificazione degli immobili privati.

Washington ha siglato un contratto ventennale per assicurarsi la fornitura del 30% del suo fabbisogno energetico da un parco eolico. Sempre in Usa, Boston ha creato un logo e un brand per ogni sua iniziativa in ambito di energia, trasporti, rifiuti, cibo e qualità dell’aria.

In Europa, Rotterdam ha vinto per il piano a 360 gradi con cui mira a diventare resiliente agli effetti del cambiamento climatico, e Stoccolma per le sue ambizioni di sviluppo sostenibile, dagli agglomerati urbani alla pedonalizzazione, allo stop ai combustibili fossili entro il 2040.

Vancouver, in Canada, punta a diventare la città più verde del mondo nel giro di 5 anni con interventi in vari settori volti a raggiungere gli obiettivi di emissioni zero e zero sprechi. In Sudafrica, Città del Capo ha ottenuto il riconoscimento per un programma anti-spreco di gestione dell’acqua; Johannesburg per i Green Bond con cui finanzia i progetti per tagliare la CO2.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora