Parte il Giubileo: Francesco, misericordia per un mondo diviso

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

School of fish projected on St. Peter's Basilica. Photography by David Doubilet. Artistic rendering by Obscura Digital

School of fish projected on St. Peter’s Basilica. Photography by David Doubilet. Artistic rendering by Obscura Digital

CITTA’ DEL VATICANO. – La misericordia come stella polare nel cammino e nell’azione della Chiesa. Col suo Giubileo straordinario, il primo “tematico” nella storia degli Anni Santi, papa Francesco dà la definitiva impronta del suo pontificato col valore della misericordia, “l’architrave che sorregge la vita della Chiesa”, come l’ha definita nella bolla d’indizione ‘Misericordiae vultus’.

E per un intero anno, come atto fondativo anche per i decenni a venire, i temi del perdono, dell’accoglienza, del dialogo, costituiranno il messaggio cruciale con cui la Chiesa rilancia la sua identità di fronte a un mondo lacerato dalle guerre, dalle minacce terroristiche, la povertà, l’esclusione sociale, le migrazioni di massa.

Ne è segno anche l’anteprima del Giubileo che Francesco – prima di aprire martedì prossimo la Porta Santa di San Pietro – ha voluto a tutti i costi nella Repubblica Centrafricana, definito il Paese più povero del mondo, diviso dal conflitto civile delle fazioni musulmane e cristiane, dove domenica scorsa, 29 novembre, ha aperto la Porta Santa nella cattedrale della capitale Bangui.

Oltre che del primo Giubileo “tematico”, si tratta anche del primo “decentrato”, diffuso nello spazio cattolico di tutto il mondo, avendo il Papa voluto che Porte Sante siano aperte in tutte le diocesi e nei santuari, attraversando le quali i pellegrini potranno “lucrare” l’indulgenza giubilare, senza necessità di venire a Roma.

L’afflusso dei fedeli nel centro della cristianità, anche se in Vaticano nessuno si azzarda a fare previsioni e tanto meno a dare cifre, sarà comunque massiccio, pur tra i timori degli attacchi terroristici e pur dinanzi ai ritardi organizzativi di parte italiana, che vedono tuttora aperti i cantieri a Roma per i percorsi dei pellegrini, senza possibilità di essere completati prima di gennaio.

Ma alla Santa Sede, pur nel malumore per i ritardi dovuti ai rovesci della giunta capitolina, sta a cuore l’aspetto “spirituale” del Giubileo. E sta a cuore soprattutto il senso che la misericordia deve acquisire nella vita dei singoli e anche nei rapporti sociali.

L’apertura della Porta Santa, tra l’altro, avviene nel 50/o anniversario della chiusura del Concilio, evento che – per il Papa – ha abbattuto “le muraglie che per troppo tempo avevano rinchiuso la Chiesa in una cittadella privilegiata”, portandola ad “annunciare il Vangelo in modo nuovo”.

Altra peculiarità di questo Giubileo sarà l’invio nella Quaresima 2016 in tutte le diocesi del mondo di 800 “missionari della misericordia”, a cui il Papa dà la facoltà di perdonare i peccati riservati alla Sede apostolica.

Ma Francesco ha fatto già di più: per tutto l’Anno giubilare, infatti, tutti i sacerdoti del mondo potranno perdonare in confessionale anche il procurato aborto, peccato la cui assoluzione è normalmente riservata ai vescovi. Un segno per invitare al pentimento e alla richiesta di perdono, altro elemento-chiave della centralità della misericordia.

Per Francesco, essa è “ideale di vita e criterio di credibilità per la nostra fede”, mentre “il perdono delle offese” è “un imperativo da cui i cristiani non possono prescindere”. Tra le linee-guida per vivere appieno l’Anno Santo, oltre al pellegrinaggio, ci sono quelle di non giudicare e non condannare ma perdonare, di aprire il cuore alle periferie esistenziali, di compiere le opere di misericordia corporale e spirituale apprese nel catechismo.

Di particolare rilevanza, nell’attuale momento storico, anche l’accento posto da Bergoglio sul tema del dialogo interreligioso, perché proprio la misericordia “ci relaziona all’Ebraismo e all’Islam, che la considerano uno degli attributi più qualificanti di Dio”: quindi, ha detto, questo Anno giubilare “possa favorire l’incontro con queste religioni”, “elimini ogni forma di chiusura e di disprezzo” ed “espella ogni forma di violenza e discriminazione”.

Il 17 gennaio il Papa andrà in visita alla Sinagoga di Roma: e non sono esclusi altri importanti eventi nel segno del dialogo.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

21:26Calcio: Sampdoria toglie dal mercato Schick

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - La Sampdoria ha deciso di togliere Patrick Schick dal mercato. Il giocatore ora è a riposo dopo gli esami clinici che avevano evidenziato un'infiammazione al cuore, cosa questa che aveva fatto saltare la trattativa tra blucerchiati e Juventus. L'attaccante ceco dovrà aspettare dopo ferragosto per sottoporsi a nuovi accertamenti e a quel punto il suo futuro sarà deciso in chiave mercato con Inter, Juve e Paris Saint Germain alla finestra. Ma intanto la Samp ha giocato d'anticipo e vorrebbe trattenere Schick ancora una stagione.

21:21Migranti: in video poliziotto a giovane nero,torna in Africa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Un ragazzo di colore strattonato da un funzionario di polizia che gli urla di uscire dalla stazione. "Te ne devi andare", "vai al tuo Paese", "vai in Africa", "torna nel Burundi", "fuori dalle balle". A pochi giorni dal caso del poliziotto sospeso per gli insulti razzisti nei confronti di un ragazzo di colore in bicicletta in autostrada, gli attivisti del gruppo Progetto 20k, che offre aiuto ai migranti a Ventimiglia, hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook un video nel quale si vede un funzionario della polizia mentre in stazione pronuncia le frasi riportate nei confronti di un ragazzo di colore. Il video ha raggiunto decine di migliaia visualizzazioni e oltre mille condivisioni con i commenti che si dividono tra chi dà ragione al poliziotto e chi lo critica. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia - scrivono gli attivisti nel post sul social - sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera".

21:20Incendi: in fiamme il sud-est della Francia e la Corsica

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Il sud-est della Francia e il nord della Corsica sono in fiamme. Mentre 5 Canadair e 450 pompieri stanno cercando di domare un incendio che ha già bruciato 600 ettari di foresta sul massiccio di Luberon, a sud del dipartimento di Vaucluse, una decina di case sono state evacuate a Carros, piccolo centro situato a pochi chilometri a nord di Nizza, dove sono impiegati attualmente 270 vigili del fuoco. A fuoco anche il nord della Corsica, per un incendio divampato nel pomeriggio nei pressi di Olmeta di Tuda, che ha divorato almeno 900 ettari di terreno.

Archivio Ultima ora