Parte il Giubileo: Francesco, misericordia per un mondo diviso

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

School of fish projected on St. Peter's Basilica. Photography by David Doubilet. Artistic rendering by Obscura Digital

School of fish projected on St. Peter’s Basilica. Photography by David Doubilet. Artistic rendering by Obscura Digital

CITTA’ DEL VATICANO. – La misericordia come stella polare nel cammino e nell’azione della Chiesa. Col suo Giubileo straordinario, il primo “tematico” nella storia degli Anni Santi, papa Francesco dà la definitiva impronta del suo pontificato col valore della misericordia, “l’architrave che sorregge la vita della Chiesa”, come l’ha definita nella bolla d’indizione ‘Misericordiae vultus’.

E per un intero anno, come atto fondativo anche per i decenni a venire, i temi del perdono, dell’accoglienza, del dialogo, costituiranno il messaggio cruciale con cui la Chiesa rilancia la sua identità di fronte a un mondo lacerato dalle guerre, dalle minacce terroristiche, la povertà, l’esclusione sociale, le migrazioni di massa.

Ne è segno anche l’anteprima del Giubileo che Francesco – prima di aprire martedì prossimo la Porta Santa di San Pietro – ha voluto a tutti i costi nella Repubblica Centrafricana, definito il Paese più povero del mondo, diviso dal conflitto civile delle fazioni musulmane e cristiane, dove domenica scorsa, 29 novembre, ha aperto la Porta Santa nella cattedrale della capitale Bangui.

Oltre che del primo Giubileo “tematico”, si tratta anche del primo “decentrato”, diffuso nello spazio cattolico di tutto il mondo, avendo il Papa voluto che Porte Sante siano aperte in tutte le diocesi e nei santuari, attraversando le quali i pellegrini potranno “lucrare” l’indulgenza giubilare, senza necessità di venire a Roma.

L’afflusso dei fedeli nel centro della cristianità, anche se in Vaticano nessuno si azzarda a fare previsioni e tanto meno a dare cifre, sarà comunque massiccio, pur tra i timori degli attacchi terroristici e pur dinanzi ai ritardi organizzativi di parte italiana, che vedono tuttora aperti i cantieri a Roma per i percorsi dei pellegrini, senza possibilità di essere completati prima di gennaio.

Ma alla Santa Sede, pur nel malumore per i ritardi dovuti ai rovesci della giunta capitolina, sta a cuore l’aspetto “spirituale” del Giubileo. E sta a cuore soprattutto il senso che la misericordia deve acquisire nella vita dei singoli e anche nei rapporti sociali.

L’apertura della Porta Santa, tra l’altro, avviene nel 50/o anniversario della chiusura del Concilio, evento che – per il Papa – ha abbattuto “le muraglie che per troppo tempo avevano rinchiuso la Chiesa in una cittadella privilegiata”, portandola ad “annunciare il Vangelo in modo nuovo”.

Altra peculiarità di questo Giubileo sarà l’invio nella Quaresima 2016 in tutte le diocesi del mondo di 800 “missionari della misericordia”, a cui il Papa dà la facoltà di perdonare i peccati riservati alla Sede apostolica.

Ma Francesco ha fatto già di più: per tutto l’Anno giubilare, infatti, tutti i sacerdoti del mondo potranno perdonare in confessionale anche il procurato aborto, peccato la cui assoluzione è normalmente riservata ai vescovi. Un segno per invitare al pentimento e alla richiesta di perdono, altro elemento-chiave della centralità della misericordia.

Per Francesco, essa è “ideale di vita e criterio di credibilità per la nostra fede”, mentre “il perdono delle offese” è “un imperativo da cui i cristiani non possono prescindere”. Tra le linee-guida per vivere appieno l’Anno Santo, oltre al pellegrinaggio, ci sono quelle di non giudicare e non condannare ma perdonare, di aprire il cuore alle periferie esistenziali, di compiere le opere di misericordia corporale e spirituale apprese nel catechismo.

Di particolare rilevanza, nell’attuale momento storico, anche l’accento posto da Bergoglio sul tema del dialogo interreligioso, perché proprio la misericordia “ci relaziona all’Ebraismo e all’Islam, che la considerano uno degli attributi più qualificanti di Dio”: quindi, ha detto, questo Anno giubilare “possa favorire l’incontro con queste religioni”, “elimini ogni forma di chiusura e di disprezzo” ed “espella ogni forma di violenza e discriminazione”.

Il 17 gennaio il Papa andrà in visita alla Sinagoga di Roma: e non sono esclusi altri importanti eventi nel segno del dialogo.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

20:54Angela Celentano: cugina Rosa ascoltata per tre ore dal pm

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 27 MAR - È durato più di tre ore l'interrogatorio di Rosa Celentano, la cugina di Angela, la bambina scomparsa all'età di 3 anni, nell'agosto del 1996, mentre si trovava in gita con la famiglia sul Monte Faito, nel Napoletano. La ragazza, all'epoca dei fatti tredicenne, aveva raccontato nei giorni della scomparsa di Angela di avere sognato - 24 ore prima - che sconosciuti avevano rapito la bambina. Rosa Celentano è stata ascoltata in qualità di persona informata dei fatti dal sostituto della Procura di Torre Annunziata, Sergio Raimondi. Sul contenuto del lungo confronto gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo. Rosa è stata accompagnata dall'avvocato dei genitori di Angela Celentano, Luigi Ferrandino: "La Procura - dice il legale - vuole ripercorrere tutte le tappe della vicenda, alla luce delle novità emerse sul caso della scomparsa di Angela, tenendo conto anche delle sopravvenute tecniche investigative rispetto ai giorni seguenti la sparizione della bambina".(ANSA).

20:46Migranti: Austria verso disdetta piano ricollocamenti

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAR - Vienna potrebbe varare già domani il ritiro dal piano di ricollocamenti deciso dalla Ue. La proposta del ministro della Difesa Hanz Doskozil (socialdemocratici) è stata accolta dal ministro degli interni Wolfgag Sobotka (popolari). Secondo il ministro della Difesa, l'Austria ha "più che rispettato" gli obblighi europei.

20:39Trump: congresso nega credenziali stampa a Breibart

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAR - Il Congresso americano nega le credenziali stampa a Breibart News, il sito ultraconservatore guidato per anni da Steve Bannon, lo stratega della Casa Bianca. La richiesta di Breibart e' stata negata ''fino a che non ci saranno risposte'' sui rapporti fra la pubblicazione e Bannon. Lo riporta il New York Post. L'amministratore delegato e presidente di Breibart, Larry Solov, aveva presentato la richiesta di accredito permanente, accompagnata da una lettera in cui precisava che Bannon non ricopre alcun ruolo da novembre 2016. Ma la commissione chiamata a concedere le credenziali ha espresso dubbi e chiesto ulteriori chiarimenti visto che non ci sono prove che Bannon abbia tagliato tutti i rapporti.

20:34Massacrato da branco, 9 in Procura di Frosinone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Si è concluso nel pomeriggio il sopralluogo nella discoteca dove sarebbe avvenuta la lite che ha scatenato successivamente il pestaggio di Emanuele Morganti, morto per le lesioni riportate. Presente al sopralluogo, utile per cercare riscontri ai racconti degli indagati e dei testimoni, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Frosinone Giuseppe De Falco e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Alatri Antonio Contente. Successivamente i nove indagati sono stati convocati in Procura.

20:29Trump, ‘via fondi federali a ‘città santuario’

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Gli Stati e le città santuario che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull'immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali: lo ha annunciato l'attorney general Jeff Sessions.

20:29Calcio: Roma, Pallotta al lavoro a Londra

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Da Roma a Londra per continuare a programmare società e squadra del futuro: James Pallotta prosegue nella City gli incontri con il suo management, da Baldini a Baldissoni, passando per l'attuale ds Massara e il comparto commerciale. Secondo voci di mercato, smentite però da Trigoria, il presidente della Roma avrebbe incontrato anche quello che dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo, lo spagnolo Monchi, per fargli sottoscrivere un contratto triennale. La trattativa fra le parti sembra ormai agli sgoccioli, tanto che il quotidiano "Mundo Deportivo" riporta la posizione del club citando un qualificato dirigente romanista: "Manca solo la firma. Monchi è tremendamente eccitato per la sfida".

20:07Calcio: ds Barcellona, “Dybala? Pronti ad ogni occasione”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il Barcellona è attento a ogni movimento di mercato, specialmente a quelli che riguardano giocatori bravi che possano interessare anche altri club". Il ds del Barcellona, Robert Fernandez, usa un giro di parole per confermare l'interesse del club per lo juventino Paulo Dybala in un'intervista concessa a Mundo Deportivo. "E' un buon giocatore, non posso dire altro. E' chiaro che saremo pronti a sfruttare ogni situazione, sempre tenendo conto di quel cha abbiamo qui in casa". Fernandez ha anche parlato di Verratti, che potrebbe lasciare il Psg: "Questi giocatori sono sempre una questione di denaro. E a parte pagarlo quanto chiedono, poi è il club che non te lo vende. Vi ricordate quel che successe con Thiago Silva? Il Psg non volle trattare con il Barcellona".

Archivio Ultima ora