Francia: il successo di Fn cambia gli equilibri per la corsa presidenziale del 2017

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015.  ANSA/SEBASTIEN NOGIER

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015. ANSA/SEBASTIEN NOGIER

PARIGI.- Altro che potere locale. La vera posta in gioco delle elezioni regionali francesi è la corsa alle presidenziali del 2017. A cominciare da Marine Le Pen, la leader vittoriosa del Front National, che ora userà il grande successo elettorale – con il Fronte primo partito di Francia intorno al 30%, seguito dai Républicains di Nicolas Sarkozy con il 27% e i socialisti al 23% – da trampolino di lancio verso il portone dell’Eliseo.

Per la Dama Nera che vola oltre al 40% nella regione Picardie-Nord-Pas-de-Calais l’exploit trasforma il suo movimento in una “forza di governo” pronta a trasferirsi nel cuore del potere. Ai suoi occhi lo scrutinio locale sancisce “il definitivo ingresso” del Fronte nella famiglia dei “grandi partiti” transalpini.

“Siamo inarrestabili”, pronosticava già nei giorni scorsi la bionda Marine che in testa a un unico chiodo fisso. Non certo la presidenza del Nord-Pas-de-Calais per cui ha incassato uno primo score ma la corsa presidenziale del 2017. “Riconquisteremo i territori perduti della Repubblica”, ha detto commentando i primi risultati e lanciando slogan dai toni quasi presidenziali. “Vive la France, Vive la République francaise”.

Ma l’esito delle scrutinio regionale è anche cruciale per delineare i rapporti di forza all’interno del centro destra. Fino a poche settimane fa i Républicains guidati dall’ex presidente Nicolas Sarkozy continuavano a sperare in una marea neogollista. Per l’ex capo dello Stato eletto poco più di un anno fa alla guida del partito si trattava di imporsi anche al livello interno sugli altri sfidanti nelle primarie.

E però, a tre settimane dallo choc degli attentati jihadisti di venerdì 13 novembre, molti potenziali elettori si sono voltati verso l’ultradestra lepenista. Indebolendo la posizione di Sarkozy e rafforzando invece quella dei suoi sfidanti nel voto interno del prossimo autunno. A partire da Alain Juppé, l’ex premier ed attuale sindaco di Bordeaux sempre più amato dai francesi.

Tra i socialisti la parola d’ordine è resistere, resistere e resistere. La disastrata maggioranza che fino ad oggi governava in 21 regioni su 22 (anche se la recente riforma territoriale le ha ridotte a 13) si trova ora in una situazione difficilissima. Nella Francia post-attentati lo straordinario balzo in avanti della popolarità di Hollande non ha portato l’auspicato impatto positivo sui candidati socialisti alle regionali. Per molti di loro è profondo rosso.

A 16 mesi dalla corsa presidenziale il Ps deve ricostruire tutto. La svolta ‘neo-liberale’ del premier, Manuel Valls, non sembra aver pagato. Agli occhi di molti una nuova alleanza con ecologisti e gauche radicale in vista del voto presidenziale sembra più che mai necessaria.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. A Parigi in molti credono che a Hollande l’avanzata lepenista possa quasi fare comodo. Nel caso di un eventuale ballottaggio contro di lei nella corsa presidenziale, sarebbe lui in posizione di vantaggio. In quel caso, infatti, si ripeterebbe lo scenario del 2002, quando Jacques Chirac si trovò al secondo turno contro Jean-Marie Le Pen.

Quel giorno molti socialisti si trovarono costretti a turarsi il naso e votare per il candidato neogollista. Questa volta potrebbe verificarsi lo scenario contrario, con la destra moderata costretta a sostenere il socialista in nome del ‘patto repubblicano’. Un’ipotesi da prendere assolutamente con le molle. Oggi il Ps è a pezzi e la partita è ancora tutta da giocare.

(di Paoloi Levi/ANSA)

Ultima ora

02:29Rigopiano: lutto nel Salernitano per morte Feniello

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 25 GEN - Stefano Feniello, il 28enne originario di Valva (Salerno), non ce l'ha fatta. Il suo corpo privo di vita è stato estratto ieri dalle macerie dell'hotel Rigopiano. "E' una notizia che non avrei mai voluto ricevere - dice il sindaco, Vito Falcone - eravamo consci che con il passare dei giorni le possibilità di ritrovarlo in vita diminuivano sempre più, ma la speranza di un miracolo c'è sempre stata. Purtroppo non abbiamo potuto festeggiare il suo ritorno a Valva". Il piccolo comune del Salernitano in questi giorni si è stretto attorno alla famiglia Feniello. Una famiglia numerosa, ben sette fratelli, molti dei quali in questi giorni sono andati a Pescara per dare sostegno ad Alessio, il papà di Stefano. Ora dovrà essere fissata la data dei funerali. "Quel giorno - dice il sindaco - proclamerò il lutto cittadino. Non faremo mancare la nostra vicinanza alla famiglia, dimostrata in questi giorni drammatici dalla nostra comunità".

01:23Vela: Coppa del Mondo a Miami, italiani subito protagonisti

(ANSA) - MIAMI (USA), 24 GEN - È subito grande spettacolo a Miami dove, in condizioni praticamente perfette - tra gli 8 e i 15 nodi di vento e con un sole sempre presente - sono cominciate le regate della Coppa del Mondo di Vela, circuito itinerante riservato alle Classi Olimpiche che proprio in Florida, con oltre 400 velisti di 44 Nazioni in acqua, ha fatto il suo esordio stagionale. Se la Baia di Biscayne ha sfoderato il suo miglior azzurro, anche gli italiani non sono stati da meno, partendo subito bene in alcune classi: nel Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, con Lorenzo Bressani e Caterina Marianna Banti, e nel Doppio 470 maschile con Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò. Bressani-Banti hanno dominato la flotta chiudendo con due vittorie e un secondo posto, risultati che li hanno proiettati subito al comando con 3 punti di vantaggio sugli inglesi Phipps-Boniface, mentre i due romani, vincitori la settimana scorsa del Campionato Nord Americano 470, sono secondi in classifica a tre punti dai giapponesi Doi-Kimura.

00:16Calcio: Coppa Italia, Napoli in semifinale

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Il Napoli si è qualificato per le semifinali di Coppa Italia grazie al successo per 1-0 sulla Fiorentina. Partita molto vivace con occasioni da entrambe le parti e decisa al 71' da un colpo di testa di Callejon su cross dalla sinistra di Hamsik. Le squadre hanno finito l'incontro in 10 per le espulsioni nel finale di Hysaj e Maxi Olivera. In semifinale il Napoli incontrerà la vincente di Juventus-Milan, in programma domani.

00:12Rigopiano, estratta la diciottesima vittima

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' un uomo non ancora identificato la diciottesima vittima estratta dai Vigili del fuoco dall' hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), travolto da una valanga mercoledì scorso. Lo ha fatto sapere la Prefettura di Pescara. Il numero delle vittime sale così a 18; scende a 11 il numero dei dispersi.

23:59Calcio: Coppa d’Africa, Costa d’Avorio eliminata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Fuori i campioni in carica della Costa d'Avorio, vanno ai quarti la Repubblica Democratica del Congo e Marocco. Questo il responso della Coppa d'Africa dopo l'ultimo turno del gruppo C, le cui partite sono state giocate oggi. I Simba del Congo hanno battuto il Togo per 3-1, vincendo il girone. Reti di Kabananga (29' pt), Mubele (9' st) e M'Poku (35' st). A segno Laba (24' st) per gli Sparvieri togolesi, tra le cui file il portiere Agassa ha mantenuto il proposito di non giocare dopo che, in patria, dei teppisti gli avevano devastato la casa. Nell'altro match di oggi sconfitta degli Elefanti ivoriani contro il Marocco di capitan Benatia. è finita 1-0 con rete di Alioui. Questa la classifica finale del girone: RD Congo 7; Marocco 6; Costa d'Avorio 2; Togo 1.

23:56Calcio: Sampdoria, rescisso contratto Cassano

(ANSA) - GENOVA, 24 GEN - "La rescissione con Cassano è un epilogo amaro, il suo ritorno poteva essere diverso, ma alla fine dirsi addio è la soluzione migliore per entrambi visto che le posizioni sono differenti ma tutte e due legittime". Con queste parole all'emittente Primocanale, il braccio destro del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, l'avvocato Antonio Romei, ha confermato il divorzio tra la Sampdoria e Antonio Cassano. La rescissione del contratto che legava il giocatore alla Sampdoria sino a giugno, verrà ufficializzata probabilmente giovedì ma oggi a Bogliasco c'è stato l'incontro decisivo. Cassano, già in blucerchiato dal 2007 al gennaio 2011, era tornato alla Sampdoria nell'agosto 2015 ma dalla scorsa estate non rientrava più nei piani societari e dopo essere stato messo fuori rosa, solo a novembre aveva avuto il via libera per allenarsi con la Primavera. Ora per lui, che non vorrebbe lasciare la Liguria, c'è già l'offerta dell'Entella. Non verranno prese in considerazione le proposte dalla Cina.

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

Archivio Ultima ora