Francia: il successo di Fn cambia gli equilibri per la corsa presidenziale del 2017

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015.  ANSA/SEBASTIEN NOGIER

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015. ANSA/SEBASTIEN NOGIER

PARIGI.- Altro che potere locale. La vera posta in gioco delle elezioni regionali francesi è la corsa alle presidenziali del 2017. A cominciare da Marine Le Pen, la leader vittoriosa del Front National, che ora userà il grande successo elettorale – con il Fronte primo partito di Francia intorno al 30%, seguito dai Républicains di Nicolas Sarkozy con il 27% e i socialisti al 23% – da trampolino di lancio verso il portone dell’Eliseo.

Per la Dama Nera che vola oltre al 40% nella regione Picardie-Nord-Pas-de-Calais l’exploit trasforma il suo movimento in una “forza di governo” pronta a trasferirsi nel cuore del potere. Ai suoi occhi lo scrutinio locale sancisce “il definitivo ingresso” del Fronte nella famiglia dei “grandi partiti” transalpini.

“Siamo inarrestabili”, pronosticava già nei giorni scorsi la bionda Marine che in testa a un unico chiodo fisso. Non certo la presidenza del Nord-Pas-de-Calais per cui ha incassato uno primo score ma la corsa presidenziale del 2017. “Riconquisteremo i territori perduti della Repubblica”, ha detto commentando i primi risultati e lanciando slogan dai toni quasi presidenziali. “Vive la France, Vive la République francaise”.

Ma l’esito delle scrutinio regionale è anche cruciale per delineare i rapporti di forza all’interno del centro destra. Fino a poche settimane fa i Républicains guidati dall’ex presidente Nicolas Sarkozy continuavano a sperare in una marea neogollista. Per l’ex capo dello Stato eletto poco più di un anno fa alla guida del partito si trattava di imporsi anche al livello interno sugli altri sfidanti nelle primarie.

E però, a tre settimane dallo choc degli attentati jihadisti di venerdì 13 novembre, molti potenziali elettori si sono voltati verso l’ultradestra lepenista. Indebolendo la posizione di Sarkozy e rafforzando invece quella dei suoi sfidanti nel voto interno del prossimo autunno. A partire da Alain Juppé, l’ex premier ed attuale sindaco di Bordeaux sempre più amato dai francesi.

Tra i socialisti la parola d’ordine è resistere, resistere e resistere. La disastrata maggioranza che fino ad oggi governava in 21 regioni su 22 (anche se la recente riforma territoriale le ha ridotte a 13) si trova ora in una situazione difficilissima. Nella Francia post-attentati lo straordinario balzo in avanti della popolarità di Hollande non ha portato l’auspicato impatto positivo sui candidati socialisti alle regionali. Per molti di loro è profondo rosso.

A 16 mesi dalla corsa presidenziale il Ps deve ricostruire tutto. La svolta ‘neo-liberale’ del premier, Manuel Valls, non sembra aver pagato. Agli occhi di molti una nuova alleanza con ecologisti e gauche radicale in vista del voto presidenziale sembra più che mai necessaria.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. A Parigi in molti credono che a Hollande l’avanzata lepenista possa quasi fare comodo. Nel caso di un eventuale ballottaggio contro di lei nella corsa presidenziale, sarebbe lui in posizione di vantaggio. In quel caso, infatti, si ripeterebbe lo scenario del 2002, quando Jacques Chirac si trovò al secondo turno contro Jean-Marie Le Pen.

Quel giorno molti socialisti si trovarono costretti a turarsi il naso e votare per il candidato neogollista. Questa volta potrebbe verificarsi lo scenario contrario, con la destra moderata costretta a sostenere il socialista in nome del ‘patto repubblicano’. Un’ipotesi da prendere assolutamente con le molle. Oggi il Ps è a pezzi e la partita è ancora tutta da giocare.

(di Paoloi Levi/ANSA)

Ultima ora

19:14Calcio: Spalletti, abbiamo vinto ma dobbiamo crescere ancora

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - Luciano Spalletti applaude la sua Inter, vittoriosa contro il Bayern Monaco per 2-0 grazie alla doppietta di Eder nella seconda sfida dell'International Champions Cup. "Abbiamo fatto bene - dice al termine della partita giocata a Singapore - siamo stati molto bravi nel tenere le distanze ma c'è ancora molto da crescere". Il feeling tra Spalletti e la squadra cresce di partita in partita. Anche Eder, che ha decisivo la sfida, ha solo parole positive per Spalletti: "Stiamo facendo bene e speriamo di continuare così in campionato. L'impatto con lui è molto positivo, è un allenatore che ha fatto una grande carriera e alla Roma ha fatto benissimo. Dobbiamo seguirlo per fare un grande campionato".

19:13Per principe William ultimo turno da pilota eliambulanza

(ANSA) - LONDRA, 27 LUG - Il principe William compie il suo ultimo giorno di servizio come pilota di eliambulanza, dopo di che sarà chiamato a impegni ufficiali più pressanti. Dal 2014 il 35enne William ha messo il suo addestramento di pilota di elicotteri al servizio dell'East Anglian Air Ambulance dall'aeroporto di Cambridge, soprattutto come soccorso rapido in incidenti stradali. "Appendo la mia tuta da pilota al chiodo, fiero di aver servito con una straordinaria squadra di persone, che ogni giorno ha salvato vite umane" nella regione dell'East Anglia, ha scritto lo stesso principe, secondo in linea di successione al trono dopo suo padre Carlo, per un piccolo giornale locale. Con la fine del suo servizio di elisoccorso, William e la consorte Kate e figli trascorreranno meno tempo nella loro residenza nella contea di Norfolk e di più a Londra, fra doveri pubblici e l'inizio della scuole per il loro piccolo primogenito George, che ha 4 anni.

19:07Siccità: nessun provvedimento nel CdM di domani

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Nella riunione del consiglio dei ministri, previsto domani, non ci sarà, a quanto si apprende da fonti di governo, né un decreto per evitare il razionamento dell'acqua nelle 10 regioni colpite dalla siccità, né sarà dichiarato lo stato di emergenza.

19:00Calcio: faro Antitrust intermediari per gare diritti tv

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - L'Antitrust ha avviato un'istruttoria per un presunto cartello di alcune società di intermediari nella gara per i diritti tv. A finire nel mirino, le società appartenenti ai gruppi Media Partners & Silva, IMG e B4. Le possibili violazioni alle legge, si legge nella nota dell'Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, riguardano le gare indette, a partire dal 2009, dalla Lega Professionisti serie A per la commercializzazione dei diritti relativi alla visione all'estero delle partite svolte nel territorio italiano nell'ambito della Serie A (Campionati di Calcio di serie A, Torneo di Coppa Italia, Gara della Supercoppa di Lega, nonché alcuni campionati giovanili e della squadra di calcio della Lega) e della serie B. L'istruttoria è stata avviata sulla base della documentazione trasmessa dalla Procura della Repubblica di Milano. Oggi si sono svolte ispezioni, con l'ausilio della Guardia di Finanza

18:59Domato uno dei principali roghi in Costa Azzurra

(ANSA) - PARIGI, 27 LUG - L'incendio divampato nella notte tra martedì e mercoledì nei pressi della città di Bormes-les-Mimosas, sulla Costa Azzurra, è "sotto controllo". Lo hanno annunciato i pompieri del dipartimento del Var, aggiungendo che le persone evacuate possono rientrare nelle loro abitazioni "in modo progressivo". "Gli ultimi fuochi si stanno estinguendo, malgrado il vento. Il lavoro degli uomini sul posto, aiutati dai Canadair, ci ha permesso di essere abbastanza efficaci" ha detto il vicedirettore del Servizio dipartimentale degli incendi e dei soccorsi, Frédéric Marchi Leccia.

18:57Netanyahu, pena morte per attentatore a colonia Halamish

(ANSA) - GERUSALEMME, 27 LUG - Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha chiesto la pena di morte per il palestinese che il 21 luglio scorso ha ucciso tre israeliani nella colonia di Halamish, nei pressi di Ramallah in Cisgiordania. L'attentatore, Omar el-Abed di 19 anni, era rimasto ferito nel corso dell'assalto.

18:51Tuffi: da domani a Cosenza assoluti italiani con Tocci

(ANSA) - COSENZA, 27 LUG - Da domani al 30 luglio la piscina comunale di Cosenza ospiterà i campionati italiani assoluti di tuffi estivi. La manifestazione registrerà la partecipazione dei migliori atleti del Paese. Sui trampolini saliranno oltre 70 tuffatori, quasi equamente distinti tra uomini e donne. Da Roma arriveranno 33 atleti tesserati con la "Carlo Dibiasi", la "Fiamme Oro", "Fratelli Marconi" e il "Circolo Canottieri Aniene". In rappresentanza della "Bergamo Nuoto", la "Blu 2006" di Torino e la "Canottieri di Milano" ci saranno tre atleti per ciascuna società. Dal Friuli Venezia Giulia giungeranno la "Triestina Nuoto" e la "Tuffi Edera" con rispettivamente 9 e 5 tuffatori. Per la "Bolzano Nuoto" e la "Ice Como" si presenteranno 2 atleti per club. La società di casa, la "Cosenza Nuoto", farà gareggiare 7 atleti tra cui Giovanni Tocci, bronzo agli ultimi mondiali di Budapest. Oltre a Tocci si tufferà Elena Bertocchi, che in Ungheria si è aggiudicata il bronzo dal trampolino di un metro. (ANSA).

Archivio Ultima ora