Francia: il successo di Fn cambia gli equilibri per la corsa presidenziale del 2017

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015.  ANSA/SEBASTIEN NOGIER

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament, Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015. ANSA/SEBASTIEN NOGIER

PARIGI.- Altro che potere locale. La vera posta in gioco delle elezioni regionali francesi è la corsa alle presidenziali del 2017. A cominciare da Marine Le Pen, la leader vittoriosa del Front National, che ora userà il grande successo elettorale – con il Fronte primo partito di Francia intorno al 30%, seguito dai Républicains di Nicolas Sarkozy con il 27% e i socialisti al 23% – da trampolino di lancio verso il portone dell’Eliseo.

Per la Dama Nera che vola oltre al 40% nella regione Picardie-Nord-Pas-de-Calais l’exploit trasforma il suo movimento in una “forza di governo” pronta a trasferirsi nel cuore del potere. Ai suoi occhi lo scrutinio locale sancisce “il definitivo ingresso” del Fronte nella famiglia dei “grandi partiti” transalpini.

“Siamo inarrestabili”, pronosticava già nei giorni scorsi la bionda Marine che in testa a un unico chiodo fisso. Non certo la presidenza del Nord-Pas-de-Calais per cui ha incassato uno primo score ma la corsa presidenziale del 2017. “Riconquisteremo i territori perduti della Repubblica”, ha detto commentando i primi risultati e lanciando slogan dai toni quasi presidenziali. “Vive la France, Vive la République francaise”.

Ma l’esito delle scrutinio regionale è anche cruciale per delineare i rapporti di forza all’interno del centro destra. Fino a poche settimane fa i Républicains guidati dall’ex presidente Nicolas Sarkozy continuavano a sperare in una marea neogollista. Per l’ex capo dello Stato eletto poco più di un anno fa alla guida del partito si trattava di imporsi anche al livello interno sugli altri sfidanti nelle primarie.

E però, a tre settimane dallo choc degli attentati jihadisti di venerdì 13 novembre, molti potenziali elettori si sono voltati verso l’ultradestra lepenista. Indebolendo la posizione di Sarkozy e rafforzando invece quella dei suoi sfidanti nel voto interno del prossimo autunno. A partire da Alain Juppé, l’ex premier ed attuale sindaco di Bordeaux sempre più amato dai francesi.

Tra i socialisti la parola d’ordine è resistere, resistere e resistere. La disastrata maggioranza che fino ad oggi governava in 21 regioni su 22 (anche se la recente riforma territoriale le ha ridotte a 13) si trova ora in una situazione difficilissima. Nella Francia post-attentati lo straordinario balzo in avanti della popolarità di Hollande non ha portato l’auspicato impatto positivo sui candidati socialisti alle regionali. Per molti di loro è profondo rosso.

A 16 mesi dalla corsa presidenziale il Ps deve ricostruire tutto. La svolta ‘neo-liberale’ del premier, Manuel Valls, non sembra aver pagato. Agli occhi di molti una nuova alleanza con ecologisti e gauche radicale in vista del voto presidenziale sembra più che mai necessaria.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. A Parigi in molti credono che a Hollande l’avanzata lepenista possa quasi fare comodo. Nel caso di un eventuale ballottaggio contro di lei nella corsa presidenziale, sarebbe lui in posizione di vantaggio. In quel caso, infatti, si ripeterebbe lo scenario del 2002, quando Jacques Chirac si trovò al secondo turno contro Jean-Marie Le Pen.

Quel giorno molti socialisti si trovarono costretti a turarsi il naso e votare per il candidato neogollista. Questa volta potrebbe verificarsi lo scenario contrario, con la destra moderata costretta a sostenere il socialista in nome del ‘patto repubblicano’. Un’ipotesi da prendere assolutamente con le molle. Oggi il Ps è a pezzi e la partita è ancora tutta da giocare.

(di Paoloi Levi/ANSA)

Ultima ora

19:06Calcio: Raggi e Zingaretti invitati a Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La Roma ha formalmente invitato la sindaca della capitale, Virginia Raggi e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, alla partita di domenica col Genoa, probabile addio di Francesco Totti alla squadra giallorossa. Intanto, nonostante il sold out annunciato, continuano ad arrivare alla Roma richieste di acquisto biglietti e di accredito da tutto il mondo. Tutto esaurito anche in tribuna stampa. E in occasione della partita con il Genoa, la squadra giallorossa vestirà la maglia che indosserà il prossimo anno.

18:39Manchester: Conte, rabbia e dolore

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Un concerto, come una partita, è un' occasione di festa e di gioia e non mi rassegno ad accettare che possa diventare un simbolo di odio". Sono un misto di dolore e rabbia le parole di Antonio Conte sull'attentato di Manchester. Il tecnico del Chelsea, neo vincitore del titolo in Premier League, ha sottolineato in un post sul suo profilo social che "le vite di tanti giovani non possono essere spezzate dal gesto di un terrorista. Da padre - continua Conte - mi stringo forte alle famiglie delle vittime e ai tanti feriti di Manchester". Il Chelsea, durante l'allenamento in vista della finale della Coppa d'Inghilterra, si è stretto in cerchio in campo osservando un minuto di silenzio.

18:38Ciclista morto nel vicentino, indagini per omicidio stradale

(ANSA) - VICENZA, 23 MAG - I carabinieri di Bassano (Vicenza) configurano l'ipotesi di reato di omicidio stradale e fuga a seguito del sinistro per la morte di Roberto Brotto, 54 anni, dirigente dell'Ulss di Cittadella (Padova), di cui non si avevano più notizie da ieri. L'uomo è stato trovato morto questa mattina, a fianco della sua bicicletta, in una scarpata dell'Altopiano di Asiago (Vicenza) nel territorio di Conco. "Gli indizi a carico del soggetto, in fase di rapida identificazione - scrivono in una nota i militari -, sono gravi e concordanti nell'individuarlo quale materiale autore del decesso" del ciclista. I militari nel corso di una rapida indagine hanno trovato sui resti della bicicletta segni riconducibili ad un tamponamento mentre altri elementi, secondo quanto si è appreso, sarebbero stati dati da dei segni sul guard-rail e dal ritrovamento dei resti di uno specchietto d'auto. Il corpo del ciclista è stato recuperato dagli uomini del soccorso alpino ed è già stata disposta l'autopsia.

18:37Falcone: Sangiorgi dei Negramaro canta davanti all’Albero

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ha voluto ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i ragazzi della scorta morti nella strage di Capaci con la canzone "Lo sai da qui", intonata davanti all'Albero Falcone, il ficus davanti all'abitazione del magistrato, in via Notarbartolo, a Palermo. "E' una grande emozione essere qui oggi - ha detto Sangiorgi - Voglio onorare la memoria di Falcone e delle vittime di Capaci e via D'Amelio con questa canzone dedicata a mio padre".

18:29Manchester: Viminale, attenzione alta, minaccia non cambia

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "L'attenzione rimane altissima ma il livello della minaccia non cambia per l'Italia". Così il Viminale al termine della riunione del Comitato di analisti strategica antiterrorismo, presieduta dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, che ha analizzato la situazione dell'Italia dopo l'attentato di Manchester. Presenti col ministro i vertici nazionali delle forze di polizia, dei servizi di intelligence e il rappresentante della sicurezza del Regno Unito a Roma. Minniti ha chiesto di "tenere elevato il livello di vigilanza, rafforzando le misure di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio, nonché verso i luoghi che registrano particolare affluenza e aggregazione di persone".

18:28Giro: Dumoulin polemico ‘sono arrabbiato’

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - "Ho perso tanto tempo, è stato terribile. Sono arrabbiato, perché non capisco il comportamento dei miei diretti avversari: hanno detto che volevano andare a prendere il mio connazionale Kruijswijk, invece hanno attaccato. E' come se mi avessero tradito. Io mi ero comportato diversamente rispetto a loro quando Quintana è caduto nella discesa verso Bergamo. Cosa mi aspettavo? Niente". Tom Dumoulin polemizza dopo l'arrivo della tappa regina del 100/o Giro d'Italia, vinta da Vincenzo Nibali, durante la quale ha accusato un problema intestinale ed è stato costretto a fermarsi, facendosi staccare.

18:20Calcio: morto Farina Figc dispone 1′ di silenzio

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha disposto un minuto di silenzio a partire da stasera - in occasione della gara dei quarti di finale dei play off della Serie B Benevento-Spezia - e nel prossimo weekend su tutti i campi di calcio per ricordare l'ex arbitro Stefano Farina, scomparso oggi all'età di 54 anni. Le nazionali azzurre, impegnate nei prossimi giorni, oltre al minuto di silenzio, scenderanno in campo con il lutto al braccio.

Archivio Ultima ora