Obama parla agli americani, vi difenderemo da terroristi

Pubblicato il 06 dicembre 2015 da redazione

OBAMA

NEW YORK. – Un discorso alla nazione dallo studio ovale e in prima serata. Per parlare delle misure contro il terrorismo e delle indagini sulla strage di San Bernardino, ma anche per dire agli americani: non abbiate paura. Barack Obama parla alle 20, ora di Washington, (le 2 di notte in Italia), per cercare di rassicurare nuovamente gli americani, dopo il messaggio di ‘Thanksgiving’, e per ribadire che la sua più alta priorità è quella di proteggerli e di mantenerli al sicuro.

La strage di San Bernardino e la quasi certezza che sia stata portata a termine da simpatizzanti dell’Isis dopo che l’Fbi l’ha definito “un atto terroristico”, ‘costringono’ il presidente a intervenire in prima persona per aggiornare sugli sforzi degli inquirenti nelle indagini.

L’attacco portato a termine da Syed Farook e Tashfeen Malik, con 14 morti, è apparso riflettere un’evoluzione della minaccia terroristica che Obama e i funzionari federali hanno a lungo temuto: quella di individui “cresciuti in territorio Usa e radicalizzati”.

Nel suo discorso, dove non sono previsti clamorosi annunci nella lotta all’Isis, Obama si impegnerà a usare “ogni singolo aspetto della potenza americana” per distruggere lo Stato islamico e chiederà di intensificare gli sforzi nella lotta al terrorismo. Per rassicurare il Paese sulle misure contro il terrorismo, Obama rivedrà le azioni intraprese per la sicurezza degli Usa dopo l’11 settembre del 2001 e dopo gli attacchi di Parigi il 13 novembre.

“Credo che il presidente si riferirà proprio a questo: dobbiamo aumentare la campagna militare contro l’Isis. Colpire per esempio i loro obiettivi come i pozzi petroliferi”, sostiene Hillary Clinton, la quale chiede un aiuto ai social media per fermare “la propaganda jihadista sul web”.

Nel suo discorso, il presidente “ribadirà la sua ferma convinzione che l’Isis sarà distrutto e che gli Usa devono far leva sui propri valori, un incrollabile impegno alla giustizia, eguaglianza e libertà – per prevalere sui gruppi terroristici che usano la violenza per avanzare un’ideologia di distruzione”, ha detto il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest.

E in un’intervista al New York Times, il ministro per la Sicurezza nazionale, Jeh Johnson, sostiene che è necessario un nuovo approccio per affrontare l’evolversi della minaccia di attacchi da estremisti interni. Quindi annuncia una serie di nuove misure: aumento agli agenti negli aeroporti stranieri, restrizioni sui visti e un maggiore dialogo con le comunità musulmane per individuare le minacce.

Nel suo discorso, Obama cercherà in qualche modo di rispondere a chi lo accusa di aver sottovalutato le minacce dell’Isis alla luce di quanto accaduto in California, attaccando anche il messaggio del presidente sulle restrizioni delle armi da fuoco. Un altro argomento di cui Obama parlerà.

Lo stesso ministro della Giustizia, Loretta Lynch, ha detto che il presidente chiederà al Congresso un piano-antiterrorismo e di “rivedere le misure sul controllo delle armi”. “La sicurezza degli americani è la sua priorità”, dice.

Il discorso alla nazione dallo studio ovale è il primo di Obama in 5 anni e il terzo negli anni di presidenza. Il primo, nel 2010, fu per parlare del disastro ambientale provocato dalla piattaforma petrolifera Deepwater, nel Golfo del Messico. Poi, nello stesso anno, per annunciare la fine dei combattimenti americani in Iraq.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

15:31Maroni, Bongiorno? Io e Bossi combattevamo Andreotti

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "Giulia Bongiorno dice: 'Questa Lega nazionale l'avrebbe approvata anche Andreotti'. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti". Lo ha scritto Roberto Maroni commentando su Twitter le parole della neo-candidata della Lega, Giulia Bongiorno.

15:20Figc: Malagò, Club Italia a Buffon? Perchè no

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Buffon al Club Italia? Mettere un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica". Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'ipotesi di affidare il Club Italia a Buffon. "Gigi è una persona alla quale farei fare tutto - ha aggiunto il numero uno dello sport italiano parlando della sfida elettorale tra Sibilia, Tommasi e Gravina a margine di un convegno organizzato da Figc e Ussi all'Acqua Acetosa - ma bisogna capire cosa ha deciso di fare da grande. Il 29 gennaio ci saranno le elezioni della Figc: Buffon ha manifestato certe intenzioni per fine stagione, ma c'è anche la possibilità che continui a giocare, una cosa che mi augurerei da suo tifoso personale". "Al momento io osservo attentamente - ha concluso Malagò - sono uno spettatore molto interessato. Chi farà bottino pieno? Mi sembra un parolone, perché per fare bottino pieno servono numeri e consensi importanti, che tra l'altro sarebbero indispensabili in un momento come questo".

15:19C.destra: Udc-Nci, vicini a accordo con alleati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Siamo vicini all'accordo risolvendo positivamente i nodi tra Udc-Noi con l'Italia e gli altri membri della coalizione del centrodestra. Siamo in dirittura d'arrivo". Così in una nota congiunta il presidente Lorenzo Cesa e il capo della formazione politica Raffaele Fitto.

15:13Antagonista denunciò autista Salvini, giudice archivia

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - L'8 novembre 2014 l'autista di Matteo Salvini non poteva comportarsi diversamente, a tutela della sua incolumità e delle persone a bordo: quando partì con l'auto, agì per legittima difesa. E' un passaggio del giudice di pace Cristina Piazza che ha archiviato il fascicolo per lesioni nato dalla denuncia di Loris Narda, antagonista del collettivo Hobo che quel giorno contestò il leader della Lega, salendo sul cofano della vettura, all'ingresso di un campo nomadi alla periferia di Bologna. Per l'assalto alla macchina, a cui fu spaccato il lunotto, Narda e altri furono denunciati. Il giudice, accogliendo la richiesta di archiviazione del pm Valter Giovannini, sottolinea che la ricostruzione dei fatti della Procura si è basata su elementi oggettivi, la visione dei filmati, "che non lasciano spazi a interpretazioni diverse". Quando partì "era in essere un'aggressione organizzata" e l'autista, quando si accorse dei manifestanti sull'auto, "non poteva conoscere quale epilogo potesse avere quell'aggressione". (ANSA).

15:07Gentiloni, ruolo cooperazione chiave anche contro terrorismo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire un contesto migliore di futuro anche per quello che riguarda i disagi sociali, i rischi connessi al terrorismo, le cause profonde dei grandi flussi migratori". Lo ha affermato il presidente del Consiglio in occasione della terza riunione del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (presenti tra gli altri i ministri Alfano, Galletti, Poletti) che si è tenuta oggi a Palazzo Chigi sottolineando la propria soddisfazione per i "risultati raggiunti dopo l'approvazione della legge del 2014 che ha ristrutturato il nostro sistema della cooperazione". "Non si può avere un ruolo di grande paese in politica estera e di grande player economico nella nostra regione se contemporaneamente non abbiamo la sinergia tra questo lavoro sulla cooperazione e la dimensione politica ed economica della nostra attività".

15:01Tennis: Australia, Kyrgios agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Nick Kyrgios approda agli ottavi di finale degli Australian Open: l'australiano - numero 17 del ranking e del tabellone - ha eliminando il francese Jo-Wilfried Tsonga, numero 15 Atp e del seeding, in quattro set con il punteggio di 7-6(7-5), 4-6, 7-6(8-6), 7-6 (7-5). Il match è durato tre ore e 17 minuti. Suo prossimo avversario il bulgaro Grigor Dimitrov, testa di serie n.3. Stacca il biglietto per gli ottavi anche il croato Marin Cilic, n.6, che ha regolato 7-6(7-4) 6-3 7-6(7-4) lo statunitense Ryan Harrison, Cilic affronterà ora lo spagnolo Pablo Carreno Busta (n.10).

14:53Italia team: Malagò, Sofia Goggia è stata fantastica

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Sofia Goggia è stata fantastica, però anche le altre italiane sono molto competitive: abbiamo una squadra che lascia ben sperare in vista delle Olimpiadi". Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando la vittoria di questa mattina ottenuta da Sofia Goggia nella discesa libera di Cortina. "È stata una gara meravigliosa - ha ammesso il numero uno dello sport italiano - con emozioni incredibili". A pochi giorni dall'inizio delle Olimpiadi invernali di PyeongChang un altro successo che fa sperare l'Italia Team: "La verità è che possiamo fare bottino pieno, come anche non andar bene. È il bello dello sci - ha osservato Malagò -. Nessuno, però, potrà mai dire che non arriviamo alla competizione olimpica in buone condizioni".

Archivio Ultima ora