Il Papa apre la Porta Santa di S. Pietro, al via il “suo” Giubileo

Pubblicato il 07 dicembre 2015 da redazione

Giubileo-della-Misericordia-Roma-2015

CITTA’ DEL VATICANO. – E’ il primo indetto da papa Francesco. E’ intitolato alla misericordia, quindi è il primo in assoluto “a tema” nella storia della Chiesa, e comincia per il mondo oggi davanti alla porta santa di San Pietro. Anche se ha avuto un “anticipo” significativo quando il 29 novembre il Papa ha aperto la porta di legno traforato della cattedrale di Bangui: è stata l’innovazione più forte di questo giubileo, che Bergoglio ha voluto ricco di segni del nuovo.

Le periferie e le povertà sono al centro di questo Anno santo, in sintonia con la tradizione biblica che lo vedeva come occasione per la remissione dei debiti e la restituzione delle terre. Ma periferie e fragilità sono la vera ossatura del giubileo, che papa Bergoglio vuole sia celebrato in ogni diocesi del mondo, dove ogni vescovo potrà individuare le necessità specifiche del suo popolo, e farsi prossimo alle ferite, spirituali e materiali, di questo. Vescovi e confessori hanno ricevuto specifiche indicazioni in tal senso.

Chiunque potrà andare in pellegrinaggio a Roma, e anche a Roma, attraversando la porta santa di una delle basiliche principali, dopo essersi confessato e aver fatto la comunione, potrà ottenere l’indulgenza plenaria. L’indulgenza – che è la remissione non dei peccati, ma di tutte le pene che rimangono da scontare, quando le colpe siano già state perdonate – è una delle caratteristiche principali dei giubilei, e nei secoli ha dato vita anche a deviazioni, tanto che a partire dalla critica alla pratica delle indulgenze Martin Lutero diede vita alla Riforma protestante.

Ma la misericordia resta caratteristica principale di Dio anche per i protestanti, come lo è per cattolici, ebrei e islamici, e un Anno santo intitolato ad essa potrebbe avere risvolti interessanti anche per il dialogo interreligioso e interconfessionale, e per il ruolo che le fedi possono svolgere per la pace mondiale.

Davanti all’architrave di marmo e alle formelle di bronzo della porta santa di San Pietro, il papa latinoamericano invocherà il Dio che manifesta la propria onnipotenza nella misericordia e nel perdono, rifugio per l’umanità che ha bisogno di pace. E tra l’anticipo in Centrafrica e l’invocazione a Cristo, “porta” per la misericordia, c’è già molto del senso che il papa Bergoglio vuole dare a questo evento.

Lo inaugura a 50 anni esatti dalla chiusura del Concilio ecumenico Vaticano II, che voleva dialogare con il mondo moderno con misericordia e mettere la propria compassione al servizio della pace. E lo ha annunciato nel secondo anniversario della sua elezione al soglio di Pietro, quando già era evidente come la misericordia sia non solo nel suo stemma pontificio, ma soprattutto nel cuore del suo pontificato, molla delle sue azioni, anche delle più audaci iniziative di fraternità.

Come si è compreso leggendo la Bolla di indizione del giubileo, “Misericordiae vultus”, papa Francesco percepisce la misericordia, in questo preciso momento storico della Chiesa e dell’umanità, come una urgenza. La misericordia “prima che i trattati”, ha sottolineato il segretario di Stato Pietro Parolin, può costruire “terreni e geografia di pace del mondo”, e il “senso di misericordia” deve contribuire a realizzare gli “equilibri planetari”. La Bolla è anche una esortazione a non cadere nella “indifferenza”, altro grande tema bergogliano.

Un Anno santo delle periferie inoltre non può che diminuire l’importanza del “centro”, e anche questo dà l’idea di come il papa intende la Chiesa, e il rapporto tra le sue strutture centrali, sempre a rischio di trasformarsi da servizio a potere.

Fino al 20 novembre 2016, giorno di chiusura del giubileo, a Roma si svolgeranno una serie di eventi, dalla apertura della porta santa delle altre basiliche giubilari (San Giovanni, San Paolo fuori le mura, Santa Maria Maggiore). Il Papa si è impegnato a tenere un sabato al mese una udienza generale in più, in giugno guiderà nelle basiliche un ritiro spirituale per i pellegrini, e ha annunciato che ogni venerdì compirà un gesto giubilare.

Evento del pontificato cui guardano con simpatia anche non credenti e credenti di altre fedi, il primo giubileo di papa Francesco non segue la logica dei grandi eventi: il Pontefice lo ha voluto sobrio, il che ha frenato i profittatori, e la paura innescata dagli attentati terroristici di Parigi potrebbe ridurre gli arrivi a Roma.

L’allerta è massimo, così anche a casa sua, una delle scommesse per il Papa sarà far passare comunque un messaggio di fraternità, in un contesto blindato e potenzialmente violento. All’apertura della porta santa, sarà presente anche il papa emerito Benedetto XVI. Tra le delegazioni presenti alla messa, anche quella guidata dal presidente italiano Sergio Mattarella. I fedeli che saranno in piazza San Pietro dopo la recita dell’Angelus, saranno i primi a poter varcare la porta santa.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

12:36Massacrato da branco: Pm, indagini difficili, anche omertà

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Molti sono stati ascoltati, alcuni sono stati reticenti, omertosi, altri solo suggestionati dal fatto gravissimo e confusi e ciò può avere determinato ricordi attendibili". Così il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco ha spiegato la "difficoltà delle indagini che sono alla fase iniziale e proseguono: il fatto si presta a letture sociologiche ma l'autorità inquirente deve attenersi alla valutazione delle emergenze istruttorie - ha aggiunto il magistrato - e non possiamo farci condizionare da affermazioni tipo pestaggio di gruppo, dobbiamo valutare la posizione di tutti".

12:28Massacrato da branco: Emanuele aggredito più volte

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "I due fermati sono gli autori dell'aggressione letale che ha causato le lesioni al capo mortali". Così il Procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco sui fermi per la morte di Emanuele Morganti. "Una volta fuori da locale e in posti diversi ci sono state più aggressioni da parte di alcune persone, aggressioni con modalità diverse ed intensità diverse", ha aggiunto. "Sono stati ravvisati indizi gravi nei confronti di due persone che sono state fermate a Roma - ha detto ancora -. Sono quelle nei cui confronti alla luce della ricostruzioni ci sono indizi univoci sulla condotta violenta nella fase terminale".

12:26Calcio: cantiere Arsenal, 12 sono in scadenza di contratto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - L'era di Arsène Wenger volge al termine e molti calciatori, come l'allenatore francese, potrebbero lasciare l'Arsenal. La squadra londinese, in vista del futuro, è un cantiere aperto, come conferma il dato relativo ai contratti di 12 giocatori, che scadranno a giugno o l'anno prossimo. Il primo contratto in scadenza saranno quelli di Santi Cazorla e Yaya Sanogo. Al centrocampista spagnolo, che in questo momento è infortunato, non dispiacerebbe tornare nella Liga. Gli altri 10 'gunners' sono legati al club fino al 2018, tra loro anche Alexis Sanchez e Mesut Ozil: il primo sembra intenzionato a tornare in Serie A, mentre il fantasista tedesco ha recentemente dichiarato di "trovarsi bene", a Londra. Anche i vari Ramsey, Oxlade-Chamberlain, Gibbs, Mertesacker e Jenkinson hanno i contratti in scadenza 2018, come Jack Wilshere, Wojciech Szczesny e Joel Campbell, attualmente in prestito al Bournemouth, alla Roma e allo Sporting Lisbona. Il loro futuro dipenderà dalla scelta dell'allenatore.

12:24Aeronautica: Mattarella a Gioia del Colle per 94/o Arma

(ANSA) - GIOIA DEL COLLE (BARI), 28 MAR - Il presidente della Repubblica e Capo delle Forze armate, Sergio Mattarella, è arrivato all'aeroporto 'Antonio Ramirez' di Gioia del Colle dove poco fa è iniziata la cerimonia per il 94/o anniversario della fondazione dell'Aeronautica militare e per il centenario della costituzione dei primi cinque gruppi 'caccia'. Alla cerimonia partecipano, tra gli altri, il presidente del Senato, Pietro Grasso, la vice presidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Capo di Stato maggiore della Difesa, gen. Claudio Graziano, il Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica, gen. Enzo Vecciarelli, e il comandante del 36/o Stormo dell'Aeronautica militare, di stanza a Gioia del Colle, col. Bruno Levati. Nel corso della cerimonia Mattarella consegnerà cinque onorificenze al valore aeronautico e due al merito aeronautico a sette militari dell'Arma distintisi in complesse operazioni di servizio.

12:23Senato: arrivata lettera dimissioni Minzolini

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Augusto Minzolini ha presentato in mattinata al Senato la sua lettera di dimissioni da parlamentare. Ora le sue dimissioni dovranno essere accettate o meno dall'Assemblea di Palazzo Madama. "Oggi mi sono dimesso. Sono andato stamattina e ho presentato la lettera. Perché sono una persona seria e non prendo lezioni da altri. La lettera l'ho presentata alla Presidenza del Senato", ha detto poi Minzolini a L'aria che tira su La7.

12:23Garlasco: archiviata a Pavia inchiesta bis su Sempio

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il gip di Pavia Fabio Lambertucci ha archiviato l'inchiesta su Andrea Sempio, il giovane finito indagato per l'omicidio di Chiara Poggi in seguito al deposito al pg di Milano di indagini genetiche commissionate dai legali di Alberto Stasi, l'ex fidanzato della giovane che sta scontando una condanna definitiva a 16 anni di carcere. Il giudice di Pavia con un provvedimento depositato oggi ha accolto l'istanza del procuratore aggiunto Mario Venditti e del pm Giulia Pezzino.

12:22Oltre 8,3 mln donne sottomesse psicologicamente

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Atti sessuali degradanti e umilianti, rapporti non desiderati e subiti come violenza, abusi o molestie fisiche sessuali gravi come stupri o tentati stupri: il 21% delle donne, oltre 4,5 milioni, li ha subiti nel corso della propria vita, un milione e 157 mila nelle sue forme più gravi, lo stupro (653mila) e tentato stupro (746mila). E ancora: il 20,2% delle donne tra i 16 e i 70 anni, 4,3 milioni, è stata vittima di violenza fisica, minacce, schiaffi, pugni, calci. Un crescendo che in una minoranza dei casi, l'1,5%, ha portato a danni seri e permanenti, per strangolamento, ustione, soffocamento. E il 40,4% delle donne, oltre 8,3 milioni di donne, è stata vittima di violenza psicologica al centro di una giornata di approfondimento sul tema. "Prima di arrivare alla violenza efferata ci sono i sintomi - commenta la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Teresa Amici -. E questo avviene fin dai banchi di scuola. È impressionante la regressione nei rapporti tra sessi nella scuola italiana".

Archivio Ultima ora