Natale: volano i consumi alimentari. Abete finto batte quello vero

Pubblicato il 07 dicembre 2015 da redazione

albero-natale

ROMA. – Panettoni, pandoro, cioccolato made in Italy fanno sempre più gola all’estero: nell’ultimo anno le vendite oltreconfine sono volate per un valore di 309,1 milioni di euro, +10,2% rispetto all’anno precedente. Lo segnala la Confartigianato.

Spinti dall’imminenza delle feste natalizie, anche i consumi interni rialzano la testa. Così le vendite di prodotti alimentari, a dicembre, segnano 15,2 miliardi, vale a dire 2,6 miliardi in più (+21,2%) rispetto alla media dei consumi mensili di tutto l’anno. Ed è ancora il food a spingere l’inversione dei tendenza dei consumi nel 2015: dopo 9 anni, rispunta il segno più per le vendite interne di alimentari, nei primi 9 mesi +0,5%.

Numeri che si allineano bene – indica ancora lo studio di Confartigianato – al trend dell’export per il food made in Italy che nel 2015 ha registrato un vero e proprio record: ben 29,6 miliardi di euro. Francia, Germania, Regno Unito i paesi più ‘golosi’: da inizio anno i francesi hanno comprato 75,1 milioni di euro di dolci natalizi tricolori; la Germania 53,8 milioni, Gb 34,3 milioni.

Ma il vero exploit di acquisti ‘dolci’ va negli Usa che hanno comprato il 45,5% di prodotti in più rispetto al 2014. ”Se il nostro cibo va forte sulle tavole di tutto il mondo – sottolinea il Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti – il merito è anche delle 90.977 aziende artigiane del settore, di cui 43.575 imprese specializzate nella pasticceria, che danno lavoro a 159.753 addetti. Un patrimonio economico e di tradizione culturale che va costantemente difeso e valorizzato”.

Nelle case degli italiani, accanto alla tavola imbandita, non mancherà il tradizionalissimo abete, però sempre più ‘sintetico’. Il 64% delle famiglie, secondo il Codacons, quest’anno opta infatti per l’abete finto mentre scende al 36% la fetta di fedelissimi all’albero vero. Alla base della scelta, la comodità, la varietà di modelli, la possibilità di riutilizzo negli anni.

Anche in Italia però si sta affermando una ‘terza via’, quella dell’ ‘affitto’ di un vero abete. Una pratica che consente – segnalano Federconsumatori e Abusbef – di avere nel proprio salotto un albero autentico, senza dover poi provvedere a ricollocare la pianta dopo le feste. Infatti alcune aziende si impegnano a piantare gli abeti, riconsegnati dai consumatori dopo il periodo natalizio, preservando ambiente e patrimonio paesaggistico.

Sempre all’insegna del riciclo il fai da te dei decori natalizi: una tendenza che garantisce un risparmio del 44%, assicurano le due associazioni.

Ultima ora

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

00:16Calcio: Ventura, “campionato dal 13/8? Bisogna fare scelta”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Siamo di fronte ad una scelta: o prendiamo la strada della costruzione, per rendere la nazionale più competitiva, o ci affidiamo solo alla buona sorte e alla casualità". Lo ha detto il ct azzurro, Gian Piero Ventura, in merito alla possibilità di cominciare il campionato a metà agosto in vista dell'importantissima sfida a settembre con la Spagna. "Non conta una data, il discorso è più ampio - ha aggiunto -. Tanto per fare un esempio, nell'anno dopo il Mondiale la Germania comincia il campionato a fine agosto, mentre l'anno prima inizia il 10 agosto e l'anno dell'Europeo il 12. Perché? Perché vogliono vincere. E' un segnale di quanto la federazione sia forte".

Archivio Ultima ora