Crescono le entrate tributarie, la lotta all’evasione arranca

Pubblicato il 07 dicembre 2015 da redazione

tributarie

ROMA. – Crescono le entrate tributarie con 11 miliardi in più nei primi 10 mesi dell’anno (+7 miliardi al netto delle partite straordinarie). Una crescita corroborata dagli incassi Iva che continuano a risentire del buon andamento degli scambi interni ma anche degli incassi per lo ‘split payment’. Va male invece il gettito della lotta all’evasione attraverso accertamenti e controlli che registra un segno meno (-110 milioni).

Il Mef fornisce il quadro dei primi 10 mesi dell’anno che mostra in qualche modo segnali di ripresa, soprattutto alla voce Iva, ma induce qualche timore sul fronte della lotta all’evasione che già da mesi però mostra segni di debolezza.

Nel periodo gennaio-ottobre 2015 – spiega il Mef – le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 331.674 milioni di euro, con un aumento del 3,5% (+11.129 milioni) rispetto allo stesso periodo del 2014. Ai fini di un confronto omogeneo, neutralizzando entrate straordinarie del 2014 e tenendo conto degli elementi che hanno determinato l’andamento delle ritenute di lavoro dipendente, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale del +2,2% (+7.096 milioni di euro).

La crescita delle entrate tributarie compensa così ampiamente il venir meno del gettito dell’imposta sostitutiva sui maggiori valori delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia, pari a 1.791 milioni di euro, e dell’imposta sostitutiva sulla rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni.

Tra le imposte indirette prosegue la crescita delle entrate Iva che aumentano di 3,373 miliardi (+3,9%) grazie all’andamento positivo della componente relativa agli scambi interni e dei versamenti dovuti in base all’applicazione dello “Split Payment” (+5,1%, pari a +3.852 mln). In calo il gettito registrato dalle importazioni dai Paesi extra-UE (-4,4% pari a -479 milioni di euro).

Complessivamente per le imposte indirette il gettito ammonta a 152.192 milioni, in aumento dell’ 1% (+1.556 milioni) rispetto allo stesso periodo del 2014. Le imposte dirette registrano un gettito pari a 179.482 milioni, in aumento del 5,6% (+9.573 milioni). Le entrate Irpef crescono del 6,9% (+8.910 milioni), per effetto dell’andamento positivo delle ritenute di lavoro dipendente (+ 9.896 milioni).

Tale andamento risente sia degli effetti delle disposizioni relative al modello di versamento delle imposte che prevedono, da quest’anno, l’indicazione dell’Irpef al lordo delle compensazioni di imposta effettuate, sia del meccanismo di regolazione contabile del bonus degli 80 euro fino ad oggi corrisposto, che per il settore pubblico avviene l’anno successivo a quello di attribuzione (1.850 milioni).

Depurando da questi effetti la crescita è del 2,2% (+2.402 milioni). In crescita anche l’Ires (+195 milioni, pari a +1,1%) grazie ai maggiori versamenti in autoliquidazione che confermano un quadro congiunturale in miglioramento rispetto all’anno scorso. Il risultato è ancora più significativo se si tiene conto del venir meno, nel 2015, dei maggiori versamenti a saldo effettuati lo scorso anno a titolo di addizionale Ires.

Infine il gettito dell’attività di accertamento e controllo presenta una diminuzione di 1,6% (-110 milioni) determinata dai minori incassi dai ruoli relativi alle imposte dirette (-6,9%), in parte compensato dall’aumento riscontrato nei ruoli Iva (+9,3%).

Ultima ora

00:43Hockey ghiaccio: 3-2 ad Asiago, Rittner è campione d’Italia

(ANSA) - ASIAGO, 22 GEN - Il Rittner Buam si conferma club campione d'Italia di hockey ghiaccio dopo aver battuto in rimonta la Migross Asiago per 3-2 nella finalissima per il titolo tricolore. Dopo una partenza molto buona dei padroni di casa, c'è stata la rimonta degli ospiti che hanno recuperato un doppio svantaggio tra primo e secondo tempo. Nel terzo periodo il Rittner ha conservato la rete di vantaggio di Alex Frei e così ha vinto il secondo scudetto consecutivo, il terzo in quattro anni. Il Rittner Sport, club che ha sede a Renon, comune di quasi 8.000 abitanti della provincia di Bolzano, e l'Asiago erano arrivate alla sfida per l'83/o scudetto della storia dell'hockey ghiaccio italiano battendo nelle semifinali scudetto rispettivamente il Cortina Hafro (5-2) e il Val Pusteria (3-1).

00:38Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della prima giornata di ritorno del campionato di serie A di basket: Dolomiti Energia Trentino - Enel Brindisi 84-48 The Flexx Pistoia - Vanoli Cremona 64-59 Openjobmetis Varese - Banco di Sardegna Sassari 76-83 Umana Reyer Venezia - Red October Cantù 93-72 Germani Brescia - Consultinvest Pesaro 99-68 EA7 Armani Milano - Betaland Capo d'Orlando 90-74 Grissin Bon Reggio E. - Pasta Reggia Caserta 85-86 Fiat Torino - Sidigas Avellino 84-79 - Classifica: Milano 28; Venezia 24; Avellino 22; Reggio Emilia e Sassari 18; Caserta, Capo d'Orlando, Brescia, Torino e Pistoia 16; Trentino e Brindisi 14; Cantù 12; Pesaro 10; Cremona e Varese 8.

00:22Calcio: Roma-Cagliari 1-0, giallorossi di nuovo a -1 da Juve

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Roma ha battuto il Cagliari per 1-0 nel posticipo serale della 21/a giornata. A decidere il match è stata una rete di Dzeko al 10' della ripresa. Per i giallorossi, ora di nuovo a -1 dalla Juventus capolista, è la 13/a vittoria consecutiva all'Olimpico, un record per le partite in casa. Nel finale nel Cagliari, che rimane a 26 punti in classifica, rosso diretto a Joao Pedro, entrato al 21' st, per un brutto fallo su Strootman.

00:02Calcio:Coppa Africa,Gabon fuori,a 4/i Camerun e Burkina Faso

(ANSA) - LIBREVILLE, 22 GEN - Cocente delusione, e qualche contestazione, in Gabon per l'eliminazione dalla Coppa d'Africa della nazionale di casa. Oggi Aubameyang e compagni non sono riusciti ad andare al di là dello 0-0 contro il Camerun, così a passare il turno, e qualificarsi per i quarti di finale assieme ai Leoni Indomabili, sono stati gli Stalloni del Burkina Faso, vincitori per 2-0 (reti di Nakoulma e B. Traore) sulla Guinea Bissau. Questa la classifica finale del girone A: Burkina Faso e Camerun 5; Gabon 3; Guinea Bissau 1.

23:52Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della settima giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Sir Safety Perugia 3-2 (25-22, 19-25, 25-21, 21-25, 15-11) Exprivia Molfetta - Top Volley Latina 3-2 (20-25, 25-20, 22-25, 25-22, 15-7) Gi Group Monza - Kioene Padova 3-1 (25-17, 25-19, 19-25, 28-26) (giocata venerdì 20) Diatec Trentino - Bunge Ravenna 3-0 (25-23, 25-18, 25-22) (giocata ieri) Calzedonia Verona - Revivre Milano 3-1 (20-25, 25-23, 25-17, 27-25) Lpr Piacenza - Biosì Indexa Sora 3-2 (25-23, 25-20, 17-25, 24-26, 15-12) Lube Civitanova - Callipo Vibo Valentia 3-1 (25-15, 25-18, 23-25, 25-13) - Classifica: Lube Civitanova 53; Sir Safety Perugia e Diatec Trentino 47; Azimut Modena 45; Calzedonia Verona 40; Lpr Piacenza 32; Gi Group Monza 31; Callipo Vibo Valentia 24; Exprivia Molfetta 22; Bunge Ravenna 20; Top Volley Latina 19 Kioene Padova 14; Biosì Indexa Sora e Revivre Milano 13.

23:50Gambia: ‘Jammeh è scappato con cassa stato e auto lusso’

(ANSA) - BANJUL, 22 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh, che ha a lungo rifiutato di lasciare il potere benché battuto alle elezioni e che da ieri è in esilio all'estero, è scappato portandosi dietro la cassa dello stato - 11,4 milioni di dollari, e anche automobili di lusso in aereo: è quanto ha affermato in serata uno dei principali consiglieri del neoeletto presidente Adama Barrow, il cui ritorno in patria dal vicino Senegal è atteso da un momento all'altro.

23:50Calcio: Gullit, in Italia ho imparato la bellezza della vita

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Qui in Italia ho imparato ad apprezzare la bellezza della vita": Ruud Gullit ha ripercorso il suo passato italiano tra Milan e Sampdoria parlando con Fabio Fazio. L'olandese ha parlato tra l'altro dell'esperienza nel grande Milan di Arrigo Sacchi: "Sacchi non parlava inglese benissimo: una volta mi voleva dire che dovevo fare una finta e mimando il gesto si è stirato un muscolo del collo. Era un grande allenatore e un personaggio, ma anche un fanatico: urlava sempre". L'olandese ha mostrato umanità scherzando sulla sua immagine e citando i suoi tentativi di lasciare una traccia anche fuori dal calcio, come quando dedicò il Pallone d'Oro a Nelson Mandela. "Mi disse che quando era in prigione non aveva nessuno ed ero uno dei suoi pochi amici - ha detto Gullit -: per noi in Olanda era importante parlare dell'apartheid". Poi i ricordi del periodo alla Sampdoria: "Trovai la libertà di giocare e la felicità perché per le strade potevo girare tranquillamente. Tornato al Milan lo feci col cuore, ma fu un errore".

Archivio Ultima ora