Roma all’altezza del suo compito. Prefetto, resta massima allerta

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

Un agente della polizia davanti piazza San Pietro, Citta' del Vaticano, 29 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

Un agente della polizia davanti piazza San Pietro, Citta’ del Vaticano, 29 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Un giorno blindato per la Capitale ma è solo il primo giorno del Giubileo ai tempi dell’Isis. “Noi non abbassiamo la guardia, a Roma sarà sempre allerta massima per tutto l’Anno santo”, dice il prefetto Franco Gabrielli quando ormai alle 19 può, almeno per adesso, tirare un sospiro di sollievo.

Parole in linea con quelle del governo, pronunciate dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti: Roma “si è mostrata all’altezza del suo compito di accogliere tutti. Le istituzioni proseguiranno nell’impegno affinché il Giubileo di Papa Francesco sia un successo”. E aggiunge: “E’ stata una giornata davvero bella. Dal sagrato di San Pietro si sono sentite le più diverse lingue del mondo, in un messaggio di fratellanza universale che la Chiesa manda e che riguarda tutti”.

Gabrielli smorza le eventuali polemiche sul flop di presenze: “avevamo previsto tra i 50 mila e i 100 mila ma siamo sicuri che il picco ci sarà a Pasqua”, e si augura che i controlli “ben accetti oggi dalla gente” e l’elevata percezione di sicurezza “riporteranno nuovamente le persone nella Capitale”.

Intanto Roma si è presentata come una città chiusa. Strade e piazze sigillate e super sorvegliate da telecamere, forze dell’ordine, uomini dei reparti speciali. No fly zone, doppi controlli ai pellegrini nell’area rossa, metal detector, duemila agenti, militari a presidio delle metro, strade chiuse, cecchini ed elicotteri a vegliare su Piazza san Pietro. E non solo. Frequenze radio sotto controllo e il fiume Tevere pattugliato da poliziotti su moto d’acqua.

Il dispositivo sicurezza al suo debutto per l’Anno Santo funziona senza intoppi. E’ stato un giorno blindato per la Capitale. Inizia così l’Anno Santo straordinario voluto da Papa Francesco che ha aperto la Porta Santa davanti a circa 50-70 mila pellegrini che affollavano piazza San Pietro.

Dopo gli attentati di Parigi e le minacce dell’Isis rivolte a Roma la macchina sicurezza messa in piedi per l’occasione è stata imponente: dalla no fly zone, ovvero l’interdizione totale al volo scattata in mattinata in un raggio di 10 chilometri dal centro della città, ad una zona rossa attorno al Vaticano con strade chiuse e controlli ferrei.

Anzi doppi: i primi in via della Conciliazione – non si vuole lasciare nulla al caso, quindi le forze dell’ordine guardano borse, tasche e anche passeggini e carrozzine – i secondi sotto il colonnato del Bernini con i metal detector. Tutto è filato liscio, solo un falso allarme bomba nel quartiere Prati dove un pacco sospetto è stato rivenuto a pochi passi dalla stazione metro Lepanto.

Mobilitati per una giornata di massima allerta poliziotti e carabinieri, compresi reparti speciali, finanzieri, l’Esercito e l’Aeronautica con caccia intercettori e radar. A vigilare a largo raggio, invece, sono state le unità operative antiterrorismo, personale della polizia altamente specializzato ed equipaggiato. In campo anche 900 vigili urbani.

Previsti inoltre diversi divieti: come quello di trasportare carburanti, Gpl e metano dentro il Gra ma anche armi, munizioni, esplosivi, gas tossici e fuochi d’artificio. Vigilate anche le frequenze radio: per evitare attacchi terroristici o semplici guasti che possano minare l’efficienza delle comunicazioni tra le forze dell’ordine è scesa in campo una task force del Ministero dello Sviluppo economico.

Una squadra speciale ‘acchiappadisturbi’, dotata di ‘ambulanze delle frequenze’ e ‘auto interceptor’ per localizzare in tempo reale eventuali interferenze al sistema radio. Ed intervenire immediatamente per risolvere il problema.

La task force sarà attiva per tutto il Giubileo della Misericordia nei momenti clou dell’Anno Santo. Insomma la Capitale ha superato un primo importante test. Davanti a sé ora Roma ha un anno intero in cui nessuno può permettersi di abbassare la guardia. “Questo è solo un 347 esimo del nostro sforzo”, scandisce Gabrielli. Oggi è stato solo l’inizio.

(di Davide Muscillo/ANSA)

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora