Roma all’altezza del suo compito. Prefetto, resta massima allerta

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

Un agente della polizia davanti piazza San Pietro, Citta' del Vaticano, 29 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

Un agente della polizia davanti piazza San Pietro, Citta’ del Vaticano, 29 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Un giorno blindato per la Capitale ma è solo il primo giorno del Giubileo ai tempi dell’Isis. “Noi non abbassiamo la guardia, a Roma sarà sempre allerta massima per tutto l’Anno santo”, dice il prefetto Franco Gabrielli quando ormai alle 19 può, almeno per adesso, tirare un sospiro di sollievo.

Parole in linea con quelle del governo, pronunciate dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti: Roma “si è mostrata all’altezza del suo compito di accogliere tutti. Le istituzioni proseguiranno nell’impegno affinché il Giubileo di Papa Francesco sia un successo”. E aggiunge: “E’ stata una giornata davvero bella. Dal sagrato di San Pietro si sono sentite le più diverse lingue del mondo, in un messaggio di fratellanza universale che la Chiesa manda e che riguarda tutti”.

Gabrielli smorza le eventuali polemiche sul flop di presenze: “avevamo previsto tra i 50 mila e i 100 mila ma siamo sicuri che il picco ci sarà a Pasqua”, e si augura che i controlli “ben accetti oggi dalla gente” e l’elevata percezione di sicurezza “riporteranno nuovamente le persone nella Capitale”.

Intanto Roma si è presentata come una città chiusa. Strade e piazze sigillate e super sorvegliate da telecamere, forze dell’ordine, uomini dei reparti speciali. No fly zone, doppi controlli ai pellegrini nell’area rossa, metal detector, duemila agenti, militari a presidio delle metro, strade chiuse, cecchini ed elicotteri a vegliare su Piazza san Pietro. E non solo. Frequenze radio sotto controllo e il fiume Tevere pattugliato da poliziotti su moto d’acqua.

Il dispositivo sicurezza al suo debutto per l’Anno Santo funziona senza intoppi. E’ stato un giorno blindato per la Capitale. Inizia così l’Anno Santo straordinario voluto da Papa Francesco che ha aperto la Porta Santa davanti a circa 50-70 mila pellegrini che affollavano piazza San Pietro.

Dopo gli attentati di Parigi e le minacce dell’Isis rivolte a Roma la macchina sicurezza messa in piedi per l’occasione è stata imponente: dalla no fly zone, ovvero l’interdizione totale al volo scattata in mattinata in un raggio di 10 chilometri dal centro della città, ad una zona rossa attorno al Vaticano con strade chiuse e controlli ferrei.

Anzi doppi: i primi in via della Conciliazione – non si vuole lasciare nulla al caso, quindi le forze dell’ordine guardano borse, tasche e anche passeggini e carrozzine – i secondi sotto il colonnato del Bernini con i metal detector. Tutto è filato liscio, solo un falso allarme bomba nel quartiere Prati dove un pacco sospetto è stato rivenuto a pochi passi dalla stazione metro Lepanto.

Mobilitati per una giornata di massima allerta poliziotti e carabinieri, compresi reparti speciali, finanzieri, l’Esercito e l’Aeronautica con caccia intercettori e radar. A vigilare a largo raggio, invece, sono state le unità operative antiterrorismo, personale della polizia altamente specializzato ed equipaggiato. In campo anche 900 vigili urbani.

Previsti inoltre diversi divieti: come quello di trasportare carburanti, Gpl e metano dentro il Gra ma anche armi, munizioni, esplosivi, gas tossici e fuochi d’artificio. Vigilate anche le frequenze radio: per evitare attacchi terroristici o semplici guasti che possano minare l’efficienza delle comunicazioni tra le forze dell’ordine è scesa in campo una task force del Ministero dello Sviluppo economico.

Una squadra speciale ‘acchiappadisturbi’, dotata di ‘ambulanze delle frequenze’ e ‘auto interceptor’ per localizzare in tempo reale eventuali interferenze al sistema radio. Ed intervenire immediatamente per risolvere il problema.

La task force sarà attiva per tutto il Giubileo della Misericordia nei momenti clou dell’Anno Santo. Insomma la Capitale ha superato un primo importante test. Davanti a sé ora Roma ha un anno intero in cui nessuno può permettersi di abbassare la guardia. “Questo è solo un 347 esimo del nostro sforzo”, scandisce Gabrielli. Oggi è stato solo l’inizio.

(di Davide Muscillo/ANSA)

Ultima ora

15:21Gb: la sorpresa di Diana a William, 3 top model a casa

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Tornare a casa e trovarsi davanti a Cindy Crawford, Naomi Campbell e Christy Turlington. E' la sorpresa che la principessa Diana fece trovare ad un incredulo William, allora 13enne, che aveva in camera i poster di tutte e tre. "Le ho trovate sulle scale di ritorno da scuola", racconta il principe nel documentario di ITV, 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Sono diventato rosso in volto e non sapevo cosa dire. Credo di aver balbettato qualcosa e di essere inciampato per le scale mentre salivo. E' davvero un bel ricordo che vivrà con me per sempre", ha ricordato William.

14:41Calcio: Mourinho vuole Verratti, Psg chiede soldi e Martial

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Josè Mourinho ha messo gli occhi su Marco Verratti. Lo scrive oggi il 'Mirror', secondo cui i Red Devils avrebbero presentato un'offerta di 60 milioni di sterline (78 mln di euro)al Psg, disposto ad aprire una trattativa solo se nell'operazione venisse inserito Martial, il giovane esterno offensivo francese che piace anche all'Inter (anche in questo caso come eventuale contropartita nell'affare Perisic). A condurre la trattativa, scrive il tabloid, è il vicepresidente esecutivo dello United, Ed Woodward, che sta proseguendo nei colloqui con la dirigenza parigina. A favore del club britannico può giocare il fatto che il nuovo procuratore dell'azzurro è Mino Raiola che con lo United ha negoziato altri ricchissimi trasferimenti (Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan).

14:22Inter: Spalletti, mercato? Oggi parlo con Sabatini e Ausilio

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Dopo l'allenamento parlerò con Walter Sabatini e Piero Ausilio, ci vedremo tutti insieme e discuteremo". Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida contro il Lione, prima partita dell’International Champions Cup dell’Inter in Cina, annuncia il summit di mercato con i dirigenti nerazzurri. Nel mirino ci sarebbe anche Keita Baldé, eventuale sostituto di Ivan Perisic. Spalletti, però, preferirebbe poter contare ancora sull’attaccante croato: “E' un giocatore importante per me, poi bisogna chiedere a lui come sta vivendo questo interesse da parte dello United. Questo è sicuramente positivo, vuol dire che il giocatore è forte. Se l'Inter dovesse accettare un certo tipo di richiesta, andremmo a prendere un giocatore altrettanto importante”. Sabatini e Ausilio parleranno anche con Zhang Jindong e i dirigenti cinesi.

14:20Gerusalemme: Mufti contro i metal detector e altri controlli

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - Nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme Israele deve ripristinare la situazione che era in vigore fino al 14 luglio scorso, ossia prima dell'attentato in cui tre arabi israeliani hanno ucciso due agenti israeliani. Questa la posizione ribadita oggi dal Mufti di Gerusalemme, sceicco Muhammad Hussein, mentre in Israele si diffondono voci secondo cui la polizia potrebbe sostituire i metal detector installati la settimana scorsa con altri sistemi di sicurezza. "Noi non accetteremo i metal detector né alcun sistema alternativo", ha precisato il Mufti in un'intervista radio. "Tutto deve tornare a quanto era in vigore il 14 luglio. La Spianata - ha insistito - è una zona occupata e le autorità di occupazione non hanno diritto di apportarvi cambiamenti".

14:15Iraq: Wp, Isis avrebbe potuto costruire ‘bomba sporca’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'Isis in Iraq ha avuto tra le mani materiale radioattivo per costruire una 'bomba sporca', ma non lo ha fatto. Lo scrive con ampio rilievo il Washington Post. Secondo il quotidiano Usa, dopo la conquista di Mosul nel 2014, i jihadisti si trovarono di fronte ad uno dei più grandi arsenali mai caduti nelle mani di un gruppo terrorista: basi militari fornite di armi, bombe, razzi e anche carri armati. Ma l'arma più temibile a Mosul non fu mai usata. E solo ora emerge cosa avvenne. I jihadisti trovarono in un deposito dell' università irachena quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo. Che, nelle loro mani, avrebbe potuto diventare l'ingrediente di base per un eventuale 'bomba sporca'. Perché lo stato islamico non sia riuscito a sfruttare l'arma in suo possesso rimane un mistero. Secondo militari Usa ed esperti nucleari, i jihadisti potrebbero essere stati frenati da problemi pratici: come smontare i rivestimenti di protezione dei macchinari senza correre il rischio di fughe radioattive.

14:05Incendi: 18 roghi attivi nel cosentino, canadair al lavoro

(ANSA) - COSENZA, 23 LUG - Sono 18 gli incendi attivi questa mattina nella provincia di Cosenza, in particolare sulla costa tirrenica e ionica. L'attenzione, hanno fatto sapere dalla centrale operativa del Comando provinciale di Cosenza dei Vigili del fuoco, al momento è concentrata su un incendio scoppiato nel comune di Domanico, piccolo paese vicino alla città bruzia, perché le fiamme sono vicine al centro abitato. Altri incendi di una certa intensità si registrano a San Demetrio Corone, Mormanno, Trebisacce e Scalea dove sono in azione sia i canadair che gli elicotteri. Al momento non sono segnalati particolari danni o disagi per i cittadini. (ANSA).

14:05Israele: Netanyahu, casa assassino sarà demolita

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - "Sarà demolita al più presto la casa dello spregevole assassino" che venerdì ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro abitazione di Halamish, un insediamento ebraico in Cisgiordania. Lo ha anticipato oggi al governo israeliano il premier Benyamin Netanyahu. "Yosef, Haya ed Elad Solomon - ha aggiunto - sono stati uccisi da una belva umana, aizzata da odiatori di ebrei". I loro funerali sono in programma oggi.

Archivio Ultima ora