Calcio venezuelano: Lo Zamora di Stifano é una macchina vincente

Pubblicato il 09 dicembre 2015 da redazione

stifano

CARACAS – Possesso palla, pressing, velocità, cinico sotto porta. C’è in realtà una sola parola che racchiude tutto questo, una parola che è anche il titolo di una favola, lo Zamora, attualmente, é una delle più belle del calcio venezuelano: “Una macchina perfetta”. Protagonisti di questa storia un allenatore italo-venezuelano, Francesco Stifano ed un gruppo di ragazzi non famosi, ma con tanta fame di vittorie.

In questo Torneo Adecuación, lo Zamora ha incantato tutti ed ha stabilito diversi record d’imbattibilità: grazie all’ottima performance si é guadagnato il diritto di rappresentare il Venezuela nella Coppa Sudamericana 2016 e disputare la finale del campionato contro il Deportivo La Guaira.

Dall’arrivo del tecnico di origine campana, la squadra ha iniziato a carburare poco a poco, e poi come i motori diesel é partita e non si é più fermata.

Nello Zamora la dimostrazione che ogni elemento può fare la differenza sta nel fatto che quando bisogna attaccare sanno essere cinici e quando bisogna difendere sono tenaci e agguerriti senza lasciare spazio agli avversari.

In questa fetta di stagione, la squadra bianconera ha partecipato a tre competizioni (Torneo Adecuación, Coppa Venezuela e Coppa Sudamerica), e in tutte ha dato filo da torcere agli avversari ed ha venduto cara la pelle.

Francesco Stifano sta preparando la gara di Barinas senza pressioni e in un ambiente di estrema tranquillità: “Questa finale dura 180 minuti e giocheremo contro un’ottima squadra – afferma il mister di origine campana, aggiungendo –in queste gare bisogna mantenere la calma e la tranquillità, ma senza dimenticare di continuare a giocare come abbiamo fatto finora. Non tutti i giorni si gioca una finale e dobbiamo godercela al massimo e con estrema responsabilità. Anche se l’obiettivo d’inizio stagione é stato raggiunto (la qualificazione alla Coppa Sudamericana, ndr), vincere fa sempre piacere”.

Quella di questa sera contro il Deportivo La Guaira sarà la prima finale come allenatore per Stifano in ‘Primera División’. Le due formazioni, si sono già affrontate in questa stagione, il match risale alla quinta giornata del Torneo Adecuación, allora finí 1-1. Ma c’é da segnalare che in quel momento gli ingranaggi di questa macchina vincente non erano ancora calibrati, adesso sarà un’altra storia.

“Abbiamo voltato pagina rispetto a quella gara, la squadra ha cambiato tanto da quel momento, quella di Barinas sarà completamente distinta. Sappiamo che le finali si vincono curando i piccoli dettagli. Il Deportivo La Guaira é una squadra che sta giocando bene, ha ottimi giocatori in tutti i reparti, però noi punteremo al nostro schema che tante gioie ci ha regalato finora” ha concluso Stifano.

Dal suo arrivo, la furia llanera, ha disputato 31 gare con un bottino di 17 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte. Gli attaccanti messi in campo da Stifano hanno sfondato in 58 occasioni la porta avversaria e la difesa ha incassato 35 reti.

Quello che stanno facendo Stifano ed i suoi ragazzi in questo Torneo Adecuación nessuno potrà mai cancellarlo. Non è un caso che questo Zamora, che guarda negli occhi e sfida a viso aperto le grandi del calcio venezuelano, sia predestinato a rimanere nel cuore di tutti gli appassionati e nella storia del calcio venezuelano.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora