Adesso sarà più difficile ottenere il visto per viaggiare in Usa

Pubblicato il 09 dicembre 2015 da redazione

Come-fare-per-lavorare-negli-Stati-Uniti

WASHINGTON. – Non è ancora legge, ma è il primo passo e un segnale chiaro, il voto alla Camera dei rappresentanti Usa con una larga maggioranza (407 favorevoli e 19 contrari) di una proposta di legge che prevede una stretta sul sistema di esenzione dei visti per l’ingresso nel Paese. Oggetto del provvedimento è il cosiddetto ‘Waiver Visa program’ che interessa i cittadini di 38 Paesi (anche l’Italia) cui al momento è consentito l’ingresso negli Stati Uniti, e per una permanenza di 90 giorni al massimo, senza la necessità di richiedere un visto.

I cambiamenti proposti revocherebbero questa possibilità, rendendo necessario appunto il visto, per chiunque abbia visitato Iraq e Siria – e secondo alcune fonti anche l’Iran- negli ultimi cinque anni, anche se provenienti da Paesi fino ad ora esenti. La proposta – appoggiata dalla Casa Bianca – era stata avanzata dopo gli attacchi di Parigi.

Non è un caso infatti che interessi il “Waiver Visa program” applicato a cittadini provenienti tra gli altri da Belgio e Francia, la provenienza della gran parte degli attentatori che hanno colpito Parigi lo scorso novembre, ed è presentato non come l’introduzione di una restrizione tout-court ma come una stretta sui controlli. Non si tratta inoltre di una legge a sè stante, ma di un provvedimento nell’ambito di una legge di bilancio di fine anno il cui testo complessivo è in questi giorni in fase di ‘limatura’ al Congresso e la cui approvazione finale è attesa per la fine della settimana.

“Ci sono oltre 5.000 individui che hanno passaporti occidentali compresi in questo programma e che sono stati in Iraq o Siria negli ultimi cinque anni”, ha sottolineato il leader della maggioranza repubblicana alla Camera Kevin McCarthy, “queste sono le lacune su cui dobbiamo intervenire”. “Ci aiuterà a neutralizzare la minaccia dell’ingresso nel nostro Paese di terrorisi stranieri”, ha aggiunto lo speaker della Camera Paul Ryan.

Del resto in queste ore più che mai dà da pensare una lista di ‘precedenti’, si ricorda così Richard Reid, ‘l’uomo delle scarpe bomba’, che nel 2001 si imbarcò su un volo da Parigi a Miami senza visto. O Zacarias Moussaoui, tra gli attentatori dell’11 settembre che aveva in precedenza viaggiato da Londra a Chicago con un passaporto francese e senza visto.

Così la proposta raccoglie consensi bipartisan (i democratici alla Camera garantiscono di aver lavorato affinche’ il testo risultasse “ragionevole’ e “misurato”), al contrario di quanto accaduto alcune settimane fa quando, all’indomani degli attacchi di Parigi, la Camera si è spaccata sul programma per l’accoglienza negli Stati Uniti di rifugiati siriani, suscitando l’ira del presidente Barack Obama e mettendo a rischio i suoi annunciati impegni a riguardo, con l’espediente di un taglio di budget poi ‘risparmiato’ al Senato.

Questa volta però le chance che il provvedimento passi in maniera definitiva sono più alte. Allo stesso tempo, e in maniera del tutto separata, si sta lavorando anche su un possibile intervento sul programma che consente di entrare negli Usa da coniuge o fidanzato e usato da Tashfeen Malik, la killer del commando di San Bernardino.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

08:06Wp, legali Trump studiano come minare l’inchiesta Russiagate

(ANSA) - WASHINGTON, 21 LUG - Alcuni degli avvocati che assistono il presidente Donald Trump stanno esplorando modi per limitare o minare l'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto 'Russiagate', nel tentativo di montare il caso su quanto presumono costituisca conflitto di interesse. Lo scrive il Washington Post citando fonti informate, secondo cui inoltre i legali di Trump stanno esaminando i termini della facolta' del presidente di concedere amnistia. Per il New York Times componenti della squadra del presidente, tra avvocati e collaboratori, stanno passando al setaccio il vissuto professionale e politico degli investigatori che collaborano con il procuratore speciale.

07:58Venezuela: ucciso manifestante 24enne in periferia Caracas

(ANSA) - CARACAS, 20 LUG - Un giovane manifestante è morto e almeno altri due sono rimasti feriti oggi dopo essere stati raggiunti da spari di arma da fuoco nel quartiere di Santa Eulalia, a Los Teques, una zona popolare nell'hinterland di Caracas. La notizia, diffusa da vari media locali, è stata confermata dalla deputata Delsa Solorzano, che ha identificato la vittima come Ronney Tejera, di 24 anni. Si tratta della 96/a persona uccisa dall'inizio delle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile. Fonti locali citate dalla stessa Solorzano hanno indicato che "uomini vestiti di nero" e presunti agenti della polizia hanno aperto il fuoco contro un gruppo nel quale si trovava Tejera e gli altri manifestanti che sono rimasti feriti.

07:50Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:45Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:41Terremoto Kos: anche piccolo tsunami

(ANSA) - KOS (GRECIA), 21 LUG - Alcuni testimoni oculari sull'isola di Kos hanno visto il mare ''gonfiarsi'' dopo la scossa di terremoto di magnitudo 6.7 che nella notte ha provocato anche uno tsunami circoscritto. Le autorita' avevano avvertito in effetti della possibilita' di un piccolo maremoto dopo il sisma dell'1.30 della notte ora locale. L'acqua ha invaso una strada di fronte al mare e parte dell'abitato principale dell'isola, dove si trova anche la ''citta' vecchia''. Un'imbarcazione e' stata spinta sulla strada principale e diverse automobili si sono scontrate fra loro a causa dell'innalzamento del livello dell'acqua.

07:32Terremoti: Kos, soccorsi cercano persone intrappolate

KOS (GRECIA) - I soccorritori stanno cercando di recuperare persone intrappolate nell'isola greca di Kos dove un terremoto di magnitudo 6,7 ha colpito l'area nella notte. Le autorita' hanno confermato la morte di due persone mentre circa altre 30 sono ferite. Il sindaco di Kos Giorgos Kyritsis ha detto ai media locali che le costruzioni nel centro della localita' turistica sono state danneggiate ma quelle situate nel resto dell'isola sembrano non aver subito danni.

07:16Terremoti: scossa 6,7 in Mar Egeo, due morti a Kos

ATENE - Due persone sono morte e una dozzina sono rimaste ferite nell'isola greca di Kos, nel mar Egeo, a causa di una scossa di terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito la citta' turca di Bodrum (l'antica Alicarnasso), la costa turca meridionale e le vicine isole greche. La notizia e' riportata fra l'altro dal Daily Mail on line, che parla anche di un'allerta tsunami.

Archivio Ultima ora