Champions: Roma qualificata tra i fischi, delude ancora

Pubblicato il 09 dicembre 2015 da redazione

AS Roma's  Daniele De Rossi (R) vies for the ball with Bate Borisov's Aleksandr Hleb during their UEFA Champions League group E soccer match at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 09 December 2015.  ANSA/ETTORE FERRARI

AS Roma’s Daniele De Rossi (R) vies for the ball with Bate Borisov’s Aleksandr Hleb during their UEFA Champions League group E soccer match at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 09 December 2015. ANSA/ETTORE FERRARI

ROMA. – Sonore raffiche di fischi salutano la qualificazione agli ottavi di Champions della Roma. Sembra un paradosso, invece è la cruda (e meritata) realtà, perchè i giallorossi conquistano quello che era l’obiettivo minimo visto il livello del girone al termine di una partita imbarazzante che ha ridato fiato ai contestatori della squadra e di Garcia. E in cui si è rivelato decisivo il portiere Szczesny, autore nella ripresa di due interventi che hanno salvato il risultato: su Gordeichuk al 23′ st e dieci minuti dopo su Mladenovic, in questo caso con l’aiuto della fortuna visto che poi la successiva conclusione di Stasevich è stata respinta da Rudiger in modo fortuito.

Alla fine per questa qualificazione la Roma deve ringraziare il suo ex allenatore Luis Enrique, che alla guida del Barcellona ha giocato una partita vera anche sul campo del Bayer Leverkusen, nonostante la qualificazione e il primo posto nel gruppo E fossero acquisiti da tempo. Ci si consola così, e pensando che il passaggio al turno successivo in Europa significa guadagni in termini di denaro e quindi, almeno sperano i tifosi, la possibilità di investire sul mercato di gennaio.

La Roma ha bisogno di rinforzi, e anche di fantasia visto che quelli che dovrebbero fornirla continuano a non riuscirci. Pjanic, ad esempio, ha ripetuto la scialba prestazione di Torino, rendendosi pericoloso solo su calcio di punizione dal limite, la sua specialità, e costringendo nel primo tempo Chernik a una parata anche in questo caso, come per le due di Szczesny, decisiva.

La Roma ha mostrato grinta in questo match senza mordente (fatto testimoniato anche dallo zero alla casella del numero degli ammoniti) solo nei primi dieci minuti della ripresa, quando è sembrata desiderosa di cancellare il suo scialbo primo tempo. Così Dzeko si è esibito nell’unico lampo della sua partita (il bosniaco sta diventando un caso, e qualcuno comincia a rimpiangere perfino Destro), ma Chernik ha respinto di piede, poi ci hanno provato ancora Dzeko e Florenzi, prima che Rudiger colpisse di testa mandando il pallone oltre la traversa.

Sono state le uniche fiammate di una Roma che ora si avvicina con preoccupazione a un altro crocevia della propria stagione, quello di domenica contro il Napoli. Higuain fa già paura, ma intanto è meglio festeggiare questo passaggio di turno che, in un modo o nell’altro, è arrivato.

I giallorossi recriminano anche su un salvataggio sulla linea di Milunovic su conclusione di Pjanic e su un altro tiro di Dzeko, forte ma non così pericoloso, parato dal portiere avversario, ma è un voler trovare per forza qualcosa di positivo in una prestazione complessiva per la quale il commento più efficace sono state le bordate di fischi alla fine del primo tempo e poi della partita, e questo anche dopo aver appreso dai tabelloni luminosi che il Barcellona aveva pareggiato a Leverkusen.

Non è questa la Roma che sognava una tifoseria facile alle illusioni ma che per vedere lampi di classe e inventiva dovrà forse attendere il ritorno del suo mito che, a quasi 40 anni, rischia di ritrovarsi di nuovo sulle spalle il peso di dover trascinare la squadra, se le condizioni fisiche glielo permetteranno. Se così sarà, bisognerà ammettere che ancora una volta qualcosa non è andato a livello di calciomercato.

Intanto c’è quasi la certezza che la prossima rivale in Europa sarà una big, con tutti i rischi che ciò comporta, e il timore di un altro tracollo tipo Camp Nou o con il Bayern Monaco.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

19:27Gip: ‘Norberto Confalonieri resti ai domiciliari’

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - Deve restare ai domiciliari Norberto Confalonieri, il primario del Cto-Pini arrestato giovedì scorso e accusato di corruzione, turbativa d'asta e lesioni volontarie sui pazienti, nell'ambito dell'inchiesta dei pm milanesi Eugenio Fusco e Letizia Mannella sulla 'sponsorizzazione' di forniture di protesi di due multinazionali sanitarie (indagate), la Johnson&Johnson e la B.Braun, in cambio di tangenti. Il gip Teresa De Pascale, infatti, ha respinto la richiesta di revoca della misura cautelare presentata dal suo avvocato Ivana Anomali. La difesa del chirurgo sta valutando ora di presentare un'istanza al Riesame. "Affranto e sconcertato dalla gogna mediatica, col cuore in mano, mi rivolgo ai miei pazienti operati e a quelli che aspettano di essere curati. Non sono un mostro": questo il contenuto di una lettera-memoriale scritta dal chirurgo a un paziente e consegnata a Matrix. Il contenuto integrale della lettera verrà diffuso nella trasmissione di questa sera, su Canale 5.

19:20Resistenza: morto conte Dal Verme, comandante Maino

(ANSA) - RUINO (PAVIA), 29 MAR - E' morto a 103 anni il conte Luchino Dal Verme, noto personaggio della Resistenza. Con il nome di battaglia di 'Maino' ha guidato l'88/ma brigata Casotti e la 'Gramsci' della divisione Garibaldi, partecipando a numerose azioni di guerra. La sua brigata fu tra le prime a raggiungere Milano nel 1945. Era soprannominato il 'conte partigiano' per via delle sue nobili origini, essendo nato in una famiglia aristocratica di Verona. Entrò nella Resistenza, abbandonando così la tradizione monarchica di famiglia, con il nome di 'Comandante Maino'. "La scelta partigiana - ha commentato l'Anpi di Pavia - del Comandante, aristocratico fianco a fianco combattente con ragazzi e uomini di altra estrazione sociale e di diversa radice politica, rompe gli schemi ingessati dell'Italietta meschina vacuamente acquiescente al fascismo, ed efficacemente incarna il sentire profondo della Resistenza italiana".

19:18Calcio: Zappacosta punta l’Udinese, serve grande attenzione

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Contro l'Udinese servirà grande concentrazione: vogliamo concludere bene la stagione, non possiamo prendere alla leggera questa partita". Appena rientrato dalla Nazionale, Davide Zappacosta si sintonizza subito sui prossimi impegni del Torino, di scena domenica contro la formazione allenata da Del Neri. "Una squadra molto organizzata, che merita il massimo della attenzione da parte nostra", sottolinea il laterale granata. Un Torino che sta puntando sui giovani, come dimostrano gli acquisti del portiere serbo Milinkovic-Savic e del difensore brasiliano Lyanco: "Fa molto bene il Torino a puntare su giocatori giovani, specialmente se hanno qualità - ha aggiunto -. Adesso sta a noi ripagare la società". Fiducia già ripagata dal terzino, reduce dall'esperienza da protagonista con la Nazionale: "Sono molto soddisfatto, abbiamo disputato due ottime partite, il gruppo che sta crescendo. La qualificazione? Sono positivo, dobbiamo pensare partita per partita".

19:12Calcio: Caldara, la Juve? Resto a Bergamo per crescere

(ANSA) - BERGAMO, 29 MAR - "La Juventus? Non ci penso, devo rimanere qui e lavorare per crescere ancora". Mattia Caldara, una delle rivelazioni dell'Atalanta di Gasperini, smentisce un suo approdo anticipato nella società che l'ha rilevato a gennaio lasciandolo in prestito a Bergamo fino al giugno 2018: "Qui abbiamo un obiettivo, Gasperini ci ha inculcato da tempo la voglia di non accontentarci mai e io devo anche meritarmi la convocazione all'Europeo Under 21", spiega il difensore bergamasco, che ha dovuto saltare gli impegni con gli azzurrini per le noie ai flessori ora smaltite. C'è l'esordio nella Nazionale senior dei compagni Spinazzola e Petagna, più l'ex atalantino Gagliardini, da commentare: "Ci sono arrivati grazie al lavoro ed ai sacrifici, è il coronamento dei sogni di tutti i bambini che giocano a calcio".

18:46Calcio: ds Cagliari, Di Gennaro non ha accettato rinnovo

(ANSA) - CAGLIARI, 29 MAR - Cagliari e Di Gennaro, il futuro per ora non è insieme. "Gli abbiamo proposto un contratto biennale - spiega il direttore sportivo del club rossoblù Stefano Capozucca - ma il giocatore non ha accettato le nostre condizioni". Il divorzio, dunque, si formalizzerebbe a fine stagione alla scadenza del contratto. Mercato che si riapre? Non ci sarebbero per il momento piste che portano lontano dall'Italia. Capozucca non parla comunque di porte chiuse: "Chissà - ha detto il ds - per il momento non ha accettato la nostra proposta, ma magari potrebbe anche cambiare idea". Di Gennaro era arrivato a Cagliari nell'estate del 2015 dal Vicenza. Ed è stato tra i protagonisti del campionato della promozione in A con trentuno presenze e quattro gol. In questa stagione Di Gennaro ha collezionato venti apparizioni e due reti, ma non sempre è stato schierato titolare da Rastelli. (ANSA).

18:42Massacrata in casa: giudici appello, 30 anni al marito

(ANSA) - FIRENZE, 29 MAR - I giudici della corte d'appello di Firenze (presidente Alessandro Nencini) hanno condannato a 30 anni per omicidio volontario aggravato, Giacomo Benvenuti, 42 anni, l'operaio di Fucecchio (Firenze), accusato di aver ucciso la moglie Marinella Bertozzi, 40 anni. In primo grado l'uomo, processato con rito abbreviato, era stato condannato a 18 anni di carcere: il reato era stato riqualificato in morte come conseguenza di maltrattamenti. Il pm Sandro Cutrignielli aveva chiesto l'ergastolo e l'isolamento. L'avvocato Francesco Stefani, difensore di Benvenuti, ha annunciato ricorso in Cassazione, "dove sono convinto verrà riconosciuta l'illegittimità di certe prove riammesse in appello". Marinella Bertozzi morì il 30 ottobre 2015: per l'accusa l'uomo, che nel tempo l'aveva ridotta "in schiavitù", l'avrebbe percossa "con immane violenza", con calci, pugni e anche con corpi contundenti. La morte, era stata classificata come "naturale" e solo la denuncia del fratello della vittima fece aprire un fascicolo.

18:42Cade a scuola, bimba 4 anni in prognosi riservata

(ANSA) - AREZZO, 28 MAR - E' ricoverata in prognosi riservata, nel reparto di rianimazione dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, una bambina di quattro anni che questa mattina, in una scuola materna di Arezzo, è inciampata e nella caduta ha sbattuto violentemente la testa. Per lei la diagnosi è di trauma cranico. Soccorsa immediatamente dalle maestre che hanno allertato il 118, la piccola è stata portata al pronto soccorso dell'ospedale San Donato di Arezzo in ambulanza per poi essere trasferita, a bordo dell'elisoccorso Pegaso, al Meyer dove è arrivata in codice rosso.

Archivio Ultima ora