L’Argentina volta pagina. Macri s’insedia dal balcone della Casa Rosada

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Macri-balcon-casa-rosada

BUENOS AIRES. – Alle 13 e 22 di una delle prime giornate di caldo a Buenos Aires l’Argentina volta decisamente pagina: Mauricio Macri, 56 anni, sangue calabrese nelle vene, s’insedia alla Casa Rosada, si affaccia dallo storico balcone della sede del governo e archivia dodici anni di ‘kirchnerismo’ al potere.

L’immagine più significativa della lunga giornata del nuovo capo dello Stato argentino è sicuramente quella di Macri che a sorpresa si affaccia dal balcone del Palazzo della presidenza per rivolgersi alle migliaia di simpatizzanti nella ‘Plaza de Mayo’, scegliendo così di rompere un tabù della storia politica argentina: parlare appunto dal balcone della ‘Rosada’.

Un gesto inatteso che ha lasciato di stucco e irritato più di un peronista. Il ‘balcon de la Rosada’ è infatti legato indissolubilmente al mito di Juan Domingo Perón e di Evita, che lo usava per parlare al “suo popolo”, quello dei ‘descamisados’. Ma non solo. Perché in un inatteso gesto di gioia, Macri si è messo per qualche attimo anche a ballare al ritmo di una ‘cumbia’, spalleggiato dalla sua vice Gabriela Michetti, che con il microfono in mano ha cantato una delle sue canzoni preferite.

Accompagnato dalla figlioletta Antonia di 4 anni e dalla consorte Juliana Awada (la splendida ‘first lady’ tutta vestita di bianco), poco prima Macri aveva prestato giuramento nel Parlamento dove ha tenuto un breve discorso tutto impostato sul futuro dell’Argentina: e cioè su un “tempo nuovo” in un paese che ora scommette sul “dialogo”, punta sulla “povertà zero” e la fine della corruzione.

“Vogliamo – ha detto Macri – una nazione unita nella diversità”. Alla cerimonia erano presenti per l’Italia il ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina e i presidenti di diversi Paesi latinoamericani. Macri ha scelto di non fare alcun riferimento alla presidente uscente Cristina Fernandez de Kirchner, la quale da parte sua ha scelto di disertare la cerimonia di avvicendamento.

Fra i due in questi giorni non sono mancate tensioni e accuse. Se ieri nella ‘Plaza de Mayo’ è stata la giornata dell’ultimo discorso da ‘presidenta’ di Cristina, oggi la storica piazza è stata tutta per il ‘macrismo’. O quanto meno di chi alle ultime elezioni ha scelto il centro-destra e ha detto basta al peronismo.

Fin dal mattino, il centro di Buenos Aires era rimasto bloccato a causa delle misure di sicurezza, ma soprattutto delle migliaia e migliaia di persone scese per strada per seguire da vicino le diverse cerimonie in programma. Abituata alle grandi marce peroniste, la città ha assistito ad un’oceanica manifestazione di colore opposto: quello giallo del ‘macrismo’. Gialli erano infatti le bandiere e i palloncini che inneggiavano a ‘Mauricio presidente’, mentre non mancavano d’altra parte le bandiere argentine di tutte le dimensioni.

Tanti gli ‘slogan’ che puntavano appunto sul grande vincitore delle presidenziali di novembre, anche se la colonna sonora della lunga marcia è stata solo una: ‘Si’ se puede’ (sì, si può), il concetto di volontà di cambiamento nel paese scelto quale emblema della campagna elettorale di Macri.

Ad attendere alla ‘Casa Rosada’ il nuovo presidente c’era anche l’imprenditore miliardario Franco Macri, giunto sul Rio de la Plata da emigrante alla fine degli anni ’40, come tanti altri italiani approdati a Buenos Aires: fino a ieri padre di quello che è stato per due mandati sindaco di Buenos Aires, da oggi padre del 51/o capo di Stato dell’Argentina.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

10:47Arabia Saudita: Ministero Esteri nega contatti con Israele

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Il ministero degli Esteri dell'Arabia Saudita ha negato che nelle ultime settimane rappresentanti ufficiali del governo saudita si siano recati in Israele. Secondo quanto riportato da Al Arabiya English, in un comunicato si legge che le notizie su visite di ufficiali sauditi presso Israele "sono false e non hanno nessuna base di verità". Vengono inoltre invitati i media a verificare con accuratezza ciò che pubblicano. "Nessuna attenzione verrà data a dicerie e notizie con finalità altre ormai note", avrebbe aggiunto una fonte interna al ministero.

10:39Calcio:Nicchi,tempo effettivo gioco forse in futuro, ora no

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - ''Non è escluso che si arrivi al tempo effettivo di gioco, ma ora no''. Il presidente dell'associazione italiana arbitri, Marcello Nicchi, apre al 'cronometro in campo' anche se solo in futuro: ''Oggi non serve il cronometrista per il tempo effettivo - aggiunge Nicchi ai microfoni di Radio Anch'io lo sport - può darsi in futuro. C'e' anche un problema di risorse. Con i primi risultati di questa sperimentazione (la Var, ndr) perdiamo un minuto e mezzo - aggiunge Nicchi - non a vedere il monitor si perde tempo ma con altri episodi''.

10:37A Napoli cadavere extracomunitario,ha colpo pistola in testa

(ANSA) - NAPOLI, 23 OTT - Il cadavere di un cittadino extracomunitario è stato ritrovato in un appartamento di Napoli, in via Giovanni Tappia. Sul corpo dell'uomo, di circa 35-40 anni, è stato individuato un colpo di pistola alla testa. In casa è stata anche trovata la pistola, vicino al corpo. Potrebbe trattarsi di un suicidio ma la Polizia di Stato indaga per non escludere alcuna pista. Ieri sera sono stati i Vigili del Fuoco e gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato ad accedere nell'appartamento trovato completamente a soqquadro; il corpo era già in avanzato stato di decomposizione.

10:26Turchia: 859 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 23 OTT - Ancora arresti di massa in Turchia con accuse di "terrorismo". Sono 859 le persone finite in manette nell'ultima settimana, secondo un bollettino del ministero degli Interni. La maggior parte (643) sono sospettate di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 131 sono state arrestate in operazioni contro il Pkk curdo, durante le quali sono anche stati "neutralizzati" 64 militanti, di cui 45 uccisi. Detenuti dall'antiterrorismo anche 69 sospetti affiliati all'Isis e 16 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentativo di putsch del 15 luglio 2016, gli arresti per presunti reati di terrorismo in Turchia sono stati più di 50 mila.

10:03Vittima incidente a terra, lui filma e fa la diretta su Fb

(ANSA) - BOLOGNA, 23 OTT - Mentre la vittima di un incidente stradale era a terra, lui con il telefonino si è connesso a Facebook e ha iniziato a trasmettere la diretta dell'agonia, scrivendo: "Chi mi segue chiami aiuto!" e "C'è sangue, speriamo si salvi". E' successo a Riccione (Rimini), dove nella notte tra sabato e domenica è morto in viale Veneto un ragazzo di 24 anni, Simone Ugolini, dopo un schianto in motorino contro un albero. L'autore del video, come riportano quotidiani locali, si chiama Andrea Speziali, ha 29 anni, esperto d'arte e candidato alle ultime elezioni comunali. Sui social è stato bersagliato di critiche e insulti. "Mi hanno detto che avevano già chiamato i soccorsi", ha detto poi - riferisce Il Resto del Carlino - spiegando di essere rimasto "sconvolto, sotto choc" e di aver voluto "far qualcosa per quel giovane a terra". "Mi sono messo a filmarlo e volevo fare una diretta, volevo condividere il mio dolore. Non cercavo lo scoop - ha aggiunto - ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti". (ANSA).

09:59Calcio: Nicchi ‘Montella si dovrà adeguare alla Var’

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - ''Io non rispondo a Montella in senso lato, dico soltanto che anche lui si dovrà adeguare a questa tecnologia. La carriera non se la gioca solo lui ma tutti''. Il presidente dell'Aia (l'associazione italiana arbitri), Marcello Nicchi, risponde alle polemiche sulla Var del tecnico del Milan Vincenzo Montella dopo il pari con il Genoa ed il rosso a Bonucci. ''Lui - aggiunge Nicchi ai microfoni di Radio Anch'io lo sport - sa come bisogna contenersi, se la sua squadra girasse come si deve non saremmo qui a commentare''.

09:59Esplode bombola di gas a Palermo, 4 pompieri feriti

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Quattro vigili del fuoco sono rimasti feriti, la notte scorsa, uno in modo più grave, a causa dell'esplosione di una bombola di gas, che era sistemata in un camper nella zona di Cruilas a Palermo, alle spalle dell'ex centro commerciale Grande migliore. La squadra era intervenuta dopo la segnalazione di un incendio, intorno alle 3. Durante le operazioni la bombola è scoppiata e i quattro pompieri sono stati travolti dalle fiamme. Il caposquadra è ricoverato al centro grandi ustioni del Civico. Ha ustioni al viso e alle mani. La prognosi riservata.

Archivio Ultima ora