L’Argentina volta pagina. Macri s’insedia dal balcone della Casa Rosada

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Macri-balcon-casa-rosada

BUENOS AIRES. – Alle 13 e 22 di una delle prime giornate di caldo a Buenos Aires l’Argentina volta decisamente pagina: Mauricio Macri, 56 anni, sangue calabrese nelle vene, s’insedia alla Casa Rosada, si affaccia dallo storico balcone della sede del governo e archivia dodici anni di ‘kirchnerismo’ al potere.

L’immagine più significativa della lunga giornata del nuovo capo dello Stato argentino è sicuramente quella di Macri che a sorpresa si affaccia dal balcone del Palazzo della presidenza per rivolgersi alle migliaia di simpatizzanti nella ‘Plaza de Mayo’, scegliendo così di rompere un tabù della storia politica argentina: parlare appunto dal balcone della ‘Rosada’.

Un gesto inatteso che ha lasciato di stucco e irritato più di un peronista. Il ‘balcon de la Rosada’ è infatti legato indissolubilmente al mito di Juan Domingo Perón e di Evita, che lo usava per parlare al “suo popolo”, quello dei ‘descamisados’. Ma non solo. Perché in un inatteso gesto di gioia, Macri si è messo per qualche attimo anche a ballare al ritmo di una ‘cumbia’, spalleggiato dalla sua vice Gabriela Michetti, che con il microfono in mano ha cantato una delle sue canzoni preferite.

Accompagnato dalla figlioletta Antonia di 4 anni e dalla consorte Juliana Awada (la splendida ‘first lady’ tutta vestita di bianco), poco prima Macri aveva prestato giuramento nel Parlamento dove ha tenuto un breve discorso tutto impostato sul futuro dell’Argentina: e cioè su un “tempo nuovo” in un paese che ora scommette sul “dialogo”, punta sulla “povertà zero” e la fine della corruzione.

“Vogliamo – ha detto Macri – una nazione unita nella diversità”. Alla cerimonia erano presenti per l’Italia il ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina e i presidenti di diversi Paesi latinoamericani. Macri ha scelto di non fare alcun riferimento alla presidente uscente Cristina Fernandez de Kirchner, la quale da parte sua ha scelto di disertare la cerimonia di avvicendamento.

Fra i due in questi giorni non sono mancate tensioni e accuse. Se ieri nella ‘Plaza de Mayo’ è stata la giornata dell’ultimo discorso da ‘presidenta’ di Cristina, oggi la storica piazza è stata tutta per il ‘macrismo’. O quanto meno di chi alle ultime elezioni ha scelto il centro-destra e ha detto basta al peronismo.

Fin dal mattino, il centro di Buenos Aires era rimasto bloccato a causa delle misure di sicurezza, ma soprattutto delle migliaia e migliaia di persone scese per strada per seguire da vicino le diverse cerimonie in programma. Abituata alle grandi marce peroniste, la città ha assistito ad un’oceanica manifestazione di colore opposto: quello giallo del ‘macrismo’. Gialli erano infatti le bandiere e i palloncini che inneggiavano a ‘Mauricio presidente’, mentre non mancavano d’altra parte le bandiere argentine di tutte le dimensioni.

Tanti gli ‘slogan’ che puntavano appunto sul grande vincitore delle presidenziali di novembre, anche se la colonna sonora della lunga marcia è stata solo una: ‘Si’ se puede’ (sì, si può), il concetto di volontà di cambiamento nel paese scelto quale emblema della campagna elettorale di Macri.

Ad attendere alla ‘Casa Rosada’ il nuovo presidente c’era anche l’imprenditore miliardario Franco Macri, giunto sul Rio de la Plata da emigrante alla fine degli anni ’40, come tanti altri italiani approdati a Buenos Aires: fino a ieri padre di quello che è stato per due mandati sindaco di Buenos Aires, da oggi padre del 51/o capo di Stato dell’Argentina.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

Archivio Ultima ora