Zuckerberg difende i musulmani, tutti contro Trump

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Anche l'aquila contro Trump

Anche l’aquila contro Trump

NEW YORK. – Marck Zuckerberg e Muhammad Alì contro Donald Trump. Il giovane guru di Facebook, simbolo assoluto dell’imprenditoria rampante del terzo millennio, e il mito vivente dello sport mondiale, una delle voci più influenti della comunità musulmana in America. Due campioni entrambi schierati contro chi viene accusato di fomentare un clima xenofobo e razzista sfruttando la paura del terrorismo.

Ma il magnate newyorchese tira dritto per la sua strada, con i sondaggi dell’ultim’ora che confermano come il candidato alla Casa Bianca non sia mai stato così forte dall’inizio della campagna elettorale, guardando tutti gli altri concorrenti del fronte repubblicano dall’alto del suo 35% di preferenze.

Anche se le polemiche furiose seguite alla proposta di bloccare l’ingresso in Usa ai musulmani hanno avuto l’effetto di mandare a monte la prevista visita in Israele: “Ci andrò quando sarò diventato presidente”, ha glissato Trump. La Casa Bianca si è detta “sollevata”.

Intanto la furia di molti nei confronti del tycoon non si placa. “Voglio aggiungere la mia voce a sostegno dei musulmani nella nostra comunità e ovunque nel mondo”, scrive Zuckerberg sul suo profilo Facebook. E non è il solo nella Silicon Valley e tra i big del web. Da Google ad Amazon, gli appelli alla tolleranza etnica e religiosa si moltiplicano, con i giganti di internet che da tempo si battono per una riforma radicale dell’immigrazione, considerando chi viene da fuori una grande risorsa per lo sviluppo e il futuro del Paese.

A 31 anni Zuckerberg è già uno degli uomini più ricchi d’America e del pianeta e mostra di avere sempre meno paura di dire come la pensa. “Combatteremo per proteggere i vostri diritti”, scrive rivolto alla comunità musulmana su Facebook, facendo riferimento anche alle sue origini ebraiche: “Dopo gli attacchi di Parigi e l’odio di questa settimana posso solo immaginare la paura che i musulmani sentono di essere perseguitati per le azioni di altri”, afferma, sottolineando come “gli attacchi alla libertà di chiunque finiscono per colpire tutti”. “L’odio di qualcuno – chiude il fondatore di Facebook – può rendere facile soccombere al cinismo”.

E mentre Jeff Bezos, patron di Amazon e proprietario del Washington Post, vorrebbe spedire Trump nello spazio a bordo di uno dei vettori della sua società Blue Origin, anche il presidente di Google, Eric Schmidt, in un editoriale sul New York Times prende le distanze da ogni tipo di discriminazione basata sulla fede religiosa. Altro che muri, scrive, come quelli che vorrebbe erigere Trump: piuttosto, “abbiamo bisogno di leader in grado di utilizzare la tecnologia per ampliare gli orizzonti degli individui e della nostra società”.

Nonostante la malattia, anche la legenda della boxe Alì ha voluto pubblicare una dichiarazione per dire ai musulmani come lui di “resistere a coloro che vogliono usare l’Islam per far avanzare la propria agenda personale”. Perché ci sono candidati presidenziali – afferma – che propongono di vietare l’immigrazione di musulmani negli Usa e che “hanno alienato molte persone, impedendo loro di imparare di più sull’Islam”.

Intanto la petizione giunta al parlamento britannico per impedire a Donald Trump l’ingresso nel Regno Unito ha raggiunto la cifra record di 500mila firme.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora