Zuckerberg difende i musulmani, tutti contro Trump

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Anche l'aquila contro Trump

Anche l’aquila contro Trump

NEW YORK. – Marck Zuckerberg e Muhammad Alì contro Donald Trump. Il giovane guru di Facebook, simbolo assoluto dell’imprenditoria rampante del terzo millennio, e il mito vivente dello sport mondiale, una delle voci più influenti della comunità musulmana in America. Due campioni entrambi schierati contro chi viene accusato di fomentare un clima xenofobo e razzista sfruttando la paura del terrorismo.

Ma il magnate newyorchese tira dritto per la sua strada, con i sondaggi dell’ultim’ora che confermano come il candidato alla Casa Bianca non sia mai stato così forte dall’inizio della campagna elettorale, guardando tutti gli altri concorrenti del fronte repubblicano dall’alto del suo 35% di preferenze.

Anche se le polemiche furiose seguite alla proposta di bloccare l’ingresso in Usa ai musulmani hanno avuto l’effetto di mandare a monte la prevista visita in Israele: “Ci andrò quando sarò diventato presidente”, ha glissato Trump. La Casa Bianca si è detta “sollevata”.

Intanto la furia di molti nei confronti del tycoon non si placa. “Voglio aggiungere la mia voce a sostegno dei musulmani nella nostra comunità e ovunque nel mondo”, scrive Zuckerberg sul suo profilo Facebook. E non è il solo nella Silicon Valley e tra i big del web. Da Google ad Amazon, gli appelli alla tolleranza etnica e religiosa si moltiplicano, con i giganti di internet che da tempo si battono per una riforma radicale dell’immigrazione, considerando chi viene da fuori una grande risorsa per lo sviluppo e il futuro del Paese.

A 31 anni Zuckerberg è già uno degli uomini più ricchi d’America e del pianeta e mostra di avere sempre meno paura di dire come la pensa. “Combatteremo per proteggere i vostri diritti”, scrive rivolto alla comunità musulmana su Facebook, facendo riferimento anche alle sue origini ebraiche: “Dopo gli attacchi di Parigi e l’odio di questa settimana posso solo immaginare la paura che i musulmani sentono di essere perseguitati per le azioni di altri”, afferma, sottolineando come “gli attacchi alla libertà di chiunque finiscono per colpire tutti”. “L’odio di qualcuno – chiude il fondatore di Facebook – può rendere facile soccombere al cinismo”.

E mentre Jeff Bezos, patron di Amazon e proprietario del Washington Post, vorrebbe spedire Trump nello spazio a bordo di uno dei vettori della sua società Blue Origin, anche il presidente di Google, Eric Schmidt, in un editoriale sul New York Times prende le distanze da ogni tipo di discriminazione basata sulla fede religiosa. Altro che muri, scrive, come quelli che vorrebbe erigere Trump: piuttosto, “abbiamo bisogno di leader in grado di utilizzare la tecnologia per ampliare gli orizzonti degli individui e della nostra società”.

Nonostante la malattia, anche la legenda della boxe Alì ha voluto pubblicare una dichiarazione per dire ai musulmani come lui di “resistere a coloro che vogliono usare l’Islam per far avanzare la propria agenda personale”. Perché ci sono candidati presidenziali – afferma – che propongono di vietare l’immigrazione di musulmani negli Usa e che “hanno alienato molte persone, impedendo loro di imparare di più sull’Islam”.

Intanto la petizione giunta al parlamento britannico per impedire a Donald Trump l’ingresso nel Regno Unito ha raggiunto la cifra record di 500mila firme.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

Archivio Ultima ora