Povertà: in Italia oltre 50 mila persone senza dimora

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Un clochard addormentato in strada a Napoli. ANSA/CESARE ABBATE

Un clochard addormentato in strada a Napoli. ANSA/CESARE ABBATE

ROMA.- Decine di migliaia di persone in Italia vivono una condizione di povertà estrema, non hanno un tetto e devono ricorrere alle mense e ai dormitori. Sono oltre 50.700 secondo le stime dell’Istat, che in collaborazione con altri enti ha svolto un’indagine in 158 Comuni sulle persone senza dimora che nei mesi di novembre e dicembre 2014 hanno utilizzato almeno uno di questi servizi. Il loro numero è aumentato rispetto alla precedente rilevazione del 2011 (47.648) e questo aumento ha riguardato soprattutto il Sud d’Italia.

L’indagine – effettuata in collaborazione con il Ministero del lavoro, la Federazione degli organismi che si occupano dei senza dimora (Fiopsd) e la Caritas – è stata presentata al Cnel, alla presenza del ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti.

Basandosi su un campione di 158 Comuni con più di 70 mila abitanti o capoluoghi di provincia con oltre 30 mila abitanti – circa un terzo della popolazione residente nel nostro Paese – la cifra dà un’idea dell’entità del fenomeno ma rischia di essere alquanto sottodimensionata. La quota degli homeless che si registra nelle regioni del Nord-ovest (38%) è molto simile a quella stimata nel 2011, così come quella del Centro (23,7%) e delle Isole (9,2%); nel Nord-est si osserva invece una diminuzione (dal 19,7% al 18%) che si contrappone all’aumento nel Sud (dall’8,7% all’11,1%).

Si confermano anche le principali caratteristiche delle persone senza dimora: si tratta per lo più di uomini (85,7%), stranieri (58,2%), con meno di 54 anni (75,8%) – anche se, a seguito della diminuzione degli under34 stranieri, l’età media è leggermente aumentata (da 42,1 a 44) – o con basso titolo di studio (solo un terzo raggiunge almeno il diploma di scuola media superiore).

Cresce rispetto al passato la percentuale di chi vive solo (da 72,9% a 76,5%), a svantaggio di chi vive con un partner o un figlio (dall’8% al 6%); poco più della metà (il 51%) dichiara di non essersi mai sposato. Anche la durata della condizione di senza dimora si allunga: diminuiscono, dal 28,5% al 17,4%, quanti sono senza dimora da meno di tre mesi mentre aumentano le quote di chi lo è da più di due anni (dal 27,4% al 41,1%) e di chi lo è da oltre 4 anni (dal 16% al 21,4%).

Chi è povero, ha sottolineato la Fiopsd, è sempre più povero: la stessa persona frequenta 5 volte alla settimana gli stessi servizi per mangiare e 3 volte a settimana gli stessi dormitori per dormire. E vive in strada da oltre quattro anni: sono circa 30.000 le persone senza dimora croniche (1.000 poveri all’anno in più che si aggiungono ai marginali di sempre).

E comunque ai 50.700 che si rivolgono ai servizi – denuncia la federazione che attraverso le sue associazioni è presente sul territorio con le unità di strada – bisogna aggiungere almeno altri 5mila senzatetto che non usufruiscono nè delle mese nè dei dormitori: persone ai margini dei margini.

Il ministro Poletti ha assicurato che il fenomeno è attentamente monitorato. Ma ha precisato che “affrontare i problemi con la logica dell’emergenza non è il modo giusto per risolverli, rischia anzi di essere una scusa per rinviarli e, di conseguenza, renderli più difficili; occorre invece, come nel caso del contrasto ai casi di emarginazione più grave ed in generale alla povertà, un approccio strategico che permetta di definire interventi strutturali coordinati tra più soggetti e, per questo, in grado di produrre risultati concreti”.

A questo rispondono le Linee guida per il contrato alla grave emarginazione adulta predisposte dal Ministero, e lo stanziamento di 100 milioni di euro in sette anni che il Governo ha deciso di destinare, nell’ambito dei programmi comunitari Pon inclusione e Fead, “al finanziamento di servizi coerenti con le linee guida, cui potranno aggiungersi le risorse che le Regioni vorranno destinare con la programmazione regionale e le grandi città con la programmazione del Pon Metro”.

Ultima ora

11:08Migranti: Viminale, 2,8 mld euro spesa per accoglienza

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Nel Def 2017 è previsto uno stanziamento di 4,7 miliardi di euro per il fenomeno migratorio ipotizzando uno scenario di crescita dei flussi: di questa quota il 18,8% è destinata alle operazioni di soccorso, il 68% per l'accoglienza ed il 13,3% per l' assistenza sanitaria e l'istruzione. Per l'accoglienza, dunque, la spesa prevista è di 2,8 miliardi di euro, dei quali 2 miliardi sono gestiti dal Dipartimento delle Libertà civili e l'Immigrazione del ministero dell'Interno. Lo ha detto il prefetto Gerarda Pantalone, capo del Dipartimento, in audizione alla commissione Migranti. "Dei 2 miliardi che gestiamo noi - ha spiegato Pantalone - 1 miliardo e 895 milioni di euro sono destinati all'accoglienza in senso stretto: 1 miliardo e 320 milioni vanno ai centri d'accoglienza". Il prefetto ha poi fatto sapere che c'è una lista dei primi dieci Centri di permanenza per i rimpatri che dovrebbero sorgere in altrettante regioni e che nel 2017 sono stati allontanati 8.935 migranti trovati in posizione irregolare.

10:59Stoltenberg, oggi piano d’azione Nato anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Nel vertice straordinario dei leader della Nato in programma nel pomeriggio "adotteremo un piano d'azione per aumentare il contributo della Nato nella lotta contro il terrorismo" in cui l'Alleanza "è impegnata da anni". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg sottolineando che "la più grande operazione militare dell'Alleanza è stata quella lanciata in Afghanistan in risposta diretta agli attacchi terroristici dell'11 settembre negli Stati Uniti". Dopo aver ricordato che, dopo la fine della missione di combattimento nel 2015, ora sono 13mila i soldati che partecipando alla missione di addestramento e assistenza, Stoltenberg ha affermato che in Afghanistan "non torneremo ad una missione di combattimento", ma la missione continuerà e "più avanti decideremo il livello delle truppe", di cui è stato richiesto un aumento. "Addestrare le forze locali è una delle armi migliori nella lotta contro il terrorismo" ha puntualizzato Stoltenberg, ricordando che "stiamo già addestrando le forze irachene".

10:46Manchester: media, trovato materiale per altre bombe

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia di Manchester ha trovato materiale per realizzare altri ordigni esplosivi nei raid compiuti dopo la strage all'arena. Ne dà notizia l'Independent, secondo cui potevano essere utilizzati in "attacchi imminenti". Sui media del Regno Unito l'ipotesi che circola è che l'appartamento perquisito ieri dagli agenti nel centro della città fungesse da luogo per la costruzione delle bombe.

10:19Stoltenberg, Nato avrà coordinatore anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - La Nato avrà una "nuova cellula di intelligence contro il terrorismo" che sarà creata nel quartier generale di Bruxelles ed il cui scopo è quello di "migliorare la condivisione di intelligence, comprese quelle sui foreign fighters". Inoltre sarà nominato un "coordinatore per supervisionare gli sforzi nella lotta contro il terrorismo" Lo ha annunciato il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, arrivando nella sede della Nato.

10:17Stoltenberg conferma, Nato membro coalizione anti-Isis

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha confermato che nel vertice straordinario del pomeriggio i leader "concorderanno sulla partecipazione a pieno titolo nella coalizione anti-Isis". "Questo - ha specificato - manderà un forte messaggio politico di unità nella lotta contro il terrorismo e migliorerà il coordinamento all'interno della coalizione, ma questo non significa che la Nato si impegnerà in operazioni di combattimento".

10:15Manchester: E.League, United omaggiato dai “cugini” del City

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il Manchester City omaggia via social il club cittadino tradizionalmente rivale, lo United, poco dopo la vittoria dell'Europa League da parte della squadra di Mourinho nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. Il club di Guardiola, infatti, ha pubblicato su Twitter la scritta "ACityUnited", con le parole "City" in celeste e "United" in rosso. Lo United, a sua volta, ha risposto pubblicando una foto con i suoi giocatori che sorreggono uno striscione con la frase in bianco su sfondo rosso: "Manchester - A City United".

10:12Coniugi uccisi: indagini, forse donna eliminata per vendetta

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 25 MAG - Nell'indagine sull'uccisione dei due coniugi compiuta ieri nella loro profumeria a San Severo "non è certo da scartare l'ipotesi che si sia trattato di una vendetta legata all'uccisione del minorenne Mario Morelli, avvenuta lo scorso anno per mano del figlio, anch'egli minorenne, delle due vittime di ieri: Nicola Salvatore e Isabella Rotondo". Ed è proprio l'uccisione della donna che farebbe propendere per la seconda ipotesi. "Se si fosse trattato - spiega il dirigente della squadra mobile della questura di Foggia, Roberto Pititto, che coordina le indagini - di un problema legato a dissidi nella criminalità locale, difficilmente avrebbero ucciso anche la donna, anche perché, non avrebbe potuto identificare i due killer visto che avevano il volto coperto da caschi integrali da motociclisti. Non avrebbe senso". "Al momento, tuttavia - rileva Pititto - non possiamo escludere nessuna ipotesi investigativa. Potrebbe anche essersi verificata una rottura degli equilibri interni alla mala locale".

Archivio Ultima ora