Garrone, mia anima da pittore al MoMA con il Racconto

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

matteo-garrone-banner

NEW YORK – “Venticinque anni fa, quando prima di diventare regista ero un pittore, venivo ad ammirare i capolavori del museo pensando che un giorno anche i miei quadri potessero essere esposti qui. Il racconto dei racconti” entrerà nella collezione cinematografica permanente del MoMA ed è addirittura il mio terzo film a trovare posto qui dopo L’imbalsamatore e Gomorra”: Matteo Garrone non nega “una certa soddisfazione” per quanto di bello in terra americana gli sta accadendo.
La sala cinema 1 del MoMA è sold out e si fa la fila per entrare a vedere in anteprima americana “Il racconto dei racconti” già passato a Cannes.

– Uscirà in sala negli Stati Uniti ad aprile, ma nel mese antecedente, secondo una strategia del distributore americano, il film potrà essere visto in una piattaforma tv in cui accedono solo i members e ci si augura che da lì arrivi in sala con un tam tam favorevole perché continuo a pensare che il cinema è quello che si vede in una sala e con uno schermo il più grande possibile – dice Garrone.

Non ha ancora un nuovo progetto cinematografico, ma coltiva un sogno, “aprire un cinema, recuperando magari una vecchia sala dismessa e facendo, come il Lumiere a Bologna, una programmazione di qualità in cui trovino molto spazio i film classici restaurati”.

– Sono determinato, a Roma – afferma -, come spettatore prima di tutto, una realtà del genere non c’è e mi manca. Sono già in contatto con Gianluca Farinelli della Cineteca di Bologna, ne abbiamo parlato e vorrei andare avanti. Rai Cinema vuole essere con me? – la butta lì il regista all’ad Paolo Del Brocco con cui ha in parte coprodotto “Il racconto dei racconti” per il quale Garrone si è sperimentato anche produttore (4 milioni sui 10 di budget).

Progetti certo ma abbastanza concreti, più di quello al momento impossibile da realizzarsi di fare una serie dal Racconto dei racconti, visto che l’esito al botteghino non ha dato i risultati sperati (“aveva l’ambizione di essere pop, arrivare al pubblico più giovane che va al cinema per i fantasy, ma per quanto mi sia sforzato mi sono reso conto di non essere quel tipo di regista”).

Il destino internazionale di questo film è già nel suo dna, girato in inglese, con un super cast straniero, ma l’origine, i racconti di Basile, è propriamente italiana, “un’identità che credo imprescindibile”, sottolinea il regista che considera “Il racconto dei racconti” “il mio film più di tutti gli altri in cui la mia anima di pittore e la mia stessa formazione sono venute allo scoperto. Forse è presuntuoso – aggiunge – ma per me sono quadri in movimento. E nonostante non sia andato bene in sala io sono felicissimo di questo film e ora sono curioso di vedere come andrà a marzo quando uscirà in Gran Bretagna”.

Felice del “Racconto dei racconti” è anche Roy Rajendra, direttore del dipartimento cinematografico del MoMA che in un’intervista all’Ansa parla della “new wave del cinema italiano”.

– Abbiamo alcune centinaia di film italiani qui al museo – sostiene – ma di film contemporanei davvero pochi, come se per tanti anni il vostro cinema non abbia rappresentato qualcosa di nuovo. Ora le cose stanno cambiando nella nostra considerazione, a parte Sorrentino che è dentro il business cinematografico americano e anche Garrone, ci sono tanti altri registi, penso ad Alice Rorhawacher ad esempio.

Intanto grazie all’accordo con Rai Cinema 10 nuovi film contemporanei entreranno nella collezione permanente audiovisiva del museo, “i nuovi classici”, li hanno chiamati Rajendra e Del Brocco con Antonio Monda, direttore del Festival del cinema di Roma e grande organizzatore della cultura italiana a New York con tanti eventi e rassegne.

Si tratta del “Racconto dei racconti” di Matteo Garrone, “Le Meraviglie di Alice” Rohrwacher, “Sacro GRA” di Gianfranco Rosi, “Cesare deve morire” di Paolo e Vittorio Taviani, “Terraferma” di Emanuele Crialese, “Gomorra” di Matteo Garrone, “Le chiavi di Casa” di Gainni Amelio, “Buongiorno, Notte” di Marco Bellocchio, “Il Mestiere delle armi” di Ermanno Olmi e “La stanza del figlio” di Nanni Moretti.

Ultima ora

18:00Aic, corso gestione impianti sportivi e Scuole Calcio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si terrà a Roma dal 19 al 21 giugno prossimi un corso di formazione, riservato agli associati Aic (associazione italiana calciatori), che fornisce gli elementi utili per l'accesso alla linea esclusiva di finanziamento istituita dall'Istituto per il Credito Sportivo per gli iscritti all'Associazione. Il corso sarà incentrato su come gestire, progettare, ristrutturare un centro sportivo e come gestire una scuola calcio seguendo il modello formativo proposto dall'Associazione Italiana Calciatori.

17:52Giro: 17/a tappa, Dumoulin ha conservato la maglia rosa

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con 5 Gpm, e dopo i rischi di ieri, oggi si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa, Pierre Rolland.

17:43Ippica:Snai apre ippodromo a scuole,alunni a scoperta S.Siro

(ANSA) - MILANO, 24 MAG - Giornata speciale per l'ippodromo di Milano che, per la prima volta dopo molto tempo, ha aperto le porte alle scuole ospitando 50 bambini di due quarte elementari dell'Istituto Comprensivo Scolastico L. Einaudi e G. Pascoli, nell'ambito dell'iniziativa '#scoprisansiro per i più piccoli'. Accompagnati da maestre e dirigenti scolastici, gli alunni hanno visitato le piste di allenamento, dove erano impegnati i cavalli di trotto e galoppo, le scuderie e poi l'ippodromo SNAI San Siro, consumando la loro merenda ai piedi della statua del Cavallo di Leonardo. Dopo aver corso scalzi sulla pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell'ippica, i bambini hanno concluso la loro visita tra i sentieri del parco botanico. "Gli ippodromi di Milano - dichiara Fabio Schiavolin, ad di SNAITECH - sono luoghi straordinari e unici, dove la tradizione ippica si fonde con la storia, l'architettura e la cultura. Per valorizzare e promuovere questo patrimonio della città di Milano''

17:38Migranti: traffico esseri umani, otto indagati a Imperia

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Si è chiuso con 8 indagati il filone imperiese della maxi operazione contro il traffico internazionale di migranti iniziata nel gennaio scorso. Il pubblico ministero Lorenzo Fornace ha notificato l'avviso di conclusione indagini agli albanesi Redon Shametaj, 21 anni, Ismailaj Gazmir, 32 anni. Misin Alidini, 30 anni e Neri Shametai, 22 anni, a Tanha Emran Mohammad, afgano di 21 anni, a Edmond Bylibi Bayala, cittadino trentenne del Burkina Faso e all'iraniano Esmatollah Jafari, 28 anni. L'indagine era iniziata quando la Polstrada ha scoperto, il 19 gennaio scorso, quarantuno migranti stipati all'interno di un furgone Renault Master alla barriera autostradale di Ventimiglia. In quell'occasione era stato arrestato Neri Shametaj. Nei confronti di alcuni di loro, il giudice ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Torino e Cuneo. I due cugini Shametaj sono accusati del tentativo di trasporto oltreconfine dei 41 migranti africani. Su di loro pende anche l'aggravante del trattamento disumano. Neri venne arrestato subito, mentre Redon, riuscito a scappare, era stato catturato pochi giorni dopo. Anche Bayala risulta coinvolto tra gli organizzatori di quest'ultimo viaggio. Gli imputati sono difesi dall'avvocato Andi Tahiri. La stessa operazione vede anche un filone milanese, che all'epoca si concluse con trentasei arresti. (ANSA).

17:38Giro: 17/a tappa, a Canazei vince Rolland per distacco

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - Il francese Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), 31 anni ancora da compiere, ha vinto per distacco la 17/a tappa del 100/o Giro d'Italia di ciclismo, da Tirano (Sondrio) a Canazei (Trento), lunga 219 chilometri. Rolland si è classificato al terzo posto il 17 scorso, nell'11/a tappa, conclusa a Bagno di Romagna (Forlì-Cesena). L'azione vincente del francese è partita a circa 8 chilometri dall'arrivo.

17:32Malore durante immersione, morta sub nel Livornese

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 24 MAG - Una donna di 57 anni di Bologna è morta dopo aver accusato un malore durante un'immersione subacquea. La donna, spiegano dal 118, aveva già lamentato un malessere precedente all'immersione. Ad allertare la pubblica assistenza di Cecina (Livorno), intervenuta con un'ambulanza da terra poco dopo mezzogiorno, è stata una richiesta di soccorso proveniente da un'imbarcazione. I sanitari una volta sul posto hanno praticato tutte le manovre rianimatorie, ma per la donna non c'è stato niente da fare. Oltre al 118 è intervenuta anche la Capitaneria di porto. (ANSA).

17:29Figlia Che Guevara a studenti Padova, ‘mi regalò un peluche’

(ANSA) - PADOVA, 24 MAG - "Quando avevo quattro anni e mezzo, mio papà mi teneva in braccio di notte e mi raccontava storie fantastiche. Era molto austero, ma una volta mi regalò un leone di peluche". E' uno dei ricordi privati del 'comandante Che Guevara' raccontato oggi agli studenti dell'Università di Padova da Aleida Guevara March, 56 anni, figlia del guerrigliero cubano ucciso in Bolivia nel 1967. La donna ha risposto all'invito rivoltole dal dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell'ateneo, per celebrare "50 anni dalla morte del Che". Una sala gremita di studenti e nostalgici del Sessantotto, quella del teatro Ruzante. Aleida Guevara ha letto e commentato in spagnolo alcuni brani del padre, ed ha esortato i ragazzi alla solidarietà. "Dopo l'università - ha detto - si pensa di sapere tutto, ma solo chi si rende utile al popolo diventa un vero professionista: ingegneri e architetti devono essere capaci di ascoltare per risolvere i problemi della comunità".

Archivio Ultima ora