Don Ciotti a Brooklyn: legalità, una parola di cui si abusa

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

donciotti

NEW YORK – La sua parola preferita è ‘noi’, quella che lo fa reagire è ‘legalità’, “una parola sostenuta, abusata, celebrata, sulla bocca di tutti fino ad impoverirla. Legalità è diventata una bandiera che tutti usano e in quel nome si sono fatte leggi, penso alla Bossi-Fini sui migranti, che ne avevano ben poca. La chiamo cultura della legalità malleabile e sostenibile”.

Don Luigi Ciotti è a Brooklyn, non ha voluto mancare alla prima assoluta di un piccolo documentario ‘Sono Cosa Nostra’ che Clipper Film ha prodotto per Rai Cinema, dedicato ai 20 anni di Libera, la rete di oltre 1.600 associazioni contro le mafie e ai 20 anni, che cadranno nel 2016, della legge 109 sostenuta da 1 milione di firme, che andando oltre la già lungimirante Rognoni-La Torre sulla confisca dei beni patrimoniali della criminalità, li restituisce alla collettività stabilendone il riutilizzo ad uso sociale.

Il film, che ha riempito la sala della zona terra di migranti italiani, diventata da anni alla moda per attività artistiche e ristoranti, cita il passato di Libera, la nascita sull’onda emotiva delle stragi di Falcone e Borsellino per fotografare l’oggi che è quello delle più di 500 realtà cooperative che lavorando sui beni ex mafiosi “sono una testimonianza del volto bello dell’Italia”. Un oggi per niente facile perché, dice don Ciotti, la mafia non ci sta a vedersi indebolita sul suo territorio e minaccia, vandalizza, distrugge di continuo il mondo delle buone pratiche civili di Libera.

– Ho appena cercato di dare forza al giovane coraggioso sindaco di Gioiosa che mi raccontava di aver avuto ieri sera proiettili contro la macchina. Ha un bambino di tre anni e non piegarsi è dura anche per chi crede alla politica come servizio del bene comune. Per questo – si accalora in un’intervista all’Ansa – non bisogna lasciarli soli.

Gesti grandi o piccoli, “come quello di dedicare alle vittime delle mafie i prodotti di LiberaTerra, la pasta, l’olio, un modo per ridare dignità”, come spiegano Daniela Marcone, di Libera Memoria, figlia di Francesco Marcone assassinato a Foggia e Valentina Fiore della cooperativa siciliana intitolata a Placido Rizzotto, venute a New York con il sacerdote fondatore del gruppo Abele, 70 anni, sotto scorta per le minacce ad una vita da testimone di massimo impegno civile.

E la cosa più bella del documentario, che si vedrà sulle reti Rai e circolerà nelle scuole, sono le facce pulite dei giovani che lavorando le terre confiscate del Belice dell’imprendibile Matteo Messina Denaro, di CastelVolturno di don Peppe Diana, della cascina piemontese dove abitava Bruno Caccia, il primo magistrato dell’Italia del nord ucciso dalla mafia, della villa del boss di Quindici, il primo comune sciolto per mafia dove ora si sta aprendo un maglificio nonostante tutto, “trovano la dignità del lavoro e restituiscono la bellezza”.

Ancora piccoli numeri, se si pensa, come racconta il magistrato Francesco Menditto che sono 17 mila i beni confiscati alla mafia e processi in corso per 5000 aziende sequestrate. Piccoli come quelli delle cooperative proprie di LiberaTerra, 9 in tutta Italia con 5 beni gestiti direttamente, “troppi secondo la macchina del fango”, dice amareggiato don Ciotti.

Guardando indietro a questi 20 anni “sembra impossibile essere arrivati fin qua, persino con la recente direttiva Ue che amplia all’Europa la confisca dei beni”, ma non è un traguardo in un’Italia “con troppi cittadini a intermittenza. C’è bisogno di cittadini responsabili.

Prima della legalità infatti c’è l’educazione alla responsabilità. La lotta alla mafia, prima che con le leggi, si fa con il lavoro, che restituisce dignità, e con la scuola perché è la cultura che dà la sveglia alle coscienze”.

I prossimi passi? “Oltre al miglioramento della legge, in corso alla Camera, due progetti: Impresa Bene Comune che vuole coinvolgere la parte consapevole e giovane del sistema industriale e Libera Welfare che punta all’uso sociale dei beni in un’ottica di riduzione delle disuguaglianze”.

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora