Euro 2016: Parigi blindata prepara la festa per il sorteggio

Pubblicato il 11 dicembre 2015 da redazione

euro2016

PARIGI. – La sicurezza è la testa di serie numero 1: questa la battuta che circola oggi nel deserto blindato attorno al palais de Congres, proprio in mezzo fra Parigi, insanguinata un mese fa dagli attentati, e la Defense, il quartiere degli affari dove ‘la mente’ dei jihadisti, Abdelhamid Abaaoud, morto nell’assalto delle teste di cuoio al covo di Saint-Denis, si sarebbe voluto far esplodere.

Negli occhi e nel cuore dei parigini c’è ancora la paura, la rabbia e il dolore di quei giorni ma l’idea di rinunciare a Euro 2016 non ha mai sfiorato le autorità. Questo nonostante lo stadio simbolo della Francia padrona di casa degli Europei più lunghi, un mese dal 10 giugno al 10 luglio con 24 partecipanti, sia stato sempre al centro della scena terroristica: la sera del 13 novembre, quando tre kamikaze si sono fatti esplodere fuori dall’impianto costruito per i mondiali 1998. Poi all’alba del 18, quando le forze di sicurezza presero d’assalto il covo di Abaaoud e degli altri, a 800 metri di distanza dallo stadio della nazionale dei Bleus.

Per questo la sicurezza più che un impegno “al centro dell’evento” – come ha detto il segretario generale Uefa Gianni Infantino dopo il comitato esecutivo – è un’ossessione per le autorità. Anche soltanto lo schieramento per la kermesse del sorteggio – al quale interverranno le delegazioni delle nazionali partecipanti ma anche numerosi ospiti d’onore – dà un’idea della tensione che si respira attorno all’avvenimento.

“Il rischio terrorismo, fin da quando abbiamo presentato la nostra candidatura, è stato considerato massimo”, ha ammesso Jacques Lambert, presidente del comitato organizzatore dell’evento al quale, prima degli attentati, si prevedeva potessero partecipare 7 milioni di tifosi. “Dopo gli attentati – ha spiegato Lambert – abbiamo fatto una nuova valutazione, dal rischio teorico si è passati a quello palpabile”.

Stato, città ospitanti, comitato, Uefa, tutti dovranno partecipare a uno sforzo che a tutt’oggi sembra immenso per proteggere squadre e tifosi. Una delle poche certezze è che, proprio per garantire la sicurezza, tutto costerà di più, dal momento che l’Uefa non copre le spese in questo campo. Chi è in difficoltà, come Tolosa e Saint-Etienne, per esempio, sta pensando di annullare le “fan zones”, le zone di accoglienza per i tifosi prima e dopo le partite. Parigi e Marsiglia hanno confermato i programmi, altri stanno valutando.

Al momento, le autorità francesi spiegano che la priorità in questa fase di stato d’emergenza dichiarato e vigente per altri due mesi è la protezione delle zone a rischio e della COP21, la Conferenza mondiale sul clima che si conclude proprio domani.

Dall’inizio di gennaio si comincerà a valutare quali sono i bisogni straordinari e le esigenze sito per sito. Il capitolo più spinoso sembra essere quello dell’assunzione di un migliaio di persone in più, necessarie a perquisizioni e gestione della videosorveglianza.

L’emergenza terrorismo potrebbe aver fatto passare per la prima volta in secondo piano quella della violenza degli hooligan ma dopo il sorteggio l’Uefa conoscerà le partite a rischio: “onestamente – ha ammesso Lambert – il rischio hooligan viene molto dopo quello terroristico. Non lo ignoriamo, ma non è lì che si concentrano i nostri timori”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

16:34Valanghe: verso massimo grado di pericolo in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - Nel nordovest dell'Alto Adige nelle prossime ore sarà proclamato il massimo livello di pericolo valanghe (5 di 5) e la Protezione civile sarà messa in preallarme ("Bravo"). Lo comunica il meteorologo provinciale Dieter Peterlin. "Lungo la cresta di confine a 2.000 metri di quota registriamo oltre due metri di neve", informa Peterlin. In alcune zone della provincia, soprattutto in alta val Venosta, nessuno si ricorda tanta neve: a Roia di Fuori, per esempio, attualmente si segnalano 190 centimetri di neve, battendo di misura il record storico di 170 centimetri del 1981. La val Venosta è generalmente una delle zone più aride delle Alpi perché incastonata tra montagne che superano i 3.000 metri di altitudine, che formano una barriera naturale per le nuvole. Questo inverno invece è una della zone più ricche di neve.

16:29Diritti tv: presentate 5 buste

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Sono 5 le buste presentate per i diritti tv della Lega Serie A. Alcune contengono più di un'offerta, secondo fonti vicine al dossier. Sky ha presentato offerta per il pacchetto A (gare di 8 squadre fra cui le big per il satellitare), per il C (stesso contenuto per Internet) e per D1 e D2 (le partite delle altre 12 squadre, Roma inclusa, oltre che per i diritti accessori di A e D1-D2. Mediaset e Italia Way hanno offerto per il B (stesso contenuto di A per il digitale terrestre) e secondo quanto risulta anche Tim e Perform hanno avanzato offerte per il C.

15:51Calcio: Roma-Chelsea, Dzeko prende tempo

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Ore decisive per la trattativa in corso fra Roma e Chelsea. Secondo quanto riferisce SkySports, è tutto fatto per il passaggio di Emerson Palmieri ai Blues, mentre Edin Dzeko avrebbe delle perplessità in merito ai propri emolumenti e il Chelsea si starebbe chiedendo, sempre secondo la stessa fonte, se vale la pena pagare così tanto (per cartellino e stipendio) un calciatore di 31 anni. Così ora i londinesi starebbero prendendo in seria considerazione la candidatura alternativa dell'ex interista Marko Arnautovic, attualmente in forza al West Ham.

15:45Recuperati quadri di Luzzati trafugati a Sesto S.Giovanni

(ANSA) - CREMONA, 22 GEN - Un operaio di 65 anni di Trescore Cremasco (Cremona) è stato denunciato per furto dai carabinieri che hanno rinvenuto nella sua abitazione due quadri di Emanuele Luzzati trafugati lo scorso dicembre dall'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. L'uomo si era recato nel centro medico per una visita. In quei giorni era in ospedale una retrospettiva di Luzzati. Benché la sala fosse sorvegliata, erano stati asportati due quadri. Dalla visione delle immagini della videosorveglianza dell'ospedale, i carabinieri hanno visto una persona uscire con fare sospetto occultando qualcosa di voluminoso sotto gli abiti. Le immagini sono state sottoposte al vaglio del personale del centro medico che ha riconosciuto la persona che si era sottoposta ad accertamenti sanitari proprio all'Ospedale Multimedica. I carabinieri hanno perquisito la sua casa e lì hanno trovato le due opere: 'La Rosaura' e 'La Rosaura vedova scaltra' di Luzzati, nato a Genova nel 1921 e morto nel 2007.(ANSA).

15:40Calcio: iniziato consiglio Aic, al centro elezioni Figc

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' iniziato, con un'ora e mezza di ritardo rispetto all'orario previsto, il Direttivo dell'Associazione italiana calciatori, in cui si discuterà della posizione dell'Aic alle prossime elezioni federali, previste per il 29 gennaio. Prima dell'inizio del Consiglio, il presidente Damiano Tommasi ha incontrato anche il presidente dell'Assoallenatori, Renzo Ulivieri: un faccia a faccia incentrato proprio sulle candidature alla Figc.

15:38Calcio: la Juventus sbarca su Netflix

(ANSA) - TORINO, 22 GEN - La Juventus sbarca su Netflix. La piattaforma dell'intrattenimento online offre dal 16 febbraio ai suoi iscritti, oltre cento milioni in 190 Paesi, 'Prima squadra: Juventus Fc', la docu-serie originale dedicata ai campioni d'Italia. Per realizzarla ci sono voluti quattro mesi di riprese, fianco a fianco ai campioni bianconeri. I primi tre episodi della serie - la seconda parte sarà disponibile in estate - permetteranno di accedere al dietro le quinte del club. Un racconto "avvincente e serrato di questa stagione - si legge sul sito del club bianconero - che si snoda tra le storie dei protagonisti e cattura dentro e fuori dal campo le vere esperienze di vita che rendono la Juventus non solo una squadra vincente, ma anche delle più affascinanti al mondo".

15:27Bangladesh: Rohingya, rimpatrio in Birmania sarà volontario

(ANSA) - DACCA, 22 GEN - Il Bangladesh non forzerà nessun rifugiato rohingya a tornare nello Stato di Rakhine in Birmania, e questo processo sarà su base volontaria. Lo ha assicurato il ministro degli Esteri bengalese, AH Mahmood Ali. "Si tratterà di una scelta volontaria - ha spiegato il ministro ai diplomatici stranieri residenti a Dacca- e questo è scritto in tutti i documenti firmati (da Bangladesh e Birmania)", rifiutandosi di confermare che i primi rimpatri cominceranno domani come giorni fa era stato annunciato. "Il processo è partito - ha aggiunto secondo il portale di notizie BdNews24 - ma non posso indicare un giorno preciso. Lo vedrete da voi quando comincerà. Se fissiamo una data e la manchiamo poi i media ci criticheranno dicendo che non siamo riusciti a fare le cose in tempo". Oltre 655.000 musulmani Rohingya sono fuggiti lo scorso anno dalla Birmania dopo un attacco di militanti di questa etnìa alle forze di sicurezza nella regione settentrionale dello Stato di Rakhine il 25 agosto scorso.

Archivio Ultima ora