Renzi, agli attacchi il governo ha risposto con le sue azioni

Pubblicato il 11 dicembre 2015 da redazione

L'allestimento della Leopolda   ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

L’allestimento della Leopolda
ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

FIRENZE. – “Senza Leopolda non sarei a Palazzo Chigi. Ma la generazione Leopolda è in posti difficili, non solo a Roma, e ci mette la faccia”. Esordisce così quest’anno Matteo Renzi all’apertura della kermesse fiorentina che lo lanciò sulla scena nazionale da ‘rottamatore’ sei anni fa. Ed è il momento delle rivendicazioni di quanto fatto, a dispetto degli “amici gufi – dice – che non passeranno un buon inverno”.

Fuori, c’è l’eco delle proteste degli obbligazionisti delle quattro banche salvate dal governo, che domenica scenderanno in piazza a Firenze. E il ritorno alla Leopolda è turbato dalla richiesta di dimissioni dello scrittore Roberto Saviano al ministro e volto storico della kermesse fiorentina, Maria Elena Boschi. I renziani nel sottopalco si scatenano: “Saviano come Salvini?”, domanda Ernesto Carbone.

Ma il premier per il momento decide di non entrare direttamente in polemica: in mattinata afferma che è “quanto mai urgente” la riforma del sistema del credito e resta persuaso che agli attacchi il governo abbia già risposto con le sue azioni. E la prima serata fiorentina serve proprio a rivendicare quanto fatto e difendere il “metodo Leopolda”.

“Ogni volta che prendo decisioni difficili, penso a quello che direi per giustificare le scelte di fronte al popolo della Leopolda”, racconta Renzi, che difende il carattere politico, non partitico, della kermesse, invitando le “correnti” a tenersi alla larga. E attacca l’opposizione che “fa la ola” ogni volta che i dati economici vanno male, con buona dose di “tafazzismo”.

La serata è dunque scandita da video “scandalosamente di propaganda, come quelli dei talk show, ma in positivo”, sorride Renzi. Il premier inizia un po’ rigido, in giacca e cravatta blu. Poi ironizza sui ‘leopoldini’ che lo applaudono a ogni battuta (“Il culto della personalità no”) e di lì in poi si scioglie, resta in maniche di camicia e, da padrone di casa, dà il via a una ‘compilation’ di video sull’azione del governo: “Ci siamo stancati di vedere sempre video negativi, ora li distribuiamo sui social e partiamo con la propaganda”.

Si parte dal lavoro, con l’intervento di Teresa Bellanova, sottosegretario e “storica sindacalista”. E il leader Dem non manca l’occasione di una battuta sul suo burrascoso rapporto con i sindacati: “Faccio notare che apriamo con una storica sindacalista… Domani è l’anniversario dello sciopero generale, lo celebreremo con una clip”. Ma già in un video si legge: “Essere di sinistra non è difendere i totem ideologici della sinistra”.

E poi la scuola, “il campo su cui siamo più criticati”, la Rai – con l’intervento del consigliere Marco Fortis – e naturalmente Expo, con l’intervento di Giuseppe Sala, che tra po’ smetterà i panni di commissario per vestire quelli di candidato alle primarie e nel retropalco incontra Renzi.

Non manca, naturalmente, un pensiero alle vicende internazionali: “I terroristi vogliono distruggere ciò che abbiamo e ciò che siamo”, sottolinea il premier. E allora l’unica risposta possibile, ribadisce, è “la difesa della nostra identità” e la cultura: “Non vogliamo essere dei numerini ma uomini, non delle bestie che vivacchiano”.

La platea è gremita e variegata: niente bandiere di partito. Ci sono parlamentari della maggioranza Pd e membri del governo (che oggi parteciperanno ad un vero e proprio question time stile Parlamento) ma per ora nessuno dei volti noti che hanno caratterizzato le edizioni del passato: “Non abbiamo invitato i famosi, piuttosto qualcuno è diventato famoso grazie alla Leopolda”.

Per domenica si annuncia però la presenza di un’ospite scomoda: Francesca Immacolata Chaouki, imputata nel processo Vatileaks. “Renzi è l’unico che può salvare l’Italia”, dichiara. “Non venga per farsi pubblicità”, commenta il ministro Graziano Delrio. E lei, piccata: “Delrio, stai sereno…”.

(dell’inviato Serenella Mattera) (ANSA)

Ultima ora

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

12:39Trump: Vaticano, speriamo riveda le sue politiche

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Le decisioni del presidente Trump "preoccupano" il Vaticano, "ma per fortuna - dice il card. Peter Turkson, capo dicastero per lo Sviluppo umano integrale - anche negli Stati Uniti ci sono voci di dissenso, voci contrarie, in disaccordo esplicito contro le posizioni di Trump: il suo bando contro le immigrazioni è stato bloccato da un avvocato delle Hawaii". "E' un segno - spiega - che ci può essere un'altra voce e si spera che tramite i mezzi politici mano a mano Trump stesso cominci a ripensare alcune sue decisioni". Su temi come le migrazioni, le misure per il clima, le spese per gli armamenti, gli aiuti allo sviluppo, sottolinea il cardinale, "contiamo anche sull'azione di lobby della Chiesa Usa". Turkson rileva positivamente, inoltre, che "mentre gli Stati Uniti fanno marcia indietro sui provvedimenti contro il riscaldamento globale, abbiamo un'altra grande potenza nel mondo, come la Cina, che sta manifestando segni opposti, come se lo spostamento dell'America crei un vuoto che la Cina riempie".

12:29Golf: Ryder Cup, Lotti, nessun esborso denaro da parte Stato

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Quello dell'organizzazione della Ryder Cup in Italia nel 2022 ''e' un argomento al quale tengo particolarmente e intendo precisare alcuni passaggi che possono aiutare la discussione in corso. Non c'e' esborso di denaro da parte dello Stato, ma ma c'e' solo la prestazione di una garanzia statale per copertura dei costi che gravano sulla federazione''. Lo ha chiarito il ministro dello Sport Luca Lotti rispondendo all'interrogazione del 5 Stelle Simone Valente in Commissione Cultura della Camera. La garanzia statale da 97 milioni di euro che va fornita per l'organizzazione della Ryder Cup 2022 - ha precisato Lotti - "e' a basso rischio: i costi stimati, circa 150 milioni di euro, saranno ampiamente coperti dai ricavi che gli organizzatori sono gia' oggi in grado di quantificare in circa 170 milioni di euro''. Lotti ha ricordato infine come "il nostro Paese non abbia ancora prestato alcuna garanzia e risulti ad oggi inadempiente''.

12:26Calcio: Lotti, azionariato popolare non è priorità

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Forme di partecipazione popolare all'azionariato delle società sportive e prima di tutto calcistiche "potrebbero essere positive, ma non ritengo prioritario imporlo tramite un intervento normativo. Ribadisco: non credo che sia oggetto di priorità, ma si può senz'altro aprire una discussione". Così il ministro per lo sport Luca Lotti, ha risposto in commissione cultura a un'interrogazione di Stefano Borghesi, della Lega Nord sui contatti della malavita organizzata nel mondo dello sport con particolare riferimento a fatti recenti che hanno riguardato importanti club (la Juventus, ndr). "Valuto positivamente una discussione nel merito ma non credo sia oggetto di priorità -ha aggiunto Lotti. Volentieri valuto le proposte di legge in commissione".

Archivio Ultima ora