Renzi, agli attacchi il governo ha risposto con le sue azioni

Pubblicato il 11 dicembre 2015 da redazione

L'allestimento della Leopolda   ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

L’allestimento della Leopolda
ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

FIRENZE. – “Senza Leopolda non sarei a Palazzo Chigi. Ma la generazione Leopolda è in posti difficili, non solo a Roma, e ci mette la faccia”. Esordisce così quest’anno Matteo Renzi all’apertura della kermesse fiorentina che lo lanciò sulla scena nazionale da ‘rottamatore’ sei anni fa. Ed è il momento delle rivendicazioni di quanto fatto, a dispetto degli “amici gufi – dice – che non passeranno un buon inverno”.

Fuori, c’è l’eco delle proteste degli obbligazionisti delle quattro banche salvate dal governo, che domenica scenderanno in piazza a Firenze. E il ritorno alla Leopolda è turbato dalla richiesta di dimissioni dello scrittore Roberto Saviano al ministro e volto storico della kermesse fiorentina, Maria Elena Boschi. I renziani nel sottopalco si scatenano: “Saviano come Salvini?”, domanda Ernesto Carbone.

Ma il premier per il momento decide di non entrare direttamente in polemica: in mattinata afferma che è “quanto mai urgente” la riforma del sistema del credito e resta persuaso che agli attacchi il governo abbia già risposto con le sue azioni. E la prima serata fiorentina serve proprio a rivendicare quanto fatto e difendere il “metodo Leopolda”.

“Ogni volta che prendo decisioni difficili, penso a quello che direi per giustificare le scelte di fronte al popolo della Leopolda”, racconta Renzi, che difende il carattere politico, non partitico, della kermesse, invitando le “correnti” a tenersi alla larga. E attacca l’opposizione che “fa la ola” ogni volta che i dati economici vanno male, con buona dose di “tafazzismo”.

La serata è dunque scandita da video “scandalosamente di propaganda, come quelli dei talk show, ma in positivo”, sorride Renzi. Il premier inizia un po’ rigido, in giacca e cravatta blu. Poi ironizza sui ‘leopoldini’ che lo applaudono a ogni battuta (“Il culto della personalità no”) e di lì in poi si scioglie, resta in maniche di camicia e, da padrone di casa, dà il via a una ‘compilation’ di video sull’azione del governo: “Ci siamo stancati di vedere sempre video negativi, ora li distribuiamo sui social e partiamo con la propaganda”.

Si parte dal lavoro, con l’intervento di Teresa Bellanova, sottosegretario e “storica sindacalista”. E il leader Dem non manca l’occasione di una battuta sul suo burrascoso rapporto con i sindacati: “Faccio notare che apriamo con una storica sindacalista… Domani è l’anniversario dello sciopero generale, lo celebreremo con una clip”. Ma già in un video si legge: “Essere di sinistra non è difendere i totem ideologici della sinistra”.

E poi la scuola, “il campo su cui siamo più criticati”, la Rai – con l’intervento del consigliere Marco Fortis – e naturalmente Expo, con l’intervento di Giuseppe Sala, che tra po’ smetterà i panni di commissario per vestire quelli di candidato alle primarie e nel retropalco incontra Renzi.

Non manca, naturalmente, un pensiero alle vicende internazionali: “I terroristi vogliono distruggere ciò che abbiamo e ciò che siamo”, sottolinea il premier. E allora l’unica risposta possibile, ribadisce, è “la difesa della nostra identità” e la cultura: “Non vogliamo essere dei numerini ma uomini, non delle bestie che vivacchiano”.

La platea è gremita e variegata: niente bandiere di partito. Ci sono parlamentari della maggioranza Pd e membri del governo (che oggi parteciperanno ad un vero e proprio question time stile Parlamento) ma per ora nessuno dei volti noti che hanno caratterizzato le edizioni del passato: “Non abbiamo invitato i famosi, piuttosto qualcuno è diventato famoso grazie alla Leopolda”.

Per domenica si annuncia però la presenza di un’ospite scomoda: Francesca Immacolata Chaouki, imputata nel processo Vatileaks. “Renzi è l’unico che può salvare l’Italia”, dichiara. “Non venga per farsi pubblicità”, commenta il ministro Graziano Delrio. E lei, piccata: “Delrio, stai sereno…”.

(dell’inviato Serenella Mattera) (ANSA)

Ultima ora

14:37Totti: Zanetti, grazie ultimo imperatore Roma

(ANSA) - MILANO, 28 MAG - Da una bandiera ad un'altra bandiera, Javier Zanetti omaggia Francesco Totti, con un messaggio su Twitter, a poche ore dalla sua ultima partita con la maglia della Roma. "Caro Francesco - scrive il vicepresidente dell'Inter, ritratto con un paio di scarpini dorati 'griffati' dal capitano giallorosso - mancherai a tutti gli amanti di questo sport! Complimenti per quello che hai dato, ultimo imperatore di Roma!".

14:36Totti: Rudi Garcia, ‘non c’è fine, tu sei eterno’

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Oggi vestirai per l'ultima volta la tua seconda pelle Ma non c'é fine perché sei eterno.@Totti". Questo il tweet con cui l'ex allenatore della Roma Rudi Garcia, ora tecnico del Marsiglia, celebra il capitano oggi contro il Genoa all'ultima apparizione con la maglia giallorossa. Ai tempi della comune militanza a Trigoria i rapporti tra Garcia e Totti erano eccellenti.

14:10Tennis: Vinci subito eliminata a Parigi

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Roberta Vinci è stata subito eliminata dal torneo parigino del Roland Garros, cominciato questa mattina. La 34enne tarantina ha ceduto in tre set (6-3, 3-6, 6-2) alla portoricana Monica Puig, oro olimpico ai Giochi di Rio 2016. La sfida tra l'italiana n.33 Wta e la n.41 del ranking mondiale è durata dopo due ore e 50 minuti, con una breve interruzione per la pioggia. Al Roland Garros, secondo slam della stagione, la Vinci non è mai andata oltre gli ottavi e negli ultimi tre anni era uscita sempre al primo turno.

13:58L. elettorale: Salvini, ok qualsiasi legge purché si voti

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Da dicembre diciamo a Renzi di portare in Parlamento qualsiasi legge e la votiamo, portano il tedesco? Va bene il tedesco. Per noi va bene qualsiasi legge perchè confidiamo nella capacità degli elettori di saper scegliere. Ma bisogna andare al voto al più presto, già abbiamo perso troppo tempo e nel frattempo la disoccupazione è cresciuta e l'immigrazione è diventata una calamità naturale una invasione che deve essere bloccata". Così il leader leghista Matteo Salvini all'Intervista di Maria Latella su SkyTg24.

13:57Voucher: Orlando, tema non aprirà crisi ma spero riflessione

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 MAG - "Mi auguro di no". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha risposto ha chi ha chiesto se il voto di Forza Italia con il Pd in commissione sui voucher potesse rappresentare un segnale per un patto tra Renzi e Berlusconi, il cosiddetto Renzusconi. Orlando ha escluso che sui voucher si possa aprire una crisi di Governo dopo che i deputati vicini al guardasigilli non hanno partecipato al voto. Alla domanda se sui voucher gli orlandiani potrebbero spaccare il Pd, il ministro ha risposto: "Mi porrò sulla questione come mi sono sempre posto. Io espongo le mie posizioni e poi mi attengo alle decisioni del partito. In un partito si deve stare così. Ma senza rinunciare a esprimere il proprio punto di vista".

13:56L. elettorale: Cicchitto, Renzi vuole liberarsi di Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Non è esatto quello che nell'intervista al Messaggero afferma il presidente Renzi e cioè che vuole attuare direttive del presidente della Repubblica. Anche i sampietrini sanno a Roma che il suo obiettivo principale è quello di liberarsi del governo Gentiloni senza lasciare impronte digitali troppo marcate e per ottenere questo risultato è disponibile a qualunque legge elettorale: tedesca, francese, spagnola o russa che sia". Così Fabrizio Cicchitto (Ap), presidente della Commissione Esteri della Camera.

13:56Gerusalemme avrà una funivia per la Città vecchia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 MAG - Gerusalemme avrà presto una funivia in grado di scaricare migliaia di escursionisti all' ingresso meridionale della Città Vecchia: la cosiddetta porta dell'Immondizia, che è la più vicina al Muro del Pianto. Lo ha annunciato oggi il premier Benyamin Netanyahu nel corso di una seduta di governo tenuta in via eccezionale in un'aula sotterranea vicino al Muro del Pianto, nel 50.mo anniversario della guerra dei sei giorni. Nel corso della seduta Netanyahu ha promesso che il suo governo farà investimenti ingenti a Gerusalemme e fra i vari progetti realizzerà anche quello di una funivia che partirà dall'edificio della antica stazione ferroviaria, sulla Hebron Road. I vagoni - secondo il sito del municipio di Gerusalemme - saranno in grado di trasportare quattromila persone all'ora. Il tragitto di 2,3 chilometri - che passerà sopra la vallata Ben Hinom e oltrepasserà il Monte Sion - durerà 5 minuti. ''Il primo viaggiatore sarò io stesso'' ha promesso Netanyahu.

Archivio Ultima ora