L’Inter vola con Icardi. Udinese troppi errori

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

Inter's forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

Inter’s forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

UDINE. – Icardi ritrova posto da titolare e via del gol. Così l’Inter vola al Friuli, grazie a tre errori dell’Udinese in fase difensiva e a una prodezza balistica di Brozovic, e si conferma la miglior difesa del campionato. Handanovic è una diga insuperabile, nonostante le buone intenzioni e i tanti tentativi dei padroni di casa.

All’Udinese rimane la magra, e soprattutto amara, consolazione di aver giocato, a dispetto del pesante passivo finale, una buona prestazione, macchiata solo da qualche svarione personale. Due errori, imperdonabili, di Bruno Fernandes e Domizzi decidono il parziale del primo tempo e Inter va al riposo sul doppio vantaggio.

Ma è l’Udinese a fare la partita. Pressing alto e belle giocate. L’Inter si chiude in maniera ordinata e si affida alle ripartenze, pronta a colpire con micidiale cinismo non appena se ne presenta l’occasione.

Il primo squillo è nerazzurro. Al 6′ Perisic crossa al centro per Jovetic che calcia praticamente all’altezza del dischetto del rigore, Karnezis si salva d’istinto con i piedi. Con qualche colpa della difesa dell’Udinese che, mal schierata, non riesce a far scattare il fuorigioco.

Poi però l’Udinese si fa vedere in più occasioni dalle parti dell’ex Handanovic. Al 13′ Edenilson serve con un lancio lungo Di Natale che si infila tra i due centrali nerazzurri, controlla bene e calcia ma Murillo lo chiude. Subito dopo Thereau costringe Handanovic alla parata decisiva. E al 22′ ancora Di Natale va vicino al gol su calcio di punizione da posizione centrale proprio al limite dell’area, che termina fuori di poco.

Tempo un minuto e Icardi sblocca la partita. La miglior risposta alle critiche piovute in settimana sull’attaccante nerazzurro, quest’anno al di sotto della media gol cui aveva abituato nella passata stagione. Bruno Fernandes sbaglia un retropassaggio verso Domizzi. Icardi si inserisce e scarica sul secondo palo. Karnezis tocca con il piede ma non basta a evitare la rete.

L’Inter aspetta e ringrazia anche al 31′. Domizzi sbaglia il controllo del pallone ancora su un retropassaggio che diventa un assist per Jovetic. Tutto solo davanti al portiere non fallisce l’occasione facile facile: così anche il montenegrino, a secco dal match con il Carpi, ritrova la via della rete.

Il doppio vantaggio consente all’Inter di fare il suo gioco con ancora più tranquillità. E costringe l’Udinese a premere sempre più il piede sull’acceleratore. I bianconeri tengono alto il ritmo, cercano la porta nerazzurra, ma Handanovic non si smentisce, come al 35′ quando alza sopra la traversa un tiro insidioso di Thereau, forse il migliore tra i bianconeri.

L’Udinese insiste nel pressing alto anche in avvio di ripresa. Ma con il passare dei minuti le tante energie spese si fanno sentire. Mancini si gioca la carta Brozovic, inserito al posto di Jovetic, per infoltire il centrocampo e controllare il vantaggio con più facilità. Colantuono risponde al 25′ togliendo un centrocampista, Iturra, per un attaccante, Perica, per giocarsi il tutto per tutto, nel tentativo di bucare la miglior difesa del campionato.

Ma è una misisone impossibile, e a trovare la via del gol è ancora l’Inter. E ancora per colpa di un errore dell’Udinese. Lodi perde palla e regala un altro assist a Icardi che ringrazia e con un gran destro fulmina ancora Karnezis. Poi l’Inter dilaga con una bellissima giocata di Brozovic sulla destra: il croato fa partire un tiro a girare sul secondo palo per il poker nerazzurro.

(di Elena Viotto/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora