L’Inter vola con Icardi. Udinese troppi errori

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

Inter's forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

Inter’s forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

UDINE. – Icardi ritrova posto da titolare e via del gol. Così l’Inter vola al Friuli, grazie a tre errori dell’Udinese in fase difensiva e a una prodezza balistica di Brozovic, e si conferma la miglior difesa del campionato. Handanovic è una diga insuperabile, nonostante le buone intenzioni e i tanti tentativi dei padroni di casa.

All’Udinese rimane la magra, e soprattutto amara, consolazione di aver giocato, a dispetto del pesante passivo finale, una buona prestazione, macchiata solo da qualche svarione personale. Due errori, imperdonabili, di Bruno Fernandes e Domizzi decidono il parziale del primo tempo e Inter va al riposo sul doppio vantaggio.

Ma è l’Udinese a fare la partita. Pressing alto e belle giocate. L’Inter si chiude in maniera ordinata e si affida alle ripartenze, pronta a colpire con micidiale cinismo non appena se ne presenta l’occasione.

Il primo squillo è nerazzurro. Al 6′ Perisic crossa al centro per Jovetic che calcia praticamente all’altezza del dischetto del rigore, Karnezis si salva d’istinto con i piedi. Con qualche colpa della difesa dell’Udinese che, mal schierata, non riesce a far scattare il fuorigioco.

Poi però l’Udinese si fa vedere in più occasioni dalle parti dell’ex Handanovic. Al 13′ Edenilson serve con un lancio lungo Di Natale che si infila tra i due centrali nerazzurri, controlla bene e calcia ma Murillo lo chiude. Subito dopo Thereau costringe Handanovic alla parata decisiva. E al 22′ ancora Di Natale va vicino al gol su calcio di punizione da posizione centrale proprio al limite dell’area, che termina fuori di poco.

Tempo un minuto e Icardi sblocca la partita. La miglior risposta alle critiche piovute in settimana sull’attaccante nerazzurro, quest’anno al di sotto della media gol cui aveva abituato nella passata stagione. Bruno Fernandes sbaglia un retropassaggio verso Domizzi. Icardi si inserisce e scarica sul secondo palo. Karnezis tocca con il piede ma non basta a evitare la rete.

L’Inter aspetta e ringrazia anche al 31′. Domizzi sbaglia il controllo del pallone ancora su un retropassaggio che diventa un assist per Jovetic. Tutto solo davanti al portiere non fallisce l’occasione facile facile: così anche il montenegrino, a secco dal match con il Carpi, ritrova la via della rete.

Il doppio vantaggio consente all’Inter di fare il suo gioco con ancora più tranquillità. E costringe l’Udinese a premere sempre più il piede sull’acceleratore. I bianconeri tengono alto il ritmo, cercano la porta nerazzurra, ma Handanovic non si smentisce, come al 35′ quando alza sopra la traversa un tiro insidioso di Thereau, forse il migliore tra i bianconeri.

L’Udinese insiste nel pressing alto anche in avvio di ripresa. Ma con il passare dei minuti le tante energie spese si fanno sentire. Mancini si gioca la carta Brozovic, inserito al posto di Jovetic, per infoltire il centrocampo e controllare il vantaggio con più facilità. Colantuono risponde al 25′ togliendo un centrocampista, Iturra, per un attaccante, Perica, per giocarsi il tutto per tutto, nel tentativo di bucare la miglior difesa del campionato.

Ma è una misisone impossibile, e a trovare la via del gol è ancora l’Inter. E ancora per colpa di un errore dell’Udinese. Lodi perde palla e regala un altro assist a Icardi che ringrazia e con un gran destro fulmina ancora Karnezis. Poi l’Inter dilaga con una bellissima giocata di Brozovic sulla destra: il croato fa partire un tiro a girare sul secondo palo per il poker nerazzurro.

(di Elena Viotto/ANSA)

Ultima ora

06:48Russiagate: media,si guarda a possibile riciclaggio Manafort

WASHINGTON - Il procuratore speciale Robert Mueller nominato dal dipartimento di Giustizia Usa per condurre l'inchiesta sul cosiddetto 'Russiagate' sta esaminando in questo ambito la possibilita' di riciclaggio di denaro per Paul Manafort, ex manager della campagna elettorale di Trump, stando a quanto riferisce il Wall Street Journal.

06:40Siria: Usa per soluzione politica, ma non insiste su Assad

WASHINGTON - Gli Stati Uniti vogliono una soluzione politica per il conflitto in Siria ma non insisteranno per un'uscita di scena del presidente Bashar al Assad quale condizione sine qua non. Lo ha spiegato il consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per l'antiterrorismo Tom Bossert, secondo quanto riferisce la Associated Press, pur riconoscendo che lasciare Assad in controllo non offre le migliori speranze per la pace nel Paese.

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

21:18Tabaccaio morì in tentativo rapina, un indagato dopo 3 anni

(ANSA) - ASTI, 20 LUG - Svolta nelle indagini per l'omicidio di Manuel Bacco, il tabaccaio di 37 anni ucciso a colpi di pistola ad Asti, nel suo negozio di corso Alba nel 2014. A quasi tre anni dal delitto, un astigiano di 24 anni è finito nel registro degli indagati. La rendo noto l'avvocato Claudia Malabaila, che difende il giovane insieme al collega Roberto Caranzano. "Oggi c'è stato un interrogatorio in Procura durato quattro ore - conferma Malabaila - il mio cliente si è dichiarato innocente". Le indagini sull'omicidio proseguono nel più stretto riserbo di Procura e carabinieri. Il delitto la sera del 19 dicembre di tre anni fa. I malviventi puntavano all'incasso della giornata, ma la reazione del tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie strattonata da uno dei banditi, ha fatto perdere loro il controllo. Colpita a bruciapelo al torace, la vittima era morta sul colpo.(ANSA).

Archivio Ultima ora