L’Inter vola con Icardi. Udinese troppi errori

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

Inter's forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

Inter’s forward Mauro Icardi exults after scoring the 0-1 goal during the Italian Serie A soccer match between Udinese Calcio and FC Inter at Friuli Stadium in Udine, 12 December 2015. ANSA/ STEFANO LANCIA

UDINE. – Icardi ritrova posto da titolare e via del gol. Così l’Inter vola al Friuli, grazie a tre errori dell’Udinese in fase difensiva e a una prodezza balistica di Brozovic, e si conferma la miglior difesa del campionato. Handanovic è una diga insuperabile, nonostante le buone intenzioni e i tanti tentativi dei padroni di casa.

All’Udinese rimane la magra, e soprattutto amara, consolazione di aver giocato, a dispetto del pesante passivo finale, una buona prestazione, macchiata solo da qualche svarione personale. Due errori, imperdonabili, di Bruno Fernandes e Domizzi decidono il parziale del primo tempo e Inter va al riposo sul doppio vantaggio.

Ma è l’Udinese a fare la partita. Pressing alto e belle giocate. L’Inter si chiude in maniera ordinata e si affida alle ripartenze, pronta a colpire con micidiale cinismo non appena se ne presenta l’occasione.

Il primo squillo è nerazzurro. Al 6′ Perisic crossa al centro per Jovetic che calcia praticamente all’altezza del dischetto del rigore, Karnezis si salva d’istinto con i piedi. Con qualche colpa della difesa dell’Udinese che, mal schierata, non riesce a far scattare il fuorigioco.

Poi però l’Udinese si fa vedere in più occasioni dalle parti dell’ex Handanovic. Al 13′ Edenilson serve con un lancio lungo Di Natale che si infila tra i due centrali nerazzurri, controlla bene e calcia ma Murillo lo chiude. Subito dopo Thereau costringe Handanovic alla parata decisiva. E al 22′ ancora Di Natale va vicino al gol su calcio di punizione da posizione centrale proprio al limite dell’area, che termina fuori di poco.

Tempo un minuto e Icardi sblocca la partita. La miglior risposta alle critiche piovute in settimana sull’attaccante nerazzurro, quest’anno al di sotto della media gol cui aveva abituato nella passata stagione. Bruno Fernandes sbaglia un retropassaggio verso Domizzi. Icardi si inserisce e scarica sul secondo palo. Karnezis tocca con il piede ma non basta a evitare la rete.

L’Inter aspetta e ringrazia anche al 31′. Domizzi sbaglia il controllo del pallone ancora su un retropassaggio che diventa un assist per Jovetic. Tutto solo davanti al portiere non fallisce l’occasione facile facile: così anche il montenegrino, a secco dal match con il Carpi, ritrova la via della rete.

Il doppio vantaggio consente all’Inter di fare il suo gioco con ancora più tranquillità. E costringe l’Udinese a premere sempre più il piede sull’acceleratore. I bianconeri tengono alto il ritmo, cercano la porta nerazzurra, ma Handanovic non si smentisce, come al 35′ quando alza sopra la traversa un tiro insidioso di Thereau, forse il migliore tra i bianconeri.

L’Udinese insiste nel pressing alto anche in avvio di ripresa. Ma con il passare dei minuti le tante energie spese si fanno sentire. Mancini si gioca la carta Brozovic, inserito al posto di Jovetic, per infoltire il centrocampo e controllare il vantaggio con più facilità. Colantuono risponde al 25′ togliendo un centrocampista, Iturra, per un attaccante, Perica, per giocarsi il tutto per tutto, nel tentativo di bucare la miglior difesa del campionato.

Ma è una misisone impossibile, e a trovare la via del gol è ancora l’Inter. E ancora per colpa di un errore dell’Udinese. Lodi perde palla e regala un altro assist a Icardi che ringrazia e con un gran destro fulmina ancora Karnezis. Poi l’Inter dilaga con una bellissima giocata di Brozovic sulla destra: il croato fa partire un tiro a girare sul secondo palo per il poker nerazzurro.

(di Elena Viotto/ANSA)

Ultima ora

14:59Migranti: Unicef, 200 bimbi morti in 5 mesi nel Mediterraneo

(ANSA) - PALERMO, 25 GIU - Sono almeno 200 i bambini morti lungo la rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa all'Italia, da inizio d'anno, per una media di più di un bimbo al giorno. Inoltre, tra il primo gennaio e il 23 maggio oltre 45 mila rifugiati e migranti sono arrivati in Italia via mare, con un aumento del 44% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questo dato comprende anche circa 5.500 minorenni non accompagnati - con un aumento del 22% dal 2016 - che sono circa il 92% di tutti i bambini arrivati in Italia traverso la rotta del Mediterraneo centrale. Sono gli ultimi, drammatici, dati diffusi dall'Unicef, in vista dell'incontro tra i leader dei Paesi del G7 a Taormina. Alla spiaggia di Sant'Erasmo, a Palermo, l'organizzazione internazionale ha realizzato l'iniziativa "Barchette in mare, non per gioco", nel corso della quale il medico di Lampedusa, Pietro Bartolo, è stato nominato "ambasciatore di buona volontà per Unicef".

14:56Russia: fermati 4 ‘terroristi Isis’, obiettivo Mosca

(ANSA) - MOSCA, 25 MAG - I servizi di sicurezza russi (Fsb) annunciano di aver fermato a Mosca quattro presunti terroristi di un gruppo affiliato all'Isis che stava preparando attentati nella rete dei trasporti della capitale russa con ordigni artigianali. Secondo i servizi segreti, i quattro prendevano ordini direttamente dall'Isis in Siria, dove prevedevano di andare dopo gli attentati. I presunti terroristi sono cittadini russi e di paesi dell'Asia centrale. "Nel corso delle perquisizioni nelle abitazioni dei fermati - fa sapere l'Fsb - è stato trovato un laboratorio per la produzione di esplosivi, un ordigno artigianale pronto per l'uso con elementi lesivi, nonché armi da fuoco automatiche, munizioni, granate, letteratura e video di carattere estremistico e terroristico".

14:47Migranti: insulta e minaccia sindaco su Fb, denunciato

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' stato individuato e denunciato un ventiquattrenne che, nei giorni scorsi, aveva pesantemente insultato via Facebook, augurandole di essere vittima di uno stupro, il sindaco di Cinisello Balsamo (Milano), Silvia Trezzi, dopo che il primo cittadino aveva aderito al protocollo per l'accoglienza diffusa elaborato dalla Prefettura di Milano. "Mi vergogno e chiedo scusa", avrebbe detto il giovane dai carabinieri di Sesto San Giovanni (Milano) per diffamazione aggravata. Il giovane, rintracciato a seguito della querela del primo cittadino, ha riferito di aver inviato a Silvia Trezzi un messaggio di scuse. Non apparterebbe a una particolare parte politica.

14:45Manchester: la regina all’ospedale in visita ai feriti

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - La regina Elisabetta è arrivata all'ospedale pediatrico di Manchester per visitare alcuni dei feritI nell'attacco alla Manchester Arena. La regina nel corso della sua visita ha incontrato i medici e il personale sanitario che stanno curando le decine di feriti nella strage. Oltre a loro la sovrana ha portato la propria solidarietà ai ricoverati, in particolare i bambini all'interno della clinica pediatrica, e i familiari. Sono 12 i bambini - su un totale di 64 feriti - che sono stati trasportati in ambulanza nel maggiore ospedale della città inglese. Elisabetta all'arrivo è stata accolta degli applausi della gente.

14:38Commenti non graditi su Fb, coniugi aggrediscono vicino

(ANSA) - BUCINE (AREZZO), 25 MAG - Coniugi aggrediscono e minacciano un vicino di casa come risposta a commenti su Facebook nei loro confronti. E' accaduto a Bucine (Arezzo). Secondo la ricostruzione dei carabinieri, la coppia, una 36enne e un 28enne, avrebbe sfondato la porta d'ingresso dell'abitazione dell'uomo, un 35enne, provocando danneggiamenti e minacciandolo poi di morte per aver postato sul social network un commento 'poco lusinghiero' soprattutto nei confronti della donna. L'uomo, spaventato, ha chiamato i carabinieri che hanno denunciato i due per danneggiamento aggravato e minacce.

14:34Ragazzi morti in cava: su cadavere zaino con arnesi scasso

(ANSA) - GENOVA, 25 MAG - Addosso a uno dei due albanesi morti dopo essere precipitati da un'altezza di oltre quaranta metri in una cava dismessa all'Acquasanta (La Spezia), è stato ritrovato uno zaino con oggetti per lo scasso. Lo si apprende dalla Questura. All'interno dello zaino sono stati ritrovati una decina di cacciaviti, un coltello, una mazza, una chiave inglese e alcune paia di guanti. Una delle ipotesi più accreditate dagli investigatori è che la coppia di giovani albanesi sia precipitata nel dirupo mentre si allontanava dopo aver tentato un furto. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, infatti, domenica alle 23 è avvenuto un tentato furto in una villa situata sulla Litoranea, poco lontano dal luogo del ritrovamento dei cadaveri. Una donna, svegliata dall'allarme, ha visto allontanarsi due persone dalla propria abitazione. Gli investigatori stanno svolgendo accertamenti per stabilire se assieme ai due giovani trovati morti ci fossero altre persone.

14:26Migranti: in arrivo a Cagliari nave con 282 profughi

(ANSA) - CAGLIARI, 25 MAG - Tra sabato e domenica a Cagliari arriverà una nave con a bordo 282 migranti soccorsi nei giorni scorsi a largo delle coste della Libia. Al momento non è stato stabilito il molo d'attracco e nemmeno si conosce l'orario previsto di arrivo. I profughi sbarcheranno dalla nave della marina militare inglese Echo inserita nel dispositivo Eunavfor Med come la Canaries arrivata domenica scorsa a Cagliari. I 282 migranti fanno parte dei 1.800 soccorsi in dieci distinte operazioni, coordinate dalla Guardia costiera, portate a termine ieri nel Mediterraneo centrale. Si trovavano a bordo di quattro gommoni e sei barchini raggiunti dalle varie unità navali. (ANSA).

Archivio Ultima ora