Clima: storico accordo per fermare la febbre del Pianeta

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

The slogan "FOR THE PLANET" is projected on the Eiffel Tower as part of the COP21, United Nations Climate Change Conference in Paris, France, Friday, Dec. 11, 2015.  (ANSA/AP Photo/Francois Mori)

The slogan “FOR THE PLANET” is projected on the Eiffel Tower as part of the COP21, United Nations Climate Change Conference in Paris, France, Friday, Dec. 11, 2015. (ANSA/AP Photo/Francois Mori)

LE BOURGET. – Dopo anni di negoziati la Conferenza Onu di Parigi ha approvato in un tripudio di applausi uno storico accordo sul clima per fermare il surriscaldamento del Pianeta. “Devo battere con il martello, è un piccolo martello ma credo possa fare grandi cose”, ha commentato il presidente della Cop 21, il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, dopo aver celebrato con abbracci e lacrime l’approvazione di quello che Francois Hollande ha definito “un accordo che vale per un secolo”.

Un’intesa “giuridicamente vincolante” nel processo di dichiarazione dei “contributi nazionali”, verifica quinquennale e aggiornamento, oltre che per i meccanismi di trasparenza. “Siamo nella storia, e a questa storia ha contribuito anche l’Italia”, ha commentato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, mentre il premier Matteo Renzi ha definito l’intesa un “passo avanti decisivo”.

Di “accordo storico” ha parlato anche il premier britannico David Cameron, mentre per Barack Obama è un risultato “enorme”, frutto della “leadership americana”. “E’ un exploit”, ha esultato anche il ministro dell’Ambiente lussemburghese Carole Dieschbourg, in rappresentanza della presidenza dell’Ue, per cui “questo è il successo dell’Europa, di tutti i Paesi coinvolti nel processo, della società civile e di tutti quelli che ci hanno aiutato ad arrivare a questo accordo ambizioso, vincolante e giusto”.

“Per oggi festeggiamo, da domani dobbiamo fare”, ha aggiunto il commissario europeo all’Energia, Miguel Arias Canete.

Non solo Europa e pochi altri come a Kyoto. Stavolta l’accordo ha raccolto un consenso quasi generale, anche dai ‘grandi inquinatori’, Usa, ma soprattutto i paesi definiti in via di sviluppo Cina e India, che hanno voluto esprimere il proprio apprezzamento davanti alla plenaria.

Unica stecca nel coro il Nicaragua, che ha rifiutato di sostenere il consenso e ha denunciato alcune mancanze nel testo, in materia di “ambizione” e di garanzie sui finanziamenti, chiedendo di creare un “fondo di compensazione” legato alla “responsabilità storica” e che anche i Paesi del Centroamerica siano inseriti tra i più vulnerabili.

In materia di contenuti, l’accordo è un sottile esercizio di diplomazia applicata. La soglia per il riscaldamento globale è fissata “ben al di sotto dei 2 gradi”, ma prevede anche un impegno a “fare sforzi per limitare l’aumento a 1,5”, in linea con le richieste degli Stati insulari. Sulla riduzione delle emissioni, invece, si ‘accontentano’ i Paesi produttori di idrocarburi, a cominciare dall’Arabia Saudita.

Il testo non parla di “neutralità carbonica”, ma di “equilibrio fra emissioni da attività umane e rimozioni di gas serra”, e non fissa una timeline precisa, limitandosi a imporre di “raggiungere il picco il più presto possibile” e poi accelerare per arrivare all’equilibrio “nella seconda metà di questo secolo”. Molto si dovrà fare per la transizione verso le energie pulite.

Sui finanziamenti, il punto più scottante, ai Paesi avanzati viene ribadito l’obbligo di “fornire risorse” per supportare quelli in via di sviluppo, e chiesto di stilare una “roadmap precisa” per arrivare a mobilitare 100 miliardi di dollari l’anno da qui al 2020.

Spariscono però tutti gli aggettivi proposti nella bozza per definire queste risorse, tra cui “adeguate” e “accessibili”, ma anche “nuove” e “incrementali”, e non ci sono vincoli sulla suddivisione dei fondi tra mitigazione e adattamento. Su un possibile allargamento della lista dei donatori ai Paesi emergenti, l’accordo si limita a incoraggiare “altre parti a fornire o continuare a fornire questo supporto in modo volontario”.

Il passaggio che lascia gli osservatori più delusi è senza dubbio quello sui cosiddetti ‘loss and damage’, ovvero sui fondi ai Paesi più vulnerabili per far fronte ai cambiamenti del clima già “permanenti e irreversibili” e troppo intensi per “qualsiasi forma di adattamento”.

La “vittoria enorme” di ottenere un articolo specifico dedicato a questo tema viene infatti ridimensionata da un meccanismo che, secondo le Ong del Climate Action Network, non dà “garanzia di assistenza” ai più colpiti. A ciò si aggiunge la precisazione che questo articolo “non implica né contiene basi per alcuna responsabilità giuridica o compensazione”, punto imprescindibile per gli Stati Uniti, che vogliono evitare che si possa usare l’accordo odierno come base per cause contro le aziende più inquinanti.

(di Chiara Rancati/ANSA)

Ultima ora

18:20Pallavolo: Di Gennaro, no a eccessiva tensione

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Ai campionati europei di pallavolo femminile, la cui fase finale si gioca a Baku, si avvicina il quarto di finale per la nazionale italiana che tra due giorni affronterà la vincente dello spareggio tra Olanda e Croazia, in programma stasera. Le buone notizie arrivano da Lucia Bosetti e Monica De Gennaro: la prima è sulla via del pieno recupero, mentre la seconda dopo alcuni giorni di stop per un problema alla schiena ha ripreso ad allenarsi con la palla. Per la Di Gennaro si tratterà del terzo quarto di finale consecutivo agli Europei: "Questo tipo di gare da dentro o fuori è sicuramente differente da quelle della fase a gironi. Non bisogna viverla, però, con troppa tensione e scendere in campo concentrate al massimo sin dal fischio iniziale. Noi tutte vogliamo mostrare la nostra miglior pallavolo e solo allora, se le avversarie ci saranno superiori, potremo dire di non aver rimpianti".

18:12“Ricovero non serve”, parenti tentano di aggredire medico

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 26 SET - I famigliari di un'anziana 92enne per la quale la dottoressa del Pronto soccorso dell'ospedale 'Tatarella' di Cerignola non aveva ritenuto necessario il ricovero hanno minacciato e tentato di aggredire fisicamente il medico e un infermiere che era accorso in suo aiuto. L'intervento di due ausiliari e di una guardia giurata ha evitato il peggio. Lo rende noto il dg della Asl di Foggia, Vito Piazzolla, esprimendo "vicinanza e solidarietà" al personale aggredito e assicurando che ribadirà al prefetto di Foggia la richiesta di istituire in ospedale un presidio fisso di polizia. Dalla relazione redatta dal personale di turno al momento dell'aggressione è emerso che una donna 92enne, dimessa il giorno precedente dopo nove giorni di ricovero, è arrivata al Pronto soccorso in ambulanza. Dopo averla visitata, il medico in servizio, che già conosceva il quadro clinico, non ha ritenuto necessario il ricovero e i parenti dell'anziana hanno minacciato e tentato di aggredire medico e infermiere.

18:08Rifugiati:iridati sincro su note Lampedusa,Minniti li premia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il 29 e 30 settembre si svolgerà al Circolo Canottieri Aniene una gara, di tennis e di paddle, tra due squadre capitanate dai grandi campioni Nicola Pietrangeli e da Adriano Panatta e composte da personaggi noti del giornalismo e dello spettacolo, che hanno accettato di sfidarsi per raccogliere fondi a favore del Consiglio italiano per i rifugiati per l'assistenza ai minori non accompagnati e alle vittime di violenza e tortura. Partecipano all'evento i più importanti circoli di tennis della capitale e sarà posta in palio la "CIRcoli storici's CUP". Al termine de "La Sfida" il 30 settembre, sempre al Circolo canottieri Aniene, verrà consegnato dal Ministro dell'Interno Marco Minniti, alla presenza del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, un riconoscimento speciale del CIR-Rifugiati ai due atleti (Manila Flamini e Giorgio Minisini, entrambi appartenenti alle Fiamme Oro) vincitori della medaglia d'oro nei mondiali del nuoto sincronizzato a Budapest con una toccante coreografia intitolata "Lampedusa".

18:06G7: giornalisti stranieri assenti, annullata cena di gala

(ANSA) - TORINO, 26 SET - L'Unione Industriale di Torino ha annullato la cena di gala in programma questa sera per illustrare le eccellenze del territorio alla stampa estera al seguito del G7. "L'assenza dei rappresentanti della stampa straniera ci costringe, nostro malgrado, a cancellare l'evento", scrive Dario Gallina, presidente degli industriali torinesi, scusandosi per il breve preavviso. La decisione rischia di sollevare altre polemiche, dopo quelle della scorsa settimana sull'esclusione di Torino dagli appuntamenti del vertice, per molti una occasione mancata di promozione del territorio. Nel comunicare l'annullamento della cena, che era stata organizzata presso il Circolo Soci dell'Unione Industriale di Torino, il presidente Gallina esprime l'auspicio "di trovare una futura occasione per promuovere a livello internazionale la nostra città e le nostre imprese". (ANSA).

18:04Calcio: Vigorito, il campionato del Benevento inizia ora

(ANSA) - BENEVENTO, 26 SET - "Ricominciamo da zero". Il presidente del Benevento Calcio, Oreste Vigorito, prova a risollevare l'umore della piazza dopo il disastroso avvio di campionato, con zero punti in sei incontri. Nel corso di una trasmissione sportiva in onda sulla sua emittente televisiva, "Ottochannel", il patron giustifica la pessima partenza: "Dobbiamo essere tutti uniti perché possiamo risollevarci. Purtroppo la squadra che ha in mente l'allenatore Baroni non è mai scesa in campo, a causa di infortuni e altro. Subito dopo la fine del mercato ben sette calciatori sono stati convocati in nazionale. Adesso dobbiamo azzerare le sei partite e siccome molti calciatori non hanno una giusta preparazione perché sono arrivati in ritardo devono fare un'attività di lavoro come se il campionato iniziasse adesso", ha concluso il presidente del Benevento. Intanto lo stadio beneventano registra il primo sold out della stagione per l'incontro di domenica prossima contro l'Inter.

18:03G7: comandante Arma Tullio Del Sette in visita a Torino

(ANSA) - TORINO, 26 SET - Il Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, accompagnato dal generale di divisione Mariano Mossa, ha incontrato oggi a Torino i reparti impegnati al G7 di Industria, Scienza e Lavoro. Il Comandante ha anche visitato la compagnia di Venaria, città che ospita il summit, la compagnia di Rivoli e le stazioni di Vinovo e di Orbassano. (ANSA).

18:02Somalo torturatore: pm di Milano chiede l’ergastolo

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Osman Matammud "è un sadico, uno che si diverte a torturare e a uccidere. E' un ragazzo di 22 anni che ha 'sbroccato' e si è fatto prendere dal delirio di onnipotenza ad avere nelle sue mani la vita di centinaia di persone". E' un passaggio della requisitoria del pm Marcello Tatangelo, che questo pomeriggio, nel processo davanti alla Corte d'Assise di Milano, ha chiesto che il giovane di origine somala, fermato nel settembre scorso, venga condannato alla pena dell'ergastolo per avere torturato, stuprato e ucciso decine di migranti nel campo di Bani Whalid in Libia. Il pm ha sottolineato che le 17 presunte vittime sentite nel processo (una decina in sede di incidente probatorio, le altre in aula) parlano "tutte di violenze terribili, molto peggiori di quelle che sarebbero state necessarie per mantenere l'ordine nel campo e per impedire alle persone sequestrate di fuggire".

Archivio Ultima ora