Il Papa a febbraio in Messico, da Guadalupe a Ciudad Juarez

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

12/12/2014 Citta' del Vaticano. Basilica Vaticana, celebrazione Eucaristica nella festivita' di Nostra Signora di Guadalupe. Nella foto papa Framcesco e l'immagine della Madonna di Nostra Signora di Guadalupe

12/12/2014 Citta’ del Vaticano. Basilica Vaticana, celebrazione Eucaristica nella festivita’ di Nostra Signora di Guadalupe. Nella foto papa Framcesco e l’immagine della Madonna di Nostra Signora di Guadalupe

CITTA’ DEL VATICANO. – “Viaggerò per venerarla nel suo Santuario il prossimo 13 febbraio”. Affidando il Messico e il continente americano alla Vergine di Guadalupe, il Papa ha annunciato il suo 12/mo viaggio apostolico, primo dell’Anno giubilare, che toccherà appunto il Messico.

E quasi in contemporanea col suo annuncio durante la messa in San Pietro per la festa di Nostra Signora di Guadalupe, patrona del Messico e delle Americhe, la Sala stampa ha diffuso il programma dell’attesa visita, in programma dal 12 al 18 febbraio 2016. Numerose le tappe: Città del Messico, Ecatepec, il Chiapas con San Cristobal de Las Casas e Tuxtla Gutierrez, quindi Morelia, e infine Ciudad Juarez, l’ex capitale criminale dei narcos, ai confini con gli Stati Uniti.

Undici i voli e tredici i discorsi del Papa in agenda in sei giorni di visita. Il programma prevede la partenza in aereo da Roma-Fiumicino alle 12.30 di venerdì 12 febbraio e l’arrivo alle 19.30 locali a Città del Messico, con l’accoglienza ufficiale all’aeroporto internazionale “Benito Juarez”.

Sabato 13, alle 9.30 locali, la cerimonia di benvenuto al Palazzo Nazionale con la visita di cortesia al presidente della Repubblica Enrique Peña Nieto, seguito alle 10.15 dall’incontro con le autorità, la società civile e il corpo diplomatico. Alle 11.30 il Papa incontrerà i vescovi del Messico nella cattedrale e nel pomeriggio, alle 17.00 – come annunciato oggi nella messa in Vaticano – celebrerà la messa nella basilica di Guadalupe, davanti alla veneratissima immagine della Vergine.

Domenica 14 febbraio, alle 9.20, Francesco si trasferirà in elicottero a Ecatepec, a 25 km dalla capitale, dove alle 10.30 celebrerà la messa nell’area del Centro Studi. Alle 12.50 il rientro in elicottero a Città del Messico, dove alle 16.30 il Papa visiterà l’ospedale pediatrico “Federico Gomez”. Alle 18.00 l’incontro con il mondo della cultura all’Auditorium Nazionale.

Lunedì 15, alle 7.30, il Papa partirà in aereo per Tuxtla Gutierrez, capitale del Chiapas, lo Stato più meridionale del Messico, ai confini con Guatemala. Alle 9.15 da lì Francesco si trasferirà in elicottero a San Cristobal de Las Casas, dove alle 10.15 celebrerà la messa con le comunità indigene del Chiapas nel Centro sportivo municipale. Alle 13.00 il pranzo con rappresentanti di indigeni e alle 15.00 la visita alla cattedrale. Alle 15.35 il Papa tornerà in elicottero a Tuxtla Gutierrez, dove alle 16.15 incontrerà le famiglie nello stadio “Victor Manuel Reyna”.

Alle 18.00 la partenza in aereo per Città del Messico, con arrivo previsto alle 20.00. Martedì 16, alle 7.50, il Papa partirà di nuovo in aereo per Morelia, capoluogo dello Stato di Michoacan nel Messico centrale, dove alle 10.00 è prevista la messa con i sacerdoti, i religiosi e le religiose, e alle 15.15 la visita alla cattedrale. Alle 16.30 l’incontro con i giovani nella stadio “Josè Maria Morelos y Pavon”. Alle 18.55 ritorno in aereo a Città del Messico, con arrivo alle 20.00.

L’ultimo giorno di visita, mercoledì 17 febbraio, il Pontefice partirà in aereo alle 8.35 per Ciudad Juarez, nello Stato settentrionale del Chihuahua, al confine con gli Usa: città che era considerata la più criminale del Messico, se non del mondo, terra di battaglia tra i cartelli dei narcos, ora anche luogo di transito per i migranti che sconfinano verso gli Stati Uniti.

Bergoglio vi atterrerà alle 10.00 all’aeroporto internazionale “Abraham Gonzalez” e alle 10.30 la prima visita sarà al penitenziario. Alle 12.00 incontrerà il mondo del lavoro al Colegio de Bachilleres dello Stato di Chihuahua e alle 16.00 celebrerà la messa nell’Area fieristica. Alle 19.00, infine, la cerimonia di congedo all’aeroporto internazionale, con partenza per l’Italia alle 19.15. L’arrivo a Roma-Ciampino è previsto per le 14.45 dell’indomani, giovedì 18 febbraio.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

16:41Erdogan, Berlino ‘non è così forte da spaventarci’

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - "Voglio dire ai miei amici tedeschi e al mondo intero: non siete abbastanza forti per diffamare la Turchia e non sarete mai abbastanza forti da spaventarci". Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nel suo primo intervento dopo la 'linea dura' annunciata ieri da Berlino nei suoi rapporti con Ankara. "La Germania deve darsi un contegno", ha aggiunto Erdogan, definendo "senza fondamento" le parole del ministro degli Eteri tedesco, Sigmar Gabriel, secondo cui i turisti e le aziende della Germania potrebbero correre rischi in Turchia.

16:39Gerusalemme: sale a due bilancio palestinesi uccisi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - Sono due i palestinesi rimasti uccisi oggi negli incidenti avvenuti a Gerusalemme est. Lo aggiorna la agenzia di stampa palestinese Maan, senza fornire per il momento altri dettagli. La polizia israeliana ha confermato la morte del primo dimostrante, nel rione di Ras al-Amud. Scontri fra dimostranti e reparti dell'esercito sono in corso in Cisgiordania a Hebron, Betlemme, Ramallah e Tulkarem. Fonti mediche parlano di decine di feriti, contusi, ustionati ed intossicati

16:30Chiesa in ferie, Arciconfraternita S.Anna, “non è la nostra”

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - La notizia della chiusura per ferie di una chiesa a Roma, diffusa nei giorni scorsi, non riguarda quella affidata all'Arciconfraternita di Sant'Anna de' Palafrenieri, ovvero Santa Caterina della Rota. Lo precisa in una nota il legale dell'Arciconfraternita, sottolineando che il cartello con l'annuncio della chiusura per due mesi riguardava "tutt'altra chiesa, quella di San Girolamo della Carità". L'Arciconfraternita precisa anche che per il 26 luglio "in occasione della imminente festività di sant'Anna, l'Arciconfraternita ha organizzato una solenne Celebrazione Eucaristica nella piazza di S. Caterina della Rota, alla presenza di numerosi invitati e con la benedizione della facciata della chiesa i cui lavori di restauro sono stati ultimati". Quindi la chiesa in questi giorni è tutt'altro che in ferie. Le due chiese in questione, Santa Caterina e San Girolamo, sono nel centro storico di Roma, situate a pochi metri di distanza.(ANSA).

Archivio Ultima ora