La Francia torna alle urne, mobilitazione anti-Le Pen

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015. French regional elections will take place on 06 and 13 December 2015.  EPA/SEBASTIEN NOGIER

Leader of French far-right political party National Front (FN) Marine Le Pen (L) and National Front party member and Member of Parliament Marion Marechal-Le Pen (R) attend a political rally for the French regional elections, in Nice, France, 27 November 2015. French regional elections will take place on 06 and 13 December 2015. EPA/SEBASTIEN NOGIER

PARIGI. – Una battaglia serratissima. La Francia si prepara ai ballottaggi delle elezioni regionali tra il ‘fronte repubblicano’ lanciato dalla maggioranza socialista per sbarrare la strada all’avanzata di Marine Le Pen e un’affluenza che si annuncia migliore di domenica scorsa.

Tra l’altro, in casa Ps, molti sperano che lo storico accordo strappato dal presidente Hollande alla conferenza Onu sul clima di Le Bourget, alle porte di Parigi, possa avere un riflesso positivo sullo scrutinio.

Intanto, dopo un primo turno caratterizzato dall’astensionismo e dall’impennata del Front National nei commissariati di Francia sono esplose le richieste di ‘procuration’, la delega amministrativa con cui gli elettori lontani da casa e impossibilitati a recarsi fisicamente al seggio autorizzano i familiari a votare al loro posto. Domenica non era al seggio un elettore su due ma in molti scommettono che dopo lo choc seguito al boom del Front National primo partito di Francia l’affluenza sarà più elevata.

In prima pagina, il quotidiano Le Parisien, delinea addirittura l’ipotesi di un “soprassalto cittadino”. Certo è che negli ultimi giorni nei commissariati delle grandi città sono stati in tantissimi a mettersi in fila per chiedere la delega. A Parigi, le richieste sono schizzate del 25% rispetto a domenica scorsa, raddoppiate a Marsiglia. Impennata delle ‘procuration’ anche a Strasburgo, Lille, Lione e in tante altre città transalpine.

“Passa tantissima gente, soprattutto studenti”, spiega un funzionario citato dal Parisien. Per commentatori e media a Parigi non ci sono dubbi: si tratta di un chiaro segnale di mobilitazione per fermare il ciclone Le Pen, aiutata al primo turno anche dalla forte astensione. Ma la partita è ancora tutta da giocare. Con i duelli tra Fronte e centro destra (Les Républicains) in due regioni e le triangolari in altre dieci, le incognite sono ancora numerose.

Gli ultimi sondaggi confermano quanto già emerso a inizio settimana. Marine Le Pen e Marion Marechal-Le Pen, rispettivamente capolista nel Nord-Pas-de-Calais e nella regione Provence-Alpes-Cote d’Azur (sud) uscirebbero battute dalla coalizione di centro destra. Lo studio di Odoxa fotografa la leader Fn al 48% dietro all’avversario dei Républicains Xavier Bertrand (52%).

A sud il margine è più stretto. Il repubblicano Christian Estrosi raccoglierebbe il 51% contro il 49% di Marion. Vantaggio che in entrambi i casi molto deve alla desistenza strategica dei candidati socialisti arrivati terzi nel primo turno e all’appello di Valls di votare per il partito di Nicolas Sarkozy piuttosto che far vincere l’estrema destra.

Nel cosiddetto ‘Grand Est’, Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena, la triangolare si gioca sul filo. Nelle intenzioni di voto Philippe Richert (Les Républicains) stacca di due punti il frontista Florian Philippot (43% contro 41%). Ma qui a correre per la presidenza della regione c’è anche un ‘terzo incomodo’, il socialista Jean-Pierre Masseret, l’unico candidato della maggioranza ad aver rifiutato l’ordine di scuderia di aderire al cordone anti-Fn. Ora corre con una lista indipendente e molti lo accusano di disperdere il voto rendendo più facile la corsa di Philippot.

Nell’Ile-de-France, la regione di Parigi, i due candidati socialista e repubblicano, Claude Bartolone e Valérie Pecresse, sono gomito a gomito (41,5% e 41% secondo un sondaggio Elabe). Stesso scenario tra i due candidati Ps ed ex-Ump in Normandia. Nella triangolare in Languedoc-Midi-Pyrenées è invece data in grande vantaggio la socialista Carole Delga (43%), seguono il frontista Louis Alliot (35%) e il neogollista dei Républicains Dominique Reynié (22%).

I francesi chiamati al voto sono 44,6 milioni. L’apertura dei seggi è prevista per le otto di domani mattina. Alle 12 e alle 17 i dati sull’affluenza. Sono invece attesi per le 20 i primi exit poll.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

23:02Donne uccise a Bergamo, esclusa ipotesi serial killer

(ANSA) - BERGAMO, 16 GEN - Perde definitivamente peso l'ipotesi di un killer seriale che si aggira nella Bergamasca dato che è stato accertato che non è stata la stessa mano a uccidere Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri. Pur non trascurando nulla, il procuratore capo di Bergamo Walter Mapelli spegne quella che già dall'inizio per gli inquirenti era sembrata una ipotesi poco verosimile. La procura aveva comunque chiesto ai medici legali che hanno eseguito le autopsie delle due donne di comparare le ferite e verificare eventuali analogie. Dalla comparazione la conferma che i due omicidi non sono collegati né collegabili. Gianna è stata colpita più di una volta, Daniela solo una. Inoltre il taglio alla gola inferto a Daniela è orizzontale, mentre è diagonale quello che ha ucciso Gianna. Infine l'arma con cui è stata sgozzata Gianna ha scalfito anche la spina dorsale, quella che ha ucciso Daniela, invece, ha praticamente tranciato le vertebre della spina dorsale. (ANSA).

22:43Focara: accesa grande pira a Novoli su note della ‘pizzica’

(ANSA) - NOVOLI (LECCE), 16 GEN - Anche quest'anno la pioggia, che è caduta per quasi tutto il giorno su Novoli, non ha fermato la tradizionale accensione della Focara, il più grande falò del Mediterraneo, eretto in onore di Sant'Antonio Abate. Per la prima volta è stato il ritmo della 'pizzica' a scandire quello dei fuochi pirotecnici che hanno infiammato la gigantesca pira alta 25 metri e larga 20 metri. Sulle note del brano 'Fuecu' di Daniele Durante, il corpo di ballo de La Notte della Taranta ha danzato come una "comunità che attraverso il fuoco sprigiona energia e sentimento", ha sottolineato il coreografo Fabrizio Mainini. Una comunità di circa 70mila persone che il paese di 8.500 abitanti accoglierà fino al 18 gennaio. Prevista esibizione di Vinicio Capossela che eseguirà per la prima volta un brano scritto nel 2008, ispirato dal rito dell'enorme falò: 'Focara Focara'. Presenti anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano, con il sindaco di Novoli e presidente della fondazione Focara, Gianmaria Greco.

Archivio Ultima ora