Euro 2016: Conte senza paura, faremo del nostro meglio

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

italia-conte

PARIGI. – Antonio Conte senza paura. Non fa proclami il ct, ma non pensa a un’Italia intimorita dal sorteggio difficile di Euro 2016: “la Storia parla a nostro favore”. Il Belgio “è favorito, anche per la vittoria finale”, ma ha giocato con noi e ci conosce. Ed essere sorteggiati contro l’Italia non fa piacere a nessuno”.

“Non mi pongo obiettivi minimi – dice ancora Conte -, non l’ho mai fatto perchè è da stupidi. Dobbiamo avere l’ambizione di fare qualcosa di straordinario. Sarò soddisfatto se avremo dato tutti il massimo, se non avremo rimpianti e recriminazioni. Poi usciamo quando usciamo, ma dopo dobbiamo poterci guardare negli occhi”.

Il ct è già caldo, il presidente Tavecchio – che gli stava accanto nella sala del sorteggio al Palais des Congres di Parigi – ha riferito che il ct “era tesissimo”: “è vero – ammette Conte – l’ho vissuto con la giusta tensione. Da oggi questa competizione è più vicina, dobbiamo essere caldi per poter giocare, io mi sto scaldando nella testa, nel cuore, nelle gambe”.

Belgio fortissimo, favorito, anche se “nell’amichevole persa hanno avuto episodi favorevoli”. Poi la Svezia di Ibra, “diventato ancora più forte adesso che gioca vicino alla porta, mentre prima gli piaceva girare per il campo”. Infine l’Irlanda “con la sua intensità, la preparazione fisica e il 4-4-2”.

Ma gli occhi di Conte sprizzano ottimismo e fiducia. Al primo anno nella Juventus, sorprese tutti vincendo. Può accadere anche agli Europei? “E’ vero, nessuno ci considerava per la vittoria finale, c’era l’Inter del triplete e il Napoli di Cavani. Noi non ci siamo posti obiettivi, siamo andati avanti per vedere dove arrivavamo. Ma lì avevo tutti i giorni i giocatori con me, mentre con la Nazionale ho più difficoltà. Eppure – afferma con orgoglio – abbiamo fatto passi da gigante rispetto alle prime partite, il gruppo è cresciuto, mi consente anche di trovare soluzioni tattiche diverse. La cosa più bella per me, la soddisfazione più grande è vedere che i ragazzi sono come spugne, recepiscono subito le idee”.

Il punto dolente, anche in questo momento di massima concentrazione in vista di giugno, continua ad essere il braccio di ferro per avere più tempo a disposizione per la Nazionale. Si parla dello stage di febbraio (“ci tengo molto – ha detto il ct – non per far giocare chi ha 50 o 70 partite in Nazionale, ma per esempio per gli Under 21 della passata stagione. Devo capire se Sturaro, Berardi, Bernardeschi, sono pronti per la Nazionale ora o per dopo gli Europei”).

Ma si parla anche del tasto dolente della conclusione delle competizioni il 15 maggio: “da quando giocavo, i giocatori hanno bisogno di 6 o 7 giorni di riposo dopo il campionato, per staccare la spina. Poi ci restano una ventina di giorni per prepararsi fisicamente e tatticamente. Significa arrivare alla competizione meglio degli altri, correre di più. Mi è stato detto che l’attività agonistica finisce il 15 maggio. Sanno benissimo quello che voglio”.

I club? “Non sono i club il mio riferimento, io parlo con il presidente”. Europei col pericolo terrorismo, Parigi blindata. Conte l’ha vissuta per due giorni: “è incredibile quello che è successo, colpire la gente così. Ieri sera sono andato al ristorante e bisogna dire che un pensiero brutto lo fai…hanno colpito lo Stade de France perché volevano fare notizia in tutto il mondo e colpire il calcio significa colpire la gente”.

Ma all’Italia manca il centravanti? “Mancano anche 5 mesi – risponde il ct – faremo grande attenzione, la Nazionale non è chiusa a nessuno. Ma noi siamo arrivati qui con determinati giocatori”. E Balotelli che ha twittato “non vedo l’ora?”. “Ma non vede l’ora di vedere gli europei in tv o di giocarli? Io dico che non ho preclusioni, ma dovrà dimostrarmi tanto, ma tanto tanto…non sarà una passeggiata di salute”.

Un gesto di riconoscenza per i suoi ragazzi, per la “Nazionale del noi e mai dell’io”, un’idea che “i giocatori hanno recepito e assimilato”. Infine il futuro. Conte non ne parla. Lo fa per lui un lapsus freudiano, quando parla di inserire i giovani: “devo capire se mi servono adesso per l’Europeo o se mi serviranno dopo per la preparazione al Mondiale”. Ma poi sorride e si morde la lingua.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

21:03Polonia: ottavo giorno di proteste contro riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 23 LUG - Per l'ottavo giorno consecutivo migliaia di polacchi sono scesi nelle strade di Varsavia, sventolando bandiere dell'Unione Europea e della Polonia, per chiedere al presidente Andrzei Duda di non firmare la legge che limiterà drasticamente l'autonomia dei giudici nel Paese cedendo di fatto al governo il controllo della Corte Suprema. Da oltre una settimana i manifestanti denunciano un vero e proprio assalto alle fondamenta democratiche del Paese ed accusano il leader del partito di governo Jaroslaw Kaczynski di comportamenti autoritari mirati espressamente a cementare il suo potere personale.

20:47Calcio: amichevoli, Bologna-Trento 5-0

(ANSA) - BOLOGNA, 23 LUG - Il Bologna ha battuto il Trento (Serie D) 5-0, nell'ultima amichevole disputata durante il ritiro a Castelrotto (Bolzano). Le reti: 10' Krejci, 22' Verdi, 24' Pulgar, 38' Petkovic, 73' Falco. Domani il gruppo rossoblù si cimenterà in un percorso di rafting sul fiume Rienza, all'interno dell'abitato di Issengo, in Bassa Pusteria, al terz'ultimo giorno di permanenza in Alto Adige.

20:33Calcio: Atalanta, Gasperini, Petagna sta lavorando bene

(ANSA) - CLUSONE, 23 LUG - "Più che test questi sono allenamenti importanti sul piano fisico che servono ai nuovi per farsi conoscere". Gian Piero Gasperini commenta così il 3-1 della sua Atalanta sulla Giana, a cui è seguita una partitella in famiglia in cui hanno giocato anche Berisha, Rossi, Eguelfi, Melegoni e Petagna. Il tecnico si sofferma su quest'ultimo: "È stato fra gli ultimi ad aggregarsi al gruppo in ritiro, ma si è fatto trovare pronto, sta lavorando bene sulle conclusioni a rete e anche oggi ha segnato una bella doppietta". Sul possibile dualismo nel ruolo di punta esterna, Gasperini mostra apprezzamento sia per Ilicic che per Orsolini, schierati insieme nel primo tempo contro i milanesi: "Sono entrambi mancini, quindi chi dei due gioca a destra trova più facilmente il tiro rientrando sul piede preferito. Ma anche Gomez può fare entrambe le fasce, davanti abbiamo molte soluzioni". Ultima battuta sui possibili colpi di mercato, viste le voci su De Roon: "Numericamente siamo a posto, ci sarà qualche movimento in uscita".

20:04Calcio: Bonucci ‘7 Champions non casuali,Milan è tradizione’

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Pensando al Milan mi vengono in mente tradizione, storia, vittorie importanti. Una squadra non ha 7 Champions in bacheca per caso: qui c'è tradizione, mentalità vincente. Ora tocca a noi riportare il Milan dove merita". Leonardo Bonucci ha espresso così tutta la sua voglia di far parte di una rinascita, nonché la speranza di trasmettere la sua 'febbre' milanista ai figli: "Uno è granata, l'altro juventino. Vediamo se riesco a far cambiare idea a quello grande". Alla tv tematica del club, il calciatore classe '87 si è raccontato partendo dalla svolta che lo portò a diventare un difensore centrale. "Ho cominciato a 16 anni, prima facevo il centrocampista davanti alla difesa e per qualche partita la prima punta. Poi - ha ricordato - l'anno della Beretti con la Viterbese: l'allenatore Carlo Perrone mi disse che se avessi voluto diventare qualcuno nel mondo del calcio avrei dovuto fare il difensore centrale. Ero il capitano e ho dovuto accettare anche se non ero convintissimo. Poi però ha avuto ragione lui".

19:53Tour: Froome trionfa a Parigi, è il quarto successo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Chris Froome ha vinto il 104/o Tour de France di ciclismo, dopo la 'passerella' odierna sui Campi Elisi. Per l'inglese di origini keniane, che gareggia con il Team Sky, si tratta del quarto successo in carriera, dopo quelli conquistati a Parigi nel 2013, 2015 e 2016. Il podio è stato completato nell'ordine dal colombiano Rigoberto Uran e dal francese Romain Bardet. La 21/a e ultima tappa, partita da Montgeron e conclusa ai piedi dell'Arco di Trionfo (103 chilometri), è stata vinta dall'olandese Dylan Groenewegen.

19:42Scherma: Mondiali, Garozzo battuto in semifinale fioretto

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'azzurro Daniele Garozzo, campione olimpico ed europeo in carica, non ce l'ha fatta a raggiungere la finale della gara di fioretto dei Mondiali di Lipsia. A batterlo per 15-12 è stato il giapponese Toshiya Saito. Garozzo è quindi medaglia di bronzo.

19:35Siccità: Legambiente, livello lago Bracciano mina ecosistema

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Il Lazio dichiarato in "severità idrica alta" per la siccità: nel 2017 le precipitazioni si sono ridotte tra l'80% e l'85% e i laghi entrano in crisi anche a causano delle eccessive captazioni (prelievi di acqua). E' la sintesi del dossier 'Captazioni e abbassamento dei laghi nel Lazio' presentato da Legambiente regionale. Il Lago di Bracciano - al centro della crisi idrica di Roma - "ha un livello idrometrico di 140 centimetri rispetto allo zero con ripercussioni gravi su tutto l'ecosistema", secondo l'associazione. Nel lago di Albano negli ultimi 10 anni si sono registrati 21 milioni di litri d'acqua in meno. Secondo Legambiente "lo stop della Regione alle captazioni da parte di Acea è un atto necessario per salvare il lago. Ora si inizi a prevenire l'emergenza. Subito al lavoro per una diversa gestione della risorsa idrica e il Comune di Roma si attivi per piano di adattamento al clima per tutta l'area urbana".

Archivio Ultima ora