Euro 2016: Conte senza paura, faremo del nostro meglio

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

italia-conte

PARIGI. – Antonio Conte senza paura. Non fa proclami il ct, ma non pensa a un’Italia intimorita dal sorteggio difficile di Euro 2016: “la Storia parla a nostro favore”. Il Belgio “è favorito, anche per la vittoria finale”, ma ha giocato con noi e ci conosce. Ed essere sorteggiati contro l’Italia non fa piacere a nessuno”.

“Non mi pongo obiettivi minimi – dice ancora Conte -, non l’ho mai fatto perchè è da stupidi. Dobbiamo avere l’ambizione di fare qualcosa di straordinario. Sarò soddisfatto se avremo dato tutti il massimo, se non avremo rimpianti e recriminazioni. Poi usciamo quando usciamo, ma dopo dobbiamo poterci guardare negli occhi”.

Il ct è già caldo, il presidente Tavecchio – che gli stava accanto nella sala del sorteggio al Palais des Congres di Parigi – ha riferito che il ct “era tesissimo”: “è vero – ammette Conte – l’ho vissuto con la giusta tensione. Da oggi questa competizione è più vicina, dobbiamo essere caldi per poter giocare, io mi sto scaldando nella testa, nel cuore, nelle gambe”.

Belgio fortissimo, favorito, anche se “nell’amichevole persa hanno avuto episodi favorevoli”. Poi la Svezia di Ibra, “diventato ancora più forte adesso che gioca vicino alla porta, mentre prima gli piaceva girare per il campo”. Infine l’Irlanda “con la sua intensità, la preparazione fisica e il 4-4-2”.

Ma gli occhi di Conte sprizzano ottimismo e fiducia. Al primo anno nella Juventus, sorprese tutti vincendo. Può accadere anche agli Europei? “E’ vero, nessuno ci considerava per la vittoria finale, c’era l’Inter del triplete e il Napoli di Cavani. Noi non ci siamo posti obiettivi, siamo andati avanti per vedere dove arrivavamo. Ma lì avevo tutti i giorni i giocatori con me, mentre con la Nazionale ho più difficoltà. Eppure – afferma con orgoglio – abbiamo fatto passi da gigante rispetto alle prime partite, il gruppo è cresciuto, mi consente anche di trovare soluzioni tattiche diverse. La cosa più bella per me, la soddisfazione più grande è vedere che i ragazzi sono come spugne, recepiscono subito le idee”.

Il punto dolente, anche in questo momento di massima concentrazione in vista di giugno, continua ad essere il braccio di ferro per avere più tempo a disposizione per la Nazionale. Si parla dello stage di febbraio (“ci tengo molto – ha detto il ct – non per far giocare chi ha 50 o 70 partite in Nazionale, ma per esempio per gli Under 21 della passata stagione. Devo capire se Sturaro, Berardi, Bernardeschi, sono pronti per la Nazionale ora o per dopo gli Europei”).

Ma si parla anche del tasto dolente della conclusione delle competizioni il 15 maggio: “da quando giocavo, i giocatori hanno bisogno di 6 o 7 giorni di riposo dopo il campionato, per staccare la spina. Poi ci restano una ventina di giorni per prepararsi fisicamente e tatticamente. Significa arrivare alla competizione meglio degli altri, correre di più. Mi è stato detto che l’attività agonistica finisce il 15 maggio. Sanno benissimo quello che voglio”.

I club? “Non sono i club il mio riferimento, io parlo con il presidente”. Europei col pericolo terrorismo, Parigi blindata. Conte l’ha vissuta per due giorni: “è incredibile quello che è successo, colpire la gente così. Ieri sera sono andato al ristorante e bisogna dire che un pensiero brutto lo fai…hanno colpito lo Stade de France perché volevano fare notizia in tutto il mondo e colpire il calcio significa colpire la gente”.

Ma all’Italia manca il centravanti? “Mancano anche 5 mesi – risponde il ct – faremo grande attenzione, la Nazionale non è chiusa a nessuno. Ma noi siamo arrivati qui con determinati giocatori”. E Balotelli che ha twittato “non vedo l’ora?”. “Ma non vede l’ora di vedere gli europei in tv o di giocarli? Io dico che non ho preclusioni, ma dovrà dimostrarmi tanto, ma tanto tanto…non sarà una passeggiata di salute”.

Un gesto di riconoscenza per i suoi ragazzi, per la “Nazionale del noi e mai dell’io”, un’idea che “i giocatori hanno recepito e assimilato”. Infine il futuro. Conte non ne parla. Lo fa per lui un lapsus freudiano, quando parla di inserire i giovani: “devo capire se mi servono adesso per l’Europeo o se mi serviranno dopo per la preparazione al Mondiale”. Ma poi sorride e si morde la lingua.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

17:43Caduto elicottero: sei le vittime, tutti quelli a bordo

(ANSA) - LUCOLI (L'AQUILA), 24 GEN - Nell'incidente che ha coinvolto l'elicottero del 118 caduto a Campo Felice sono morte sei persone, tutte quelle che erano a bordo. "L'elicottero si è schiantato in località Monte Cefalone, non lontano dalla piana di Campo Felice. Era intervenuto nella zona degli impianti per un normale soccorso dopo un incidente sciistico e probabilmente aveva già svolto l'intervento e stava tornando indietro". Così l'ingegnere Marco Cordeschi, esperto consulente del Comune dell'Aquila nell'ambito della Commissione Valanghe. "Ci vorrà tempo per capire la dinamica dell'incidente ma possiamo ipotizzare che lo schianto sia avvenuto a causa della nebbia perché questo è un itinerario conosciuto". A complicare le operazioni di recupero delle vittime il vento e le raffiche di neve e la pendenza della montagna contro cui si è schiantato l'elicottero. Anche un velivolo HH212 dell'Aeronautica Militare del 9/o Stormo di stanza a Grazzanise (Caserta) si era alzato in volo per le operazioni di soccorso.

17:35M5S: Pd, tutti zitti, parla capo, ecco libertà Grillo

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "I parlamentari del M5S devono restare muti, parla solo il capo. Ecco la libertà secondo Beppe Grillo". Lo scrive in un tweet, il senatore Pd Andrea Marcucci "Stupisce e indigna che di fronte alle sparate di Grillo che vuole mettere il bavaglio ai parlamentari del M5S, nel chiaro tentativo di evitare, come fanno, che si contraddicano ogni cinque minuti, i grandi numi tutelari della Costituzione restino in silenzio. Come mai non sentiamo la voce indignata del Professor Zagrebelsky tuonare contro la deriva autoritaria del leader pentastellato che pur di realizzare il vero partito azienda della storia della Repubblica italiana se ne frega delle libertà garantite dalla Carta ai deputati e ai senatori?", incalza la deputata Dem Alessia Morani.

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

Archivio Ultima ora