Obama vince la scommessa, gli Usa hanno guidato il mondo

Pubblicato il 12 dicembre 2015 da redazione

obama-apec

WASHINGTON.- Il mondo firma l’accordo di Parigi sul clima “grazie alla leadership dell’America”. Con questo tweet il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha rivendicato la vittoria di una scommessa su cui ha tenuto il punto fino alla fine.

Anche negli ultimi giorni, con l’America spiazzata dalle incognite di una sfuggente minaccia terroristica, la Casa Bianca ha dato conto puntuale di contatti e telefonate con i leader cruciali per l’esito del summit sul clima, dal primo ministro indiano Narendra Modi al presidente cinese Xi Jinping, mettendo così il sigillo ad un processo che, pur ancora solo ai box di partenza, segna l’inconfutabile impegno di Obama verso una svolta storica degli Stati Uniti, da portabandiera del ‘No’ a Kyoto a spinta trainante a Parigi.

Una vittoria personale. Perché a Washington certo Obama non ha goduto – e non gode – dell’appoggio necessario per quella definitiva transizione verde del settore energetico che auspica, anche in chiave di lotta ai cambiamenti climatici. Prima la crisi economica, poi il Congresso dominato dai repubblicani che ha puntato i piedi contro ogni iniziativa, ogni proposta, restringendo il raggio d’azione del presidente, costretto a presentare come una vittoria anche i pannelli solari installati sulla Casa Bianca.

Quello che i repubblicani non sono riusciti a sottrarre ad Obama però è stata la platea internazionale, ed è a questa che il presidente ha dettato la sua eredità sul clima. A fine settembre a Washington ha strappato al collega cinese Xi l’impegno per limitare le emissioni, annunciato dal giardino delle rose della Casa Bianca a conclusione di una visita di Stato che su tutto il resto ha invece finito per confermare la distanza tra Usa e Cina.

Il risultato di quella combinazione tra idealismo e realismo, applicata con destrezza anche ‘in casa’ quando, nel sottolineare la forza propulsiva dell’innovazione, ha trovato alleati tra chi le cose ‘le fa’, nella Silicon Valley per esempio, quindi da Bill Gates a diversi finanziatori pronti ad investire.

Obama non ha sottovalutato d’altro canto la presa dell’appello di ambientalisti e attivisti: allora eccolo in Alaska, in persona. A toccare con mano e mostrare all’America e al mondo le conseguenze del riscaldamento globale. Lo ha chiamato un “viaggio sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici” e con la sua presenza ha acceso i riflettori sulle comunità locali e le conseguenze sulla loro vita quotidiana e sull’economia locale. E non ha sbagliato.

In Florida invece il messaggio lo ha lanciato tra le mangrovie e anche qualche alligatore del parco naturale di Everglades, una rigogliosa palude di 600mila ettari che è tra i tesori naturalistici degli Stati Uniti, dove ha assunto i toni da ‘commander in chief’ nella guerra ai cambiamenti climatici.

Così la firma a Parigi gli dà ragione, anche quando sottolinea – come continua a fare – che la soluzione ultima non è a portata di mano, ma se ci si impegna a cercarla, la si trova. L’America lo ha sempre fatto.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

Archivio Ultima ora