Iran: economia, ora svolta verso il privato?

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

A rilevarlo è l'economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

TEHERAN. – L’economia iraniana che sta per aprirsi al mondo, con l’implementation day dell’accordo sul nucleare, ha tre gravi problemi da affrontare: la corruzione, la necessità di aumentare la produttività ed un bisogno di investimenti per 400 miliardi di dollari, 250 dei quali solo nell’oil&gas.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad. I problemi dell’Iran, spiega in un’intervista all’Ansa, derivano in primo luogo “dalla presenza del governo nell’economia, aumentata in modo drammatico negli ultimi dieci anni. Quindi dovremmo privatizzare e soprattutto liberalizzare”, affrontando una questione strutturale quale la presenza di soggetti pubblici nel “65-70% dell’economia”: non solo il governo, precisa, ma vere potenze come le fondazioni religiose e le Guardie della rivoluzione.

Una pesante eredità che proviene dall’epoca del presidente Ahmadinejad – ribadisce, pur attribuendone la responsabilità non alla persona ma al sistema -, quando le massicce entrate di valuta estera create dall’alto prezzo del petrolio favorirono appunto la corruzione e una cattiva gestione dell’economia.

“Fortunatamente il prezzo del petrolio è molto calato – paradossalmente rileva – e la scarsità delle risorse non ci permette più di agire in modo irrazionale”. Cioè appunto producendo corruzione, scarsi investimenti e bassa produttivita’. E sopratutto, aggiunge, “dispotismo”. Nei due mandati presidenziali del pragmatico Rafsanjani e del riformista Khatami (dagli anni Novanta al 2005) – spiega con numeri alla mano, le entrate del petrolio erano di 5-6 volte inferiori a quelle del periodo di Ahmandinejad (2005-2013), ma i tassi di crescita erano del 5-6%, contro l’1,5% dell’epoca del loro successore.

“Se hai molta valuta forte non hai bisogno delle tasse né del voto della gente, e il dispotismo diventa l’altra faccia della medaglia. Tutto il sistema si è allora stretto intorno ad Ahmadinejad, compresa la magistratura. E chi criticava tale sistema finiva in carcere come me”.

Intanto cresceva il divario tra ricchi e poveri, con una nuova e ristretta classe di super ricchi e importatori di auto di lusso, mentre “le masse non possono comprare il latte”. “Ma ora la festa è finita, non c’è più benzina per la corruzione”. Tuttavia, ora “il problema è che non abbiamo abbastanza denaro per comprare, così se le compagnie straniere vogliono venire devono farlo non per vendere ma per investire nel Paese”.

Ed è meglio che lo facciano, aggiunge, cercando partner in quel 30-35% di settore privato, benché questo – riconosce – conti ancora solo poche aziende medio-grandi e tanti piccoli imprenditori, soprattutto nell’agricoltura e nel commercio. Ma a favorire gli investimenti vi sarà, assicura, la stabilità politica, “che è molto importante per tutti gli iraniani, anche quando sono all’opposizione: anche il movimento verde del 2009 non voleva metterla a rischio. Per questo siamo arrivati al governo di Rohani, con tutte le forze che si sono orientate verso il centro” e la Guida suprema Ali Khamenei che guarda a Rohani “come salvatore del sistema al pari della sinistra”.

E la stessa cosa, Leylaz non ha dubbi, accadrà di nuovo anche nelle legislative del 26 febbraio 2016. Qualunque sia la data in cui l’accordo sul nucleare andrà effettivamente in vigore, infatti, Rohani ha avuto il merito di farlo, rileva. E ora, se è vero che non ha il controllo della magistratura che gli è ostile, la sua lotta alla corruzione la sta facendo con gli strumenti del governo: “risparmiando risorse, riducendo il gap tra interessi bancari e inflazione e tra tasso ufficiale e di mercato nel cambio del dollaro”.

E recuperando così “miliardi di dollari l’anno”. Ma intanto anche fra i pochi ricchi creati dal decennio passato le posizioni stanno cambiando, secondo Leylaz, e alla fedeltà all’ex presidente subentra la ricerca del proprio interesse. Che non può che trarre vantaggio da un’apertura diplomatica anche agli Usa, per la stabilità in Siria e Medio Oriente.

“Forse avremo un settore privato nuovo – prosegue – come la nomenklatura uscita dall’ex Urss”. Un’oligarchia che ha portato i capitali all’estero, ma che ora – auspica Leylaz, il governo dovrebbe cercare di attrarre “perché investa nel Paese, creando un nuovo settore privato”. “Sono ottimista sul medio periodo – conclude – ma ora c’è molto da lavorare”.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

15:34Gentiloni, no alla politica dei muri e della paura

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Riguadagnare la propria eredità non vuol dire scegliere la politica della nostalgia, o quella dei muri e della paura. Alle sfide e alle incertezze di questo momento storico bisogna rispondere garantendo sicurezza e protezione e ricordando che il vero progresso è quello che mette al centro la qualità della vita delle persone". Lo scrive il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni su 'ilsussidiario.net" alla vigilia del Meeting di Cl, che si aprirà domani a Rimini con il suo intervento.

15:24Calcio Gasperini, Spinazzola? Ora non gioca con noi

(ANSA) - ZINGONIA 8BERGAMO), 19 AGO - "Spinazzola in questo momento non gioca con la squadra: fosse per me sarebbe sempre convocato, se poi non viene è un altro discorso". Gian Piero Gasperini dice la sua sul caso dell'esterno in prestito che spinge per rientrare anticipatamente alla Juventus, separato in casa dopo aver rifiutato di partire per il test di Valencia l'11 agosto scorso: "Il Dio denaro esiste per tutti, anche per i procuratori. I giovani crescono con i valori che vengono loro trasmessi - osserva il tecnico dell'Atalanta - I casi di Conti e Spinazzola non erano prevedibili, per il resto la squadra era praticamente fatta già in primavera, dopo la fine dello scorso campionato. Ora dobbiamo inserire altri giocatori". Per la Roma probabile utilizzo di Gosens: "Non è l'unico giocatore pronto in rosa, lo sono tutti. Magari gli altri esterni sono più abituati a giocare a quattro e dovremo rivedere qualcosa".

15:16Calcio: Zidane, ora comincia grande impegno

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Stiamo attraversando un momento molto buono e dobbiamo approfittarne ma il campionato è molto lungo e ricordo che l'anno scorso l'abbiamo vinto all'ultima giornata. Di sicuro, dobbiamo cominciare bene e visto che contro di noi tutti vogliono fare bella figura sarà un grande impegno". Dopo le vittoria in Supercoppa europea e Supercoppa di Spagna, Zinedine Zidane parla così alla vigilia dell'esordio in Liga, che vedrà il suo Real Madrid affrontare il Deportivo a La Coruna Domani, e per altre tre partite, Cristiano Ronaldo non sarà in campo per la squalifica di 5 giornate inflittagli per aver spintonato l'arbitro al Camp Nou dopo il doppio giallo, sanzione che il tecnico non ha ancora digerito. "Ho già detto quello che pensavo sulla questione. Non mi lamento e non lo farò, ma la sanzione è stata troppo severa". Intanto Zidane inccensa Marco Asensio a cui, rileva Marca, sarà proposto un rinnovo del contratto, a un anno dall'ultimo ritocco, portando la clausola rescissoria a 500 milioni di euro.

15:12Finlandia: polizia, assalitore puntava alle donne

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - L'assalitore marocchino responsabile dell'attacco avvenuto a Turku, in Finlandia, puntava alle donne. E' quanto riferisce la tv finlandese, citando la polizia. Nell'attentato sono morte due donne mentre altre 8 persone sono rimaste ferite, tra cui l'italiana Luisa Biancucci. Intanto la polizia ha riferito che le quattro persone arrestate durante un blitz sono cittadini marocchini.

15:03Calcio: Di Francesco, voglio partire forte

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "L'obiettivo è partire forte, cercando di fare un'ottima prestazione a Bergamo dopo la tournee in Spagna dove i risultati sono venuti meno. Sono convinto che entreremo in campo con grande determinazione e voglia di fare bene". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, in vista della prima di campionato che i giallorossi giocheranno domani in trasferta con l'Atalanta. "Le favorite per il titolo? Griglie di partenza non ne faccio, non è il mio lavoro, ma tante squadre si sono rinforzate e sarà un campionato più competitivo rispetto al passato, con distacchi ridotti", assicura l'allenatore giallorosso.

15:01Iran:Amnesty,non cali attenzione su casi Karroubi e Moussavi

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Tenere alta l'attenzione sui casi di Mehdi Karrubi, Mir Hossein Mousavi e la moglie di quest'ultimo Zhara Rahnavard, da oltre sei anni agli arresti domiciliari senza accuse e processi formali, e nomi fra i piu' noti dei tanti attivisti per i diritti umani, giornalisti e oppositori perseguitati e in carcere in Iran. Lo chiede Amnesty International, poco dopo la decisione di Karrubi, come Mousavi anziano ex candidato alle presidenziali del 2009, di sospendere lo sciopero della fame che lo aveva portato in ospedale. A lui, visitato l'altro ieri dal ministro della Salute, sarebbe stato assicurato di non avere più agenti dell'intelligence a sorvegliarlo in casa, ma resta aperto l'interrogativo sulla seconda richiesta, quella di un processo pubblico.

14:57Terremoto: Laura Boldrini ad Arquata il 24 agosto

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 AGO - La presidente della Camera Laura Boldrini parteciperà il 24 agosto ad Arquata del Tronto alla messa in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa. La celebrazione, presieduta dal vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D'Ercole, si terrà alle 16:30 nella nuova chiesa di Pescara del Tronto e verrà trasmessa in diretta su Radio Maria. Sarà poi seguita da una visita nei cimiteri di Capodacqua, Pescara del Tronto e Borgo, dove sono sepolte le vittime del terremoto. Arquata ricorderà i propri morti con una lunga veglia (''E guarderemo ancora le stelle brillare in una notte di agosto'') che comincerà alle 23 del 23 agosto. Una fiaccolata silenziosa partirà da Trisungo verso Pescara del Tronto, la frazione rasa al suolo dal sisma, dove ci si raccoglierà in preghiera fino alle ore 3:36 del 24 agosto, l'ora della scossa che ha sconvolto l'Italia centrale. Alle 19 un concerto di Filiberto Caponi nella chiesa di Pescara concluderà la giornata.

Archivio Ultima ora