Iran: economia, ora svolta verso il privato?

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

A rilevarlo è l'economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

TEHERAN. – L’economia iraniana che sta per aprirsi al mondo, con l’implementation day dell’accordo sul nucleare, ha tre gravi problemi da affrontare: la corruzione, la necessità di aumentare la produttività ed un bisogno di investimenti per 400 miliardi di dollari, 250 dei quali solo nell’oil&gas.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad. I problemi dell’Iran, spiega in un’intervista all’Ansa, derivano in primo luogo “dalla presenza del governo nell’economia, aumentata in modo drammatico negli ultimi dieci anni. Quindi dovremmo privatizzare e soprattutto liberalizzare”, affrontando una questione strutturale quale la presenza di soggetti pubblici nel “65-70% dell’economia”: non solo il governo, precisa, ma vere potenze come le fondazioni religiose e le Guardie della rivoluzione.

Una pesante eredità che proviene dall’epoca del presidente Ahmadinejad – ribadisce, pur attribuendone la responsabilità non alla persona ma al sistema -, quando le massicce entrate di valuta estera create dall’alto prezzo del petrolio favorirono appunto la corruzione e una cattiva gestione dell’economia.

“Fortunatamente il prezzo del petrolio è molto calato – paradossalmente rileva – e la scarsità delle risorse non ci permette più di agire in modo irrazionale”. Cioè appunto producendo corruzione, scarsi investimenti e bassa produttivita’. E sopratutto, aggiunge, “dispotismo”. Nei due mandati presidenziali del pragmatico Rafsanjani e del riformista Khatami (dagli anni Novanta al 2005) – spiega con numeri alla mano, le entrate del petrolio erano di 5-6 volte inferiori a quelle del periodo di Ahmandinejad (2005-2013), ma i tassi di crescita erano del 5-6%, contro l’1,5% dell’epoca del loro successore.

“Se hai molta valuta forte non hai bisogno delle tasse né del voto della gente, e il dispotismo diventa l’altra faccia della medaglia. Tutto il sistema si è allora stretto intorno ad Ahmadinejad, compresa la magistratura. E chi criticava tale sistema finiva in carcere come me”.

Intanto cresceva il divario tra ricchi e poveri, con una nuova e ristretta classe di super ricchi e importatori di auto di lusso, mentre “le masse non possono comprare il latte”. “Ma ora la festa è finita, non c’è più benzina per la corruzione”. Tuttavia, ora “il problema è che non abbiamo abbastanza denaro per comprare, così se le compagnie straniere vogliono venire devono farlo non per vendere ma per investire nel Paese”.

Ed è meglio che lo facciano, aggiunge, cercando partner in quel 30-35% di settore privato, benché questo – riconosce – conti ancora solo poche aziende medio-grandi e tanti piccoli imprenditori, soprattutto nell’agricoltura e nel commercio. Ma a favorire gli investimenti vi sarà, assicura, la stabilità politica, “che è molto importante per tutti gli iraniani, anche quando sono all’opposizione: anche il movimento verde del 2009 non voleva metterla a rischio. Per questo siamo arrivati al governo di Rohani, con tutte le forze che si sono orientate verso il centro” e la Guida suprema Ali Khamenei che guarda a Rohani “come salvatore del sistema al pari della sinistra”.

E la stessa cosa, Leylaz non ha dubbi, accadrà di nuovo anche nelle legislative del 26 febbraio 2016. Qualunque sia la data in cui l’accordo sul nucleare andrà effettivamente in vigore, infatti, Rohani ha avuto il merito di farlo, rileva. E ora, se è vero che non ha il controllo della magistratura che gli è ostile, la sua lotta alla corruzione la sta facendo con gli strumenti del governo: “risparmiando risorse, riducendo il gap tra interessi bancari e inflazione e tra tasso ufficiale e di mercato nel cambio del dollaro”.

E recuperando così “miliardi di dollari l’anno”. Ma intanto anche fra i pochi ricchi creati dal decennio passato le posizioni stanno cambiando, secondo Leylaz, e alla fedeltà all’ex presidente subentra la ricerca del proprio interesse. Che non può che trarre vantaggio da un’apertura diplomatica anche agli Usa, per la stabilità in Siria e Medio Oriente.

“Forse avremo un settore privato nuovo – prosegue – come la nomenklatura uscita dall’ex Urss”. Un’oligarchia che ha portato i capitali all’estero, ma che ora – auspica Leylaz, il governo dovrebbe cercare di attrarre “perché investa nel Paese, creando un nuovo settore privato”. “Sono ottimista sul medio periodo – conclude – ma ora c’è molto da lavorare”.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

12:01Tennis:Australia,Sonego ‘sono un lottatore come mio Torino’

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Non era mai stato prima in Australia. E mai aveva giocato un incontro nel tabellone principale di uno Slam. Lorenzo Sonego, 22 anni di Torino ("e grande tifoso del Toro, mi piacciono le squadre che soffrono e lottano", sottolinea) il diritto di giocare il primo Major dell'anno se lo è guadagnato superando i tre turni di qualificazione, battendo tra gli altri un certo Tomic. Poi visto che l'appetito vien mangiando ecco un altro scalpo eccellente, l'olandese Robin Haase, dal quale lo separano 175 posizioni nel ranking: 218 contro 43, anche se grazie ai successi a Melbourne il giovane piemontese è già salito al numero 169. Eppure è tranquillo come pochi: "Sono fatto così, piano piano sto realizzando quanto fatto". Gli sono arrivati sms da amici a parenti: "Si sono riuniti tutti nel circolo in cui gioco, il Green Park di Rivoli e hanno seguito in diretta la partita", racconta. Un successo che oltre al balzo nella classifica mondiale, gli assicura un cospicuo montepremi: 60mila euro

11:56Inchiesta su immigrazione irregolare, 24 misure cautelari

(ANSA) - PISTOIA, 16 GEN - La polizia di Pistoia sta eseguendo, nelle province di Pistoia, Prato, Lucca, Pisa, Firenze e Roma, 19 ordinanze di custodia cautelare (una in carcere, 18 ai domiciliari) e 5 misure interdittive, emesse dal gip di Pistoia, a carico di altrettante persone gravemente indiziate, a vario titolo, di reati quali il procurato ingresso illegale e l'agevolazione della permanenza nel territorio dello Stato di più di 200 cittadini stranieri, in prevalenza provenienti dal Pakistan, corruzione, violazione del segreto d'ufficio, traffico di influenze illecite, riciclaggio, truffa ai danni dello Stato, falso ideologico e materiale, furto, omissione di atti d'ufficio e cessioni di sostanze stupefacenti. Tra i destinatari delle misure, si spiega in una nota, anche impiegati pubblici e liberi professionisti. Altre 240 persone sono state denunciate in stato di libertà nell'ambito dello stesso procedimento.

11:49Baby gang: Arturo e sua mamma invitati in Prefettura

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Ci saranno anche Arturo e Maria Luisa Iavarone, in Prefettura, a Napoli, in occasione del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza per il fenomeno delle baby gang, convocato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti. I due sono stati invitati e saranno ricevuti al termine della riunione. Intanto il liceo Cuoco-Campanella di Napoli, dove studia Arturo, nell'ambito di una serie di iniziative a sostegno della legalità e della non violenza ha organizzato per venerdì prossimo un dibattito con i vertici della Dda di Napoli.

11:46Bimbi offesi e strattonati, arrestata maestra d’asilo

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - Una maestra d'asilo di 59 anni è stata arrestata dai carabinieri di Susa, nel Torinese, perché accusata di maltrattare gli alunni. Le indagini hanno accertato che l'insegnante in alcune circostanze ha offeso, strattonato e colpito alcuni bambini, senza comunque procurare loro lesioni. L'indagine, dopo la denuncia di una operatrice scolastica, si riferisce al periodo ottobre - dicembre 2017. La maestra si trova ora ai domiciliari. Le indagini hanno permesso ai carabinieri di raccogliere "convergenti e sufficienti indizi di colpevolezza" da far emettere al pubblico ministero Mario Bendoni, della procura di Torino, l'ordinanza applicativa della misura cautelare.(ANSA).

11:44Incidenti lavoro: cede muro cantiere, morto muratore

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - Un uomo è morto questa mattina a Cafasse, nel Torinese, mentre lavorava alla ristrutturazione di una casa nel vicolo Fasanera. Il muratore è stato schiacciato da un muro che ha ceduto e l'ha travolto. A quanto si apprende, a lanciare l'allarme è stato un collega della vittima, che ha subito chiamato i soccorsi e ha tentato, invano, di liberarlo. Sul posto i vigili del fuoco e i sanitari del 118. I carabinieri di Venaria stanno ricostruendo la dinamica dell'incidente.(ANSA).

11:32Elezioni: Moscovici, Italia rischio politico per Ue

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - Il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi, ha evidenziato la situazione dell'Italia tra i "rischi politici" all'orizzonte in Europa. "L'Italia - ha detto - si prepara ad elezioni il cui esito è quanto mai indeciso. Quale maggioranza - si è chiesto - uscirà dal voto?" di marzo. "Quale programma, quale impegno europeo? In un contesto in cui la situazione economica dell'Italia non è certamente la migliore al livello europeo, felice chi potrà dirlo...". Riferendosi poi alla situazione economica in Europa, alla Grecia, alla Brexit e alla crisi migratoria, Moscovici ha detto: "Credo di poter dire che siamo usciti dall'era delle grandi crisi europee". "L'Europa ha ripreso colore", ha aggiunto, sottolineando che ormai la crescita europea supera il 2%, "più degli Stati Uniti". "L'Europa - ha detto - può contare su una crescita solida e duratura".

11:28Gb: aereo British Airways infestato da cimici,rimane a terra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - La compagnia aerea British Airways e' stata costretta a bloccare a terra un suo aereo all'aeroporto londinese di Heathrow poco prima del decollo poiche' il velivolo era infestato dalla cimici e l'equipaggio si e' rifiutato di volare. Un portavoce della British Airways, riporta il tabloid britannico Daily Mail, ha definito l'episodio "molto raro" e la compagnia ha subito deciso di sostituire l'aereo infestato, non senza disagi per i passeggeri che comunque hanno dovuto aspettare quattro ore prima di partire con destinazione Ghana. Tuttavia, non e' la prima volta che la British Airways deve fare i conti con le cimici: già a fine dicembre, secondo quanto riportato sempre dal Daily Mail, un passeggero in classe business - il 35enne Mike Gregory - era stato morso da decine di questi insetti e lo scorso settembre la stessa cosa a una famiglia canadese.

Archivio Ultima ora