Iran: economia, ora svolta verso il privato?

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

A rilevarlo è l'economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad.

TEHERAN. – L’economia iraniana che sta per aprirsi al mondo, con l’implementation day dell’accordo sul nucleare, ha tre gravi problemi da affrontare: la corruzione, la necessità di aumentare la produttività ed un bisogno di investimenti per 400 miliardi di dollari, 250 dei quali solo nell’oil&gas.

A rilevarlo è l’economista Saeed Leylaz, che nel 2009 finì in carcere per aver criticato il governo Ahmadinejad. I problemi dell’Iran, spiega in un’intervista all’Ansa, derivano in primo luogo “dalla presenza del governo nell’economia, aumentata in modo drammatico negli ultimi dieci anni. Quindi dovremmo privatizzare e soprattutto liberalizzare”, affrontando una questione strutturale quale la presenza di soggetti pubblici nel “65-70% dell’economia”: non solo il governo, precisa, ma vere potenze come le fondazioni religiose e le Guardie della rivoluzione.

Una pesante eredità che proviene dall’epoca del presidente Ahmadinejad – ribadisce, pur attribuendone la responsabilità non alla persona ma al sistema -, quando le massicce entrate di valuta estera create dall’alto prezzo del petrolio favorirono appunto la corruzione e una cattiva gestione dell’economia.

“Fortunatamente il prezzo del petrolio è molto calato – paradossalmente rileva – e la scarsità delle risorse non ci permette più di agire in modo irrazionale”. Cioè appunto producendo corruzione, scarsi investimenti e bassa produttivita’. E sopratutto, aggiunge, “dispotismo”. Nei due mandati presidenziali del pragmatico Rafsanjani e del riformista Khatami (dagli anni Novanta al 2005) – spiega con numeri alla mano, le entrate del petrolio erano di 5-6 volte inferiori a quelle del periodo di Ahmandinejad (2005-2013), ma i tassi di crescita erano del 5-6%, contro l’1,5% dell’epoca del loro successore.

“Se hai molta valuta forte non hai bisogno delle tasse né del voto della gente, e il dispotismo diventa l’altra faccia della medaglia. Tutto il sistema si è allora stretto intorno ad Ahmadinejad, compresa la magistratura. E chi criticava tale sistema finiva in carcere come me”.

Intanto cresceva il divario tra ricchi e poveri, con una nuova e ristretta classe di super ricchi e importatori di auto di lusso, mentre “le masse non possono comprare il latte”. “Ma ora la festa è finita, non c’è più benzina per la corruzione”. Tuttavia, ora “il problema è che non abbiamo abbastanza denaro per comprare, così se le compagnie straniere vogliono venire devono farlo non per vendere ma per investire nel Paese”.

Ed è meglio che lo facciano, aggiunge, cercando partner in quel 30-35% di settore privato, benché questo – riconosce – conti ancora solo poche aziende medio-grandi e tanti piccoli imprenditori, soprattutto nell’agricoltura e nel commercio. Ma a favorire gli investimenti vi sarà, assicura, la stabilità politica, “che è molto importante per tutti gli iraniani, anche quando sono all’opposizione: anche il movimento verde del 2009 non voleva metterla a rischio. Per questo siamo arrivati al governo di Rohani, con tutte le forze che si sono orientate verso il centro” e la Guida suprema Ali Khamenei che guarda a Rohani “come salvatore del sistema al pari della sinistra”.

E la stessa cosa, Leylaz non ha dubbi, accadrà di nuovo anche nelle legislative del 26 febbraio 2016. Qualunque sia la data in cui l’accordo sul nucleare andrà effettivamente in vigore, infatti, Rohani ha avuto il merito di farlo, rileva. E ora, se è vero che non ha il controllo della magistratura che gli è ostile, la sua lotta alla corruzione la sta facendo con gli strumenti del governo: “risparmiando risorse, riducendo il gap tra interessi bancari e inflazione e tra tasso ufficiale e di mercato nel cambio del dollaro”.

E recuperando così “miliardi di dollari l’anno”. Ma intanto anche fra i pochi ricchi creati dal decennio passato le posizioni stanno cambiando, secondo Leylaz, e alla fedeltà all’ex presidente subentra la ricerca del proprio interesse. Che non può che trarre vantaggio da un’apertura diplomatica anche agli Usa, per la stabilità in Siria e Medio Oriente.

“Forse avremo un settore privato nuovo – prosegue – come la nomenklatura uscita dall’ex Urss”. Un’oligarchia che ha portato i capitali all’estero, ma che ora – auspica Leylaz, il governo dovrebbe cercare di attrarre “perché investa nel Paese, creando un nuovo settore privato”. “Sono ottimista sul medio periodo – conclude – ma ora c’è molto da lavorare”.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

11:29Fondi rappresentanza Durnwalder, attesa sentenza appello

(ANSA) - BOLZANO, 30 MAG - E' attesa in giornata in tribunale a Bolzano la sentenza del processo d'appello sui fondi di rappresentanza dell'ex governatore altoatesino Luis Durnwalder. In prima istanza era stato assolto dall'accusa di peculato, ieri il pm ha chiesto una condanna a due anni e mezzo. "Ho amministrato questa provincia sempre rispettando le leggi e sempre con il buonsenso", ha detto questa mattina l'ex presidente durante una dichiarazione spontanea in tribunale. "E' incomprensibile per me che ora, che sono andato via, tutto sarebbe stato sbagliato. Casomai lo potevano dire prima", ha aggiunto. Durnwalder ha difeso i contributi dati da lui "a qualche associazione di volontariato, a qualche vedova e a qualche bambino in difficoltà". "Ci sono - ha aggiunto - casi singoli dove la legge non arriva, dove uno deve dare un segnale di solidarietà. L'ho fatto perché la mia amministrazione non si è mai basata esclusivamente sulle parole, ma ha sempre agito anche con il cuore", ha concluso l'ex governatore.

11:21Calcio: Berlusconi, contro Real Madrid ‘forza Juventus’

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Io per antica educazione voluta da mio padre ho sempre tifato Inter quando era impegnata con altre squadre o in match internazionali. E la stessa cosa farò, sapendo di suscitare dispiacere a qualcuno, con la Juventus che incontrerà il Real Madrid. Forza Juventus". Così Silvio Berlusconi prima di ricevere il premio Rosa Camuna insieme a Massimo Moratti da parte del presidente della Lombardia, Roberto Maroni.

11:18L.elettorale: Berlusconi, fosse per me sbarramento 8%

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5 per cento: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8 per cento": lo ha detto stamani Silvio Berlusconi alla cerimonia per la consegna della Rosa camuna in Regione Lombardia.

11:18Alfano, impazienza Pd costerà miliardi all’Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "In questo momento così delicato non si vota per la legge elettorale, ma si vota lo scioglimento delle Camere e io non capisco l'impazienza del Pd di portare l'Italia al voto tre o quattro mesi prima in piena legge di stabilità. Rivolgo un appello al Pd prima della loro Direzione: pensino all'Italia e al danno che questa impazienza di rientrare a Palazzo può fare all'economia". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a margine di una conferenza alla Farnesina.

11:11Quindicenne uccide coetaneo e si costituisce a carabinieri

(ANSA) - MILETO (VIBO VALENTIA), 30 MAG - Un quindicenne è stato arrestato la notte scorsa dai carabinieri di Mileto per l'omicidio di un suo coetaneo, F.P.L., avvenuto nella tarda serata di ieri in località Calabrò. La vittima sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola al culmine di una lite. Dopo il delitto il ragazzino si è costituito in caserma indicando il luogo del ritrovamento del cadavere. Al momento non è stato ancora chiarito il movente del delitto. Il giovane, assistito dai suoi legali, è attualmente sotto interrogatorio. Il padre ed i fratelli dell'autore del delitto sono stati arrestati nell'operazione Stammer condotta nel gennaio scorso dalla Guardia di finanza di Catanzaro, coordinata dalla Dda, contro un narcotraffico gestito dalle cosche di 'ndrangheta del vibonese. Al momento, secondo quel poco che è trapelato, il delitto non sarebbe comunque legato a vicende criminali.

11:08Calcio: Milan, visite mediche per Kessie

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Giornata di visite mediche per Franck Kessie, il centrocampista ivoriano in procinto di trasferirsi dall'Atalanta al Milan. Verso le 9 Kessie si è presentato alla clinica La Madonnina, nel centro di Milano, per sostenere i consueti controlli medici, poi domani sono previsti i test atletici a Milanello, ultimo step prima della firma del contratto con il club rossonero.

11:02Ragazzina incastrata sotto tram, piede amputato

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Una bambina di 12 anni ha riportato l'amputazione di un piede dopo essere stata colpita da un tram all'angolo tra via Duprè e via Mac Mahon, a Milano. E' accaduto pochi minuti prima delle 8, secondo quanto ricostruito finora la ragazzina stava attraversando l'incrocio al di fuori delle strisce pedonali quando è rimasta incastrata col piede sotto il tram che arrivava a velocità molto ridotta. L'Atm ha infatti comunicato che il conducente è riuscito a frenare in soli 3-4 metri. La prontezza dell'autista non ha evitato l'impatto e la 12enne è stata trasportata in condizioni gravi al Niguarda. Il 118 ha riferito che ha subito l'amputazione dell'arto. L'autista 35enne, invece, è stato accompagnato all'ospedale Sacco in stato di choc.

Archivio Ultima ora