Psuv e “Tavolo dell’Unità”, tra falchi e colombe

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

La notte delle elezioni politiche 6D.

La notte delle elezioni politiche 6D.

CARACAS – Ha riconosciuto la sconfitta. Non poteva non farlo. Ma non l’ha ancora digerita, metabolizzata. Quanto accaduto il 6 dicembre, in seno al “chavismo” brucia. Ma più che la sconfitta, largamente prevista dai sondaggi, fa male la valanga di voti ottenuti dall’Opposizione. Oggi si può affermare che, nonostante tutto, il sistema democratico ha retto alle tentazioni autoritarie.

E’ evidente che i voti ottenuti dal “Tavolo dell’Unità” non appartengono tutti all’Opposizione. In gran parte provengono dalla corrente del “chavismo” che ha voluto castigare la cecità di chi ha governato per 17 anni; punire l’arroganza del potere che non ha saputo rettificare quando tutti chiedevano di farlo; condannare la vocazione autoritaria di chi ha governato volendo imporre il proprio discorso e le proprie idee; e respingere il linguaggio aggressivo, litigioso e dispotico.

Insomma, è stato un “voto castigo”. Il “chavismo” si è “turato il naso” e ha votato. E per farlo non ha avuto bisogno di alcun suggerimento sullo stile di quello che Indro Montanelli, pochi giorni prima delle elezioni politiche nel 1976, dette agli italiani, ripetendo le parole di Gaetano Salvemini alla vigilia delle elezioni politiche del 18 aprile 1948, sintetizzate in un solo consiglio “turarsi il naso e votare Dc”. Il “chavismo” dissidente, contrariamente a quanto si pensava, non si è astenuto e neanche ha votato scheda bianca.

Il presidente Maduro, con il suo atteggiamento, ha aperto una breccia profonda tra “chavismo” e “madurismo”. Il Psuv e il suo “Polo Patriotico” non sono più monolitici; non sono più formazioni politiche cementate attorno a pochi leader storici e indiscussi. Il 6 dicembre ha fatto emergere le tante anime nascoste.

Il Psuv, per anni, è stato il contenitore di correnti silenziose che attendevano il momento opportuno per svegliarsi dal letargo e dar voce alle proprie idee. Ed ora ci si attende, in seno al partito della maggioranza, una profonda autocritica. “Extrema ratio”.

Dopo una sconfitta dalle proporzioni ciclopiche come quella sofferta dal Psuv il 6 dicembre, era logico attendersi le immediate dimissioni della Direzione del partito, l’assunzione di tutte le responsabilità e l’inizio di un profondo dibattito per l’elezione di una nuova Direzione e la costruzione di un diverso indirizzo politico. Nulla di tutto ciò è accaduto per il momento. Ma talune correnti, alcune fanno capo ad Aporrea.com, reclamano oggi l’apertura di un dibattito.

E’ facile prevedere una lotta interna, fratricida, per il controllo del Psuv; un conflitto che coinvolgerà la vecchia dirigenza e i leader emergenti e che sicuramente farà le sue vittime. Forse sarà esagerato parlare di rottamazione, sicuramente non lo sarà di “trasformazione”.

Nei prossimi giorni, settimane o mesi si saprà quanto forte sia il potere di chi oggi ha in mano le redini del partito. Si dovrà attendere per conoscere chi, tra “falchi” o “colombe”, avrà la meglio nel Psuv.

Comunque sia, il partito oggi al governo ne uscirà indebolito. E ciò potrebbe arrecare un grave danno alla democrazia e all’equilibrio dei poteri. Il Paese ha bisogno di un Psuv robusto, capace di contrastare chi, forte della maggioranza assoluta in Parlamento, potrebbe sentirsi in libertà di commettere eccessi; quegli stessi eccessi tanto criticati fino a ieri al “chavismo”. Le prossime settimane e i prossimi mesi rappresentano un esame importante per il Paese.

L’atteggiamento del presidente Maduro; il suo linguaggio aggressivo; i suoi discorsi apocalittici circa il futuro del Paese e le denunce di presunte trame del “Tavolo dell’Unità” a danno dei lavoratori, non contribuiscono a creare il clima di armonia e tranquillità di cui ha bisogno il venezuelano, preoccupato per la mancanza cronica di generi alimentari, prodotti per l’igiene, medicine e, anche se può sembrare ridicolo, giocattoli per bambini in epoca natalizia.

Le elezioni hanno arroventato gli animi e ora ci sarebbe bisogno di un attimo di pausa. Un armistizio; un linguaggio sereno che inviti alla pace. In pericolo è oggi l’intera impalcatura democratica, costruita con tanti sacrifici.

Nei giorni scorsi, a rendere ancora più difficile la convivenza politica, è stata l’entrata in scena dei “colectivos”, le bande di “motorizados” che armati fino ai denti hanno seminato il panico durante la campagna elettorale e immediatamente dopo il voto del 6 dicembre. L’irruzione violenta durante la conferenza stampa degli ex ministri Jorge Giordani e Hèctor Navarro, voci della dissidenza “chavista”, la dice lunga sull’ambiente che domina nel Psuv. Il vecchio tutore del presidente Chávez, che per anni ha avuto la responsabilità della direzione economica del paese, è apparso solo e smarrito, confuso e demoralizzato.

Quello dei “colectivos”, se si dà credito agli esperti in materia, sarebbe stato un semplice “globo de ensayo”. Una prova generale per azioni che potrebbero ripetersi in altri momenti e in altri scenari. Un’operazione orientata a seminare paura e timore. E a creare instabilità politica in un Paese in crisi economica.

Sul versante opposto, in casa del “Tavolo dell’Unità”, nei prossimi giorni potrebbero emergere le contraddizioni fino a ieri frenate da una “ragione superiore”: sconfiggere il “chavismo”. Il “Tavolo dell’Unità” resta pur sempre una coalizione eterogenea nella quale convivono anime assai diverse, dal radicalismo di destra a quello di sinistra. Sarà difficile per la sua Direzione conciliare interessi, armonizzare tendenze e orientamenti.

Le elezioni, comunque, hanno evidenziato una distribuzione del potere che privilegia i partiti delle “colombe”. Ovvero, “Primero Justicia”, “Acción Democratica” e “Un Nuevo Tiempo”. Ma “Voluntad Popular”, che nel 2014 sostenne la tesi di “La Salida” e indirettamente incoraggiato le barricate che per settimane sconvolsero la vita dei venezuelani, ha ottenuto la quarta più importante votazione. E’ logico che farà pesare la sua posizione.

Per il momento, dovrebbe prevalere la tesi della negoziazione per riscattare gli equilibri democratici. Il “Tavolo dell’Unità”, quindi, dovrebbe dar forza alle argomentazioni di Henrique Capriles Radonski: continuare a sommare voti evitando confronti sterili e promuovendo provvedimenti orientati a migliorare la qualità di vita del venezuelano.

In effetti, nell’agenda del “Tavolo dell’Unità” vi è, ad esempio, la consegna dei titoli delle case della “Misión Vivienda”, provvedimenti orientati a migliorare gradualmente l’approvvigionamento di materie prime per l’industria e a sostenere la produzione privata; a superare la mancanza di alimenti, prodotti per l’igiene e, in particolare, di medicine.

Non mancano, ovviamente, temi polemici. Ad esempio, il neo deputato José Guerra ha pubblicamente dichiarato che chiederà ai ministri dell’Economia e al Presidente della Banca Centrale di rispondere della loro amministrazione in questi anni.

Insomma, anche in seno al “Tavolo dell’Unità” la situazione non è chiara. L’armonia, che ha portato al trionfo del 6 dicembre, potrebbe incrinarsi improvvisamente e trasformarsi in caos. E non è da scartare, poi, la “compra-vendita” di voti in Parlamento. E così la maggioranza assoluta, conquistata con grande impegno, potrebbe non essere tale.

Per il momento, comunque il confronto anche nel “Tavolo dell’Unità” è tra “colombe” e “falchi”; tra chi vuole l’immediato referendum per revocare il potere al presidente Maduro e chi, invece, considera che i venezuelani hanno votato per un Parlamento che s’impegni a legiferare. Per questi il referendum rappresenta l’“extrema ratio”, qualora il capo dello Stato s’impegnasse in una opposizione ad oltranza.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

14:34Nuoto: Paltrinieri eliminato nei 400 sl

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'eliminazione di Gregorio Paltrinieri dalla finale dei 400 sl è una delle poche note stonate della prima giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. L'olimpionico e primatista mondiale dei 1500 sl ha nuotato in 3'44"70 ottenendo solo il 15/o crono. Piero Codia e Matteo Rivolta si qualificano per le semifinali dei 100 farfalla, rispettivamente con il primo (50"40) e il quinto tempo (50"80). Arianna Castiglioni centra dei 50 rana le semifinali col quarto tempo di 30"12 (primato italiano), con lei Martina Carraro nona in 30"30. Nella gara maschile in semifinale con il miglior tempo Fabio Scozzoli (25"90). Avanza anche Nicolò Martinenghi, nono in 26"43. Silvia Scalia nuota nei 100 dorso la sua seconda miglior prestazione in 57"91 col quarto tempo, subito davanti a Federica Pellegrini quinta in 57"95. Entrambe si qualificano per le semifinali. In finale Ilaria Cusinato nei 400 misti, Simona Quadarella negli 800 sl e la staffetta 4x50 sl maschile (miglior tempo in 1'25"33).

Archivio Ultima ora