Psuv e “Tavolo dell’Unità”, tra falchi e colombe

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

La notte delle elezioni politiche 6D.

La notte delle elezioni politiche 6D.

CARACAS – Ha riconosciuto la sconfitta. Non poteva non farlo. Ma non l’ha ancora digerita, metabolizzata. Quanto accaduto il 6 dicembre, in seno al “chavismo” brucia. Ma più che la sconfitta, largamente prevista dai sondaggi, fa male la valanga di voti ottenuti dall’Opposizione. Oggi si può affermare che, nonostante tutto, il sistema democratico ha retto alle tentazioni autoritarie.

E’ evidente che i voti ottenuti dal “Tavolo dell’Unità” non appartengono tutti all’Opposizione. In gran parte provengono dalla corrente del “chavismo” che ha voluto castigare la cecità di chi ha governato per 17 anni; punire l’arroganza del potere che non ha saputo rettificare quando tutti chiedevano di farlo; condannare la vocazione autoritaria di chi ha governato volendo imporre il proprio discorso e le proprie idee; e respingere il linguaggio aggressivo, litigioso e dispotico.

Insomma, è stato un “voto castigo”. Il “chavismo” si è “turato il naso” e ha votato. E per farlo non ha avuto bisogno di alcun suggerimento sullo stile di quello che Indro Montanelli, pochi giorni prima delle elezioni politiche nel 1976, dette agli italiani, ripetendo le parole di Gaetano Salvemini alla vigilia delle elezioni politiche del 18 aprile 1948, sintetizzate in un solo consiglio “turarsi il naso e votare Dc”. Il “chavismo” dissidente, contrariamente a quanto si pensava, non si è astenuto e neanche ha votato scheda bianca.

Il presidente Maduro, con il suo atteggiamento, ha aperto una breccia profonda tra “chavismo” e “madurismo”. Il Psuv e il suo “Polo Patriotico” non sono più monolitici; non sono più formazioni politiche cementate attorno a pochi leader storici e indiscussi. Il 6 dicembre ha fatto emergere le tante anime nascoste.

Il Psuv, per anni, è stato il contenitore di correnti silenziose che attendevano il momento opportuno per svegliarsi dal letargo e dar voce alle proprie idee. Ed ora ci si attende, in seno al partito della maggioranza, una profonda autocritica. “Extrema ratio”.

Dopo una sconfitta dalle proporzioni ciclopiche come quella sofferta dal Psuv il 6 dicembre, era logico attendersi le immediate dimissioni della Direzione del partito, l’assunzione di tutte le responsabilità e l’inizio di un profondo dibattito per l’elezione di una nuova Direzione e la costruzione di un diverso indirizzo politico. Nulla di tutto ciò è accaduto per il momento. Ma talune correnti, alcune fanno capo ad Aporrea.com, reclamano oggi l’apertura di un dibattito.

E’ facile prevedere una lotta interna, fratricida, per il controllo del Psuv; un conflitto che coinvolgerà la vecchia dirigenza e i leader emergenti e che sicuramente farà le sue vittime. Forse sarà esagerato parlare di rottamazione, sicuramente non lo sarà di “trasformazione”.

Nei prossimi giorni, settimane o mesi si saprà quanto forte sia il potere di chi oggi ha in mano le redini del partito. Si dovrà attendere per conoscere chi, tra “falchi” o “colombe”, avrà la meglio nel Psuv.

Comunque sia, il partito oggi al governo ne uscirà indebolito. E ciò potrebbe arrecare un grave danno alla democrazia e all’equilibrio dei poteri. Il Paese ha bisogno di un Psuv robusto, capace di contrastare chi, forte della maggioranza assoluta in Parlamento, potrebbe sentirsi in libertà di commettere eccessi; quegli stessi eccessi tanto criticati fino a ieri al “chavismo”. Le prossime settimane e i prossimi mesi rappresentano un esame importante per il Paese.

L’atteggiamento del presidente Maduro; il suo linguaggio aggressivo; i suoi discorsi apocalittici circa il futuro del Paese e le denunce di presunte trame del “Tavolo dell’Unità” a danno dei lavoratori, non contribuiscono a creare il clima di armonia e tranquillità di cui ha bisogno il venezuelano, preoccupato per la mancanza cronica di generi alimentari, prodotti per l’igiene, medicine e, anche se può sembrare ridicolo, giocattoli per bambini in epoca natalizia.

Le elezioni hanno arroventato gli animi e ora ci sarebbe bisogno di un attimo di pausa. Un armistizio; un linguaggio sereno che inviti alla pace. In pericolo è oggi l’intera impalcatura democratica, costruita con tanti sacrifici.

Nei giorni scorsi, a rendere ancora più difficile la convivenza politica, è stata l’entrata in scena dei “colectivos”, le bande di “motorizados” che armati fino ai denti hanno seminato il panico durante la campagna elettorale e immediatamente dopo il voto del 6 dicembre. L’irruzione violenta durante la conferenza stampa degli ex ministri Jorge Giordani e Hèctor Navarro, voci della dissidenza “chavista”, la dice lunga sull’ambiente che domina nel Psuv. Il vecchio tutore del presidente Chávez, che per anni ha avuto la responsabilità della direzione economica del paese, è apparso solo e smarrito, confuso e demoralizzato.

Quello dei “colectivos”, se si dà credito agli esperti in materia, sarebbe stato un semplice “globo de ensayo”. Una prova generale per azioni che potrebbero ripetersi in altri momenti e in altri scenari. Un’operazione orientata a seminare paura e timore. E a creare instabilità politica in un Paese in crisi economica.

Sul versante opposto, in casa del “Tavolo dell’Unità”, nei prossimi giorni potrebbero emergere le contraddizioni fino a ieri frenate da una “ragione superiore”: sconfiggere il “chavismo”. Il “Tavolo dell’Unità” resta pur sempre una coalizione eterogenea nella quale convivono anime assai diverse, dal radicalismo di destra a quello di sinistra. Sarà difficile per la sua Direzione conciliare interessi, armonizzare tendenze e orientamenti.

Le elezioni, comunque, hanno evidenziato una distribuzione del potere che privilegia i partiti delle “colombe”. Ovvero, “Primero Justicia”, “Acción Democratica” e “Un Nuevo Tiempo”. Ma “Voluntad Popular”, che nel 2014 sostenne la tesi di “La Salida” e indirettamente incoraggiato le barricate che per settimane sconvolsero la vita dei venezuelani, ha ottenuto la quarta più importante votazione. E’ logico che farà pesare la sua posizione.

Per il momento, dovrebbe prevalere la tesi della negoziazione per riscattare gli equilibri democratici. Il “Tavolo dell’Unità”, quindi, dovrebbe dar forza alle argomentazioni di Henrique Capriles Radonski: continuare a sommare voti evitando confronti sterili e promuovendo provvedimenti orientati a migliorare la qualità di vita del venezuelano.

In effetti, nell’agenda del “Tavolo dell’Unità” vi è, ad esempio, la consegna dei titoli delle case della “Misión Vivienda”, provvedimenti orientati a migliorare gradualmente l’approvvigionamento di materie prime per l’industria e a sostenere la produzione privata; a superare la mancanza di alimenti, prodotti per l’igiene e, in particolare, di medicine.

Non mancano, ovviamente, temi polemici. Ad esempio, il neo deputato José Guerra ha pubblicamente dichiarato che chiederà ai ministri dell’Economia e al Presidente della Banca Centrale di rispondere della loro amministrazione in questi anni.

Insomma, anche in seno al “Tavolo dell’Unità” la situazione non è chiara. L’armonia, che ha portato al trionfo del 6 dicembre, potrebbe incrinarsi improvvisamente e trasformarsi in caos. E non è da scartare, poi, la “compra-vendita” di voti in Parlamento. E così la maggioranza assoluta, conquistata con grande impegno, potrebbe non essere tale.

Per il momento, comunque il confronto anche nel “Tavolo dell’Unità” è tra “colombe” e “falchi”; tra chi vuole l’immediato referendum per revocare il potere al presidente Maduro e chi, invece, considera che i venezuelani hanno votato per un Parlamento che s’impegni a legiferare. Per questi il referendum rappresenta l’“extrema ratio”, qualora il capo dello Stato s’impegnasse in una opposizione ad oltranza.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora