A Napoli un terzo delle sigarette fumate è di contrabbando

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

contrabbandieri

CASERTA. – In Italia nel 2014 sono stati consumati 4,4 miliardi di sigarette illegali, che rappresentano il 5,6% del consumo totale. Un fenomeno che assume dimensioni patologiche in alcune zone della Campania: a Napoli, per esempio, su 100 pacchetti ritrovati per strada ben 35 risultano non destinati al mercato italiano. Il contrabbando di sigarette finanzia la criminalità organizzata internazionale, ma anche i gruppi terroristici.

E’ quanto emerge dai dati di una ricerca commissionata dalla Philip Morris e presentata a Caserta. Il consumo di sigarette di contrabbando nel 2015 sembra mostrare una certa stabilità, nonostante l’aumento dei prezzi ma continua a rappresentare più della metà dei consumi di prodotti illeciti in Italia.

Nella seconda parte del 2015, si legge nella ricerca, è possibile notare una crescita del fenomeno del contraffatto: i prodotti contraffatti pesano il 25,4 % di quelli non destinati al mercato italiano ritrovati per strada. Ancora una volta la città più interessata dal fenomeno è Napoli.

Tra i problemi riscontrati nella lotta al fenomeno c’è il fatto che in Italia gode di un’ampia accettazione sociale. Il contrabbando – sottolinea lo studio – ha effetti pesanti sulla collettività: se il volume totale di sigarette contraffatte o contrabbandate consumato in Italia fosse stato acquistato legalmente, infatti, sarebbero stati raccolti ulteriori introiti fiscali per 770 milioni di euro.

Il mercato nero delle “bionde”, infatti, interessa oggi, per la maggior parte, pacchetti prodotti per mercati non Ue e che invece vengono illegalmente dirottati in Italia e venduti al mercato nero aggirando il pagamento delle accise.

Soldi che invece vanno ad arricchire le organizzazioni criminali: secondo alcune fonti la criminalità̀ organizzata, come le organizzazioni mafiose italiane e le organizzazioni criminali asiatiche e dell’Est Europa, è coinvolta nel commercio illecito di sigarette, ma anche i gruppi terroristici sfruttano il commercio illecito di sigarette e i proventi di altre attività̀ criminali per supportare il finanziamento delle loro azioni. I proventi della vendita di sigarette illegali vengono reinvestiti in ulteriori attività̀ illecite, come il traffico di droga, armi, esseri umani.

Fra i molti problemi che derivano dal contrabbando, c’è quello dell’accessibilità al fumo per i minorenni che non possono acquistare sigarette dai tabaccai. Una battaglia che in Italia la Guardia di Finanza porta avanti con attenzione: nel 2014 sono state sequestrate 200 tonnellate di sigarette illegali (+70% rispetto al 2013) e negli ultimi anni un numero crescente di fabbriche illecite èstato scoperto dalle autorità nel Centro e nell’Est Europa.

Anche la Philip Morris contribuisce alla lotta offrendo supporto alle istituzioni nell’attività di contrasto al contrabbando e alla contraffazione e nel 2014 ha siglato un protocollo di cooperazione con la Guardia di Finanza impegnandosi a fornire strumenti utili per il contrasto al fenomeno del commercio illecito dei prodotti del tabacco.

Ultima ora

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

00:16Calcio: Ventura, “campionato dal 13/8? Bisogna fare scelta”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Siamo di fronte ad una scelta: o prendiamo la strada della costruzione, per rendere la nazionale più competitiva, o ci affidiamo solo alla buona sorte e alla casualità". Lo ha detto il ct azzurro, Gian Piero Ventura, in merito alla possibilità di cominciare il campionato a metà agosto in vista dell'importantissima sfida a settembre con la Spagna. "Non conta una data, il discorso è più ampio - ha aggiunto -. Tanto per fare un esempio, nell'anno dopo il Mondiale la Germania comincia il campionato a fine agosto, mentre l'anno prima inizia il 10 agosto e l'anno dell'Europeo il 12. Perché? Perché vogliono vincere. E' un segnale di quanto la federazione sia forte".

00:10Calcio: Spagna batte 2-0 la Francia, anche grazie alla Var

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Spagna batte 2-0 la Francia in un'amichevole disputata allo Stade de France, un monito per gli Azzurri che a settembre dovranno affrontare la Roja per le qualificazioni Mondiali. Risultato di rilievo, soprattutto perché ha inciso l'utilizzo della Var (Video assistance referee). Il sistema ha consentito di annullare, per fuorigioco, una rete di Griezmann all'inizio della ripresa. Scampato il pericolo, la Spagna è andato in vantaggio al 23' su rigore per un fallo su Deulofeu trasformato da David Silva. Al 32', il raddoppio delle Furie Rosse è stato messo a segno dal milanista e ancora la Var è stata decisiva, annullando la segnalazione di fuorigioco fatta dal guardalinee.

Archivio Ultima ora