Ferrari pronta per Piazza Affari, debutta il 4 gennaio

ferrari

MILANO.- Ferrari a un passo da Piazza Affari. Borsa italiana ha dato il proprio ‘placet’ per l’ammissione sul mercato milanese delle azioni del ‘Cavallino rampante’, fissando come data per l’avvio delle negoziazioni il prossimo 4 gennaio, come aveva anticipato nei giorni scorsi il numero uno Sergio Marchionne. Il marchio delle auto di lusso di Maranello arriva, dunque, sul listino milanese a poco più di due mesi dal debutto a Wall Street.

Dallo scorso 21 ottobre, infatti, il titolo denominato ‘Race’ è quotato al New York Stock Exchange (Nyse), dove al momento sta registrando una saldo negativo del 10% circa rispetto al prezzo dell’Ipo, fissato a 52 dollari (oggi vale circa 47 dollari).

La quotazione sull’Mta di Borsa italiana, ha ricordato l’azienda in un comunicato, rientra nell’ambito di una serie di operazioni volte a realizzare la separazione tra Ferrari e l’attuale capogruppo Fca. Come noto, in seguito allo spin-off della ‘Rossa’, la holding della famiglia Agenlli, Exor, deterrà il 24% della Ferrari, ma grazie al meccanismo del voto multiplo previsto dalla normativa olandese (dove ha sede), la presa sul capitale resterà ben solida.

In vista dello scorporo, quindi, ai soci di Fca saranno assegnate azioni ordinarie Ferrari sulla base del rapporto di assegnazione di una ogni dieci del Lingotto. Al tempo stesso il gruppo automobilistico ha definito il concambio per i bond-holder Fca a conversione obbligatoria.

Il Lingotto darà per ogni 100 dollari di obbligazioni 0,77369 azioni Ferrari, per un massimo di circa 22,24 milioni di azioni Ferrari ordinarie su un totale di 2,87 miliardi di obbligazioni in circolazione. L’insieme di queste operazioni saranno perfezionate tra il 31 dicembre ed il 3 gennaio.

Condividi: