Obama ai capi dell’Isis, sarete i prossimi ad essere colpiti

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

US President Barack Obama delivers a statement on the counter-ISIS campaign in the Pentagon briefing room December in Arlington, Virginia, USA, 14 December 2015. President Obama met previously with a National Security Council on the counter-ISIS campaign.  EPA/Olivier Douliery / POOL

US President Barack Obama delivers a statement on the counter-ISIS campaign in the Pentagon briefing room December in Arlington, Virginia, USA, 14 December 2015. President Obama met previously with a National Security Council on the counter-ISIS campaign. EPA/Olivier Douliery / POOL

NEW YORK. – Barack Obama rilancia la lotta all’Isis: “Mai li abbiamo colpiti così duramente – spiega – anche se i progressi dovranno essere più rapidi”. E al termine del vertice tenuto al Pentagono con i massimi responsabili della sicurezza nazionale invia un duplice messaggio.

Il primo ai leader dello stato islamico: “Non potrete nascondervi. Sarete i prossimi ad essere colpiti!”, così come nelle ultime settimane – ricorda – sono stati eliminati molti pezzi grossi dell’organizzazione jihadista, dall’inviato del ‘califfo’ di al Baghdadi in Libia al suo ‘ministro delle finanze’.

Poi un monito rivolto ai Paesi arabi, ai quali il presidente americano chiede un maggiore impegno a fianco della coalizione internazionale: “Gli Stati Uniti stanno facendo di più in questa lotta così come lo stanno facendo i nostri alleati, la Francia, la Germania, il Regno Unito, l’Australia e l’Italia. E così come devono fare tutti gli altri”.

Un riconoscimento, dunque, al maggior sostegno garantito da Parigi, Londra e Berlino sul piano militare, ma anche da Roma sul fronte diplomatico, soprattutto per il ruolo guida che il nostro Paese sta svolgendo per risolvere l’intricata e preoccupante situazione in Libia. Questi per Obama devono essere gli esempi da seguire.

E con questo messaggio da parte della Casa Bianca il segretario alla difesa, Ash Carter, è partito alla volta della regione mediorientale, col compito di strappare agli alleati arabi un maggior coinvolgimento nei combattimenti in Siria e Iraq. Ma anche un contributo più deciso per impedire un ulteriore rafforzamento dell’Isis proprio in Libia, il Paese che in questo momento rappresenta la minaccia più grande.

Allo stesso tempo il segretario di stato americano, John Kerry, è volato a Mosca per proseguire quel confronto con Vladimir Putin che dovrebbe portare al più presto all’attuazione degli accordi di Vienna, quelli per porre fine alla guerra civile in Siria e per avviare la fase di transizione politica auspicata da tutti. Col nodo Assad ancora lì sul tavolo a intralciare il dialogo.

Per il resto Obama, parlando in diretta tv dopo la riunione del Consiglio per la sicurezza nazionale, ha cercato ancora una volta di rassicurare gli americani sui risultati della guerra all’Isis e sulla minaccia di possibili attentati terroristici sul suolo statunitense in vista delle festività di fine anno.

“L’Isis ha perso il 40% delle zone che una volta controllava in Iraq”, ha detto, respingendo ancora una volta le critiche di chi parla di fase di stallo: “Li abbiamo colpiti al cuore e renderemo loro sempre più difficile avvelenare il mondo”, ha proseguito, ammettendo però come si tratti di una guerra “difficile”.

“I militanti dello stato islamico – ha spiegato – si nascondono dietro alla popolazione civile, e dobbiamo colpirli con estrema precisione, con precisione chirurgica”.

Il suo volto è serio e anche quello di Carter, al suo fianco, è teso. Non è una novità che una parte delle gerarchie militari statunitensi vorrebbe fare di più. Ma la Casa Bianca resiste, e anche dopo il vertice al Pentagono la strategia di Obama non cambia. Forse a costo di qualche attrito coi generali.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora