Lazio beffata, la Samp pareggia nel recupero

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

SS Lazio's goalkeeper Federico Marchetti (L) vies for the ball with UC Sampdoria's Antonio Cassano during their Italian Serie A soccer match at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 14 December 2015.  ANSA/ETTORE FERRARI

SS Lazio’s goalkeeper Federico Marchetti (L) vies for the ball with UC Sampdoria’s Antonio Cassano during their Italian Serie A soccer match at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 14 December 2015. ANSA/ETTORE FERRARI

ROMA. – A cinque giorni di distanza dal mediocre spettacolo di Roma-Bate Borisov, un’altra sonora salva di fischi si leva dagli spalti del (deserto) stadio Olimpico. Stavolta a sfogarsi contro i propri beniamini sono i pochi tifosi della Lazio che hanno deciso di seguire dal vivo la loro squadra impegnata nel posticipo contro la Samp reduce da tre sconfitte consecutive.

Per i biancocelesti questa bruttissima partita, peggiore come spettacolo perfino di quella di Champions che l’aveva preceduta in questo impianto, si è rivelata una beffa atroce. Al 33′ st la Lazio era infatti riuscita ad andare in vantaggio con un bel colpo di testa del subentrato Matri, su cross dalla sinistra di Radu, e la vittoria, che a Formello manca da quasi due mesi, sembrava a portata di mano.

Invece al 93′ Berisha (a sua volta entrato al posto dell’infortunato Marchetti) era stato costretto a placcare Muriel fuori area e la successiva punizione di Zukanovic, con deviazione decisiva di Felipe Anderson (in lacrime a fine partita), regalava ai doriani un pareggio ormai insperato,festeggiato con mille abbracci in campo e con un’espressione stralunata del presidente Ferrero in tribuna: per lui è la prima volta che riesce a fare punti contro il collega Lotito.

Primo punto anche per Montella da allenatore dei blucerchiati. Per la Samp è un brodino, per la Lazio del capitano Biglia di nuovo in lacrime un’altra occasione sprecata. Ma frutto di una pochezza tecnica che è stata la caratteristica di questa squallida partita che mai come questa volta ha dato ragione agli assenti.

A farla da padrone sono state la mancanza di idee, da una parte e dall’altra, e la paura di perdere di entrambe le squadre, alle prese con un’involuzione tecnica che sta facendo spegnere ogni sogno ai laziali e rischiare le sabbie mobili della retrocessione ai doriani.

Così il match dell’Olimpico, ricco oltre che noia dei soliti cori anti-Lotito, è stato lo specchio fedele del loro momento, con Marchetti inattivo fino al momento dell’infortunio e quindi senza voto, mentre la Lazio arrancava con Candreva, esibitosi in una serie di conclusioni sbagliate dalla distanza e in un gesto di nervosismo che lo ha portato a scagliare un pallone fuori campo, colpendo un fotografo.

Prima dei gol c’era stata un’unica emozione, quella del 29′ pt quando un ‘flipper’ in area, con incertezza di Gentiletti, si era concluso con un rimpallo su Cassano e poi con la palla di un soffio a lato. Per il resto il nulla, questo è un posticipo da dimenticare in fretta, oltre che spot dell’anticalcio. Di sicuro c’è che Lazio e Samp non sembrano aver risolto i loro problemi.

Ultima ora

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

Archivio Ultima ora