Usa-Cuba: un anno di disgelo, Obama pensa a uno storico viaggio

Pubblicato il 14 dicembre 2015 da redazione

cuba

NEW YORK. – A un anno dall’avvio del disgelo, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama pensa a uno storico viaggio a Cuba. Il presidente “desidererebbe molto” andare per consolidare la sua legacy, l’eredità di leader che ha posto fine a sessant’anni di guerra fredda tra Washington e l’Avana. L’idea è di farlo nell’ultimo anno di Casa Bianca, ma a una condizione: che gli sia permesso di incontrare i dissidenti. Lo ha detto lo stesso Obama alla redazione del sito online Yahoo!.

“Se vado in visita, parte dell’accordo è di poter parlare con tutti”, ha detto il presidente nel corso dell’intervista a un anno dall’annuncio dell’inizio del disgelo tra Washington e l’Avana. “Questa è una cosa che ho chiarito direttamente con il presidente Raul Castro: vogliamo entrare in contatto con quanti lavorano per la libertà di espressione all’interno di Cuba”.

Obama ha detto che la speranza sua e dei suoi collaboratori è di vedere progressi sufficienti nel corso del 2016 per decidere che “è arrivato il momento di puntare i riflettori su quel che è stato fatto e di spingere Cuba, andando all’Avana, in una nuova direzione”.

Fonti della Casa Bianca hanno descritto una visita di Obama – se effettuata nelle giuste circostanze – come la logica conseguenza della svolta politica annunciata il 17 dicembre 2014 dallo stesso Obama e da Raul Castro.

Da allora, come frutti concreti dei negoziati prima segreti e poi condotti su tavoli bilaterali, Usa e Cuba hanno riaperto le rispettive ambasciate all’Avana e Washington, gli Stati uniti hanno rimosso Cuba dalle liste del terrorismo, le due parti hanno fatto passi per aumentare le opportunità di viaggi e di affari e affrontato la spinosa questione delle proprietà confiscate a cittadini e aziende americane dopo la rivoluzione del 1959.

Adesso un nuovo tassello nel disgelo internazionale è arrivato con lo storico accordo sulla ristrutturazione del debito cubano concluso tra l’isola di Castro e i 14 paesi del Club di Parigi, di cui fa parte anche l’Italia. L’intesa prevede un colpo di spugna di 8,5 miliardi di interessi in cambio di una promessa cubana di ripagare 2,6 miliardi di dollari entro i prossimi 18 anni.

Cuba era in default dal 1986. L’Italia è il quarto creditore con una quota di 507 milioni di dollari. La svolta nel negoziato è arrivata quando Roma e gli altri tre grandi creditori (Parigi, Madrid e Tokyo) hanno accettato di convertire i pagamenti arretrati in progetti di sviluppo a Cuba, da decidere su base bilaterale.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

13:22Calcio: Valverde, il Barcellona conta su Neymar

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Contiamo su Neymar e lui su di noi". Il Barcellona, almeno per quanto riguarda allenatore e giocatori, fa quadrato sulla sua star brasiliana, negli ultimi tempi al centro di numerose voci di mercato che lo vedrebbero in procinto di accettare la corte del Paris Saint-Germain. Stando alle parole del tecnico blaugrana Ernesto Valverde e del centrocampista Sergio Busquets, sembrerebbe non esserci spazio per alcuna trattativa, anche se entrambi non possono escludere colpi di scena. "Questo è il periodo delle voci di mercato - ha spiegato Valverde nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole americana con la Juventus - Si sa come vanno queste cose. Perciò, fino a prova contraria, Neymar è un giocatore del Barcellona. Poi, vedremo che cosa accadrà". "Non credo ci sia un club migliore di questo per lui - ha ribadito Busquets, seduto accanto a Valverde - Spero rimanga con noi il più a lungo possibile, ma è solo lui che può pronunciare l'ultima parola: se ha qualcosa da dire, la dirà".

13:14Basket: San Antonio, dopo Ginobili prolunga anche Gasol

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Dopo Manu Ginobili, che qualche giorno fa ha annunciato il prolungamento di un anno del suo contratto (allontanando così l'addio al campo), anche il 37enne Pau Gasol si stringe ai San Antonio Spurs e, per l'esattezza, per altri due anni più un'opzione per un terzo. Lo rivela Espn. Per il pivot spagnolo, quindi, la prossima sarà la diciassettesima stagione in Nba e la seconda con la franchigia texana. Lo scorso anno ha chiuso con medie di 12,4 punti e 7,8 rimbalzi a partita. In casa Cleveland Cavaliers, intanto, sempre Espn rivela che dopo sei stagioni Kyrie Irving avrebbe chiesto di essere ceduto, probabilmente perché stanco di rimanere all'ombra della star indiscussa LeBron James. La richiesta della guardia 25enne, che ha altri due anni di contratto, sarebbe stata avanzata già la scorsa settimana in un incontro con la dirigenza della franchigia. E chi sarebbe in cima alla lista delle destinazioni preferite dal giocatore? Proprio gli Spurs.

13:13Il Sun toglie Napoli da lista 10 città più pericolose

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Marcia indietro del Sun. Nella classifica compilata dal quotidiano britannico sulle 10 città più pericolose al mondo, Napoli non risulta più nella lista. L'articolo del tabloid, pubblicato l'11 luglio scorso, è stato aggiornato a ieri sera, ma non si sa cosa abbia portato il Sun a modificarlo. La classifica riguardava i centri urbani ritenuti più a rischio in 10 aree diverse aree geografiche del mondo, scelti per le ragioni più varie: dal terrorismo alla droga, dagli omicidi alla presenza di gang mafiose o criminali, dalla guerra, ai disordini razziali, alla violazione dei diritti umani. Ne era venuta fuori una mappa in cui il capoluogo campano era stato additato come la città più pericolosa dell'Europa occidentale, accanto a luoghi come Mogadiscio (in Somalia, la peggiore in Africa) o addirittura Raqqa (capitale dell'Isis in Siria, indicata per il Medio Oriente). Una scelta, quella del Sun, che aveva provocato violente polemiche e reazioni.

13:02C.destra: Cassano ufficializza rientro in Forza Italia

(ANSA) - BARI, 22 LUG - "Ho provato a convincere il mio ex partito che doveva uscire dal governo e che doveva soprattutto schierarsi con il centrodestra. Non è stato fatto. L'ho chiesto più volte e quando ho capito che non c'era questa volontà ho deciso di uscire". Così il senatoreßMassimo Cassano ha ufficializzato oggi a Bari il suo rientro in Forza Italia. L'ex sottosegretario al Lavoro del governo Gentiloni è intervenuto in conferenza stampa con il coordinatore di Fi in Puglia, l'on. Luigi Vitali, spiegando le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Angelino Alfano e riavvicinarsi a Silvio Berlusconi. "L'obiettivo ora - ha aggiunto Cassano - è di rimettere insieme i moderati che in Puglia come in Italia sono la maggioranza degli elettori. Vederli divisi, incapaci di dialogare mi ha spinto nei mesi scorsi al tentativo di creare condizioni diverse, più favorevoli, ma non ci sono riuscito. Così ho detto stop. Ora dobbiamo rimettere in piedi quello che era il motore del centrodestra".

12:55Siria: Mosca, firmati accordi zona de-escalation Ghouta est

(ANSA) - MOSCA, 22 LUG - Sono stati firmati gli accordi sul funzionamento della zona di de-escalation del Ghouta orientale, in Siria: lo riferisce il ministero della Difesa di Mosca, secondo cui i documenti sono stati siglati "dopo colloqui al Cairo tra i rappresentati del Ministero della Difesa russo e dell'opposizione siriana con la mediazione della parte egiziana sullo sviluppo dei trattati di Astana". Da Mosca spiegano che "i documenti fissano i confini della zona di de-escalation, le aree di schieramento e i poteri delle forze di controllo, nonché i percorsi per la fornitura di aiuti umanitari e per il libero movimento dei civili". "Il primo convoglio di aiuti umanitari per la zona di de-escalation e l'evacuazione dei feriti sono previsti nei prossimi giorni", dichiara il ministero della Difesa russo.

12:54Carceri: prete porta audioteca per i detenuti di Marassi

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si chiama 'joybox', il 'jukebox della gioia', la prima audioteca realizzata all'interno del carcere di Marassi. L'idea è di don Roberto Fiscer, fondatore e anima di Radio tra le note, la prima web radio parrocchiale della diocesi di Genova. "La musica è speciale - ha detto il prete - e annulla ogni differenza e ogni problema: quando sono con i detenuti mi sento vicino e come loro e gioisco con loro". Ogni giovedì pomeriggio, per tre ore, il giovane sacerdote entra nel carcere con i suoi lettori audio grazie ai quali i detenuti possono ascoltare le musiche che gli hanno chiesto la settimana prima. Sono previsti tre turni da un'ora ciascuno nei quali i detenuti si alternano nell'ascolto. "È commovente vedere come anche le persone apparentemente più dure si sciolgono ascoltando le musiche dei loro paesi e nella loro lingua". È per questo che, ogni settimana, don Roberto varca il cancello di Marassi con i lettori audio pieni di musiche dei paesi dell'Est Europa, del Sud America, del Nord Africa. "Grazie a questa iniziativa si è creato un bellissimo rapporto con molti detenuti e uno di loro, in particolare, mi aiuta a raccogliere i titoli delle canzoni per la settimana successiva. È un progetto in linea con il desiderio di papa Francesco di essere presenti nelle periferie e vuole essere un piccolo segnale dell'amore e della presenza di Dio che passa anche attraverso la musica. È anche un'occasione terapeutica per i detenuti che, in questo modo, possono provare emozioni e sentimenti positivi". (ANSA).

12:44Terremoto:Ingv,attenzione alta per sismicità superiore media

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'attenzione resta alta perchè i livelli di sismicità nell'area sono superiori alla media". Lo ha affermato all'ANSA il direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Salvatore Stramondo, in relazione al sisma di magnitudo 4.2 verificatosi alle ore 4:13 tra le province di L'Aquila e Rieti. Dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto, ha sottolineato l'esperto, "nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque - ha avvertito - non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell'area". Il sisma di oggi, chiarisce, "rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto col terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c'è, dunque, un nuovo fronte che si apre". (ANSA).

Archivio Ultima ora