Papa: l’indifferenza minaccia la famiglia umana

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

papa-francesco-roma

CITTA’ DEL VATICANO. – E’ stato l’anno del piccolo corpo di Aylan abbandonato sul basgnasciuga di Bodrum, in Turchia, e dei troppi corpi, tantissimi giovani, uccisi al Bataclan e negli attentati del 13 novembre, perpetrati in nome di Dio. Immagini che, almeno per un po’, hanno dissolto l’indifferenza, e scosso le coscienze delle persone e degli Stati. Chissà se papa Francesco le aveva presenti nello scrivere “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”, Messaggio per la 49.ma Giornata mondiale per la pace, pubblicato oggi e, come sempre, inviato a tutti i capi di Stato del mondo.

Certo è che nel testo forte è la denuncia del fatto che “l’indifferenza costituisce una minaccia per la famiglia umana”, e che va contrastata, dai singoli e dagli Stati, per “conquistare la pace”. “Dio non è indifferente, a Dio importa dell’umanità”, è il significativo incipit, dal forte potenziale interreligioso ed ecumenico, del Messaggio: 21 pagine in cui, partendo dai segnali positivi della Cop21 di Parigi sul clima, del summit di Addis Abeba e della Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile, papa Francesco si muove tra eredità del Concilio e insegnamenti di Benedetto XVI e Giovanni Paolo II, per denunciare l’indifferenza verso Dio, verso il prossimo e verso il creato, e che mina la “corresponsabilità solidale, radice della vocazione fondamentale alla fratellanza e alla vita comune”.

L’indifferente, colui che “chiude il cuore per non prendere in considerazione gli altri, chiude gli occhi per non vedere ciò che lo circonda o si scansa per non essere toccato dai problemi altrui” è una tipologia umana che sempre esistita ma, denuncia il Papa, “ai nostri giorni ha superato decisamente l’ambito individuale per assumere una dimensione globale e produrre il fenomeno della ‘globalizzazione dell’indifferenza’”.

L’indifferenza “cerca spesso pretesti: nell’osservanza dei precetti rituali, nella quantità di cose che bisogna fare, negli antagonismi che ci tengono lontani gli uni dagli altri, nei pregiudizi di ogni genere che ci impediscono di farci prossimo”. Alla indifferenza il Pontefice oppone la “solidarietà”, “virtù morale e atteggiamento sociale”, contro le “piaghe del nostro tempo”, e nella “innegabile interdipendenza” nel mondo globalizzato tra “la vita del singolo e della sua comunità in un determinato luogo e quella di altri uomini e donne nel resto del mondo”.

A questa analisi il Messaggio affianca una serie di appelli in vista di “gesti concreti” e “atti di coraggio”, soprattutto degli Stati, per costruire la pace: contro la pena di morte, per l’amnistia; per nuove legislazioni sulle migrazioni nel senso della accoglienza e della integrazione; per il lavoro, la casa e la terra, soprattutto per le categorie sociali più fragili; per evitare “non trascinare altri popoli in conflitti e guerre”; per la cancellazione o la gestione sostenibile del debito internazionale dei paesi poveri; per politiche di cooperazione che non si pieghino alla “dittatura di alcune ideologie”, e non siano “lesive dei valori delle popolazioni locali e del diritto dei nascituri alla vita”.

Gli appelli si fondano sulla certezza che la “cultura della solidarietà”, che il Papa invita tutti, media compresi, a costruire, è già vitale nelle ong e gruppi caritativi, non solo ecclesiali, in quanti soccorrono i migranti, nei reporter che “informano sulle situazioni che interpellano le coscienze”, in quanti difendono i diritti umani, nelle famiglie che “educano controcorrente”, in quanti hanno accolto un migrante a casa, nei giovani che “si uniscono per realizzare progetti di solidarietà”. Anche se di loro si parla poco, il Papa li vuole “incoraggiare: la loro fame e sete di giustizia sarà saziata”.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

15:48Calcio: Mondiale Club, Fifa, Real? Var giusta

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Fifa non condivide le critiche del Real Madrid sulla Var entrata in azione due volte nel match vinto dai blancos 2-1 contro l'Al Jazira nella semifinale del Mondiale per club giocata ieri. La prima per annullare un gol a Benzema nel primo tempo, la seconda sulla possibile rete del 2-0 per la formazione araba non convalidata per un leggero fuorigioco. Una protesta quella delle merengues che - come riporta il quotidiano spagnolo As - il massimo organo del calcio mondiale "non condivide né capisce, perché pensa che nei due episodi siano state prese le decisioni giuste".

15:31Calcio: Donnarumma, tifosi Milan contro Raiola

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Da San Siro ai social network, monta la contestazione dei tifosi contro Gianluigi Donnarumma per aver messo in discussione il rinnovo con il Milan firmato a luglio per presunte pressioni psicologiche. Secondo chi lo ha visto allenarsi in mattinata a Milanello, l'umore del portiere è piuttosto negativo, in linea con quanto è apparso ieri durante la partita contro il Verona, quando ha reagito ai fischi e agli insulti scuotendo la testa sconsolato, fin quasi alle lacrime. Dopo la partita il ds rossonero Massimiliano Mirabelli ha criticato ("Sappiamo da dove viene il male") l'agente del portiere, Mino Raiola, senza mai nominarlo, e c'è lo stesso obiettivo nel mirino dei tifosi, che sui social network stanno rilanciando l'hasthag #gigiomollalo, esortando il calciatore a prendere posizione e scaricare il procuratore.

15:09Migranti:sbarcati in 41 in porto Crotone, erano su veliero

(ANSA) - CROTONE, 14 DIC - Quarantuno migranti sono sbarcati stamani al porto di Crotone a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza che li ha intercettati ad un miglio al largo di Capo Colonna. I migranti, tutti irakeni, viaggiavano a bordo di un veliero. Sono in corso, nel porto di Crotone, le operazioni di accoglienza dei profughi come previsto dal sistema coordinato dalla Prefettura che prevede anche delle visite mediche e tutti gli accertamenti relativi alla loro provenienza. I migranti verranno ospitati nel Centro di accoglienza di Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto.(ANSA).

15:02Calcio: Torino, Petrachi ds per altri due anni

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Gianluca Petrachi sarà il direttore sportivo del Torino per altri due anni, fino al 2020. Il club granata, sul proprio sito, ha infatti annunciato di avere prolungato il rapporto con il dirigente. "Dopo otto anni di proficua collaborazione - si legge - ed un importante lavoro svolto insieme, il presidente Urbano Cairo comunica di aver rinnovato il contratto" del direttore sportivo. L'accordo mette fine alle voci sull'addio di Petrachi, che ha molti estimatori, anche all'estero.

14:53Calcio: Serie A, Verona-Milan a Orsato

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Queste le altre designazioni per le partite della 17/a giornata di serie A in programma domenica 17 dicembre alle ore 15. Benevento-Spal (ore 18): Pasqua; Crotone-Chievo: Pairetto; Fiorentina-Genoa: Calvarese; Verona-Milan (ore 12.30): Orsato; Sampdoria-Sassuolo: Gavillucci.

14:52Schiaffi e maltrattamenti bimbi,sospese maestre

(ANSA) - SAN GIORGIO ALBANESE (COSENZA), 14 DIC - Schiaffi, pizzicotti e tirate d'orecchie ai bambini, una decina in tutto, dell'unica classe della scuola d'infanzia di San Giorgio Albanese nel cosentino. E' l'accusa rivolta a due insegnanti alle quali i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno notificato una misura interdittiva della sospensione per sette mesi. I provvedimenti sono stati disposti dal gip dell Tribunale di Castrovillari su richiesta della Procura della Repubblica. L'indagine condotta dai carabinieri e coordinata dal procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e dal sostituto Valentina Draetta, è stata avviata a seguito di una denuncia presentata da alcuni genitori. Gli accertamenti effettuati dai militari hanno permesso, in poco tempo, di documentare, con servizi di osservazione e di video riprese all'interno degli spazi didattici, una serie di maltrattamenti posti in essere dalle due insegnanti nei confronti dei bambini in un arco temporale di appena quindici giorni. (ANSA).

14:44Calcio: serie A, Inter-Udinese a Mariani

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sarà Mariani ad arbitrare l'anticipo della 17/a giornata di serie A tra Inter e Udinese, in programma sabato 16 dicembre alle 15. Torino-Napoli (sabato alle 18) sarà diretto da Mazzoleni e Roma-Cagliari (sabato alle 20.45) da Damato. Per Bologna-Juventus (domenica alle 15) designato Banti. Il posticipo delle 20.45 tra Atalanta e Lazio è stato affidato a Irrati.

Archivio Ultima ora