Cui prodest?

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da Mauro Bafile

Fiore all’occhiello, motivo di orgoglio. Forse ancora per poco tempo. La nostra scuola italiana, la “Agostino Codazzi”, unico istituto paritario in Venezuela, tra qualche mese, forse solo poche settimane, potrebbe non essere più tale. In altre parole, potrebbe essergli negata la prerogativa di rilasciare titoli di studio aventi valore legale in Italia e quindi annoverarsi tra quegli istituti con corsi d’italiano che, anche se ottimi e ad altissimo livello, non assicurano l’accesso diretto alle università italiane e, in conseguenza, dell’Unione Europea.
Una bella realtà, creata con tanto impegno e custodita negli anni con passione dalle Giunte Direttive che si sono susseguite, potrebbe di colpo scomparire. Così, mentre Aldo Bastianini e il gruppo di pionieri che nel 1951 fondarono la nostra Scuola sono tutt’oggi ricordati per la caparbietà e l’impegno profuso nella creazione di un istituto scolastico che mantenesse viva la cultura del Bel Paese tra noi italiani del Venezuela e aprisse a figli e a nipoti le porte delle migliori università italiane; gli integranti dell’attuale Giunta Direttiva, al contrario, potrebbero essere ricordati come coloro che vi hanno messo punto finale. E distrutto una realtà che appartiene a tutti noi e che altre comunità italiane all’estero oggi ci invidiano.
Che la nostra scuola viva momenti difficili lo sappiamo tutti. Lo abbiamo scritto ripetutamente rimproverando all’attuale esecutivo la propria inerzia e indifferenza. Ma non ci siamo limitati alle critiche costruttive. Siamo stati anche propositivi e abbiamo inoltre offerto all’attuale Giunta Direttiva la possibilità, attraverso il nostro giornale, di aprire un amplio dibattito orientato al riscatto della scuola. Altrettanto propositivo, a suo tempo, fu il Console Generale d’Italia, Giovanni Davoli. E lo è stato l’attuale Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini. Anche il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, uomo di profonda cultura, ha espresso preoccupazione per le sorti della “Scuola Italiana”; istituto che, fino a qualche anno fa – prima che l’attuale Giunta Direttiva ne assumesse il controllo -, è stato importante punto di riferimento culturale.
La risposta dell’esecutivo che presiede Adriano Giovenco è stata di deludente passività e indifferenza. La parità alle scuole private non è un atto dovuto. E’ riconosciuta solo agli istituti che ne hanno i requisiti. Tra questi, solo per nominarne i più importanti, un progetto educativo in armonia con i principi della Costituzione; la disponibilità di locali, arredi e attrezzature didattiche propri del tipo di scuola; l’istituzione e il funzionamento degli organi collegiali improntati alla partecipazione democratica; l’organica costituzione di corsi completi poiché non può essere riconosciuta la parità a singole classi; personale docente fornito del titolo di abilitazione.
Oggi purtroppo, vengono meno proprio i requisiti più importanti. Da mesi la Giunta Direttiva non si riunisce; i locali, se non ristrutturati e riformati, non sono più idonei alle esigenze di una scuola moderna e il personale docente fornito del titolo di abilitazione è composto di appena tre professori. Tra questi, un insegnante di Educazione fisica e una professoressa, esempio per le nuove generazioni, con una grande esperienza e professionalità che si fondono con l’entusiasmo giovanile che l’età ormai avanzata non è riuscita a scalfire.
E’ stato chiesto alla Giunta Direttiva un programma preciso, organico, che permetta in tempi relativamente brevi di riportare la scuola entro parametri accettabili per i ministeri degli Esteri e dell’Educazione. Una proposta che vada incontro alle difficoltà dell’istituto scolastico. Fino ad oggi in Consolato non è arrivata alcuna risposta. E, stando a quanto appurato dal nostro Giornale, non pare sia nell’agenda della Giunta Direttiva che, nonostante l’insistenza di alcuni dei suoi membri, non si riunisce ormai da tanti mesi.
Eppure, ci vorrebbe ben poco. Innanzitutto, buona volontà. E’ possibile abbattere i costi della ristrutturazione della scuola, per adeguarla agli standard di un istituto moderno. E’ necessario, però, mettere da parte arroganza, prepotenza e superbia. Limitazioni, queste, che sembrano caratterizzare i vertici dell’attuale Giunta Direttiva. E coinvolgere la comunità, chiedendo il contributo dei tanti costruttori italiani, sicuramente ben lieti di aiutare a riscattare la nostra “Agostino Codazzi”. Neanche l’abilitazione all’insegnamento dei docenti dovrebbe essere una difficoltà insormontabile. I professori potrebbero seguire corsi a distanza, riconosciuti dal ministero dell’Istruzione, che non richiedono un grosso investimento.
Più delicato e complesso, invece, è l’aspetto che riguarda direttamente il numero degli alunni. Oggi, la scuola elementare, dalla quale s’inizia il percorso scolastico, avrebbe una scolaresca di appena 10 bambini, forse meno. Troppo pochi. E’ necessaria, quindi, una “rivoluzione” nella “filosofia” stessa della scuola italiana. Non c’è bisogno di inventare. E’ sufficiente seguire l’esempio di “La Scuola Italiana Guglielmo Marconi” di New York o, quello della scuola tedesca in Venezuela, “Colegio Humboldt”. I confronti sono sempre antipatici, ma a volte necessari.
L’”Agostino Codazzi”, se effettivamente ci fosse la volontà di superare questo difficile momento, potrebbe trasformarsi in una “scuola internazionale” e, quindi, offrire agli alunni un piano di studio creato tenendo conto delle esigenze dei ministeri dell’Educazione in Venezuela e in Italia. Insomma, un mix che permetterebbe agli alunni un alto livello d’istruzione, una preparazione superiore a quella di altri coetanei e la possibilità di proseguire senza alcun problema la propria formazione in Venezuela o nelle migliori università europee.
Cui bono?
A chi giova la chiusura della nostra scuola italiana? Chi se ne beneficia? Perché l’attuale Giunta Direttiva, invece di prendere “il toro per le corna”, pare più interessata a ottenere un giudizio negativo dal nostro Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini; giudizio che decreterebbe definitivamente la perdita della parità? Sembra quasi si volesse avere un alibi per poter dire: “E’ stato il Console non noi… E’ sua la responsabilità, non nostra”.
Sappiamo, e lo abbiamo anche scritto, che mentre alla nostra Collettività sta profondamente a cuore il futuro della Scuola – e siamo sicuri sarebbe ben contenta di partecipare a una cordata per il suo riscatto – altre persone hanno mostrato interesse ai suoi terreni, collocati in un’area urbanistica privilegiata.
E’ dovere di tutti noi, degli esponenti della Collettività organizzata, dei responsabili del Comites (in particolare della Commissione culturale e di quella giovanile) evitare che vada persa una bella tradizione di oltre mezzo secolo; che scompaia un pezzo della nostra storia; e che la scuola, nella quale molti di noi si sono formati, perda la parità. Senza di essa, l’“Agostino Codazzi” non avrebbe alcuna ragione di esistere.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora