Crollano i redditi dei professionisti. E le donne guadagnano la metà degli uomini

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

professionisti

ROMA. – Professionisti sempre più poveri e più anziani. Dal 2007 (in prossimità del deflagrare della crisi) al 2014, i guadagni di ingegneri, architetti, avvocati, notai e del resto della platea dei 1,5 milioni di liberi professionisti italiani, sono crollati di oltre il 18% (-18,35%). A certificarlo è l’ultimo Rapporto dell’Adepp, l’associazione delle Casse di previdenza private.

Il report, riferito al 2014 e presentato a Roma dal presidente dell’associazione Andrea Camporese, mostra come l’insieme degli iscritti Adepp stia invecchiando velocemente, con un calo vistoso delle fasce di età che vanno dai 25 ai 45 anni. E se i redditi sono stati erosi dalla crisi, le perdite non sono state però omogenee.

L’analisi Adepp punta i riflettori per la prima volta sulle situazioni territoriali mostrando come i guadagni siano declinati tra Nord e Sud e tra giovani e anziani, molto diversamente. Così, un professionista in Calabria guadagna addirittura il 65% in meno di un collega che risieda invece in Lombardia o in Trentino. E la situazione degli studi calabri è comune a quelli in Molise, Sardegna, Sicilia e Basilicata.

E mentre si irrobustisce l’esercito di professionisti con un balzo del numero degli iscritti (oltre 50mila iscritti in più nel giro di un anno, sfiorando ormai quota 1,5 milioni segno che le professioni libere continuano a essere attrattive), i redditi delle professioniste donne continuano a distanziarsi rispetto a quelli dei colleghi uomini.

In termini economici si tratta di professioniste ‘dimezzate’, guadagnando di fatto la metà dei maschi il cui reddito 2014 in termini reali è rimasto sotto quota 30 mila, fermandosi a 28.960,02 euro annui. In Campania, Lazio, Liguria le professioniste hanno incassato l’anno scorso tra il 51,6%e il 55% del reddito dichiarato dai maschi. ”Allarmante” poi il fatto – evidenzia il Rapporto – che il tetto massimo raggiunto dalle donne si fermi al 70% dei guadagni degli uomini.

Camporese ha ribadito l’allarme per le pensioni future e la necessità di un welfare allargato: ”Dobbiamo evitare in tutti i modi – ha detto – una frattura generazionale. Trovo insopportabili e in mala fede certe difese a prescindere di anziani signori con pensioni di livello e non commisurate a ciò che hanno versato ma, allo stesso tempo, credo che un giovane non possa non rendersi conto dei cambiamenti radicali che il sistema economico ha subito”.

”La sfida – ha aggiunto il presidente Adepp – è mantenere l’equilibrio tra ciò che si versa e ciò che si riceve agendo con forza su tutte le leve che portano a una protezione sociale utile ad evitare di avere centinaia di migliaia o milioni (inclusa la gestione separata Inps) di futuri pensionati a 500 euro al mese”.

Aumenta intanto la raccolta dei contributi pensionistici da parte delle Casse: nel 2014 ha sfiorato 9 miliardi di euro (+2,87% sul 2013). Anche il patrimonio complessivo si fortifica potendo contare su 64,4 miliardi di euro, in crescita costante. Decisamente a favore dell’impiego delle risorse di Casse e Fondi pensione a sostegno dell’economia reale, attraverso un fondo, si è pronunciato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenuto alla presentazione.

”In questo contesto – ha detto Padoan – le iniziative delle Casse e Fondi per strumenti di investimento a lungo termine nell’economia reale, non solo sono i benvenuti ma vanno nella direzione giusta dal loro punto di vista”. ”Un’ottima idea – ha sottolineato – L’importante che siano iniziative volontarie. Auspico che la cosa vada avanti”.

(di Paola Barbetti/ANSA)

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora