Crollano i redditi dei professionisti. E le donne guadagnano la metà degli uomini

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

professionisti

ROMA. – Professionisti sempre più poveri e più anziani. Dal 2007 (in prossimità del deflagrare della crisi) al 2014, i guadagni di ingegneri, architetti, avvocati, notai e del resto della platea dei 1,5 milioni di liberi professionisti italiani, sono crollati di oltre il 18% (-18,35%). A certificarlo è l’ultimo Rapporto dell’Adepp, l’associazione delle Casse di previdenza private.

Il report, riferito al 2014 e presentato a Roma dal presidente dell’associazione Andrea Camporese, mostra come l’insieme degli iscritti Adepp stia invecchiando velocemente, con un calo vistoso delle fasce di età che vanno dai 25 ai 45 anni. E se i redditi sono stati erosi dalla crisi, le perdite non sono state però omogenee.

L’analisi Adepp punta i riflettori per la prima volta sulle situazioni territoriali mostrando come i guadagni siano declinati tra Nord e Sud e tra giovani e anziani, molto diversamente. Così, un professionista in Calabria guadagna addirittura il 65% in meno di un collega che risieda invece in Lombardia o in Trentino. E la situazione degli studi calabri è comune a quelli in Molise, Sardegna, Sicilia e Basilicata.

E mentre si irrobustisce l’esercito di professionisti con un balzo del numero degli iscritti (oltre 50mila iscritti in più nel giro di un anno, sfiorando ormai quota 1,5 milioni segno che le professioni libere continuano a essere attrattive), i redditi delle professioniste donne continuano a distanziarsi rispetto a quelli dei colleghi uomini.

In termini economici si tratta di professioniste ‘dimezzate’, guadagnando di fatto la metà dei maschi il cui reddito 2014 in termini reali è rimasto sotto quota 30 mila, fermandosi a 28.960,02 euro annui. In Campania, Lazio, Liguria le professioniste hanno incassato l’anno scorso tra il 51,6%e il 55% del reddito dichiarato dai maschi. ”Allarmante” poi il fatto – evidenzia il Rapporto – che il tetto massimo raggiunto dalle donne si fermi al 70% dei guadagni degli uomini.

Camporese ha ribadito l’allarme per le pensioni future e la necessità di un welfare allargato: ”Dobbiamo evitare in tutti i modi – ha detto – una frattura generazionale. Trovo insopportabili e in mala fede certe difese a prescindere di anziani signori con pensioni di livello e non commisurate a ciò che hanno versato ma, allo stesso tempo, credo che un giovane non possa non rendersi conto dei cambiamenti radicali che il sistema economico ha subito”.

”La sfida – ha aggiunto il presidente Adepp – è mantenere l’equilibrio tra ciò che si versa e ciò che si riceve agendo con forza su tutte le leve che portano a una protezione sociale utile ad evitare di avere centinaia di migliaia o milioni (inclusa la gestione separata Inps) di futuri pensionati a 500 euro al mese”.

Aumenta intanto la raccolta dei contributi pensionistici da parte delle Casse: nel 2014 ha sfiorato 9 miliardi di euro (+2,87% sul 2013). Anche il patrimonio complessivo si fortifica potendo contare su 64,4 miliardi di euro, in crescita costante. Decisamente a favore dell’impiego delle risorse di Casse e Fondi pensione a sostegno dell’economia reale, attraverso un fondo, si è pronunciato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenuto alla presentazione.

”In questo contesto – ha detto Padoan – le iniziative delle Casse e Fondi per strumenti di investimento a lungo termine nell’economia reale, non solo sono i benvenuti ma vanno nella direzione giusta dal loro punto di vista”. ”Un’ottima idea – ha sottolineato – L’importante che siano iniziative volontarie. Auspico che la cosa vada avanti”.

(di Paola Barbetti/ANSA)

Ultima ora

08:00F1:Australia,un italiano al via dopo 6 anni, ecco Giovinazzi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un pilota italiano al via di un Gran Premio di Formula 1 dopo sei anni di assenza, dai tempi di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi. Antonio Giovinazzi, già terza guida della Ferrari, è scattato a bordo di una Sauber, che monta il motore della casa di Maranello, nel primo Gp della stagione in Australia sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne. Il pilota pugliese di Martina Franca, scattato dalla sedicesima posizione in griglia, sostituisce il pilota titolare della Sauber Pascal Wehrlein ancora non in condizione per affrontare un intero Gp dopo l'incidente subito nella Race of Champions, a Miami, lo scorso 23 gennaio.

07:50F1: Circus riparte da Australia, Hamilton davanti a Vettel

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Prende il via ufficialmente la stagione 2017 di Formula 1 con il primo Gran Premio del 2017 in Australia. Sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne, al primo semaforo verde dell'anno la Mercedes di Lewis Hamilton è scattata davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel che partiva dalla seconda posizione. Terza l'altra Stella d'Argento di Bottas che precede la rossa di Raikkonen.

07:01Bulgaria, si vota per politiche anticipate

(ANSA) - SOFIA, 26 MAR - In Bulgaria si vota oggi per le elezioni politiche anticipate, una consultazione dall'esito incerto e nella quale si prevede una lotta serrata fra conservatori e socialisti. Il voto vede la partecipazione di 13 partiti, 9 coalizioni e 21 comitati d'iniziativa. Le urne si sono aperte alle 7 locali (le 6 italiane) e chiuderanno alle 20 (19). Subito dopo saranno diffusi gli exit poll. Gli oltre 6,8 milioni di elettori - su una popolazione di 7,5 milioni di abitanti - possono votare in quasi 12 mila seggi elettorali, e l'affluenza prevista si aggira intorno al 60%-65%. Stando agli ultimi sondaggi sembra improbabile che dalle urne esca una maggioranza di governo ben definita.

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

Archivio Ultima ora