Usa 2016: occhi su Cruz e Rubio, ma Trump vola ancora

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

marco-rubio

WASHINGTON. – I candidati per la nomination repubblicana nella corsa alla Casa Bianca arrivano al Venetian Resort Hotel Casino di Las Vegas per un nuovo duello televisivo con uno scenario del tutto cambiato rispetto all’ultimo dibattito tv cinque settimane fa e con la possibilità quindi di segnare nuovi equilibri, a poche settimane dall’inizio delle primarie, con gli occhi adesso puntati sul senatore del Texas Ted Cruz e su Marco Rubio che si fanno strada, sebbene Donald Trump risulti ancora campione di consensi tra gli elettori del Grand Old Party.

L’attacco a Parigi, la strage di San Bernardino, perfino l’allarme poche ore fa per una minaccia ancora tutta da verificare che ha fatto scattare la chiusura delle scuole a Los Angeles è il segnale che ‘Trump & Co.’ parlano ad un’America di certo più spaventata e forse per questo più attenta, adesso che l’anno è agli sgoccioli e ci si prepara per la sfida elettorale verso la presidenza che dominerà l’intero 2016.

Eppure nonostante i morti, gli allarmi, le allerte, e anche la bufera scatenata dalla proposta del miliardario Trump di chiudere l’ingresso in America a tutti i musulmani, sarà ancora una volta lui al centro del palco, dove i candidai sono posizionai a favore di telecamere proprio sulla base dei consensi loro attribuiti nei sondaggi.

Perché Trump continua a volare. L’ultimo rilevamento è di Abc e Washington Post e vede il re del mattone newyorchese aumentare ancora il suo vantaggio sui rivali repubblicani arrivando al 38% dei consensi, mentre Ted Cruz è al secondo posto con il 15%. Lo sdegno quindi – anche internazionale – per le soluzioni ‘estreme’ proposte da Trump come strumento per contrasto al terrorismo sembra non averlo scalfito, parla alla pancia del Paese e quella risponde con un coro di consensi.

La novità però è proprio la ‘scalata’ di Ted Cruz, che in un recente sondaggio ha perfino scalzato Trump dalla guida della compagnie Gop in Iowa, Stato cruciale perché tra quelli che dà il via alle primarie. Caro all’ala più conservatrice del partito, palesemente alla ricerca del voto degli evangelici e già ben visto dai tea party, Cruz minaccia di strappare a Trump una fetta di elettorato fino ad ora rivelatasi fondamentale per la sua corsa a tutta birra.

Da cui i primi screzi tra i due già emersi e con tutta probabilità una serie di attacchi cui Cruz dovrà ribattere durante il duello tv. Così come è altamente probabile una sfida nella sfida, tra Cruz e Rubio, per accreditarsi come l’alternativa ‘accettabile’ a Donald Trump.

Sui temi all’ordine del giorno poi c’è l’imbarazzo della scelta, considerate le intense cinque settimane trascorse dall’ultimo dibattito tv: la discussione sulla diffusione delle armi in America è più che mai pressante, così come lotta all’Isis che di certo non sarà capitolo chiuso con la fine della presidenza Obama, fino al clima e il riscaldamento globale all’indomani dello storico accordo raggiunto a Parigi, una vittoria per Obama.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora