Coppa Italia: l’Inter non si ferma, tris al Cagliari

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

Inter Milan's midfielder Marcelo Brozovic celebrates after scoring 2-0 during the round of sixteen Italy Cup soccer match between  Inter Milan and Cagliari at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 15 December 2015. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter Milan’s midfielder Marcelo Brozovic celebrates after scoring 2-0 during the round of sixteen Italy Cup soccer match between Inter Milan and Cagliari at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 15 December 2015. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

MILANO. – L’Inter vince sempre, in campionato come in Coppa Italia, con i titolari o con le seconde linee: i nerazzurri battono il Cagliari per 3-0 – reti di Palacio, Brozovic e Perisic – e, senza troppa fatica, accedono ai quarti dove affronteranno la vincente fra Napoli e Verona.

La squadra di Mancini non conosce soste, né pause: il tecnico fa rifiatare i titolarissimi, dà una chance al giovane Manaj in attacco insieme a Palacio, conferma Montoya, lascia Handanovic in panchina e opta per Carrizo. Cambiano gli uomini e gli schemi (questa volta 4-4-2), non i risultati in questa stagione nata sotto una buona stella.

Pubblico contenuto ma rumoroso e vivace a San Siro in una serata dal clima polare che riserva spettacolo ed emozioni grazie anche a un Cagliari vivo e volenteroso. I rossoblù affrontano l’Inter a viso aperto, si difendono senza esagerare e tentano l’affondo. All’11’ grande occasione per la squadra ospite con Benedetti che manda di poco a lato.

L’Inter cresce di minuto in minuto e al 13′ si fa vedere Kondogbia con un bel sinistro. Poco dopo grande parata di Cragno su Biabiany, mobile e reattivo sulla fascia destra. A seguire, Cragno devia un colpo di testa di Palacio sull’imbeccata del francese.

Al 24′ arriva il vantaggio con l’argentino che – dopo un lungo digiuno – segna di destro sfruttando al meglio il cross di Juan Jesus sul quale non era arrivato Manaj. La partita è avvincente con il Cagliari che va alla ricerca del pari e lo sfiora con Giannetti. Ma l’Inter dà l’impressione di poter accelerare in qualsiasi momento e al 35′ Palacio manca il gol del raddoppio.

I rossoblù tentano da fuori con Deiola, ancora con Giannetti e sul finire del primo tempo con Cerri. La squadra di Mancini vuole chiudere la partita, gioca bene, spinge: tra i giocatori c’è intesa, affiatamento e una certa euforia.

All’inizio del secondo tempo doppia occasione per Manaj. Poi, al 6′, il Cagliari colpisce il palo con Pisacane di testa. Medel – con una vistosa fasciatura sulla testa per uno scontro con Joao Pedro nel primo tempo – ci prova due volte. Il Cagliari vacilla ma tiene. Di Gennaro regala palla ai nerazzurri che però non trovano il gol della sicurezza né con Manaj, né con Brozovic.

Il croato attraversa una momento di forma strepitosa, è presente in ogni parte del campo e va in gol con facilità. E, infatti, al 26′ arriva il suo momento, bissa la prodezza di Udine grazie a un altro straordinario destro a giro, immobile Cragno: l’Inter sul 2-0 mette il risultato in cassaforte.

Festeggiano i nerazzurri ma la serata non è finita perché ancora Brozovic colpisce il palo al 36′, sulla palla si avventa Perisic (entrato al posto di Palacio) per il tris. Mancini lascia spazio anche a Gnoukouri e Dodò. Entrambe le squadre costruiscono occasioni e onorano la partita fino all’ultimo secondo: l’Inter con Nagatomo, il Cagliari con Farias.

I nerazzurri continuano a non prendere gol, la differenza è che segnano anche, sette gol in due partite in una crescita costante di gioco. L’Inter è carica e in perfetta salute, pronta per affrontare la Lazio in campionato e consolidare il primato.

Archivia il passaggio ai quarti, dimostrando di tenere alla coppa Italia proprio come chiedeva Mancini e come voleva Thohir a caccia del riscatto dopo lo scivolone contro i sardi per 4-1 in campionato lo scorso anno. Missione compiuta, l’onta è stata lava, il presidente può essere soddisfatto.

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora