Coppa Italia: l’Inter non si ferma, tris al Cagliari

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

Inter Milan's midfielder Marcelo Brozovic celebrates after scoring 2-0 during the round of sixteen Italy Cup soccer match between  Inter Milan and Cagliari at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 15 December 2015. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter Milan’s midfielder Marcelo Brozovic celebrates after scoring 2-0 during the round of sixteen Italy Cup soccer match between Inter Milan and Cagliari at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 15 December 2015. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

MILANO. – L’Inter vince sempre, in campionato come in Coppa Italia, con i titolari o con le seconde linee: i nerazzurri battono il Cagliari per 3-0 – reti di Palacio, Brozovic e Perisic – e, senza troppa fatica, accedono ai quarti dove affronteranno la vincente fra Napoli e Verona.

La squadra di Mancini non conosce soste, né pause: il tecnico fa rifiatare i titolarissimi, dà una chance al giovane Manaj in attacco insieme a Palacio, conferma Montoya, lascia Handanovic in panchina e opta per Carrizo. Cambiano gli uomini e gli schemi (questa volta 4-4-2), non i risultati in questa stagione nata sotto una buona stella.

Pubblico contenuto ma rumoroso e vivace a San Siro in una serata dal clima polare che riserva spettacolo ed emozioni grazie anche a un Cagliari vivo e volenteroso. I rossoblù affrontano l’Inter a viso aperto, si difendono senza esagerare e tentano l’affondo. All’11’ grande occasione per la squadra ospite con Benedetti che manda di poco a lato.

L’Inter cresce di minuto in minuto e al 13′ si fa vedere Kondogbia con un bel sinistro. Poco dopo grande parata di Cragno su Biabiany, mobile e reattivo sulla fascia destra. A seguire, Cragno devia un colpo di testa di Palacio sull’imbeccata del francese.

Al 24′ arriva il vantaggio con l’argentino che – dopo un lungo digiuno – segna di destro sfruttando al meglio il cross di Juan Jesus sul quale non era arrivato Manaj. La partita è avvincente con il Cagliari che va alla ricerca del pari e lo sfiora con Giannetti. Ma l’Inter dà l’impressione di poter accelerare in qualsiasi momento e al 35′ Palacio manca il gol del raddoppio.

I rossoblù tentano da fuori con Deiola, ancora con Giannetti e sul finire del primo tempo con Cerri. La squadra di Mancini vuole chiudere la partita, gioca bene, spinge: tra i giocatori c’è intesa, affiatamento e una certa euforia.

All’inizio del secondo tempo doppia occasione per Manaj. Poi, al 6′, il Cagliari colpisce il palo con Pisacane di testa. Medel – con una vistosa fasciatura sulla testa per uno scontro con Joao Pedro nel primo tempo – ci prova due volte. Il Cagliari vacilla ma tiene. Di Gennaro regala palla ai nerazzurri che però non trovano il gol della sicurezza né con Manaj, né con Brozovic.

Il croato attraversa una momento di forma strepitosa, è presente in ogni parte del campo e va in gol con facilità. E, infatti, al 26′ arriva il suo momento, bissa la prodezza di Udine grazie a un altro straordinario destro a giro, immobile Cragno: l’Inter sul 2-0 mette il risultato in cassaforte.

Festeggiano i nerazzurri ma la serata non è finita perché ancora Brozovic colpisce il palo al 36′, sulla palla si avventa Perisic (entrato al posto di Palacio) per il tris. Mancini lascia spazio anche a Gnoukouri e Dodò. Entrambe le squadre costruiscono occasioni e onorano la partita fino all’ultimo secondo: l’Inter con Nagatomo, il Cagliari con Farias.

I nerazzurri continuano a non prendere gol, la differenza è che segnano anche, sette gol in due partite in una crescita costante di gioco. L’Inter è carica e in perfetta salute, pronta per affrontare la Lazio in campionato e consolidare il primato.

Archivia il passaggio ai quarti, dimostrando di tenere alla coppa Italia proprio come chiedeva Mancini e come voleva Thohir a caccia del riscatto dopo lo scivolone contro i sardi per 4-1 in campionato lo scorso anno. Missione compiuta, l’onta è stata lava, il presidente può essere soddisfatto.

Ultima ora

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

22:16Calcio: Spalletti a cena con Pallotta, il contratto nel menù

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il presidente della Roma James Pallota si trova in questo momento a cena col tecnico toscano Luciano Spalletti, appena rientrato nella capitale dopo due giorni in Toscana. All'incontro, in un ristorante non distante dall'albergo che ospita Pallotta, è presente anche il dg Mauro Baldissoni. I due si erano già incontrati a Trigoria prima della partita col Sassuolo, ma non avevano approfondito i discorsi sul futuro e sul rinnovo del contratto dell'allenatore.

Archivio Ultima ora