Calcio: Garcia, è un fallimento ma io non mollo

(ANSA) – ROMA, 16 DIC – “Stasera era normale vincere e non l’abbiamo fatto: è un fallimento. Ma ora dobbiamo rimanere in piedi nella tempesta, ritrovare lo spirito dei lupi; io non mollo mai e spingerò la squadra fino alla morte, se serve”. Così Rudi Garcia dopo l’inattesa eliminazione della Roma dalla Coppa Italia per mano dello Spezia ai rigori. “Non mi sento tradito da nessuno – aggiunge il tecnico – Amo i miei giocatori e so che possono far di più. Ora bisogna tornare subito a vincere, servono carattere e orgoglio”.

Condividi: