Al vertice Ue Renzi parte all’attacco, noi rispettiamo gli impegni

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 08-04-2014 Roma Politica Conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri n°12 Nella foto Matteo Renzi Photo Fabio Cimaglia / LaPresse

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
08-04-2014 Roma
Politica
Conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri n°12
Nella foto Matteo Renzi
Photo Fabio Cimaglia / LaPresse

BRUXELLES. – Le promesse europee non mantenute sull’immigrazione. Le corsie preferenziali riservate solo alla Germania, che riesce a bloccare il completamento dell’Unione bancaria e l’avvio dello schema di garanzia dei depositi. Le proposte di David Cameron per negoziare una riforma del rapporto con la Ue tanto ineludibile quanto impossibile da realizzare, almeno nei termini prospettati dal premier britannico per discriminare l’accesso degli altri europei al welfare di Londra. La contraddizione di chiedere a Mosca il sostegno in Siria e Libia salvo poi cercare di rinnovare in automatico le sanzioni economiche contro la Russia.

L’irritazione per la “strabiliante” procedura aperta da Bruxelles contro l’Italia per la mancata identificazione immediata dei migranti. Il ‘no’ preventivo dell’Italia (ma anche di 9 paesi dell’Est e degli stessi Usa) ad un possibile via libera della Commissione europea al raddoppio del gasdotto North Stream dopo la bocciatura del South Stream che interessava l’Italia e garantiva la fornitura di gas all’Europa mediterranea.

Sarà un Matteo Renzi all’attacco quello che arriverà a Bruxelles per l’ultimo vertice del 2015, il tredicesimo negli ultimi 12 mesi, il settimo centrato sulla crisi dell’immigrazione. Nei due giorni di summit “la parola d’ordine sarà ‘mettere in atto’ quanto già deciso finora”, spiegano fonti diplomatiche che parlano di uno stallo di fatto: da Francia e Germania si fa pressione ad esempio per aprire “centri di detenzione” per tenere sotto controllo i migranti, dall’Italia si rimprovera che ricollocazione e rimpatri sono fermi e si spiega che i centri non sono realistici di fronte ai numeri previsti.

Nessuna decisione nuova da prendere, ma tanti gli argomenti spinosi su cui scegliere se moltiplicare le linee di frattura o trovare terreno comune. E se Jean Claude Juncker al Parlamento europeo ha promesso che “sotto la mia leadership faremo tutto il possibile per difendere Schengen e rendere più forti i principi che esso rappresenta”, è anche evidente che aumenta lo scollamento tra molte capitali e la Commissione europea, sospettata di “fughe in avanti” che rendono ancora più confuso il quadro Ue.

Diversi diplomatici dei 28, ma anche fonti vicine allo stesso presidente del Consiglio Donald Tusk, non nascondono ad esempio la perplessità per la scelta della Commissione di presentare, a sole 48 ore dal summit, il progetto per la creazione del corpo di guardie di frontiera e guardacoste europei. Che dovrebbe intervenire per “aiutare” uno Stato membro in difficoltà anche quando non è richiesto.

“In realtà nessuno ha avuto il tempo di analizzare la proposta, ma finirà che i leader saranno chiamati a parlarne dai giornalisti senza aver fatto alcuna valutazione concreta, che sarà rimandata al prossimo appuntamento” spiega un alto funzionario del Consiglio.

Intanto, parlando a Camera e Senato, il presidente del Consiglio ha sottolineato che il vertice di sarà “l’occasione per illustrare in modo organico la nostra visione di diplomazia, di sicurezza, di politica estera, che non viene meno rispetto alla politica estera del passato”.

In Parlamento ha lasciato però già trapelare motivi di insofferenza. Annunciando l’apertura di un secondo hotspot ha sottolineato che l’Italia “è pronta a intervenire tenendo fede ai nostri impegni” aggiungendo che “chiederemo all’Europa se loro sono in grado di tenere fede ai loro”. E sottolineato che “non tutti i migranti sono stati identificati subito in Germania e Angela Merkel diceva ‘prima salvarli poi la burocrazia’, ma questo non sembra valere per l’Italia”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

21:08Difesa: Pili, esplosivo a bordo di tre tir su statale 130

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - "Centomila chili di esplosivo a bordo di tre tir sulla strada statale 130, dal porto Canale di Cagliari allo stabilimento Rwm di Domusnovas, senza il rispetto di alcuna misura di sicurezza". E' la denuncia del deputato di Unidos, Mauro Pili, che ha scritto della "la movimentazione esplosiva" sulla sua pagina Facebook. E ha già annunciato un'interrogazione urgente al ministro dell'Interno per chiedere se è al corrente di "condizioni di sicurezza totalmente inesistenti per questo tipo di carico". L'esplosivo, ha spiegato l'ex presidente della Regione sarda, è stato scaricato in mattinata da una nave porta container. Pili ha parlato anche di "un tentativo di impedire la documentazione di ciò che stava accadendo": "Avermi identificato attraverso le forze dell'ordine (carabinieri e guardia di finanza) costituisce un fatto grave per la libertà parlamentare e di informazione. Non vi era alcuna area vietata mentre reiteratamente si è cercato, anche con metodi bruschi, di impedire la documentazione dei fatti". Infine: "E la prima volta che viene documentato un carico a ritroso di esplosivo verso la Rwm. Il quantitativo, oltre 100 chili di esplosivo, costituisce la più evidente dimostrazione di quanto questa fabbrica stia foraggiando il sistema mediorientale con particolare riferimento all'Arabia Saudita che sta incrementando come non mai i propri arsenali".(ANSA).

20:38Calcio: Juve, Bernardeschi ‘Buffon un esempio’

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - "Buffon è un esempio non solo per me, ma per tutti. Lo ringrazio per le belle parole". Si ispira al capitano della Juventus, la sua nuova squadra, Federico Bernardeschi. Il calciatore, nato a Carrara come il portiere, non vede l'ora di stringere la mano al numero uno che ne aveva caldeggiato l'acquisto. "Lui ha vinto il Mondiale, adesso sarà il mio capitano alla Juve e in Nazionale...". Grande l'accoglienza che i tifosi bianconeri hanno riservato all'ex viola. "Sono molto emozionato, voglio ringraziare tutti quanti perché appena sono arrivato c'era tanta gente ad accogliermi - sottolinea Bernardeschi ai microfoni di Jtv -. Mi hanno fatto sentire il loro calore e li ringrazio. Voglio mettermi a disposizione del Mister e della squadra. Forza Juventus".

20:34Migranti: ‘Welcome Taranto’,polveri minerali Ilva su hotspot

(ANSA) - TARANTO, 24 LUG - La rete di associazioni di 'Campagna Welcome Taranto' denuncia situazioni di rischio nell'area in cui è stato realizzato il centro hotspot per l'dentificazione e lo smistamento dei migranti a causa della diffusione delle polveri minerali provenienti dall'Ilva. "L'hotspot di Taranto - viene osservato - è uno di quelli, secondo la Guida per Rifugiati e Migranti redatta da Welcome to Europe, in cui si registrano ripetute violazioni dei diritti fondamentali. Oltre a questi, più volte documentati e denunciati dagli organi di stampa locali e nazionali, in questo hotspot incombe una seria aggravante: soccombere sotto i minerali che vengono movimentati dal porto alla zona industriale". In una nota si sottolinea che "il colore delle tensostrutture dell'hotspot originalmente era bianco, ad oggi questi tendoni hanno assunto il colore nero carbone e rosso scuro come il minerale di ferro". Alla denuncia viene allegata una foto scattata dalle ecosentinelle di Peacelink.

20:32Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:29Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:18Atletica: Russia ai Mondiali con 19 atleti ‘neutrali’

(ANSA) - MOSCA, 24 LUG - La Russia sarà presente ai Mondiali di atletica di Londra 2017 (4-13 agosto) con 19 atleti, autorizzati dalla Iaaf a competere come 'neutrali'. Fra loro, rientrati nei parametri fissati dalla Iaaf dopo lo stop alla nazionale russa per vicende di doping, ci sono campioni del mondo in carica come Maria Lasitskene (alto) e Sergei Shubenkov (110 hs). La direttrice generale della federazione russa, Elena Orlova, ha fatto il punto della situazione rivelando che fra coloro che hanno chiesto l'iscrizione c'è anche la mezzofondista Yulia Stepanova, dalle cui rivelazione aveva preso il via l'inchiesta sul 'doping di Stato', ma di non essere in grado di confermare se sarà in pista. I 19 russi in gara non potranno indossare gli indumenti della loro nazionale e se dovessero vincere durante la premiazione non verrà eseguito l'inno della Russia. In tutto 38 atleti hanno ricevuto il via libera dalla Iaaf, ma solo la metà ha ottenuto il minimo per Londra 2017.Sono state invece 106 le richieste dalla Russia respinte dalla Iaaf.

20:07Donna uccisa in Sardegna: fidanzato resta in carcere

(ANSA) - BIELLA, 24 LUG - Resta in carcere Dimitri Fricano, il trentenne che ha confessato di avere ucciso, lo scorso 11 giugno durante una vacanza in Sardegna, la fidanzata Erika Petri, 28 anni. Il gip Paola Rava, del tribunale di Biella, ha convalidato l'arresto dell'uomo, negando i domiciliari che avevano chiesto i suoi legali, gli avvocati Alessandra Guarini e Roberto Onida. Gli atti sono stati trasmessi alla procura di Nuoro, titolare dell'inchiesta. I difensori, intanto, non hanno ancora deciso quale linea adottare per la difesa, in attesa che i Ris diano l'esito delle ultime rilevazioni eseguite nella villetta di Lu Fraili, dove la giovane donna è stata accoltellata. I racconti del fidanzato sulla dinamica dei fatti sarebbero infatti ancora "confusi". (ANSA).

Archivio Ultima ora