Verso il voto sulla sfiducia. Scontro tra Renzi e Berlusconi

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

renzi-berlusconi

ROMA. – Sale la tensione sull’intervento del governo nel settore bancario, con l’Esecutivo nel mirino delle opposizioni per le modalità del salvataggio degli istituti in difficoltà e la minoranza del Pd che, per bocca di Pier Luigi Bersani, chiede “meno arroganza”. Una partita, quella sulle banche, che si intreccia con l’altro nodo parlamentare irrisolto: la nomina dei tre giudici costituzionali. Matteo Renzi, stanco dell’impasse, strappa con Forza Italia e tenta di chiudere la partita con i voti del Movimento Cinque Stelle.

Nuova benzina sul fuoco dei rapporti col partito di Silvio Berlusconi la cui opposizione ‘tiepida’ non piace agli altri partner del centrodestra e a quanti, anche nel suo partito, vorrebbero un atteggiamento più duro. Soprattutto dopo lo ‘schiaffo’ sulla Consulta. Il Cavaliere è così spinto ad avallare la mozione di sfiducia presentata contro l’Esecutivo insieme a Lega e Fratelli d’Italia.

Di buon mattino il presidente del Consiglio torna a difendere pubblicamente l’operato del governo: “Il problema grave su 4 istituti è stato risolto al 99 per cento. Ma il punto è che qualcuno è stato fregato e chi ha truffato pagherà”, promette ai microfoni di Rtl.

“Bisognerebbe fare un monumento a chi ha pensato al decreto”, rimarca il premier, difendendo il ministro Boschi: “L’accusa di conflitto di interessi è chiaramente falsa”. Poi l’affondo: “La commissione d’inchiesta chiarirà le responsabilità degli ultimi 10 anni: noi non c’eravamo mentre ci sono partiti che si sono fatte le banche”.

Poco dopo arriva la risposta del centrodestra. Una nota congiunta di Berlusconi, Salvini e Meloni spiega che nel corso del vertice tenutosi ad Arcore “si è ribadito il sostegno alla mozione di sfiducia al governo Renzi per la vicenda del decreto salva-banche”. Niente mozione contro la Boschi perché, preciserà il Cavaliere presentando il libro di Bruno Vespa, “come Fi non abbiamo mai sostenuto una mozione di sfiducia personale” mentre “abbiamo aderito alla richiesta dei nostri alleati per una mozione contro questo governo” che “non è legittimo”.

Quanto alle misure del governo per tutelare gli eventuali risparmiatori raggirati, l’ex premier si dice contrario all’idea “malsana degli arbitri” perché le “30mila persone” coinvolte “devono essere tutte risarcite”.

Eppure, i sospetti che Fi non voglia mettere troppo in difficoltà il governo, soprattutto in Senato dove i numeri – a differenza della Camera – sono incerti, aleggiano anche fra gli alleati. E così, mentre i senatori leghisti in Aula mostrano uno striscione con la scritta “risparmiatori truffati, banchieri salvati”, il vicepresidente del Carroccio a palazzo Madama, Candiani, denuncia apertamente la “stucchevole sponda” del capogruppo Romani che “invece di cacciare” Renzi e Boschi evita di “sostenere la mozione di sfiducia in Senato”, dove i numeri del governo traballano.

Un clima di veleni e sospetti in cui il M5S cerca di scoprire eventuali parti in commedia: “Se i contenuti sono coerenti con la nostra posizione, noi la voteremo”, afferma Riccardo Fraccaro a proposito della mozione del centrodestra.

A complicare un quadro piuttosto teso, la notizia pubblicata dal Fatto Quotidiano che il procuratore di Arezzo che indaga su Banca Etruria, l’istituto dove lavorava il padre del ministro Boschi, ha un incarico di ‘consulente’ del Governo. Un ruolo “meramente tecnico” iniziato “quando il governo era retto da Enrico Letta”, si difende il magistrato. Giustificazione che non convince il leghista Grimoldi, secondo il quale “le dimissioni di Renzi sono ora inevitabili”.

Anche la minoranza interna al Pd, pur difendendo la Boschi, bacchetta il premier. “Non ci sono ragioni di conflitti di interessi”, spiega Bersani, che però consiglia a “Renzi e Boschi di evitare toni muscolari: serve trasparenza, non arroganza”.

(di Federico Garimberti/ANSA)

Ultima ora

17:12Corea Sud: processo Park, ex presidente in aula con manette

(ANSA) - PECHINO, 23 MAG - L'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye è comparsa dinanzi alla Corte centrale distrettuale di Seul nel processo a suo carico dove deve rispondere di 18 capi d'accusa, tra cui corruzione, abuso di potere e divulgazione di segreti di stato, in aumento sui 13 contestati che portarono al suo arresto a fine marzo, appena due settimane dopo il via libera all'impeachment convalidato dalla Corte costituzionale. Park è giunta in aula, scortata dalla polizia e con le manette ai polsi, indossando la divisa blu carceraria su cui si leggeva chiaramente il numero 503. "La mia posizione è la stessa espressa dal mio avvocato", ha detto l'ex presidente, 65 anni, prendendo la parola dopo che il suo difensore aveva respinto gli addebiti che includono i 59 miliardi di won (circa 52 milioni di dollari) promessi o ricevuti dalle grandi aziende del Paese.

17:10Manchester: massima attenzione a ‘grandi eventi’ Roma

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Massima attenzione ai grandi eventi in programma nei prossimi giorni a Roma dopo l'attentato a Manchester. Sensibilizzata la sicurezza che già da tempo è ai "massimi livelli" per l'allerta terrorismo. Tra gli eventi a grande partecipazione il concerto Mtv Awards sabato sera a piazza del Popolo; domenica Roma-Genova all'Olimpico, con il saluto dei giallorossi al capitano Francesco Totti, in campo per l'ultima volta; le cerimonie del 2 giugno e un evento per la Pentecoste al Circo Massimo a cui parteciperà il Papa.

17:09Hayden: espiantati gli organi

(ANSA) - RIMINI, 23 MAG - Rispettando la volontà dello stesso pilota, i familiari di Nicky Hayden hanno acconsentito all'espianto degli organi per la donazione. Una volta restituita la salma partiranno per gli Stati Uniti. In queste ore stanno ultimando le pratiche per il rimpatrio, per il quale non è stata ancora fissata una data. Il desiderio dei familiari è di rientrare al più presto. La camera ardente non verrà allestita. Intanto prosegue l'indagine sull'incidente costato la vita al pilota. La procura ha conferito l'incarico ai consulenti che dovranno fare una perizia.

17:00++ Venezuela: sale a 5 il numero di morti ieri a Barinas ++

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - Un quinto giovane venezuelano è stato ucciso ieri durante le proteste antigovernative nello stato di Barinas, portando così a 57 il numero di persone morte dall'inizio delle manifestazioni contro Nicolas Maduro. Lo ha reso noto su Twitter il deputato oppositore Freddy Superlano.

16:53Calcio: morto Stefano Farina, designatore arbitri serie B

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' morto a Genova Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B. Farina aveva 54 anni ed aveva diretto 236 partite in serie A, oltre a due supercoppe italiane e la supercoppa europea del 2006. Lascia la moglie e un figlio. Farina era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era trapelato nulla. Arbitro della sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in serie A nel gennaio 1995 e aveva diretto anche 117 partite di serie B. Osservatore Uefa, è stato rappresentante degli arbitri in attività e Responsabile della CAN D e della CAN PRO. Il presidente dell'AIA Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta anche a nome dei 35.000 arbitri italiani - si legge in una nota dell'Aia - esprimono alla famiglia di Stefano Farina profondo cordoglio e vicinanza.

16:49Giro: Dumoulin perde terreno da big

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - Colpo di scena a 32 chilometri e mezzo dall'arrivo della 16/a tappa del 100/o Giro d'Italia. La maglia rosa Tom Dumoulin è stato costretto a fermarsi per un problema intestinale, si è portato fuori dalla carreggiata per un problema fisiologico - forse dovuto a una cattiva alimentazione - e poi è risalito in sella, rimediando comunque diversi secondi di ritardo da Quintana, Pinot, Nibali e gli altri big. Un 'contrattempo' che potrebbe costringerlo a perdere la leadership.

16:47Francia:Macron riceve sindacati per spiegare riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Riforma ad alto rischio per Emmanuel Macron. Il presidente della Francia riceve oggi all'Eliseo i leader delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali per illustrare la nuova riforma del codice del lavoro che il governo intende adottare per sbloccare l'economia del Paese. A poche settimane dalla sua elezione all'Eliseo e a meno di un mese dalle elezioni politiche di giugno il capo dello Stato intende accelerare la procedura della riforma anche "per dimostrare di essere in grado di "mantenere le proprie promesse ed inviare un 'segnale forte' ai connazionali", scrive Le Figaro, parlando di "guerra lampo". Obiettivo della riforma è rilanciare l'occupazione e attribuire più flessibilità alle imprese.

Archivio Ultima ora