Verso il voto sulla sfiducia. Scontro tra Renzi e Berlusconi

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

renzi-berlusconi

ROMA. – Sale la tensione sull’intervento del governo nel settore bancario, con l’Esecutivo nel mirino delle opposizioni per le modalità del salvataggio degli istituti in difficoltà e la minoranza del Pd che, per bocca di Pier Luigi Bersani, chiede “meno arroganza”. Una partita, quella sulle banche, che si intreccia con l’altro nodo parlamentare irrisolto: la nomina dei tre giudici costituzionali. Matteo Renzi, stanco dell’impasse, strappa con Forza Italia e tenta di chiudere la partita con i voti del Movimento Cinque Stelle.

Nuova benzina sul fuoco dei rapporti col partito di Silvio Berlusconi la cui opposizione ‘tiepida’ non piace agli altri partner del centrodestra e a quanti, anche nel suo partito, vorrebbero un atteggiamento più duro. Soprattutto dopo lo ‘schiaffo’ sulla Consulta. Il Cavaliere è così spinto ad avallare la mozione di sfiducia presentata contro l’Esecutivo insieme a Lega e Fratelli d’Italia.

Di buon mattino il presidente del Consiglio torna a difendere pubblicamente l’operato del governo: “Il problema grave su 4 istituti è stato risolto al 99 per cento. Ma il punto è che qualcuno è stato fregato e chi ha truffato pagherà”, promette ai microfoni di Rtl.

“Bisognerebbe fare un monumento a chi ha pensato al decreto”, rimarca il premier, difendendo il ministro Boschi: “L’accusa di conflitto di interessi è chiaramente falsa”. Poi l’affondo: “La commissione d’inchiesta chiarirà le responsabilità degli ultimi 10 anni: noi non c’eravamo mentre ci sono partiti che si sono fatte le banche”.

Poco dopo arriva la risposta del centrodestra. Una nota congiunta di Berlusconi, Salvini e Meloni spiega che nel corso del vertice tenutosi ad Arcore “si è ribadito il sostegno alla mozione di sfiducia al governo Renzi per la vicenda del decreto salva-banche”. Niente mozione contro la Boschi perché, preciserà il Cavaliere presentando il libro di Bruno Vespa, “come Fi non abbiamo mai sostenuto una mozione di sfiducia personale” mentre “abbiamo aderito alla richiesta dei nostri alleati per una mozione contro questo governo” che “non è legittimo”.

Quanto alle misure del governo per tutelare gli eventuali risparmiatori raggirati, l’ex premier si dice contrario all’idea “malsana degli arbitri” perché le “30mila persone” coinvolte “devono essere tutte risarcite”.

Eppure, i sospetti che Fi non voglia mettere troppo in difficoltà il governo, soprattutto in Senato dove i numeri – a differenza della Camera – sono incerti, aleggiano anche fra gli alleati. E così, mentre i senatori leghisti in Aula mostrano uno striscione con la scritta “risparmiatori truffati, banchieri salvati”, il vicepresidente del Carroccio a palazzo Madama, Candiani, denuncia apertamente la “stucchevole sponda” del capogruppo Romani che “invece di cacciare” Renzi e Boschi evita di “sostenere la mozione di sfiducia in Senato”, dove i numeri del governo traballano.

Un clima di veleni e sospetti in cui il M5S cerca di scoprire eventuali parti in commedia: “Se i contenuti sono coerenti con la nostra posizione, noi la voteremo”, afferma Riccardo Fraccaro a proposito della mozione del centrodestra.

A complicare un quadro piuttosto teso, la notizia pubblicata dal Fatto Quotidiano che il procuratore di Arezzo che indaga su Banca Etruria, l’istituto dove lavorava il padre del ministro Boschi, ha un incarico di ‘consulente’ del Governo. Un ruolo “meramente tecnico” iniziato “quando il governo era retto da Enrico Letta”, si difende il magistrato. Giustificazione che non convince il leghista Grimoldi, secondo il quale “le dimissioni di Renzi sono ora inevitabili”.

Anche la minoranza interna al Pd, pur difendendo la Boschi, bacchetta il premier. “Non ci sono ragioni di conflitti di interessi”, spiega Bersani, che però consiglia a “Renzi e Boschi di evitare toni muscolari: serve trasparenza, non arroganza”.

(di Federico Garimberti/ANSA)

Ultima ora

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

23:01Rigopiano:estratti vivi ultimi 3 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tra gli ultimi tre bambini estratti vivi dalle macerie dell'hotel Rigopiano c'é anche Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia e che aveva dato l'allarme del crollo dell'albergo. Questa mattina erano stati estratti vivi la moglie di Parete Adriana e l'altro figlio, Gianfilippo: la famiglia si è così ricomposta. Ci sono ancora superstiti sotto le macerie dell'hotel Rigopiano spazzato via da una slavina. Tre bambini, su quattro salvati, sono stati estratti vivi dai vigili del Fuoco nel tardo pomeriggio dopo oltre 40 ore. L'ultimo salvato è Edoardo Di Carlo, che era nell'albergo con i genitori Sebastiano e Nadia (finora dispersi).

Archivio Ultima ora