La morte di Gelli: la fine solitaria del Venerabile

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

Una immagine dell'entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

Una immagine dell’entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

AREZZO.- Il momento in cui davanti la sede della Misericordia di Arezzo si affollano più persone è quando dalla chiesa accanto esce il funerale della signora Graziella, una pensionata morta a settant’anni. Eppure, nella camera ardente è esposto il feretro di Licio Gelli, il venerabile maestro della Loggia P2. Fra chi gli ha fatto visita, i volontari della confraternita annotano qualche notabile locale, ma nessun volto noto oltre l’Aretino.

Il nome più risonante è quello dell’ex presidente dell’Arezzo calcio, Piero Mancini. Solo in tarda serata l’afflusso aumenta, a dimostrazione del fatto che il defunto non era uno qualunque. Ci sono molti dipendenti delle fabbriche di materassi del Gelli imprenditore. Non ci sono code, ma la saletta della camera ardente si riempie.

Lo spazio è semplice, spoglio. Non si vedono simboli massonici. Ma alla giacca del Venerabile è stata appuntata una spilla con il fascio Littorio. D’altronde Gelli non l’ha mai nascosto: “Sono e sarò sempre fascista”. Nel taschino i suoi inseparabili occhiali fumè. E all’anulare, l’anello con lo stemma nobiliare. Gelli era Conte, è scritto nel manifesto funebre in cui si chiedono “non fiori ma opere di bene”.

Fin dalla mattina attorno al feretro ci sono i familiari del Venerabile maestro. Il figlio Raffaello, la figlia Maria Rosa e la moglie Gabriela. L’altro figlio, Maurizio, abita in Sud America. Non hanno voglia di parlare. Quando escono si fanno scortare da alcuni uomini di una ditta privata di security. E quando, a metà pomeriggio, un fotografo tenta di fare qualche scatto al feretro, chiudono la camera ardente agli estranei.

Gelli è morto martedì poco prima della mezzanotte, nella sua villa di Arezzo, la famigerata villa Wanda. Con lui c’era la seconda moglie, pochi parenti e qualche amico. Era stato dimesso da poco da una clinica pisana di San Rossore, in provincia di Pisa: ormai aveva perso conoscenza.

“Il suo grande cruccio – racconta uno dei legali di Licio Gelli, l’avvocato Gianfranco Ricci Albergotti – era non poter avere i figli vicini in quest’ultimo periodo. I suoi ultimi pensieri erano dedicati alla famiglia. Era molto tranquillo, tutto sommato”.

L’altro storico legale del gran maestro, l’avvocato Raffaello Giorgetti, continua a fare il difensore anche all’uscita della camera ardente. “Si definì burattinaio, ma fu più una battuta che una descrizione della realtà. In ogni momento della cronaca e della storia serve un capro espiatorio, in quel momento trovarono lui”. Le condanne? “Sono stati solo colossali errori giudiziari – risponde – Gelli non era un grande burattinaio, era un grande innocente”.

I funerali saranno a Pistoia, in chiesa. Per la camera ardente era nata anche una mini polemica, visto che non è stata ospitata nei locali della chiesa vicino a villa Wanda. Ma il parroco ha smorzato: “Nessun niet: sono solo occupati dal presepe”. Gelli sarà sepolto nel cimitero di Pistoia, nella cappella dove già riposano la prima moglie e la figlia.

Beniamino Severi è stato direttore vendite della Giole, la fabbrica di materassi di Gelli: “Non è stato un criminale, ha aiutato tante persone. Io di lui ho un buon ricordo”. C’è anche un ‘fan’, Valerio, che faceva il cameriere in un ristorante a Castiglion Fibocchi. In casa ha la sedia del posto a tavola preferita da Gelli. Gli chiese di autografarla e il Venerabile acconsentì.

Arezzo però, non pare essersi accorta della ‘scomparsa’. Tanti scoprono che Gelli è morto dalle locandine o leggendo il manifesto funebre. Anche due ragazzi in skateboard che, vendendo le telecamere, chiedono chi fosse il morto: “Licio chi?”.

(dell’inviato Giampaolo Grassi/ANSA)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora