La morte di Gelli: la fine solitaria del Venerabile

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

Una immagine dell'entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

Una immagine dell’entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

AREZZO.- Il momento in cui davanti la sede della Misericordia di Arezzo si affollano più persone è quando dalla chiesa accanto esce il funerale della signora Graziella, una pensionata morta a settant’anni. Eppure, nella camera ardente è esposto il feretro di Licio Gelli, il venerabile maestro della Loggia P2. Fra chi gli ha fatto visita, i volontari della confraternita annotano qualche notabile locale, ma nessun volto noto oltre l’Aretino.

Il nome più risonante è quello dell’ex presidente dell’Arezzo calcio, Piero Mancini. Solo in tarda serata l’afflusso aumenta, a dimostrazione del fatto che il defunto non era uno qualunque. Ci sono molti dipendenti delle fabbriche di materassi del Gelli imprenditore. Non ci sono code, ma la saletta della camera ardente si riempie.

Lo spazio è semplice, spoglio. Non si vedono simboli massonici. Ma alla giacca del Venerabile è stata appuntata una spilla con il fascio Littorio. D’altronde Gelli non l’ha mai nascosto: “Sono e sarò sempre fascista”. Nel taschino i suoi inseparabili occhiali fumè. E all’anulare, l’anello con lo stemma nobiliare. Gelli era Conte, è scritto nel manifesto funebre in cui si chiedono “non fiori ma opere di bene”.

Fin dalla mattina attorno al feretro ci sono i familiari del Venerabile maestro. Il figlio Raffaello, la figlia Maria Rosa e la moglie Gabriela. L’altro figlio, Maurizio, abita in Sud America. Non hanno voglia di parlare. Quando escono si fanno scortare da alcuni uomini di una ditta privata di security. E quando, a metà pomeriggio, un fotografo tenta di fare qualche scatto al feretro, chiudono la camera ardente agli estranei.

Gelli è morto martedì poco prima della mezzanotte, nella sua villa di Arezzo, la famigerata villa Wanda. Con lui c’era la seconda moglie, pochi parenti e qualche amico. Era stato dimesso da poco da una clinica pisana di San Rossore, in provincia di Pisa: ormai aveva perso conoscenza.

“Il suo grande cruccio – racconta uno dei legali di Licio Gelli, l’avvocato Gianfranco Ricci Albergotti – era non poter avere i figli vicini in quest’ultimo periodo. I suoi ultimi pensieri erano dedicati alla famiglia. Era molto tranquillo, tutto sommato”.

L’altro storico legale del gran maestro, l’avvocato Raffaello Giorgetti, continua a fare il difensore anche all’uscita della camera ardente. “Si definì burattinaio, ma fu più una battuta che una descrizione della realtà. In ogni momento della cronaca e della storia serve un capro espiatorio, in quel momento trovarono lui”. Le condanne? “Sono stati solo colossali errori giudiziari – risponde – Gelli non era un grande burattinaio, era un grande innocente”.

I funerali saranno a Pistoia, in chiesa. Per la camera ardente era nata anche una mini polemica, visto che non è stata ospitata nei locali della chiesa vicino a villa Wanda. Ma il parroco ha smorzato: “Nessun niet: sono solo occupati dal presepe”. Gelli sarà sepolto nel cimitero di Pistoia, nella cappella dove già riposano la prima moglie e la figlia.

Beniamino Severi è stato direttore vendite della Giole, la fabbrica di materassi di Gelli: “Non è stato un criminale, ha aiutato tante persone. Io di lui ho un buon ricordo”. C’è anche un ‘fan’, Valerio, che faceva il cameriere in un ristorante a Castiglion Fibocchi. In casa ha la sedia del posto a tavola preferita da Gelli. Gli chiese di autografarla e il Venerabile acconsentì.

Arezzo però, non pare essersi accorta della ‘scomparsa’. Tanti scoprono che Gelli è morto dalle locandine o leggendo il manifesto funebre. Anche due ragazzi in skateboard che, vendendo le telecamere, chiedono chi fosse il morto: “Licio chi?”.

(dell’inviato Giampaolo Grassi/ANSA)

Ultima ora

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

Archivio Ultima ora