La morte di Gelli: la fine solitaria del Venerabile

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

Una immagine dell'entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

Una immagine dell’entrata della camera ardente di Licio Gelli allestita nella chiesa della Misericordia, in pieno centro ad Arezzo, 16 dicembre 2015. ANSA / GIAMPAOLO GRASSI

AREZZO.- Il momento in cui davanti la sede della Misericordia di Arezzo si affollano più persone è quando dalla chiesa accanto esce il funerale della signora Graziella, una pensionata morta a settant’anni. Eppure, nella camera ardente è esposto il feretro di Licio Gelli, il venerabile maestro della Loggia P2. Fra chi gli ha fatto visita, i volontari della confraternita annotano qualche notabile locale, ma nessun volto noto oltre l’Aretino.

Il nome più risonante è quello dell’ex presidente dell’Arezzo calcio, Piero Mancini. Solo in tarda serata l’afflusso aumenta, a dimostrazione del fatto che il defunto non era uno qualunque. Ci sono molti dipendenti delle fabbriche di materassi del Gelli imprenditore. Non ci sono code, ma la saletta della camera ardente si riempie.

Lo spazio è semplice, spoglio. Non si vedono simboli massonici. Ma alla giacca del Venerabile è stata appuntata una spilla con il fascio Littorio. D’altronde Gelli non l’ha mai nascosto: “Sono e sarò sempre fascista”. Nel taschino i suoi inseparabili occhiali fumè. E all’anulare, l’anello con lo stemma nobiliare. Gelli era Conte, è scritto nel manifesto funebre in cui si chiedono “non fiori ma opere di bene”.

Fin dalla mattina attorno al feretro ci sono i familiari del Venerabile maestro. Il figlio Raffaello, la figlia Maria Rosa e la moglie Gabriela. L’altro figlio, Maurizio, abita in Sud America. Non hanno voglia di parlare. Quando escono si fanno scortare da alcuni uomini di una ditta privata di security. E quando, a metà pomeriggio, un fotografo tenta di fare qualche scatto al feretro, chiudono la camera ardente agli estranei.

Gelli è morto martedì poco prima della mezzanotte, nella sua villa di Arezzo, la famigerata villa Wanda. Con lui c’era la seconda moglie, pochi parenti e qualche amico. Era stato dimesso da poco da una clinica pisana di San Rossore, in provincia di Pisa: ormai aveva perso conoscenza.

“Il suo grande cruccio – racconta uno dei legali di Licio Gelli, l’avvocato Gianfranco Ricci Albergotti – era non poter avere i figli vicini in quest’ultimo periodo. I suoi ultimi pensieri erano dedicati alla famiglia. Era molto tranquillo, tutto sommato”.

L’altro storico legale del gran maestro, l’avvocato Raffaello Giorgetti, continua a fare il difensore anche all’uscita della camera ardente. “Si definì burattinaio, ma fu più una battuta che una descrizione della realtà. In ogni momento della cronaca e della storia serve un capro espiatorio, in quel momento trovarono lui”. Le condanne? “Sono stati solo colossali errori giudiziari – risponde – Gelli non era un grande burattinaio, era un grande innocente”.

I funerali saranno a Pistoia, in chiesa. Per la camera ardente era nata anche una mini polemica, visto che non è stata ospitata nei locali della chiesa vicino a villa Wanda. Ma il parroco ha smorzato: “Nessun niet: sono solo occupati dal presepe”. Gelli sarà sepolto nel cimitero di Pistoia, nella cappella dove già riposano la prima moglie e la figlia.

Beniamino Severi è stato direttore vendite della Giole, la fabbrica di materassi di Gelli: “Non è stato un criminale, ha aiutato tante persone. Io di lui ho un buon ricordo”. C’è anche un ‘fan’, Valerio, che faceva il cameriere in un ristorante a Castiglion Fibocchi. In casa ha la sedia del posto a tavola preferita da Gelli. Gli chiese di autografarla e il Venerabile acconsentì.

Arezzo però, non pare essersi accorta della ‘scomparsa’. Tanti scoprono che Gelli è morto dalle locandine o leggendo il manifesto funebre. Anche due ragazzi in skateboard che, vendendo le telecamere, chiedono chi fosse il morto: “Licio chi?”.

(dell’inviato Giampaolo Grassi/ANSA)

Ultima ora

16:13F.1: Raikkonen, una sensazione grandiosa

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "E' la mia prima pole dal 2008, ed è una sensazione grandiosa. E' stato un pochino complicato arrivare a fare questo tempo, ma siamo riusciti a sistemare la macchina, anche se qui è sempre tutto difficile". Sono queste le prime impressioni di Kimi Raikkonen dopo aver ottenuto la pole position nel Gp di Monaco, che vedrà una prima fila tutta rosso Ferrari. "Ho la miglior posizione di partenza, e cercherò di sfruttarla domani - aggiunge -. Qui è davvero difficile aggiustare le traiettorie, si passa molto vicini alle barriere, ma la macchina mi ha dato subito buone sensazioni e mi sono divertito".

16:07Calcio: Zeman, contento che campionato finisca

(ANSA) - PESCARA, 27 MAG - "Sono contento che finisca il campionato anche se in parte è anche un dispiacere non giocare più. Nel prossimo anno dovranno cambiare molte cose. Sono tornato qui a Pescara pensando già al torneo del prossimo anno, sperando di fare qualcosa di positivo anche per i tifosi". Lo ha detto il trainer biancazzurro Zdenek Zeman, presentando l'ultima gara di campionato che il Pescara giocherà domani sera a Firenze. Zeman, proiettato già alla prossima stagione ha poi aggiunto: "Spero che non finiamo il mercato a agosto ma molto prima. Vorrei una squadra che si alleni, lavori e giochi insieme. Ci sono giocatori che ho segnalato. Non siamo una società molto ricca e dobbiamo adeguarci. Non so quanti giocatori di questa rosa possano rimanere. Ero convinto quando sono arrivato che ci si poteva salvare, poi ho capito di aver sbagliato. Come organico non siamo inferiori, ma mentalmente non eravamo all'altezza".

16:03Calcio: Sarri, Roma 8 rigori in più statisticamente illogico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La Roma ha avuto otto rigori più di noi. Noi e i giallorossi siamo le squadre che giocano più palloni nelle aree avversarie, quindi statisticamente questo dato è incomprensibile". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri rispondendo in conferenza stampa ai cronisti che gli chiedevano se sul terzo posto avessero pesato di più gli infortuni o i 14 rigori fischiati alla Roma. "Alcuni di quei rigori - ha aggiunto Sarri - sono stati ininfluenti, altri invece hanno portato punti. Bisognerebbe vedere episodio per episodio e magari può essere giusto, ma statisticamente mi sembra illogico".

16:03Per sbaglio spara al figlio, gravissimo

(ANSA) - BERGAMO, 27 MAG - Ha sparato accidentalmente al figlio, ferito alla testa e ora in fin di vita, durante una battuta di caccia al tasso. L'episodio questa mattina sulle colline di Villa d'Adda, nel Bergamasco: il genitore, 58 anni, imbracciava una carabina e si trovava da ieri sera in una zona di vigneti con i due figli. All'improvviso gli è partito il colpo, che ha centrato uno dei figli, di 34 anni, alla testa. Immediato l'allarme: sul posto l'elisoccorso del 118, con il quale il giovane è stato trasferito all'ospedale Manzoni di Lecco. Le sue condizioni sono gravi.

15:48Papa a Genova: 3000 in festa al santuario della Guardia

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Circa 3000 giovani festanti hanno accolto Papa Francesco al santuario della Madonna della Guardia sulle alture di Genova. Sono giovani delle parrocchie e dei gruppi scout di tutta la provincia di Genova e hanno marciato per circa 4 km per raggiungere il santuario. Tra loro anche 135 persone che parteciperanno a un pranzo privato col Papa nella sala del Caminetto al santuario. Tra loro rifugiati, tra i quali i nove residenti della casa famiglia 'papa Giovanni' che sorge presso il santuario, una ventina di detenuti e un gruppo di senza tetto assistiti da associazioni di volontari. I ragazzi hanno accolto il Papa con 22 cartelli a comporre la scritta 'ti vogliamo un mare di bene'. Al pranzo anche una bimba di otto mesi, Agnese, con la madre, una migrante. Per la piccola predisposto un seggiolone. Ai giovani il Papa ha parlato creando un neologismo: Ha detto 'Non siate turisti, andate a missionare". E parlando dei migranti ha detto: "L'italia è generosa con loro, altri no".

15:44Calcio: Vecchi, Spalletti è uno dei migliori sulla piazza

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Spalletti ha iniziato benissimo vincendo in C e in B, ha fatto bene ovunque e ha dimostrato chi è anche a Roma: è uno dei migliori sulla piazza". Lo afferma Stefano Vecchi, il tecnico della Primavera dell'Inter promosso in prima squadra fino al termine della stagione per il dopo-Pioli, sposa la scelta del club nerazzurro, ma mette in guardia il suo successore: "Chiunque arriverà, dovrà ridare entusiasmo e certezze a dei giocatori che hanno preso delle bastonate, trasmettendo la cultura del lavoro, fondamentale per i risultati". Vecchi, alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro l'Udinese, ammette che alcuni giocatori non meritano di vestire la maglia dell'Inter, ma non fa nomi perché "sono valutazioni che farà il nuovo allenatore". Poi spiega: "Qualcuno si è tirato un po' indietro rispetto ad altri, ma non mi posso lamentare del gruppo per le gare con Sassuolo e Lazio. Joao Mario e Gabigol? Ho condiviso i provvedimenti della società: quanto accaduto a Roma non era mai successo prima".

15:43Calcio: Sarri, sorpasso difficile ma obbligati a provarci

(ANSA) NAPOLI, 26 MAG - "Il sorpasso sulla Roma? Abbiamo l'obbligo di provarci, dobbiamo andare a vincere e poi aspettare. Le possibilità non sono molte ma noi ci proviamo". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro la Sampdoria che chiude la stagione del Napoli "Stiamo bene mentalmente e fisicamente - ha detto Sarri - i dati dell'ultima partita sono in linea con migliori dati stagionali e questo raramente succede a fine maggio. Credo che se ci fossero altre cinque-sei partite le nostre chances sarebbero tante".

Archivio Ultima ora