Parà italiani sulla diga di Mosul, partenza in primavera

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

Nella foto la diga di Mosul liberata dai curdi. Foto di Alfonso Desiderio/Ansa

Nella foto la diga di Mosul liberata dai curdi. Foto di Alfonso Desiderio/Ansa

ROMA. – Saranno presumibilmente i paracadutisti della Folgore a presidiare la diga di Mosul, in Iraq, a pochi chilometri dalla linea del fronte che vede contrapposti le milizie dello Stato Islamico ed i peshmerga. Ma l’operazione – particolarmente complessa e delicata – non partirà prima di maggio-giugno prossimi, a quanto si apprende.

Dopo aver anticipato la notizia, il premier Matteo Renzi l’ha ribadita alle Camere. “Ci è stato chiesto dalla comunità internazionale, in particolar modo in asse con gli Stati Uniti – ha detto – di intervenire insieme perché quella diga sia riparata. Lo faremo perché l’Italia non si tira indietro di fronte alle proprie responsabilità”.

Saranno 450-500 i militari italiani inviati a Mosul. La panificazione è stata avviata dai vertici delle forze armate. Nelle prossime settimane partiranno gli osservatori per capire la situazione sul terreno e mettere a fuoco la logistica della missione, che porterà gli italiani vicino al cuore del conflitto in Iraq.

La linea del fronte – non fissa, ma mobile, con avanzate e ripiegamenti continui – dista solo una decina di chilometri da Mosul. Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha tenuto a sottolineare la natura ‘no combat’ dell’operazione. “Non andiamo – ha precisato – a combattere, bensì a compiere interventi per preservare la diga, un’infrastruttura fondamentale per il futuro dell’Iraq, che se abbandonata rischia di provocare un grave danno ambientale”.

Ma è indubbio che l’area è molto calda e se ci saranno attacchi il contingente nazionale dovrà essere pronto a rispondere. Mentre i 750 militari oggi presenti in Iraq sono impegnati essenzialmente con funzioni addestrative. Nonostante il supporto della Coalizione internazionale, le forze irachene faticano a contenere l’avanzata del Califfato.

Per prevenire i rischi è mobilitata l’intelligence e partiranno anche aliquote delle forze speciali, ‘Col Moschin’ in testa. Il contingente italiano sarà supportato da truppe americane, probabilmente anche canadesi e di altri Paesi della coalizione anti-Isis. Ci sarà una copertura aerea. Le forze occidentali si innesteranno su un sistema di sicurezza – continuamente minacciato dalle puntate dell’Isis – fornito dai peshmerga.

Gli italiani dovranno vigilare sul campo base che sarà allestito e sui luoghi dove i tecnici dell’azienda Trevi interverranno per puntellare la diga. L’obiettivo è fare in modo che i lavori si svolgano con sicurezza e celerità.

Renzi ha spiegato che ci sarà un passaggio parlamentare “nelle prossime settimane alle Commissioni competenti”. E’, ha sottolineato, “un ulteriore impegno da parte dell’Italia e degli italiani, ma un impegno serio, non un impegno estemporaneo. Se quella diga crolla, Baghdad compresa, l’Iraq vedrà una situazione di disastro che coinvolgerà bambini, donne e anziani”.

Critici i Cinquestelle, che accusano il Governo di obbedire alle richieste Usa e mettere così ‘gli stivali sul terreno’ e parlano di “totale fallimento dell’addestramento delle truppe locali”.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

21:11Ariana Grande tornerà a Manchester per concerto beneficienza

(ANSA) - LONDRA, 26 MAG - La cantante americana Ariana Grande tornerà a Manchester per un concerto di beneficienza per le vittime dell'attacco avvenuto lunedì scorso all'Arena al termine di uno dei suoi concerti nella città britannica. Lo ha reso noto la stessa cantante su Twitter. "Ritornerò in questa incredibile e coraggiosa città di Manchester per passare del tempo con i miei fan e per un concerto di beneficienza in onore e per raccogliere soldi per le vittime e le loro famiglie", ha cinguettato la cantante. Grande ha poi precisato che sta lavorando sui dettagli del nuovo appuntamento e "appena saranno confermati li condividerà", aggiungendo che il suo "cuore, le preghiere e le sue più sincere condoglianze vanno alle vittime dell'attacco".

21:09Processo Juve: Pecoraro “Io non ho chiesto patteggiamento”

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "La Procura, costituendo l'accusa, non poteva fare alcuna proposta di patteggiamento": il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, precisa all'Ansa i termini di quanto avvenuto oggi nella prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e rapporti con gli ultras. "La Procura - spiega Pecoraro - si è esclusivamente confrontata con la Juventus per cercare una soluzione accoglibile da entrambe la parti. Il confronto è stato sospeso nel momento in cui la Juventus ha richiesto un rinvio per poter riflettere sulle varie soluzioni di carattere generale che la parti hanno prospettato", ha concluso.

Archivio Ultima ora