Pena di morte, negli Usa in declino le esecuzioni e le condanne

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

NEW YORK. – Negli Usa la pena di morte continua a morire di morte lenta: nel 2015 i livelli di applicazione della pena capitale sono scesi a livelli che non si registravano negli ultimi quarant’anni.

L’agonia della macchina della morte di Stato è stata fotografata nell’ultimo rapporto del Death Penalty Information Center: in declino sia le esecuzioni che le condanne, a riprova che l’entusiasmo degli americani per la forca è sceso a livelli che non si vedevano da quando, a metà anni Settanta, la Corte Suprema ha ridato via libera alla pena capitale.

Quest’anno 14 Stati e il governo federale hanno pronunciato 49 condanne a morte: erano state 315 nel 1996, all’apice del panico creato da tassi di omicidio record nelle maggiori città e l’epidemia del crack. Dati i tempi lunghi del sistema dei ricorsi, alcuni di questi condannati sono arrivati solo adesso a un passo dall’esecuzione, ma anche su questo fronte il calo è stato impressionante: 28 iniezioni letali soltanto nel 2015 sono lontane decine di lunghezze dalle 98 del 1999 e limitate a un numero ristretto di Stati.

Il Texas, con 13 iniezioni letali, resta in testa, seguito da Missouri (sei) e Georgia (cinque). Ma anche in Texas il clima è mutato: quanto a condanne a morte dal record di 48 nel 1999 si è scesi a tre quest’anno. Un declino ancor più significativo, se si considera la Harris County, che include l’area della città di Houston: in tempi moderni è stata l’epicentro del partito della forca con 294 condanne capitali, scese a zero nel 2015.

Un trend che riflette l’opinione pubblica: a Houston un recente sondaggio della Rice University ha scoperto che solo il 28 per cento dei residenti preferisce le esecuzioni al carcere a vita senza possibilità di sconti di pena.

Sono tanti i fattori che hanno portato al declino anche in Stati tradizionalmente repubblicani come il Nebraska, il cui parlamento quest’anno ha fermato la mano del boia: si va dai costi della pena di morte (tre milioni di dollari per singolo caso da arresto a esecuzione) a recenti flop dei farmaci, ormai praticamente introvabili, usati nell’iniezione letale.

Studi che hanno confermato discriminazioni nell’applicazione della pena di morte, lo stigma internazionale che continua a mettere gli Stati Uniti alla stregua di Stati dalle dubbie credenziali in fatti di diritti umani come Iran o Arabia saudita, hanno contribuito all’erosione.

Un altro fattore chiave è legato a recenti scarcerazioni di condannati a morte trovati innocenti, insinuando il rischio che esseri umani vengano messi (o siano stati messi) a morte senza aver commesso il fatto. Quest’anno sei detenuti delle death row di Alabama, Arizona, Florida, Georgia, Mississippi e Texas sono tornati in libertà, portando a 156 il numero di innocenti scagionati dal 1973.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

13:20F.1: Mercedes in Formula E dalla stagione 2019/’20

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - La Mercedes gareggerà in Formula E, il Campionato mondiale con vetture elettriche, a partire dalla stagione 2019/'20: lo annuncia la Casa tedesca, precisando che, per finanziare il nuovo impegno, verrà invece cessata la partecipazione alla Dtm (Deutsche Tourenwagen Masters, il Campionato tedesco turismo), classe in cui sin dal 2000 ha dominato vincendo 10 titoli Piloti e 6 Costruttori. "La Formula E - ha commentato il capo della Mercedes Motorsport, Toto Wolff - ha un format nuovo che ci consentirà di promuovere le tecnologie attuali e quelle future. La combinazione con la F1 ci darà la possibilità di esplorare settori innovativi: insomma, è come un'appassionante start up".

13:07Senza nome morto trovato in montagna in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - E' ancora senza nome il morto trovato in montagna, in Alto Adige. L'uomo, deceduto, secondo i primi accertamenti, circa un mese fa, è stato trovato a 2.200 metri di quota sopra l'abitato di Plan, in Val Passiria, nei pressi del confine con l'Austria. La salma è stata recuperata dalla Guardia di Finanza. I Carabinieri stanno indagando per chiarire l'identità del morto.

13:04Portavoce Boldrini: trasloco pagato da lei, Libero sbaglia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Il recente trasloco di Laura Boldrini non costa un euro ai contribuenti, perché la Presidente ha provveduto di tasca sua alle spese per il trasporto dei mobili da un'abitazione all'altra e per la sistemazione del nuovo alloggio, e perché non c'è stata alcuna blindatura. Il titolo 'Trasloco oneroso. E noi paghiamo' è dunque totalmente infondato". E' quanto afferma in una nota Roberto Natale, Portavoce del Presidente della Camera dei Deputati a proposuito di un articolo di Libero. "'Libero' riceverà un dettagliato elenco di tutti gli errori contenuti nell'articolo. Ma, ai tempi della rete, è utile dare immediata diffusione alla smentita, anche a beneficio dei siti che subito si sono gettati a rilanciare la presunta 'notizia' senza curarsi di verificarne la fondatezza", afferma ancora Natale.

13:04Italiana uccisa in Kenya, arrestato il giardiniere

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Nuovi sviluppi nell'inchiesta in Kenya sull'uccisione dell'italiana, Maria Laura Satta avvenuta lo scorso 23 luglio sulla costa nord del Paese durante una rapina nella sua villa. La polizia - scrive il sito Africa Express - ha arrestato e tiene in custodia il giardiniere, sospettato, ma non si sa su quali evidenze, di essere coinvolto nell'aggressione o, almeno, nella sua parte organizzativa. Oggi - continua il sito - arriveranno in Kenya in tarda mattinata i figli, Roberto e Stefano. Il marito della donna, Luigi Scassellati, 72 anni, è rimasto ferito durante la rapina. Dal suo letto presso il Mombasa Hospital, l'uomo non sa darsi pace per la perdita della moglie caduta sotto i violenti colpi di machete degli aggressori. "Lei non ce l'ha fatta - dice - e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya".

12:47Benzina per eliminare pidocchi, bimba in condizioni critiche

(ANSA) - FIRENZE, 25 LUG - Resta in prognosi riservata presso la rianimazione dell'Ospedale pediatrico Meyer la ragazzina di 12 anni che ha riportato ustioni estese di secondo e terzo grado, dopo un tentativo di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. Le sue condizioni permangono critiche, riferisce l'ospedale in un bollettino medico. La ragazzina è seguita dagli specialisti del Centro Ustioni ed è già stata sottoposta un primo intervento per ridurre le lesioni da ustione. Altri interventi saranno programmati successivamente in base alla evoluzione del suo quadro clinico. La madre, che è stata trasferita nel reparto grandi ustionati di Pisa, è in condizioni stabili, in prognosi riservata. Ma non sarebbe in pericolo di vita.

12:43Precipita da quarto piano e muore dopo tentativo di furto

(ANSA) - TORINO, 25 LUG - Il cadavere di un trentenne è stato trovato questa mattina, in una pozza di sangue, nel cortile di un edificio di via Bibiana, a Torino. Secondo le prime informazioni, sarebbe caduto da un balcone al quarto piano del palazzo, nel popolare quartiere Madonna di Campagna, dopo un furto. Sul caso indaga la polizia. La vittima, sempre secondo le prime informazioni, abitava nello stesso edificio. A tracolla un borsone con all'interno quella che ad un primo esame degli investigatori della Squadra Mobile e delle Volanti sembra essere della refurtiva.(ANSA).

12:40Vitalizi: Mazziotti, ok Richetti ma mia proposta migliore

(ANSA) - ROMA, 25 LUG "È sicuramente positivo che oggi arrivi in aula la proposta Richetti sui vitalizi. Sono stato il primo a proporre in aula emendamenti alla riforma costituzionale (bocciati da tutti, Pd incluso) per un ricalcolo anche sul passato in chiave contributiva e poi a riproporre una proposta di legge costituzionale in commissione". Lo scrive sulla sua pagina Facebook Andrea Mazziotti (Civici e Innovatori), presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio. "Appena diventato presidente - aggiunge - ho calendarizzato subito sia la mia pdl che quelle ordinarie. Il Pd ha scelto di andare avanti solo con la proposta di legge ordinaria ed è un peccato perché con la mia proposta sarebbe stato evitato ogni rischio, vero o presunto, di incostituzionalità".

Archivio Ultima ora