Uccise moglie e figlia: era capace di intendere e volere

(ANSA) – PORDENONE, 17 DIC – Abdelhadi Lahmar, il marocchino di 39 anni che ha ucciso la moglie Touria e la figlioletta Hiba, di 7 anni, la notte del 15 aprile scorso a Pordenone, al momento dei fatti era pienamente capace di intendere e volere. E’ quanto emerso stamani nell’incidente probatorio davanti al gip Alberto Rossi dalla perizia psichiatrica dei consulenti nominati dal Tribunale: Francesco Piani, del Dipartimento dipendenze di Udine, e Giovanni Gaiatto, del Centro di salute mentale di Pordenone.

Condividi: