Usa 2016: Putin scende in campo a favore di Trump

Pubblicato il 17 dicembre 2015 da redazione

usa_2016

MOSCA. – ”E’ una persona molto fuori dal comune, di talento, senza alcun dubbio. Non spetta a noi giudicarne i pregi, ma è il leader assoluto della corsa presidenziale”: forse non è un endorsement vero e proprio, ma il leader del Cremlino Vladimir Putin è entrato a gamba tesa nella campagna elettorale Usa spezzando una lancia a favore del miliardario Donald Trump, il candidato in testa ai sondaggi delle intenzioni di voto dei repubblicani, accreditato del 38,% secondo un sondaggio Washington Post/ABC apparso l’altro ieri.

Non lo ha fatto pubblicamente, nella sua maxi conferenza stampa di fine anno, durante la quale anzi ha assicurato che ”la Russia è pronta e vuole sviluppare i rapporti con l’America e con qualunque presidente gli americani decideranno di eleggere”. Ma alla fine del lungo botta e risposta, parlando con i cronisti, ha fatto capire chiaramente a chi vanno le sue simpatie nella battaglia elettorale che sta già infiammando gli Stati Uniti a poche settimane dall’inizio delle primarie.

E le sue frasi populiste antiimmigrati e antimusulmani che sono state condannate da Obama e dal premier britannico David Cameron? ”Per quanto riguarda le cose interne, le frasi che usa, cioè quello che lui utilizza per aumentare la propria popolarità, tutto ciò non riguarda la Russia, non spetta a noi giudicarle”, si è affrettato a precisare Putin, mostrando una certa indulgenza verso quella che forse ritiene solo retorica elettorale.

Non si scompone neppure di fronte al fatto che Trump sia come uno di quegli oligarchi che lui in Russia ha messo in riga, tenendoli lontano dalla politica. A Putin interessa di più l’apertura di credito del magnate verso la propria leadership e verso la Russia: “dice che vuole passare a un altro livello di relazioni, a un livello più stretto e più profondo di rapporti. Come possiamo non dare il benvenuto a ciò? Naturalmente gli diamo il benvenuto”.

Tre mesi fa, in un dibattito tra i candidati repubblicani alla Casa Bianca, Trump è stato l’unico ad affermare che lui andrebbe ”d’accordo con Putin: farei di tutto per trovare un’intesa”. ”E non penso che ci sarebbe il tipo di problemi che ci sono ora”, aveva aggiunto, riferendosi all’amministrazione Obama. E si era spinto a sostenere che ”una parte del problema tra l’Ucraina e gli Usa deriva dal fatto che Putin non rispetta assolutamente il presidente Obama”.

All’inizio di novembre si era detto convinto che ”possiamo avere un rapporto molto buono con la Russia e che avrò un rapporto molto buono con Vladimir Putin”. Insomma, l’esatto contrario degli altri candidati repubblicani. M

a anche e soprattutto l’esatto contrario di quello che appare ormai il vero candidato democratico, quella Hillary Clinton che nel marzo 2014 aveva paragonato l’operato di Putin in Crimea a quello di Hitler prima della Seconda Guerra Mondiale con le popolazioni di etnia tedesca in Cecoslovacchia e Romania: una offesa che Putin difficilmente dimenticherà o giustificherà con la retorica pre-elettorale.

In fondo la Russia, fin dai tempi sovietici, ha avuto sempre rapporti più facili, o più chiari, nel reciproco riconoscimento della propria irriducibile diversità, con i presidenti repubblicani. Di Putin, George Bush ebbe a dire: ”l’ho guardato negli occhi e visto la sua anima, un uomo diretto, che ispira fiducia”. Un’anima che invece il vice presidente Usa Joe Biden ha detto di non aver mai visto.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

12:42Natale: Meloni,italiani facciamo insieme rivoluzione presepe

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Ho deciso di fare il Presepe quando non lo fa più nessuno, quando nelle scuole dicono che non si può fare perché offende chi crede in un'altra cultura. Continuo a chiedermi come possa un bambino che nasce in una mangiatoia o una famiglia che scappa per difenderlo, offendere qualcuno. Come possa offendere qualcuno la mia cultura. Proprio non me ne faccio una ragione: che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i valori che hanno fondato la mia civiltà. Quello che io sono è in questo simbolo: io credo nel rispetto, nella laicità dello Stato, nella sacralità della vita, nella solidarietà perché me lo ha insegnato questo simbolo". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel video "2 minuti con Giorgia", su Facebook.

12:41Salvini, nessun tavolo con chi protegge stupratori

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Stiamo ricevendo centinaia di telefonate, messaggi, mail di donne e uomini arrabbiati e delusi per l'incredibile scelta di Fi di proteggere stupratori e assassini. Per quanto ci riguarda, sospendiamo le nostre previste partecipazioni a tavoli e incontri con Fi e Berlusconi finché non ci sarà un chiarimento ufficiale". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini dopo il voto contrario di Fi in comm. giustizia al Senato all'iter veloce per la legge Molteni che nega sconti di pena per reati gravissimi.

12:40Basket: Nba, Gallinari assente ma Clippers a segno

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sia pur senza Danilo Gallinari, fermato da un problema ad un'anca, i Los Angeles Clippers passano 105-96 in casa degli Orlando Magic totalizzando la loro undicesima vittoria su 26 partite disputate nella regular season del campionato di basket Nba. Miglior realizzatore dell'incontro con 31 punti Lou Williams, guardia dei Clippers. Grazie al successo interno per 108-96 sui Charlotte Hornets(31 punti di Chris Paul) gli Houston Rockets consolidano il comando nella Western Conference, così come i Boston Celtics (124-118 ai Denver Nuggets con 33 punti di Kylie Irving) mantengono la testa della Eastern Conference. Gli Oklahoma City Thunder passano 100-95 in casa degli Indiana Pacers, i Washington Wizards superano 93-87 i Memphis Grizzlies, i Portland Trail Blazers si impongono 102-95 in trasferta sui Miami Heat. Successo esterno anche per i Toronto Raptors (115-109 sui Phoenix Suns) mentre Chicago Bulls e New Orleans Pelicans hanno la meglio rispettivamente su Utah Jazz (103-100) e Milwaukee Bucks (115-108).

12:37Comune trapanese cura gatto malato di Aids, ed è polemica

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - E' polemica a Campobello di Mazara (Tp) per la spesa che il comune ha sostenuto per curare un gatto randagio affetto dall'Aids felino. Costo per l'assistenza 2.120 euro. Il 30 dicembre 2016 l'animale malato fu segnalato alla polizia municipale da un cittadino. Gli agenti lo fecero visitare a un veterinario. Poi il trasporto alla clinica San Vito di Mazara del Vallo. Da lì è iniziato l'iter d'assistenza per capire la patologia: le analisi del sangue, quelli specifici contro i virus e la diagnosi. Per il gatto, riporta il Giornale di Sicilia, è iniziata la cura farmacologia. "Nel centro il felino è rimasto dal 30 dicembre 2016 al 28 febbraio scorso - spiega Giuliano Panierino, comandante della polizia municipale - poi, è rimasto ancora lì sino al 7 aprile prima che un' associazione, lo adottasse". La determina di spesa ha scatenato le critiche del gruppo Io amo Campobello. "L' urgenza dell'intervento non ci ha consentito di coinvolgere l'Asp", replica Panierino. (ANSA).

12:21Moschea Firenze nascerà su terreno venduto dalla Diocesi

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - Una nuova moschea nascerà su un terreno nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze), attualmente di proprietà della curia di Firenze. La notizia, anticipata oggi dal quotidiano La Nazione, è confermata da una nota congiunta di Comune di Sesto, Arcidiocesi di Firenze, Università di Firenze e Associazione per la Moschea di Firenze. L'operazione potrebbe dunque rappresentare una soluzione all'annosa questione della ricerca di un terreno su cui far sorgere il luogo di culto islamico, risoltasi per ora negativamente quanto a disponibilità di siti nel territorio comunale di Firenze. Un protocollo d'intesa che sarà firmato venerdì prevede che l'Arcidiocesi, ceda a titolo oneroso la proprietà dell'area alla Comunità musulmana della provincia di Firenze affinché possa realizzarvi una moschea e un centro culturale islamico. Contestualmente l'Arcidiocesi otterrà, a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell'Università nell'area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare un centro religioso.

12:17Somalia: bilancio attentato sale a 17 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' salito a 17 morti e oltre 20 feriti il bilancio di un attentato suicida rivendicato dagli Shabaab a Mogadiscio, in Somalia.

12:04Migranti: Ungheria, bene Tusk su quote obbligatorie

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Tusk ha detto la verità sulle quote obbligatorie" per le relocation dei richiedenti asilo. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto all'agenzia di stampa magiara Mti. "Finalmente un leader europeo serio, il presidente del Consiglio europeo, che è la posizione numero uno dell'Ue - afferma Szijjarto - ha detto una verità già ampiamente conosciuta. Le quote obbligatorie sono inefficaci e divisive. La migrazione illegale deve essere fermata. Alcuni burocrati di Bruxelles continuano ad organizzarla".

Archivio Ultima ora