Sobrinos de Cilia Flores se declararon no culpables

Pubblicato il 17 dicembre 2015 da redazione

Sobrinos

NEW YORK – Efraín Antonio Campos Flores, ahijado del presidente Maduro, y Francisco Flores de Freitas, sobrino de Cilia Flores, se declararon “no culpables” de las acusaciones de narcotráfico al comparecer ayer ante el juez que lleva la causa.

Campos Flores y Flores de Freitas están presos en Estados Unidos desde el 10 de noviembre pasado cuando fueron arrestados en Haití y trasladados a Nueva York por agentes de la Agencia Antidrogas de EE UU (DEA).

Al comparecer ante el juez, en los tribunales del centro de Manhattan, Campos Flores anunció un cambio de abogados. La próxima comparecencia fue fijada para el 29 de febrero próximo.

El tribunal designó un letrado de oficio, Kafahni Nkrumah. El otro acusado, Flores de Freitas, está representado por los abogados Vincent Southerland y Jonathan Marvini.

Los dos familiares del presidente de Venezuela, aparecieron ante el tribunal presidido por el juez Paul A. Crotty, en la sede judicial del centro de Manhattan. La acusación, por su parte, está a cargo de la fiscalía federal del distrito sur de Nueva York.

Los dos acusados llegaron al tribunal con el uniforme carcelario, de color azul marino. Campo Flores, ingresó a la sala llorando. El nuevo abogado de Campo Flores, Kafahni Nkrumah, informó a los periodistas que había pedido tiempo al tribunal para poder hacerse cargo de la causa.

El juez otorgò 60 días para preparar la defensa y fijó la próxima audiencia para el 29 de febrero próximo. El abogado evitó hacer comentarios sobre la posibilidad de que el parentesco con Maduro pueda perjudicarlo.

Los dos familiares del presidente Maduro, acusados de conspirar para exportar cocaína a Estados Unidos desde Honduras, en caso de ser declarados culpables en el juicio, se enfrentan a una pena máxima de cadena perpetua.

Ultima ora

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

16:06Re Giordania a Pence, ricreare fiducia Mo

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Re Abdallah di Giordania ha rivolto un appello al vice presidente americano Mike Pence di "ricostruire la fiducia" dopo la decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. In occasione della visita di Pence ad Amman, il sovrano ha sottolineato che la decisione del presidente americano "non fa parte di un piano complessivo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese e adesso "gli Stati Uniti hanno una grande sfida da affrontare". Pence dal canto suo ha detto che gli "Usa sono impegnati per la ripresa del processo di pace".

Archivio Ultima ora